Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
eBay Black Week
Migliaia di prodotti in promozione su eBay. Scopri le offerte migliori

Miglior TV Philips: guida all’acquisto

di

Fra i principali produttori di televisori in ambito europeo c’è sicuramente Philips, la quale è presente nei negozi del vecchio continente (e non solo quelli) con una gamma vastissima di TV destinati a varie fasce di prezzo: dai TV-monitor da meno di 30 pollici ai televisori UltraHD con funzioni Smart e schermi OLED. Insomma, ce ne sono davvero per tutti i gusti e tutte le esigenze, ed è proprio per questo che è difficilissimo sceglierne uno.

Se anche tu hai deciso di acquistare un TV Philips ma sei indeciso su quale modello scegliere, lascia che ti dia una mano nella selezione e ti aiuti a individuare i televisori che sono più adatti a te. In che modo? Semplice, fornendoti tutte le informazioni necessarie a valutare correttamente le caratteristiche di un televisore e proponendoti una serie di modelli Philips che attualmente offrono il miglior rapporto qualità-prezzo.

Che ne dici, allora? Ti va di proseguire? Se la tua risposta è affermativa, prenditi cinque minuti di tempo libero, dai un’occhiata alle indicazioni che sto per darti e scopri qual è il modello di TV Philips più adatto alle tue necessità. Scommetto che non faticherai a trovarne uno. Buona lettura e buon divertimento!

Indice

Come scegliere un TV Philips

Per individuare il TV Philips più adatto a te devi imparare a distinguere e valutare varie caratteristiche tecniche. Eccole tutte in dettaglio.

Philips TV

Tipo di pannello: LCD, LED, OLED

La prima caratteristica da guardare in un televisore è la tecnologia su cui questo si basa. I televisori LCD LED utilizzano la tecnologia a cristalli liquidi (Liquid Crystal Display) per la superficie che contiene la matrice dei pixel – la quale stabilisce il colore di ogni porzione di immagine – e la tecnologia LED (Light Emitting Diode, con diodo che emette luce) per la retroilluminazione. I televisori di questo tipo garantiscono consumi contenuti, possono essere molto sottili e in genere riproducono dei colori piuttosto naturali. Alcuni televisori LED supportano una tecnologia denominata local dimming che consente un controllo della retroilluminazione a zone (anziché in un unico blocco) e quindi consente una migliore resa dei contrasti in vari punti di una stessa immagine.

I televisori LED sono un’evoluzione dei televisori solo LCD, i quali, utilizzando delle lampade a fluorescenza per la retroilluminazione, risultano generalmente più spessi e con consumi energetici maggiori rispetto a quelli che utilizzano i LED per la retroilluminazione. Ad oggi solo alcuni monitor TV e alcuni televisori economici sono basati sulla tecnologia solo LCD; il resto dei televisori è quasi tutto basato sulla tecnologia LCD LED, oppure su quella OLED.

La tecnologia OLED (Organic Light-Emitting Diode) è quella più avanzata di tutte. Non prevede retroilluminazione e, pertanto, assicura neri profondissimi e un rapporto di contrasto molto elevato. Inoltre garantisce consumi energetici ridotti rispetto alle tecnologie LCD/LED. Questo perché ogni pixel è in grado di emettere luce propria e di spegnersi singolarmente, di conseguenza i neri sono dati dal reale spegnimento dei pixel e non da una limitazione della retroilluminazione del televisore che genera il colore nero. Ma non è tutto rose e fiori! I televisori OLED sono sì superiori a quelli LED in termini di contrasto e consumi, ma peccano un po’ nella fedeltà dei colori (che spesso risultano troppo carichi) e nel prezzo, che è ancora esageratamente alto rispetto a quello dei televisori LED.

Riassumendo: i televisori LCD sono ormai superati (al pari di quelli al plasma, che ormai è anche inutile menzionare); quelli LCD LED rappresentano la migliore scelta in termini di rapporto qualità-prezzo, mentre quelli OLED sono sicuramente più di impatto ma costano ancora troppo.

Diagonale, risoluzione e curvatura

Dopo aver individuato il tipo di televisore da acquistare (LCD, LED o OLED), devi fare altre due scelte importanti: quelle relative alle dimensioni del TV e alla sua risoluzione.

Per quanto riguarda le dimensioni del televisore, quindi la grandezza della diagonale dello schermo, che viene espressa in pollici, non c’è molto da dire: devi scegliere tu in base ai tuoi gusti e allo spazio che hai in casa. L’unica cosa che posso dirti è che i televisori oltre i 40″ sono piuttosto “impegnativi” e per essere goduti appieno vanno guardati da una distanza di almeno 2-3 metri. Inoltre un televisore molto grande tende a “degradare” la qualità dell’immagine se la sorgente non ha una risoluzione molto elevata.

La risoluzione, invece, viene espressa in pixel ed è quella che indica il numero di punti che compongono l’immagine visualizzata su schermo. A una maggiore risoluzione equivale una maggiore nitidezza delle immagini su schermo, ma solo a patto che la sorgente delle immagini abbia una risoluzione elevata. Acquistare un televisore che ha una risoluzione molto elevata e guardarci solo trasmissioni televisive in risoluzione standard (come la maggior parte delle trasmissioni del digitale terrestre italiano) non ha molto senso.

Le risoluzioni più diffuse sono le seguenti: HD Ready (1280×720 pixel o 1366×768 pixel), Full HD (1920×1080 pixel), Ultra HD/4K (3840×2160 pixel) e UltraHD/8K (7680×4320). I televisori che attualmente offrono il miglior rapporto qualità-prezzo sono quelli Full HD e alcuni modelli in Ultra HD/4K. Gli HD Ready ormai sono superati, mentre gli UltraHD/8K, i più costosi del mercato, rimangono utili solo in ottica futura. Attualmente, infatti, se si escludono le console per videogiochi di ultima generazione (es. PS5 o Xbox Series X) e alcuni servizi di streaming che offrono contenuti in UltraHD (es. Netflix), i contenuti in UltraHD/8K sono ancora pochissimi.

Oltre alle dimensioni e alla risoluzione, va valutata anche la curvatura del televisore, che può essere flat, quindi piatto, oppure curvo. I televisori curvi sono pensati per donare un coinvolgimento maggiore allo spettatore, ma, lasciatelo dire, hanno un senso solo se molto grandi e se guardati dalla giusta distanza e angolazione. Difatti penalizzano la vista laterale rispetto ai televisori flat. Te li consiglio solo se hai intenzione di acquistare un TV bello grande e hai la possibilità di metterti alla giusta distanza e angolazione da quest’ultimo.

Philips TV

Quantum Dot e HDR

Tra le tecnologie più in voga del momento, in termini di televisori, ci sono il Quantum Dot e l’ HDR. Il Quantum Dot è una tipologia di retroilluminazione dei televisori LED che utilizza dei microcristalli per una resa più precisa dei colori. Il suo funzionamento prevede che i microcristalli vengano illuminati con un raggio di luce blu, il quale permette una riproduzione di un maggior numero di colori sul televisore.

L’HDR (High Dynamic Range, alta gamma dinamica) è invece una tecnologia che assicura la riproduzione di una gamma più ampia di luci e ombre, fattore che aumenta il livello di dettaglio sia nelle scene più chiare che in quelle più scure. Sono diverse le tecnologie HDR che possono essere implementate nei televisori, quelle più diffuse si chiamano HDR10 e Dolby Vision. C’è poi la tecnologia HLG (Hybrid Log Gamma) che permette ai televisori di ricevere programmi in HDR ed SDR (quindi con gamma dinamica standard) nello stesso flusso video.

Smart TV e sistema operativo

Oggi tutto è Smart, compreso i televisori. I televisori Smart si distinguono da quelli tradizionali per il supporto a Internet e la possibilità di installare app su di essi. Grazie alle app, è possibile accedere a servizi di streaming come Netflix, ad applicazioni di news, al meteo, ai social network e molto altro ancora. Inoltre, il supporto alla rete consente di accedere con facilità a file (video, foto o brani musicali) che si trovano su NAS, hard disk di rete o computer connessi alla rete locale.

I televisori Smart di Philips (così come quelli di qualsiasi altra marca) possono essere dotati di connettività Wi-Fi o di solo supporto alla rete cablata. In quest’ultimo caso vanno collegati a Internet tramite cavo Ethernet o utilizzando un adattatore Wi-Fi USB.

Nei televisori Smart riveste un ruolo fondamentale il sistema operativo. In base al sistema operativo installato sul televisore, infatti, si ha una gamma di app più o meno ampia e una gestione delle funzioni più o meno comoda. I televisori Smart di Philips utilizzano quasi tutti il sistema Android TV, che è la versione da salotto del noto sistema operativo per smartphone e tablet. Questo OS garantisce uno store fornitissimo con tutti i servizi di streaming del momento e con ben 5000 applicazioni. I televisori meno costosi però montano il sistema operativo Saphi che offre comunque un impianto smart ma molto più ridotto e meno aggiornabile di Android.

Porte

Prima di acquistare un televisore, devi assolutamente informarti circa la sua dotazione di porte. Dalla dotazione di porte, infatti, dipende la quantità di dispositivi che potrai collegare al TV. E al giorno d’oggi, tra TV Box, decoder, console per videogiochi e chiavette di vario genere, sono davvero tanti i dispositivi da poter utilizzare simultaneamente!

Le porte più “importanti” sono quelle HDMI, attraverso le quali è possibile collegare al televisore decoder, console per videogiochi, TV Box, computer e altri dispositivi, e quelle USB, tramite le quali è possibile collegare (e alimentare) chiavette, hard disk e altre periferiche. È bene sottolineare che per usare i lettori Blu-Ray 4K e altri dispositivi UltraHD bisogna avere porte HDMI 2.0. Per quanto concerne le porte USB, va invece detto che queste ultime possono consentire la riproduzione di file multimediali e, su alcuni modelli, anche la registrazione dei programmi TV su periferiche quali hard disk e chiavette.

Altri ingressi e uscite che possono tornare utili sono lo slot Common interface Plus (CI+), per l’installazione di CAM per la pay TV digitale terrestre (es. Mediaset Premium); l’uscita audio ottica, per collegare sintoamplificatori o impianti audio esterni; il classico jack per le cuffie e la presa SCART per collegare vecchi dispositivi al TV.

Philips TV

Altre caratteristiche

Quelle che ti ho appena elencato sono le caratteristiche principali che bisogna prendere in considerazione prima di acquistare un televisore, ma ce ne sono anche altre a cui bisogna prestare molta attenzione: eccole tutte in dettaglio.

  • Standard di trasmissione supportati – i televisori possono includere un sintonizzatore digitale terrestre e/o un sintonizzatore satellitare. Questi sintonizzatori possono essere compatibili con standard di trasmissione più o meno recenti. Per il digitale terrestre, ad esempio, lo standard in uso attualmente è il DVB-T, ma dal 2017, per obbligo di legge, i televisori devono supportare tutti lo standard di prossima generazione DVB-T2 con codec HEVC/H.265. Per le trasmissioni satellitari, invece, lo standard di trasmissione più recente è quello DVB-S2. Se vuoi acquistare un televisore a prova di futuro, assicurati che questo disponga del supporto agli standard di trasmissione più recenti.
  • Supporto 3D – la febbre dei contenuti 3D si è spenta ormai da diverso tempo. I produttori di televisori hanno di fatto abbandonato questa tecnologia e i contenuti che la supportano, escluso qualche Blu-Ray, sono pochissimi. Se vuoi un consiglio, non farti “abbagliare” da eventuali promozioni legate al 3D e considera questa caratteristica come uno degli ultimi elementi da prendere in considerazione prime di acquistare il tuo prossimo televisore.
  • Processore – il processore svolge un ruolo fondamentale nelle prestazioni del televisore e nella qualità delle immagini che questo riesce a riprodurre. I televisori Philips più avanzati sono quelli dotati del processore P5, il quale corregge gli artefatti nelle immagini di scarsa qualità, migliora la resa dei colori, il contrasto e aggiunge tre immagini “di intermezzo” a ogni frame del video originale per garantire un’esperienza visiva molto fluida.
  • Supporto Ambilight – i televisori Philips che supportano la tecnologia Ambilight irradiano sulla parete una luce “intonata” con quella dei contenuti riprodotti sullo schermo. La luce può essere irradiata su due, tre o quattro lati del televisore, a seconda del modello acquistato.
  • Luminosità – la luminosità è uno dei valori più importanti in un televisore. Indica la luce massima prodotta da un punto bianco impostato alla massima luminosità e si misura in Nit o cd/m².
  • Rapporto di contrasto – è quello che indica la differenza di luce prodotta da un’immagine bianca e un’immagine nera. Si misura in x:1, dove a “x” corrisponde un numero che indica il rapporto di contrasto. Più alto è questo numero e maggiore è il rapporto di contrasto del TV.
  • Angolo di visione – è l’angolo di visione massimo entro il quale il televisore riesce a mantenere la fedeltà dei colori riprodotti. Un angolo di visione da 178 a 180° è ottimale.
  • Refresh rate – è la velocità di aggiornamento delle immagini su schermo. Si misura in Hz e quanto più alta è, più le immagini su schermo risultano fluide.
  • Consumo energetico – i televisori restano accesi per molte ore al giorno, è dunque importante informarsi circa i loro consumi energetici e la loro classe di efficienza.
  • Supporto Google Cast – i televisori dotati di supporto a Google Cast possono ricevere i contenuti da smartphone, tablet e PC sfruttando lo stesso sistema usato dalla chiavetta Chromecast.
  • Controllo vocale – alcuni televisori supportano il controllo tramite voce, a volte integrato direttamente nel telecomando oppure con l’ausilio di assistenti vocali come Alexa o Google Assistant.

Quale TV Philips comprare

Fin qui tutto chiaro? Bene, allora direi di mettere al bando le ciance e di vedere, insieme, quali sono i migliori TV Philips disponibili attualmente su piazza. Sono sicuro che riuscirai a trovarne anche uno adatto a te.

Miglior TV Philips

Philips TV LED 32Pfs5803/12 – 32″

Philips TV
Il Philips TV LED 32Pfs5803/12 si caratterizza di un pannello con la diagonale di 32″ a risoluzione Full HD, quindi 1920×1080 pixel, e fa parte della famiglia “5803 Series” del produttore olandese. La funzione Pixel Plus HD, regala un livello di dettaglio superiore e un’immagine sempre fluida anche durante le sequenze più frenetiche. Sul piano della connettività troviamo due HDMI, una USB, una SCART, e ci sono anche la porta CI+ e la porta audio digitale di tipo ottico. Infine il Dolby Audio integrato garantisce una perfetta qualità del suono. Unica pecca il comparto smart davvero ridotto e non aggiornabile che offre l’accesso a Netflix e poco altro.

Philips Smart Tv Led Full Hd Ultra Sottile 32Pfs5803/12
Vedi offerta su Amazon

Philips 43PUS6814/12 – 43″

TV

Salendo con il prezzo e anche un po’ con le dimensioni c’è il Philips Android TV 43PUS6814/12 , con diagonale da 43″ e supporto alla risoluzione 4K Ultra HD. Questa TV della serie 6800 ha il supporto ad HDR 10 Plus oltre alla presenza del processore P5 per immagini estremamente definite. Non manca la tecnologia Ambilight 3 che accompagna l’azione su schermo con uno spettacolo di luci, e per la gestione di tutte le funzioni si può fare affidamento su Alexa (quindi si può controllare la TV anche con la voce). Sul fronte connettività e porte troviamo, oltre al Wi-Fi in dual band anche 4 HDMI, due USB, una Component, lo slot CI+ e l’uscita digitale ottica. Purtroppo, anche in questo caso l’unica pecca è il sistema operativo Saphi, migliore del precedente 32 pollici ma molto carente di applicazioni rispetto ad Android TV.

Philips 6800 series 43PUS6814/12 43" 4K UHD Smart TV, Amazon Alexa bui...
Vedi offerta su Amazon

Philips Android TV 43PUS8505/12 – 43″, 50″, 58″, 65″


Il Philips Android TV 43PUS8505/12 fa parte della Performance Series che offre una grande quantità di funzionalità e pannelli (da 43″ a 65″). Come il precedente ha pieno supporto alla risoluzione 4K Ultra HD e fa uso della tecnologia Ambilight 3. Integra il Dolby Atmos per portare il sonoro a livello cinematografico, l’HDR Plus e naturalmente il Processore P5. Lato connettività rispecchia quanto offerto finora e per quanto riguarda il controllo vocale offre anche quello con Google Assistant oltre ad Alexa. La vera innovazione sta però nelle funzioni smart che finalmente sfruttano appieno tutta la potenza di Android TV. Con questo TV si ha finalmente accesso ad uno store ricchissimo in cui scaricare nuove app da installare sui 16 GB di memoria interna.

PHILIPS 43PUS8505/12 TV 109,2 cm (43") 4K Ultra HD Smart TV Wi-Fi Arge...
Vedi offerta su Amazon
PHILIPS 50PUS8505/12 TV 127 cm (50") 4K Ultra HD Smart TV Wi-Fi Argent...
Vedi offerta su Amazon
PHILIPS 58PUS8505/12 TV 147,3 cm (58") 4K Ultra HD Smart TV Argento 58...
Vedi offerta su Amazon
PHILIPS 65PUS8505/12 TV 165,1 cm (65") 4K Ultra HD Smart TV Wi-Fi Arge...
Vedi offerta su Amazon

Philips Android TV OLED754 – 55″, 65″


Il Philips Android TV OLED754 è un televisore di grandissima qualità disponibile sia con diagonale da 55″ che da 65″. Offre una risoluzione 4K Ultra HD e una qualità d’immagine insuperabile dagli altri TV descritti sino ad ora. Questo grazie alla presenza di un pannello OLED, che può spegnere i pixel neri quando serve in modo da ottenere anche un buon risparmio energetico, e un contrasto elevatissimo nelle immagini. Supporta l’HDR, il processore integrato è il P5, e non manca l’Ambilight su tre lati. Lato software però torniamo al Saphi, un passo indietro che rende perfetto questo TV per chi cerca uno schermo estremamente bello da vedere e non bada troppo al lato smart.

Philips 55OLED754, 7 series Smart TV OLED UHD 4K con tecnologia Ambili...
Vedi offerta su Amazon
Philips 65OLED754, 7 series Smart TV OLED UHD 4K con tecnologia Ambili...
Vedi offerta su Amazon

Philips Android TV OLED935/12 48″, 55″, 65″

Se non hai davvero alcun limite di budget e sei rimasto affascinato dalla tecnologia OLED, puoi provare l’OLED+ che unisce immagini perfette ad un suono tridimensionale. Il Philips Android TV OLED935/12, disponibile in tre soluzioni di polliciaggio: 48″, 55″ e 65″, è un televisore davvero maestoso ed elegante, con risoluzione UltraHD (3840 x 2160 pixel), supporto Wi-Fi, Android TV, sistema Ambilight su tre lati e processore P5. Supporta il sistema HDR 10+ che assicura contrasti elevatissimi e offre tutta la magia sonora delle casse integrate (nella base) Bowers & Wilkins. Queste, insieme al sistema Dolby Atmos, che crea un sonoro capace di raggiungere lo spettatore da più dimensioni, regala un’esperienza di livello cinematografico, portando lo spettatore al centro dell’azione. Incluso anche il controllo vocale e il supporto a Google Assistant e Alexa per settare il tutto senza muovere un dito.

Altri TV Philips

Philips TV

Se vuoi una panoramica più ampia sui televisori Philips, collegati al sito ufficiale della Casa olandese e seleziona la tipologia di TV di tuo interesse, ad esempio Android TV o OLED. Dopodiché fai clic sul pulsante per confrontare i TV e ti verrà mostrata una pagina con tutti i modelli corrispondenti alla tua ricerca e le loro caratteristiche tecniche.

Per l’acquisto, invece, ti consiglio di rivolgerti ad Amazon che, come ben saprai, propone prezzi davvero competitivi su tutti i prodotti, compresi i televisori. Se non sai ancora come comprare su Amazon, consulta il mio tutorial sull’argomento.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.