Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

App per bloccare chiamate

di

Ultimamente stai ricevendo chiamate da un numero sconosciuto che continua a disturbarti nelle ore più disparate? I call center ti hanno “preso di mira” e ti tempestano di telefonate per proporti una marea di presunte offerte? Se hai risposto in modo affermativo ad almeno una di queste domande, devi urgentemente installare sul tuo telefono delle app per bloccare chiamate.

Prenditi qualche minuto solo per te e dai un’occhiata alle applicazioni contro lo spam telefonico che trovi proposte in questa mia guida: sono tutte completamente (o quasi) gratuite e sono altamente efficaci per contrastare le telefonate moleste. Come dici? Pensi di non poterti cimentarti in questa “impresa” perché non sei particolarmente bravo con gli smartphone? Puoi stare tranquillo, ti assicuro che non si tratta di nulla di complesso.

Se, dunque, sei interessato ad approfondire l’argomento, posizionati bello comodo metti in atto i consigli che sto per darti e vedrai che riuscirai a dire finalmente addio alle chiamate moleste provenienti da call center e da altri “disturbatori seriali”!

Indice

App per bloccare chiamate in entrata

C’è un numero che non ti dà pace e che vorresti bloccare? In tal caso, prova le app per bloccare chiamate in entrata che ho provveduto a segnalarti qui sotto. Grazie ad esse potrai respingere in automatico tutte le telefonate ricevute da specifiche utenze.

Blocco contatti di Android

Bloco chiamate Android

Se stai usando uno smartphone Android, non hai bisogno di usare delle app per bloccare chiamate di terze parti per impedire le telefonate in entrata da parte di determinati numeri, ma puoi fare tutto mediante la funzione Blocco contatti offerta “di serie” dal tuo dispositivo. Come si usa? Te lo spiego subito.

Tanto per cominciare, prendi il tuo telefono, sbloccalo, accedi alla home screen e/o al drawer e seleziona l’icona dell’app Contatti o Rubrica del dispositivo (in genere è quella con la rubrica telefonica).

Nella nuova schermata che ora ti viene mostrata, seleziona il nominativo della persona che vuoi bloccare, dopodiché sfiora il pulsante Menu (in genere è quello con i tre puntini in verticale) collocato in alto, seleziona la voce Aggiungi contatto alla lista nera oppure quella Blocca contatto dal menu che si apre e, se il numero non appartiene a uno spammer, deseleziona l’opzione Segnala come spam eventualmente presente. Infine, sfiora il bottone Blocca. Fatto!

Se, invece, vuoi impedire le chiamate provenienti da un numero non in rubrica, seleziona l’icona dell’app Telefono (solitamente è quella con la cornetta telefonica) che trovi sempre nella home screen e/o nel drawer, accedi al registro delle chiamate, fai tap sulla numerazione di tuo interesse, premi sul pulsante Menu e procedi in maniera analoga a come ti ho appena spiegato per i contatti salvati.

Se hai dei ripensamenti, per tornare sui tuoi passi raggiungi nuovamente la schermata di Android visibile dopo aver selezionato un contatto e scegli l’opzione Sblocca contatto oppure quella Sblocca dal pannello tramite cui è possibile effettuare operazioni su di esso.

Tieni presente che le indicazioni che ti ho fornito potrebbero non coincidere esattamente con quanto da te visualizzato sul display del telefono. Ciò dipende della versione di Android in uso e della marca e dal modello di smartphone.

Blocco contatti di iOS

Blocco contatti iOS

Se cerchi un’app per bloccare chiamate su iPhone, ti comunico che, anche in tal caso, non hai bisogno di adoperare soluzioni di terze parti, ma puoi fare tutto tramite la funzione Blocco contatti predefinita di iOS. È facilissimo, non temere.

Per potertene servire, prendi il “melafonino”, sbloccalo, accedi alla home screen e/o al drawer e seleziona l’icona delle Impostazioni (quella a forma di ruota d’ingranaggio), dopodiché fai tap sulla voce Telefono nella nuova schermata proposta. A questo punto, sfiora la dicitura Contatti bloccati, quindi quella Aggiungi e indica il contatto da bloccare.

Se, invece, ti interessa bloccare un numero che non si trova nella tua rubrica da cui hai però ricevuto già qualche telefonata, seleziona l’icona dell’app Telefono (quella con lo sfondo verde e la cornetta telefonica bianca) che si trova in home screen e/o nella Libreria app, recati nella sezione Recenti della nuova schermata visualizzata, fai tap sulla (i) presente in corrispondenza del numero da bloccare e sulla dicitura Blocca contatto per due volte.

Nel caso in cui dovessi ripensarci, potrai sbloccare in qualsiasi momento uno o più contatti recandoti nella sezione Impostazioni > Telefono > Contatti bloccati di iOS, facendo tap sulla voce Modifica in alto a destra, premendo sul bottone circolare rosso che trovi accanto al contatto sul quale intervenire e sul pulsante Sblocca che compare a destra. A modifiche ultimate, sfiora la dicitura Fine situata in cima al display.

App per bloccare chiamate spam

Ogni giorno vieni tempestato da chiamate di call center e altri “seccatori”? Niente panico! In tal caso, puoi valutare di rivolgerti a delle app per bloccare chiamate spam, le quali vanno a impedire le telefonate provenienti da tutti i numeri “molesti” in maniera automatica: basta installarle e, grazie a dei database di numeri “fastidiosi” aggiornati quotidianamente, vengono automaticamente respinti.

Truecaller (Android/iOS)

App per bloccare chiamate

Truecaller è una delle migliori app per bloccare chiamate dai cell center in circolazione, oltre che un’apprezzatissima app per bloccare chiamate da numeri non in rubrica. C’è sia per Android che per iOS ed è in grado di bloccare anche i numeri provenienti da truffatori, operatori call center e altri “seccatori” abituali, grazie al database costantemente aggiornato che complica la vita soprattutto agli operatori di telemarketing. Da notare che per poterla usare bisogna registrarsi con il proprio account Google o con quello Microsoft e occorre essere disposti a condividere il proprio numero di telefono nel suo database. Di base è gratis, ma vengono proposti acquisti in-app (al costo base di 3,99 euro al mese) per sbloccare l’aggiornamento automatico del database.

Per scaricare e installare l’app sul tuo dispositivo, procedi nel seguente modo: se stai usando Android, accedi alla relativa sezione del Play Store e premi sul pulsante Installa; se stai usando iOS, accedi alla relativa sezione dell’App Store, premi sul pulsante Ottieni, quindi su quello Installa e autorizza il download tramite Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple. Successivamente, avvia l’app selezionando la relativa icona presente in home screen.

Ora che visualizzi la schermata principale di Truecaller, segui la procedura guidata per registrarti e cominciare a usare il servizio. Per cui, digita il tuo numero nell’apposito campo, aspetta che questo venga verificato tramite una chiamata automatica o l’invio di un SMS da parte di Truecaller, immetti nei campi che visualizzi sullo schermo il tuo nome, il tuo cognome e il tuo indirizzo email (facoltativo) e premi sul bottone Continua.

Dopo aver compiuto i passaggi di cui sopra, ti verrà chiesto di abilitare il rilevamento dei seccatori. Per riuscirci, se stai usando Android, fai tap sull’icona dello scudo collocata in alto a destra, individua la voce Blocca gli spammer arcinoti e porta su ON l’interruttore apposito.

Se stai usando iOS, recati preventivamente nella sezione Impostazioni > Telefono > Blocco chiamate e identificazione dell’iPhone e sposta su ON l’interruttore che si trova in corrispondenza della dicitura Truecaller, dopodiché apri nuovamente l’app di Truecaller, recati nella sezione ID indesiderati e sfiora la dicitura Aggiorna ora per aggiornare la lista con i numeri dei seccatori noti.

Tieni tuttavia presente che su iOS il blocco chiamate non viene applicato in modo automatico. Se vuoi evitare di ricevere chiamate da parte di determinato seccatori, quando vieni contattato da essi (Truecaller te lo segnala) aggiungili manualmente alla lista delle chiamate da bloccare sul dispositivo, usando la funzione predefinita di iPhone di cui ti ho parlato nel passo presente a inizio guida.

Considerando, inoltre, che la feature che consente di aggiornare il database automaticamente è disponibile solo a pagamento, se non hai sottoscritto alcun abbonamento ti invito, di tanto in tanto, a recarti nella sezione preposta dell’app e a fare tap sulla voce per controllare la disponibilità di eventuali update.

Qualora decidessi di non utilizzare più Truecaller, potrai richiedere la rimozione del tuo numero dal database del servizio andando a disattivare il tuo account, compilando l’apposito modulo. Puoi disabilitare il tuo account Truecaller direttamente dall’app. Per riuscirci, se utilizzi Android recati nella sezione Casa dell’app, premi sul pulsante con le linee in orizzontale in alto a sinistra, sulla voce Impostazioni, su quella Privacy Center e su quella Disattiva. Se stai usando iOS, recati invece nella sezione Altro dell’app, seleziona la voce Impostazioni, poi quella Privacy Center e sfiora la dicitura Disattiva account.

Should I Answer (Android/iOS)

App per bloccare chiamate

Un’altra app per bloccare chiamate anonime che ti invito a prendere in considerazione è Should I Answer. Si tratta di una soluzione che va a inibire le telefonate provenienti dai seccatori noti che basa il suo funzionamento su un database proprietario ampliato in maniera continuativa dai feedback forniti dagli utenti. C’è sia per Android che per iOS, ma nel primo caso è gratis e vengono proposti acquisti in-app (al prezzo base di 2,39 euro) per sbloccare funzioni extra, mentre nel secondo occorre sottoscrivere un abbonamento a pagamento (al costo base di 1,99 euro al mese) per poterne usufruire. Date le sue caratteristiche, può essere considerata anche un’ottima app per bloccare chiamate dall’estero.

Per usare Should I Answer, scarica e installa l’app dalla relativa sezione del Play Store o da store alternativi per Android, oppure dalla sezione apposita dell’App Store di iOS, dopodiché avviala.

Una volta visualizzata la schermata principale dell’app, concedile tutti i permessi richiesti necessari, scorri le schede informative che illustrano il suo funzionamento e premi sul bottone per attivare la protezione, in modo da bloccare in via preventiva le chiamate provenienti dai cosiddetti seccatori noti.

Tieni conto, però, che se stai usando Android devi impostare Should I Answer come app Telefono predefinita del tuo dispositivo. In alternativa, premi sul pulsante Protezione passiva, in modo da vedere gli avvisi contro lo spam e, in base alla scelta fatta, scegli il tipo di avvisi oppure concedi all’app l’accesso alle informazioni sulle chiamate ricevute.

Relativamente al blocco delle chiamate, poi, fai tap sul pulsante con le linee in orizzontale presente in alto, seleziona la voce Impostazioni, quindi quella Blocco e sposta su ON gli interruttori posti in corrispondenza dei vari tipi di chiamate che hai intenzione di bloccare.

Se stai usando iOS, invece, vale lo stesso discorso fatto nel passo precedente relativo a Truecaller: va preventivamente abilitata la funzione per il blocco chiamate e l’identificazione nelle impostazioni di iOS e le telefonate indesiderate non vengono impedite in automatico, ma bisogna aggiungere i numeri segnalati all’elenco dei contati bloccati.

App per bloccare chiamate anonime

Se ricevi telefonate fatte con il numero privato e vuoi evitare che questo accada, puoi usare delle app per bloccare chiamate anonime, come quelle che ho provveduto a segnalarti qui sotto. Tieni però presente che se le chiamate anonime vengono utilizzate per disturbarti in maniera ossessiva o addirittura per minacciarti, anziché seguire le indicazioni che trovi di seguito ti invito a rivolgerti alle autorità competenti.

Funzione predefinita di Android

App per bloccare chiamate

Su Android, per bloccare le chiamate in entrata fatte con l’anonimo puoi usare la funzione predefinita offerta dal dispositivo. Come si utilizza? Te lo indico subito, è facilissimo.

Innanzitutto, avvia l’app Telefono che trovi nella home screen e/o nel drawer e, nella schermata che ti viene mostrata, fai tap sul pulsante Menu, seleziona l’opzione Impostazioni dal menu che compare, sfiora la voce Filtro molestie oppure quella Blocca numeri e, se necessario, seleziona l’opzione per regolare il blocco delle chiamate.

Dopo aver compiuto le operazioni di cui sopra, porta su ON l’interruttore in corrispondenza della dicitura Blocca numeri sconosciuti/coperti e il gioco è fatto.

Se ci ripensi, puoi disabilitare in qualsiasi momento il blocco verso i numeri sconosciuti recandoti nuovamente nella schermata delle impostazioni dell’app Telefono di Android di cui sopra e spostando su OFF l’interruttore che trovi accanto alla voce Blocca numeri sconosciuti/coperti .

Anche in questo caso, tieni presente che le indicazioni che ti ho fornito potrebbero differire rispetto a ciò che visualizzi sul display del tuo smartphone. Ciò dipende della versione di Android installata e della marca e dal modello di telefono.

Full immersion di iOS

Full immersion iOS

Se stai usando iOS, puoi bloccare le chiamate anonime usando la funzione predefinita Full immersion. Grazie ad essa si può infatti inibire la ricezione di chiamate, anche quelle anonime e delle notifiche, potendo scegliere anche di attivare la funzione a un orario personalizzato o al verificarsi di determinate condizioni.

Per avvalerti di Full immersion per il tuo scopo, fai tap sull’icona delle Impostazioni che trovi in home screen e/o nella Libreria app, sfiora la dicitura dicitura Full immersion nella nuova schermata visualizzata e seleziona la full immersion che ritieni possa fare maggiormente al caso tuo.

Successivamente, sposta su ON l’interruttore presente nella nuova schermata che ti viene proposta. Se vuoi, aggiungi un orario o un’automazione premendo sulla dicitura posta in fondo allo schermo.

Se vuoi escludere alcuni contatti dalla full immersion, fai tap sulla dicitura Persone nella sezione Notifiche consentite, premi sul pulsante (+) Aggiungi e includi i contatti di tuo interesse. Invece, facendo tap sulla voce Chiamate da puoi stabilire di non consentire nessuna chiamata, solo dai preferirti oppure solo dai tuoi contatti (c’è anche l’opzione che permette di ricevere le chiamate da tutti, ma è praticamente inutile per il tuo scopo).

Nel caso in cui dovessi avere dei ripensamenti, potrai disabilitare in qualsiasi momento la modalità Full immersion impostata, anche se è stata attivata in maniera programmata, selezionandola dalla schermata delle impostazioni di iOS dedicata alla suddetta funzionalità e portando su OFF il relativo interruttore.

Whooming (Android/iOS)

Whooming

Se le funzioni predefinite del tuo dispositivo non ti sembrano sufficienti, puoi valutare di rivolgerti a Whooming, che non è propriamente un’app per bloccare chiamate fatte con l’anonimo, ma può essere utile per scoprire la reale numerazione di chi le sta effettuando (tramite la tecnica della deviazione di chiamata). È disponibile sia per Android che per iOS e di base è gratis, ma dopo una trial di 7 giorni i numeri intercettati vengono parzialmente oscurati: per visualizzarli in chiaro occorre sottoscrivere un abbonamento a pagamento (al costo base di 11,99 euro per tre mesi).

Per usare Truecaller, scarica e installa l’app dalla relativa sezione del Play Store di Android (o da store alternativi) oppure dalla sezione apposita dell’App Store di iOS, dopodiché avviala.

Tramite la schermata visualizzata, effettua quindi la registrazione al servizio premendo sul pulsante Accedi con la Tua e-mail, selezionando la voce Iscriviti qui e compilando i campi di testo visibili sullo schermo con indirizzo email e password, dopodiché premi sul bottone Iscriviti, riporta nell’apposito campo di testo il codice di verifica che ti è stato spedito tramite posta elettronica e fai tap sul pulsante Verifica.

Se non vuoi registrarti con la tua email, puoi farlo con il tuo account Google, Facebook o Apple, premendo sui bottoni appositi e seguendo le indicazioni visibili a schermo per completare la procedura.

A registrazione avvenuta, sfiora il pulsante Inizia la configurazione, indica la nazione, l’operatore e il numero di telefono da registrare mediante i menu e i campi di testo preposti, fai tap sul bottone Avanti e, nella nuova schermata che si apre, premi sul pulsante Imposta deviazione numero ed effettua la chiamata al numero comparso sul display.

A questo punto, torna nuovamente nell’app di Whooming, premi sul bottone OK sono pronto!, fai tap sul pulsante Chiama il tuo numero, avvia una chiamata verso la tua stessa numerazione e aspetta che risponda la segreteria telefonica.

Dopo aver compiuto i passaggi di cui sopra, recati ancora una volta nell’app di Whooming, premi sul bottone Vai alla lista chiamate e concedi i permessi necessari per accedere alla rubrica sul dispositivo. D’ora in avanti, tutte le volte che riceverai una chiamata anonima non dovrai far altro che rifiutarla, in modo da permetterne l’intercettazione a Whooming, che ti indicherà il numero di chi ti chiama schermata Registro Chiamate.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.