Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come aprire file ISO con Mac

di

Hai appena acquistato il tuo primo Mac e, naturalmente, non hai ancora molta dimestichezza con macOS e le sue applicazioni. Così, dopo aver scaricato un file ISO da Internet, non riesci a capire come visualizzarne il contenuto. Non ti preoccupare: se vuoi, sono qui pronto a darti una mano e spiegarti come compiere quest’operazione.

Se vuoi imparare come aprire i file ISO con Mac, non devi far altro che concentrarti sulla lettura di questa mia guida dedicata in via specifica all’argomento. Ti anticipo già che la cosa è in primo luogo fattibile usando un’apposita utility già inclusa nel sistema, la quale, tra le altre cose, risulta anche estremamente semplice da impiegare.

Per completezza d’informazione, poi, sarà mia premura illustrati anche come estrarre il contenuto dei tuoi file immagine, in modo tale da poter visualizzare e utilizzare liberamente tutti i dati presenti al loro interno. Ora, però, basta chiacchierare e passiamo all’azione. Ti auguro, come mio solito, buona lettura e ti faccio un grandissimo in bocca al lupo per ogni cosa.

Indice

Come montare file ISO con Mac

Cominciamo vedendo come montare un file ISO con Mac, cioè come aprire un file ISO andando a creare un’unità virtuale (come se un dischetto fosse collegato al computer), in modo da poter accedere al suo contenuto. Puoi utilizzare DiskImageMounter, l’apposito strumento incluso "di serie" in macOS, oppure software di terze parti come Daemon Tools. Trovi spiegato tutto qui sotto.

DiskImageMounter

DiskImageMounter

Il primo, nonché più pratico, strumento al quale puoi fare riferimento per riuscire ad aprire i file ISO con Mac, andandoli a montare in unità virtuale, è DiskImageMounter. Come ti dicevo prima, si tratta della risorsa predefinita dei computer Apple tramite la quale è possibile montare i file immagine in delle unità virtuali.

Per poterla usare, ti basta fare doppio clic sull’icona del file ISO (quella con il foglio bianco e il disco fisso) da aprire. Qualora i file ISO fossero stati associati a un altro software e non dovessero montarsi in un’unità virtuale tramite doppio clic, fai clic destro sul file immagine di tuo interesse e seleziona le voci Apri conDiskImageMounter dal menu contestuale. Se non riesci a trovare DiskImageMounter nel menu a tendina, clicca sulla voce Altro da quest’ultimo e seleziona l’utility DiskImageMounter andandola a "pescare" dalla cartella /System/Library/CoreServices/ di macOS.

Dopo aver fatto ciò, il file ISO verrà montato sul Mac e potrai quindi accedere al suo contenuto mediante la finestra che andrà ad aprirsi sulla scrivania oppure selezionando l’icona dell’unità dal desktop o dalla barra laterale del Finder. Più facile di così?

Quando poi lo riterrai opportuno, potrai smontare l’immagine ISO montata in precedenza nei seguenti modi: schiacciando il tasto Eject sulla tastiera del Mac; trascinando l’icona del file immagine comparsa sulla scrivania sull’icona del Cestino presente sulla barra Dock; facendoci clic destro sopra e selezionando la voce Espelli "nome file ISO"; aprendo il Finder (cliccando sull’icona della faccina sorridente sulla barra Dock) oppure individuano il nome del file ISO nella barra laterale di sinistra e cliccando sul tasto Eject posto in sua corrispondenza.

Daemon Tools

Daemon Tools Mac

In alternativa all’uso di DiskImageMounter, per aprire i file ISO con Mac puoi affidarti a Daemon Tools: si tratta di un rinomato software di terze parti (disponibile anche per Windows) che consente di montare il contenuto dei file immagine su dei drive virtuali che si possono poi aprire come se fossero dei dischetti veri e propri.

Inoltre, permette di generare nuovi file ISO partendo praticamente da zero. Di base è gratis, ma per accedere a funzionalità avanzate, come la possibilità di creare immagini audio e dati e creare drive USB avviabili, occorre attivare i vari pacchetti a pagamento (al costo base di 10,99 euro/mese).

Per scaricare Daemon Tools sul tuo Mac, collegati al sito Internet del programma e clicca sul pulsante Scarica. A download ultimato, apri il pacchetto .dmg ottenuto, facendo doppio clic su di esso, e trascina l’icona del programma nella cartella Applicazioni del Mac. In seguito, fai clic destro su di essa e seleziona la voce Apri dal menu che compare.

Nella finestra che ora ti viene mostrata sulla Scrivania, clicca prima sul bottone Sono d’accordo e poi su quello Licenza gratuita, per attivare la versione di prova del programma. Digita, dunque, la password di amministrazione del Mac nel campo apposito e premi sul bottone Installa assistente. In seguito, avvia il programma, cliccando sul pulsante Apri Daemon Tools.

Se in corso d’opera vedi comparire un avviso relativo al fatto che un’estensione di sistema è stata bloccata, per rimediare, clicca sul bottone Apri le preferenze Sicurezza e, nella finestra che si apre sullo schermo, fai clic sul pulsante Consenti presente in basso, in corrispondenza della dicitura È stato bloccato il caricamento del software di sistema dello sviluppatore "Disc Soft Ltd".

Ora che visualizzi la finestra principale del software sullo schermo, per montare un file ISO, clicca sul pulsante Monta velocemente che si trova in basso a sinistra, seleziona il file ISO di tuo interesse tramite l’ulteriore finestra che si apre e clicca sul bottone Apri.

Dopo aver fatto ciò, potrai accedere al tuo file ISO appena montato facendo doppio clic sull’icona del dischetto che trovi nella parte in basso a sinistra della finestra di Daemon Tools e nell’elenco Immagini presente a destra. In alternativa, ti basta fare doppio clic sull’icona con il disco e il logo del programma comparsa sul desktop oppure selezionare il nome dell’immagine ISO dalla barra laterale del Finder (a cui puoi accedere cliccando sull’icona della faccina che sorride che si trova sulla barra Dock).

Quando lo vorrai, potrai smontare l’immagine ISO montata in precedenza facendo clic destro sulla sua icona nella parte in basso della finestra di Daemon Tools o in quella laterale di destra e selezionando la voce Smonta dal menu che compare. In alternativa, puoi procedere in maniera analoga a come ti ho indicato nel capitolo precedente relativo all’uso di DiskImageMounter.

Se ritieni di aver bisogno di ulteriori dettagli sul funzionamento di Daemon Tools, puoi consultare il mio tutorial incentrato in maniera specifica sul programma.

Come estrarre file ISO con Mac

Adesso vediamo come estrarre i file ISO con Mac, in modo da visualizzarne e utilizzarne il contenuto senza creare delle unità virtuali. Per riuscirci, ti suggerisco l’uso di due applicazioni di terze parti: The Unarchiver e Keka, di cui ti parlerò meglio nei capitoli successivi.

The Unarchiver

The Unarchiver

Il primo strumento che ti consiglio di provare per estrarre file ISO con Mac è The Unarchiver. Non ne hai mai sentito parlare? Strano, è molto famoso. Si tratta di un’applicazione gratuita che consente di estrarre gli archivi compressi (ZIP, RAR ecc.), i file immagine ISO e BIN e i file EXE (gli eseguibili di Windows), tutto in modo estremamente semplice e veloce.

Per scaricare e installare l’applicazione sul tuo computer, collegati alla relativa sezione del Mac App Store, clicca sul pulsante Ottieni che si trova in alto a sinistra, quindi su quello Installa e autorizza il download digitando la password del tuo account Apple o usando il Touch ID (se il Mac che stai usando supporta la suddetta tecnologia).

Successivamente, fai clic destro sull’icona del file ISO (quella con il foglio bianco e il disco fisso) da estrarre, seleziona le voci Apri con e quella The Unarchiver dal menu contestuale e il gioco è fatto. Se ti viene mostrata una finestra tramite cui ti viene chiesto in che posizione intendi salvare i file una volta estratti, specificala e clicca sul bottone Estrai. Se non compare nessuna finestra, il contenuto del file ISO verrà salvato in una cartella apposita creata nella medesima posizione del file d’origine.

Keka

Keka

Un altro programma al quale puoi fare riferimento per estrarre il contenuto dei file ISO su Mac è Keka: si tratta di un’applicazione che agisce in maniera analoga a The Unarchiver: permette di estrarre tutti i principali formati di archivi e di file immagine (ISO inclusi) in maniera facile e immediata. È open source ed è gratis. Da notare, però, che è eventualmente disponibile in una versione a pagamento sul Mac App Store (costa 3,49 euro) utile per supportare il lavoro svolto dagli sviluppatori.

Per scaricare la versione gratuita di Keka sul tuo Mac, recati sul sito Internet del programma e fai clic sul pulsante Scarica vx.x.xx. A download ultimato, apri il pacchetto .dmg ottenuto, trascina l’icona di Keka nella cartella Applicazioni di macOS, fai clic destro su di essa e seleziona la voce Apri dal menu che compare, in modo tale da aprire il programma andando ad aggirare le limitazioni che Apple impone verso le applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati (operazione che va eseguita soltanto al primo avvio).

Una volta visualizzata la finestra del software sulla scrivania, trascinaci sopra, in corrispondenza della dicitura Rilascia qui per estrarre, il file ISO che è tua intenzione estrarre.

A questo punto, specifica, mediante la finestra comparsa sullo schermo, la posizione del Mac in cui intendi estrarre il file immagine e clicca sul bottone Estrai. Attendi, dunque, che la procedura di estrazione venga avviata e porta a termine, dopodiché troverai tutti i file componevano l’immagine ISO in una cartella apposita creata nella posizione indicata in precedenza. Più semplice di così?

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.