Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come attivare localizzazione iPhone

di

Hai appena installato un nuovo servizio di mappe sul tuo iPhone ma non riesci a far funzionare l'applicazione perché “i servizi di localizzazione sono disattivati”? Niente panico. Probabilmente hai negato per sbaglio l'accesso ai servizi di localizzazione da parte della app, che quindi ora non può sfruttare il GPS. Per rimediare al problema, non devi far altro che recarti nelle impostazioni di iOS, selezionare il nome dell'app in questione e consentirle nuovamente di accedere ai servizi di localizzazione.

Come dici? Non è questo il tuo problema? Vuoi sapere come attivare localizzazione iPhone per poter sfruttare il servizio Dov'è di Apple e rintracciare il tuo smartphone da remoto in caso di furto o smarrimento? No problem. Anche in questo caso basta attivare un paio di voci nelle impostazioni di iOS e il gioco è fatto. Quali voci? Te lo spiego subito.

Prenditi cinque minuti di tempo libero e scopriremo, insieme, come risolvere i problemi che riguardano la localizzazione del tuo iPhone. Vedremo prima come attivare i servizi di localizzazione per quelle app che, per un motivo o l'altro, non vi hanno accesso e poi approfondiremo l'argomento relativo al servizio gratuito “Trova il mio iPhone” per localizzare lo smartphone di casa Apple da remoto.

Indice

Come attivare localizzazione iPhone

Localizzazione iPhone

Se una o più app non riescono a usare il GPS e ad accedere alla tua posizione esatta, significa che i servizi di localizzazione sul tuo iPhone, probabilmente, sono del tutto disattivati. Per riattivarli, recati nell'app Impostazioni (rappresentata dall'icona dell'ingranaggio che si trova in schermata Home) e seleziona la voce Privacy dalla schermata che si apre.

Dopodiché fai tap sulla dicitura Localizzazione e, nell'ulteriore schermata che visualizzi, sposta su ON la levetta relativa all'opzione Localizzazione. In questo modo, salvo specifiche impostazioni relative alle singole app e ai singoli servizi, la localizzazione sarà attivata e utilizzabile.

Nella medesima schermata c'è anche l'opzione Avvisi di posizione (sulla quale puoi premere per poi, nella schermata successiva, attivare la relativa levetta). Questa impostazione, quando attiva, consente alle app che possono accedere alla localizzazione in background di inviare notifiche contenenti una mappa dei luoghi in cui l'app in questione è stata geolocalizzata. Disattivandola, invece, si possono continuare a ricevere notifiche dall'app ma non la mappa delle posizioni.

Inoltre, puoi utilizzare anche il servizio Condividi la mia posizione che, se attivato, consente di condividere la posizione geografica del proprio iPhone con i membri della famiglia, gli amici (tramite iMessage) e l'app Dov'è.

Come attivare localizzazione iPhone da remoto

Localizzazione da remoto

Vuoi attivare la localizzazione di iPhone da remoto per avere la possibilità di rintracciare il telefono in caso di furto o smarrimento? Nessun problema. In questo caso, il primo passo che devi compiere è recarti nelle Impostazioni di iOS (pigiando sull'icona dell'ingranaggio che si trova in home screen) e selezionare prima il tuo nome e poi la voce Dov'è dalla schermata che si apre. In questo frangente assicurati che l'iPhone sia associato correttamente al tuo account iCloud (altrimenti effettua l'accesso con l'account che utilizzi attualmente).

Successivamente, nella schermata che visualizzi, fai tap sulla voce Trova il mio iPhone e sposta su ON le levette relative alle opzioni Trova il mio iPhone, Rete Dov'è (per individuare la posizione di iPhone anche quando è offline, mediante un'apposita rete privata — quella usata anche dagli AirTag — scollegata da quella dei dati del telefono) e Invia ultima posizione (per inviare automaticamente la posizione dell'iPhone ad Apple quando la batteria è pericolosamente scarica); il gioco è fatto! In questo modo il tuo “melafonino” sarà rintracciabile da remoto tramite Internet, anche se offline o scarico.

Adesso il tuo iPhone dovrebbe essere rintracciabile mediante il servizio Trova il mio iPhone di Apple. Per sicurezza, però, entra anche nel menu Impostazioni > Privacy > Localizzazione > Servizi di sistema di iOS e assicurati che la voce relativa a Trova il mio iPhone sia attiva.

Localizzazione da remoto

A questo punto sei pronto al 100% per localizzare il tuo telefono a distanza. Come si fa? È semplicissimo: collegati al sito Web ufficiale di iCloud dal computer, effettua l'accesso con il tuo ID Apple (lo stesso configurato sul telefono) e clicca sull'icona Trova iPhone.

Ora, se richiesto, inserisci nuovamente la password del tuo ID Apple, premi quindi sulla voce Accedi e attendi qualche istante affinché lo smartphone venga visualizzato sulla mappa, seleziona il suo nome dal menu Tutti i dispositivi (in alto) e scegli uno dei comandi che è possibile impartire al dispositivo tramite una delle apposite icone presenti.

Puoi scegliere di far emettere un suono al “melafonino” (per attirare l'attenzione degli astanti), puoi attivare la modalità smarrito che consente di bloccare l'iPhone con un codice di sicurezza e di mostrare un numero di telefono sul suo display, oppure puoi inizializzare l'iPhone in maniera tale che tutte le informazioni contenute sulla memoria dello smartphone vengano cancellate. Quest'ultima operazione va messa in pratica solo in situazioni disperate (ovvero quando si è certi di non riuscire più a recuperare il device, in quanto rende il telefono non più rintracciabile da remoto).

Tutte le funzioni anti-furto del sito iCloud.com si possono trovare anche nell'applicazione Trova il mio iPhone per iPhone e iPad che permette di localizzare questi dispositivi (ma anche un Mac) da remoto usando un device iOS anziché il computer. Inoltre, la stessa applicazione è disponibile di serie anche sul Mac, consentendo quindi di non utilizzare iCloud da browser; il tutto sempre gratis al 100%.

Come attivare la localizzazione di app e servizi

Localizzazione app e servizi

Se vuoi attivare localizzazione iPhone per un'applicazione che non riesce a usare il GPS, vai nel menu Impostazioni > Privacy > Localizzazione di iOS e seleziona l'icona dell'app in cui non riesci a usare il GPS.

Ora scegli se attivare i servizi di localizzazione Sempre (quindi anche quando l'app non è in primo piano), Mentre usi l'app (quindi solo quando la app è in esecuzione e in primo piano), Mai (in modo da impedire completamente l'accesso ai servizi di localizzazione da parte della app) o Chiedi la prossima volta o quando condivido (per far sì che al prossimo utilizzo dell'app ti venga chiesto come agire in termini di localizzazione).

Il mio consiglio è quello di configurare la maggior parte delle applicazioni su Mentre usi l'app e di lasciare attiva l'impostazione Sempre solo per alcune applicazioni particolari che ritieni strettamente necessarie. Un esempio molto popolare possono essere le applicazioni di mappe e quelle per i trasporti, ad esempio Moovit che monitora costantemente la posizione dell'utente (anche quando non è in esecuzione) per fornire indicazioni in tempo reale su bus, metro e altri mezzi di trasporto presenti in città.

Limitare l'accesso ai servizi di localizzazione da parte delle applicazioni di terze parti è fondamentale, non solo perché così tuteliamo la nostra privacy (avere delle app che seguono costantemente i nostri movimenti non è il massimo della riservatezza!) ma anche perché così si diminuisce il consumo di batteria da parte dell'iPhone: come ti ho spiegato nel mio tutorial su come risparmiare batteria iPhone (che ti invito vivamente a leggere, qualora non l'avessi ancora fatto), le funzioni di localizzazione sono fra quelle che consumano il maggior quantitativo di batteria e alcune app, come ad esempio Facebook, spesso ne abusano riducendo drasticamente l'autonomia dei nostri “melafonini”.

Per quanto riguarda i servizi di sistema, iOS utilizza la localizzazione per fornire risultati più precisi in Spotlight (la barra di ricerca rapida che compare scorrendo la home screen verso il basso (o recandosi nella primissima pagina di quest'ultima), per elaborare i dati delle mappe, ricercare le reti wireless e molto altro ancora. Assicurati che tutte queste funzioni siano attive recandoti nel menu Impostazioni > Privacy > Localizzazione > Servizi di sistema di iOS. Il loro funzionamento è gestito molto bene dall'iPhone, quindi non c'è bisogno di disattivarne qualcuna per risparmiare batteria.

Come attivare localizzazione foto iPhone

Localizzazione foto

Vuoi far sì che, senza alcuna fatica, tutti gli scatti fotografici eseguiti con iPhone siano localizzati precisamente dove sono stati realizzati? Nessun problema, ti basta attivare la localizzazione dell'app Fotocamera, come visto in precedenza per tutte le altre app.

Nel caso specifico, quindi, afferra il tuo iPhone, premi sull'icona Impostazioni e poi sulle voci Privacy > Localizzazione > Fotocamera, quindi fai tap sulla voce Mentre usi l'app. In questo modo sarà più semplice avere foto e ricordi ordinati.

Nel caso in cui, inoltre, volessi utilizzare la posizione specifica, attiva la levetta accanto alla dicitura Posizione esatta, altrimenti spostala su OFF per avere una posizione approssimativa dello scatto fotografico.

Come attivare la localizzazione di un altro iPhone

Localizzazione di un altro iPhone

Vuoi sapere dove si trovano i tuoi amici oppure essere sicuro che tuo figlio sia arrivato a scuola sano e salvo? Allora, in tal caso, sarai felice di sapere che c'è il modo per localizzare iPhone di amici e parenti, a costo zero e in maniera molto semplice.

L'app Dov'è, infatti, costituisce una sorta di fusione tra la vecchia app Trova i miei amici e l'app Trova il mio iPhone, consentendoti di localizzare i tuoi contatti, a patto che questi siano d'accordo nel condividere con te la loro posizione e che tu la condivida con loro.

Per usare questa funzionalità di Dov'è, non devi far altro che aprire l'app mediante un tap sulla sua icona, poi premere sulla scheda Io e attivare la levetta accanto alla voce Condividi la mia posizione. Dopodiché, fai tap sulla scheda Persone e, infine, sul pulsante Comincia a condividere la mia posizione.

Ora scegli il contatto con il quale desideri condividerla, premi sulla voce Invia (in alto a destra), quindi, nel pannello che vedi aprirsi, scegli l'opzione Condividi per un'ora, Condividi fino a fine giornata o Condividi sempre in base alle tue preferenze. Ora, se richiesto, dovrai scegliere se usare o meno il suddetto dispositivo per inviare la posizione (nel caso tu abbia più di un device Apple collegato con lo stesso account iCloud): premi quindi sul pulsante Usa, per procedere.

A questo punto, sempre tramite la scheda di condivisione in cui ti trovi, rispondi affermativamente al messaggio relativo alla condivisione di posizione e invia una richiesta al contatto che ti può localizzare. Il suddetto contatto, poi, dovrà rispondere affermativamente alla richiesta ricevuta ed eseguire una procedura guidata molto simile per permetterti di seguire i suoi spostamenti. Facendo ciò, lo potrai localizzare e quindi ti sarà permesso di individuarlo all'interno della mappa presente nell'app Dov'è.

Inoltre, se hai configurato la funzione In famiglia per condividere acquisti da App Store, abbonamenti e quant'altro, e decidi anche di condividere la tua posizione, i tuoi familiari vengono automaticamente mostrati nell'app Dov'è. Tieni presente, inoltre, che qualsiasi contatto può decidere in qualsiasi momento di non essere più visibile sulla tua mappa semplicemente premendo sulla voce Interrompi condivisione della posizione relativa alla scheda del contatto che può individuarlo. Per maggiori dettagli puoi leggere la mia guida su come localizzare iPhone di un amico.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.