Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come avere Internet illimitato gratis

di

Oggigiorno poter disporre di una connessione a Internet sempre perfettamente operativa su smartphone, tablet e computer è praticamente d'obbligo per svolgere buona parte delle attività che normalmente vengono eseguite su tali device. Peccato solo che quando ci si ritrova fuori casa e si deve dunque fare affidamento sul quantitativo di dati della SIM inserita nello smartphone, nel tablet, nel modem portatile o, ancora, nell'Internet Key, la quantità di GB disponibili non sempre è sufficiente per fare tutto e che, una volta raggiunto il tetto massimo di traffico, risulti necessario pagare degli extra per poter continuare a navigare.

La domanda, viste le circostanze, sorge dunque abbastanza spontanea: esiste un modo per avere Internet illimitato gratis? La risposta è affermativa e se vuoi posso spiegarti anche come. Se mi concedi qualche minuto del tuo prezioso tempo libero posso infatti illustrarti tutte le soluzioni attualmente disponibili sulla piazza per per navigare in rete senza limitazioni in fatto di tempo e/o di quantità di dati consumati e, per di più, senza dover sborsare del denaro. Nulla di illegale, non temere. Tutto sta nello sfruttare gli ormai comunissimi hotspot pubblici disseminati in lungo e in largo sia in Italia che all'estero, sia all'interno dei locali che nelle aree aperte a tutti.

Come dici? La cosa ti interessa e vorresti dunque approfondire? Molto bene! Allora fa' così: mettiti bello comodo e concentrati sulla lettura di questo articolo. Alla fine vedrai, avrai le idee perfettamente chiare sulla questione. Ah, quasi dimenticavo: hotspot pubblici a parte, sarà mia premura suggerirti anche altre interessanti soluzioni che pur non rispondendo al 100% all'esigenza in oggetto possono comunque rivelarsi interessanti. Buona lettura!

Indice

Hotspot pubblici

Come ti dicevo qualche riga più su, l'unico vero sistema al 100% legale per poter avere Internet illimitato gratis consiste nello sfruttare i tanti hotspot pubblici disseminati in lungo e in largo per il globo. Trattasi essenzialmente di punti di accesso a Internet senza fili che si possono trovare in bar, ristoranti, aeroporti, alberghi, parchi, piazze e via discorrendo e che consentono di collegarsi al Web senza limitazioni e soprattutto senza dover pagare (salvo diversamente specificato, ovviamente).

Generalmente la cosa viene segnalata dalla presenza di appositi cartelloni, adesivi e indicazioni varie sul posto. Per poterli rintracciare con maggiore facilità o comunque sia anche a distanza, puoi fare affidamento su appositi siti Internet e app per dispositivi mobili.

Prima di avvalerti di questo genere di soluzioni, comunque, ti consiglio di fare attenzione, specialmente se si tratta di reti Wi-Fi pubbliche non protette da password, cosa che potrebbe esporre i tuoi dati a minacce informatiche e cybercriminali senza scrupoli. Per tutelarti, ti consiglio di ricorrere a una VPN, tramite la quale è possibile criptare il proprio traffico dati su Internet. Tra le migliori ti segnalo NordVPN (te ne ho parlato qui) e Surfshark (te ne ho parlato qui). Fanne buon uso!

Siti per trovare hotspot

Come trovare hotspot

Per poter identificare i tanti hotspot pubblici sparsi in giro puoi avvalerti di alcuni siti Internet pensati proprio per lo scopo in questione. Qui di seguito trovi indicati quelli che a parer mio rappresentano i più affidabili della categoria.

  • Wiman — è un buon sito Internet per riuscire a trovare gli hotspot pubblici in Italia e nel resto del mondo. Consente anche di scovare le reti private i cui gestori hanno scelto di condividere la password d'accesso. Per usarlo, collegati alla sua home page, digita il nome della località di riferimento nel campo di ricerca apposito e schiacciare il tasto Invio sulla tastiera. I risultati ti verranno poi mostrati sulla mappa.
  • FON — si tratta di un sito su cui è presente una mappa interattiva tramite cui è possibile trovare tutti i punti d'accesso appartenenti alla rete FON sparsi in Italia e nel mondo. Per sfruttarli, occorre far parte del progetto oppure essere clienti di determinati provider Internet, come nel caso di Vodafone. Per usare il sito basta collegarsi alla sua home page (tramite il link che ti ho fornito), digitare il nome della località di riferimento nel campo di ricerca apposito e cliccare sull'icona della lente d'ingrandimento posta in corrispondenza di quest'ultimo. I risultati vengono poi mostrati sulla mappa. Da notare che la società che ha dato i natali al progetto collabora attivamente con diverse aziende TLC e può contare su alcuni celebri investitori della Silicon Valley, come Google, Microsoft e eBay.

Ti consiglio inoltre di fare una “capatina” sui siti istituzionali, come quelli dei Comuni, su cui nella maggior parte dei casi sono presenti delle mappe aggiornate con le zone coperte con il Wi-Fi pubblico. Per trovare la mappa relativa a un dato Comune puoi fare una rapida ricerca su Google utilizzando termini del tipo comune [nome comune] hostspot Wi-Fi (al posto di [nome comune] devi digitare il nome del comune di riferimento).

Ad esempio, per quel che concerne Milano, effettuando una ricerca in rete è possibile accedere a questa pagina che tramite le sezioni Rete indoor Free Wifi e Reti outdoor Open Wifi, permette di visualizzare le mappe delle varie zone della città con annessi hotspot.

App per trovare hotspot

App per WiFi gratis

Siti Internet a parte, ci sono anche un mucchio di app utili per riuscire a scovare gli hotspot pubblici. Quelle che a parer mio sono le migliori e meritano di essere provate le trovi proprio qui di seguito.

  • WiFi Map (Android/iOS/iPadOS) — popolarissima app che appartiene alla categoria in oggetto. Consente di scovare i punti d'accesso wireless di tutto il mondo grazie al contribuito degli utenti. Notevole la possibilità di scaricare le mappe con gli hotspot in locale e consultarle sul dispositivo in uso anche in assenza di connessione a Internet (per l'appunto!). Si scarica gratis, ma per sbloccare tutte le sue funzioni (come le mappe offline) ed eliminare la pubblicità, bisogna acquistare la versione a pagamento, che parte da 1,99 euro/mese.
  • Instabridge (Android/iOS/iPadOS) — è un'altra validissima app della categoria che consente di individuare gli hotspot pubblici inviando delle notifiche che ne segnalano la presenza sul territorio in base agli spostamenti compiuti. Si possono anche impostare delle destinazioni e nuovi punti Wi-Fi in modo che l'applicazione funzioni anche offline. È gratis.
  • Osmino (Android/iOS/iPadOS) — è un'app che offre la possibilità di individuare gratuitamente hotspot pubblici, anche su mappe offline. Per eliminare i banner pubblicitari presenti nella versione free, occorre acquistare la versione a pagamento, che costa 0,99 euro.
  • WiFi Finder (iOS/iPadOS) — questa soluzione funziona in modo analogo a quelle già menzionate. Consente di trovare facilmente hotspot pubblici nell'area in cui ci si trova. Di base è gratis, ma la rimozione della pubblicità e lo sblocco di tutte le sue feature richiede acquisti in-app a partire da 1,99 euro cadauno.

Come effettuare il collegamento

Come connettersi al WiFi

Una volta scovato l'hotspot a te più vicino puoi finalmente passare all'azione vera e propria: collegarti alla rete e cominciare a navigare online. Già ma… come ci si “aggancia” al Wi-Fi scelto? Per scoprirlo, ti basta seguire le indicazioni che trovi qui di seguito.

  • Da Windows — clicca sull'icona della rete (quella con le tacchette) nell'area di notifica (accanto all'orologio), seleziona la connessione corretta dall'elenco e pigia sul pulsante Connetti.
  • Da macOS — clicca sull'icona della rete wireless (le tacchette) nella parte in alto a destra della barra dei menu e seleziona la rete di riferimento dall'elenco che ti viene mostrato.
  • Da Android — accedi alla schermata del dispositivo in cui sono raggruppate le icone di tutte le app (il cosiddetto drawer), pigia sull'icona dell'app Impostazioni (l'icona con l'ingranaggio), recati nella sezione Connessioni/Wireless e reti (le diciture possono cambiare a seconda della versione di Android in uso), seleziona la voce Wi-Fi/Impostazioni Wi-Fi, sposta su ON il relativo interruttore (se la funzione risulta disabilitata, ovviamente) e fai tap sul nome della rete di tuo interesse.
  • Da iOS/iPadOS — accedi alla Home screen o alla Libreria app, fai tap sull'icona grigia con gli ingranaggi (ovvero quella dell'app Impostazioni), premi sulla voce Wi-Fi, porta su ON (se impostato su OFF) l'interruttore che trovi accanto alla dicitura Wi-Fi e pigia sul nome della rete a cui vuoi connetterti.

Come puoi notare tu stesso, le operazioni da compiere sono abbastanza semplici e alla portata di tutti. Qualora però necessitassi di ulteriori approfondimenti, puoi dare uno sguardo al mio tutorial su come connettersi al WiFi tramite cui ho provveduto ad affrontare la questione con dovizia di particolari.

Nota: Per alcuni hotspot, al momento del collegamento potrebbe venirti richiesta una password. Qualora così fosse, nel caso dei luoghi pubblici puoi trovarla su eventuali indicazioni, cartelloni ed etichette, mentre nel caso dei locali puoi chiederla direttamente al personale di riferimento (se non è esposta, ovviamente).

Altre soluzioni che possono essere interessanti

Passiamo adesso alle soluzioni alternative agli hotspot che, come ti dicevo in apertura, possono comunque far comodo in terminate circostanze pur non rispettando propriamente le caratteristiche di “illimitato” e “gratis”.

Offerte dei gestori di linea fissa

Come avere Internet illimitato gratis

Probabilmente non ne eri a conoscenza, ma devi sapere che alcuni provider italiani (e non solo) permettono di navigare in Internet gratuitamente assicurando ai propri clienti l'accesso a una rete di hotspot esclusivi presenti a livello nazionale. Quindi, pur non essendo una soluzione esattamente gratis (per usufruirne bisogna aver attivato un abbonamento Internet sulla linea fissa) merita comunque di essere presa in considerazione. Qui di seguito trovi i gestori italiani che offrono tale tipologia di servizi ai loro abbonati.

I clienti fibra e ADSL di Vodafone che dispongono di una Vodafone Station (il nome commerciale con cui Vodafone chiama il suo modem) hanno la possibilità di accedere gratuitamente agli hotspot che fanno parte della rete FON (come ti ho anticipato in uno dei capitoli precedenti) e ai punti d'accesso della Vodafone Wi-Fi Community.

Tra i piani che consentono di fare ciò c'è Internet Unlimited, che comprende la connessione a Internet senza limiti fino a 2,5 Gbps (in base alla copertura che risulta disponibile nella zona in cui la linea viene attivata) + chiamate incluse + servizio Vodafone Ready con attivazione immediata, assistenza e configurazione da remoto e per chiamare e navigare in qualsiasi circostanza + modem Vodafone Station.

Se la cosa può interessarti, ne esiste anche una versione Netflix Edition, che include quanto già presente nel piano Internet Unlimited “base”, a cui aggiunge anche i contenuti di Netflix in Full HD visibili su un massimo di due schermi in contemporanea e, su richiesta (senza pagare costi aggiuntivi), una Vodafone TV.

Vodafone non è l'unico gestore che offre tale possibilità. Anche Tiscali permette ai suoi abbonati di accedere agli hotspot Wi-Fi generati dai suoi stessi clienti. Il servizio in questione si chiama Tiscali Social WiFi, ma al momento è funzionante nelle città di Roma e Milano, oltre che nella regione Sardegna. Se in futuro dovesse essere esteso in altre aree, non mancherò di aggiornare l'articolo con tutte le info del caso.

Tra i piani di Tiscali che permettono di avvalersi del servizio Tiscali Social WiFi c'è Ultrainternet Fibra, che include la connessione Internet illimitata fino alla velocità massima di 1 Gbps (in base alla zona di attivazione), nonché il modem Super Wi-Fi e la linea telefonica inclusa. Parte da 25,95 euro/mese. Maggiori info qui.

Allo stato attuale delle cose, quelli di cui ti ho appena parlato sono gli unici gestori che in Italia consentono di avere Internet gratis sfruttando la loro rete di hotspot. Questo però non significa che in futuro anche altri operatori non possano offrire tale opportunità. Quindi, per restare sempre aggiornato al riguardo, oltre che sulle varie offerte Internet del momento, ti suggerisco di visitare di tanto in tanto la sezione dedicata all'ADSL e alla fibra ottica del sito Internet SOS Tariffe, noto portale che, per l'appunto, permette di comparare prezzi e caratteristiche di tutte le offerte dei principali provider italiani.

Offerte dei gestori di linea mobile

Come avere Internet illimitato gratis

Per quel che concerne invece i gestori di telefonia mobile, al momento soluzione simili a quelle di cui sopra non ce ne sono. Alcuni dei principali operatori italiani in passato permettevano di continuare a navigare in rete a costo zero e a velocità ridotta una volta raggiunto il tetto massimo di GB inclusi nell'offerta sottoscritta.

Nel momento in cui scrivo, però, nei listini di questi ultimi non sono presenti offerte che includano traffico illimitato a velocità ridotta (una volta superati i GB inclusi nell'offerta). Ormai quasi tutti i provider, infatti, permettono agli utenti di navigare a piena velocità pagando dei sovrapprezzi (di solito 1 o 2 euro al giorno in caso di effettivo utilizzo). Se dovessero esserci novità, comunque, non mancherò di aggiornare l'articolo.

Anche in tal caso, ti ricordo che se vuoi restare sempre aggiornato riguardo eventuali nuove soluzioni di operatori mediante cui è possibile navigare in Internet illimitatamente puoi dare di tanto in tanto un'occhiata alla sezione dedicata alla telefonia mobile e alla sezione dedicata da Internet mobile del già menzionato sito Web di SOS Tariffe.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.