Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come avere WiFi gratis

di

Hai comprato un nuovo tablet senza alloggiamento per la SIM e ti piacerebbe sapere se esiste qualche sistema per navigare nel Web, in modalità wireless, quando sei fuori casa, senza dover spendere soldi? Beh, allora direi che sei capitato sulla guida giusta, al momento giusto. Se ti stai chiedendo come avere il WiFi gratis, sarai felice di sapere che, nelle righe che seguono, trovi illustrati, in maniera semplice ma al tempo stesso dettagliata, come compiere l’operazione in questione.

Puoi riuscirci in vari modi: usando i tanti hotspot Wi-Fi pubblici disseminati un po’ in tutte le città e/o usufruendo delle offerte che i provider nazionali mettono a disposizione dei loro clienti per permettere loro di navigare online sia dentro che fuori l’abitazione. In entrambi i casi, non hai assolutamente nulla di cui preoccuparti: non dovrai mettere in piedi alcuna procedura complicata, te l’assicuro.

Allora? Si può sapere che cosa ci fai ancora li impalato? Posizionati bello comodo, prenditi qualche minuto libero solo per te e inizia immediatamente a concentrarti sulla lettura di quanto riportato qui di seguito. Spero vivamente che, alla fine, tu possa ritenerti ben contento e soddisfatto di quanto appreso, oltre che, ovviamente, di essere riuscito a trovare una rete senza fili mediante la quale navigare online a costo zero. Sei pronto? Sì? Grandioso: mettiamo al bando le ciance e procediamo!

Indice

Come avere rete WiFi gratis

Simbolo WiFI

Come ti dicevo in apertura del post, uno dei sistemi più diffusi e affidabili per avere WiFi gratis consiste nell’usare i tanti hotspot pubblici disseminati nella quasi totalità delle città italiane ed estere.

Nel caso in cui non ne fossi a conoscenza, gli hotspot Wi-Fi sono dei punti di accesso a Internet senza fili che si possono trovare in strada, nei locali pubblici o presso alcuni esercenti, ai quali è possibile accedere a costo zero (in alcuni casi previa registrazione di un account), in maniera praticamente analoga a come si può fare con le reti wireless domestiche.

In linea generale, dunque, quando raggiungi un luogo pubblico o un locale commerciale, potrebbe essere disponibile una rete Wi-Fi gratuita per gli utenti, a cui accedere grazie alle istruzioni solitamente fornite su un apposito avviso esposto o chiedendo informazioni a uno degli addetti. In altre circostanze, dovrai invece ottenere le istruzioni per collegarti in altri modi, come ad esempio è il caso dell’accesso a specifiche reti Wi-Fi fornite dai gestori di telefonia, che richiedono la sottoscrizione di un contratto.

Ma come puoi individuare gli hotspot presenti in zona? Semplice, anzi, di più: ricorrendo all’uso di alcuni sevizi online e app per smartphone e tablet adibiti allo scopo. Qui di seguito trovi indicate quelle che, a mio avviso, rappresentano le soluzioni più affidabili della categoria.

Voglio metterti però in guardia: le reti Wi-Fi pubbliche potrebbero non essere sicure, specialmente quelle che non richiedono alcuna password di accesso al servizio, in quanto espongono i dati e la privacy degli utenti a minacce da parte di malintenzionati. Per tale ragione, il mio consiglio è quello di munirti di una VPN, cioè un servizio criptato che si pone come un “tunnel” per veicolare le tue informazioni sul Web in modo protetto. A tal proposito, ti consiglio di provare NordVPN.

NordVPN

NordVPN è uno dei servizi VPN più usati al mondo, e il motivo è presto detto: a fronte di un prezzo estremamente competitivo (con piani adatti un po’ a tutte le tasche e tutte le esigenze), offre un sistema che permette all’utente di proteggere la connessione in maniera semplice e affidabile, nascondendo i propri dati non solo a eventuali malintenzionati o ai provider Internet, ma anche agli stessi gestori del servizio (difatti non viene registrata nessuna delle attività svolte). Con i suoi tantissimi server disseminati in ogni angolo del globo, NordVPN permette inoltre di superare le restrizioni geografiche, di accedere ai cataloghi esteri dei servizi di streaming e, come se ciò non bastasse, offre dei server dedicati alle reti P2P (es. la rete BitTorrent), alla navigazione tramite protocollo Onion (quello usato dal sistema di navigazione anonimo Tor) e alla navigazione con IP statico.

I dispositivi compatibili? Praticamente tutti! NordVPN è disponibile su computer, sotto forma di client per Windows, macOS e Linux; come app per dispositivi mobili Android e iOS/iPadOS, e si può usare anche su Smart TV Android TV, NAS, Raspberry Pi, router e altri dispositivi.

I piani disponibili, come detto, sono diversi: quello più conveniente è quello di 2 o 3 anni in base alle promo in corso, che costa 3,30 euro/mese (fatturati annualmente); poi ci sono il piano di 1 anno (da 4,39 euro/mese, fatturati annualmente) e quello di 1 mese (da 10,64 euro). Ciascun piano permette di usare il servizio su un numero massimo di 6 dispositivi in contemporanea, offre la garanzia soddisfatti o rimborsati di 30 giorni e, nei periodi di promo, può includere anche altri contenuti in regalo (es. il password manager NordPass).

Per avvalerti di NordVPN, devi collegarti al sito ufficiale del servizio, scegliere uno dei piani disponibili e creare il tuo account. Puoi pagare con carta, PayPal, Apple Pay, Google Pay, Criptovalute e Alipay. A iscrizione effettuata, puoi scaricare il programma e cominciare a proteggere la tua connessione.

Ad esempio, se intendi usare NordVPN sul tuo computer, puoi scaricare il client per Windows, aprire il file .exe ottenuto, cliccare su e, al termine del download di tutti i componenti necessari al funzionamento del programma, concludere il setup, premendo su Next, Install e Finish. Su Mac, invece, rivolgiti direttamente al Mac App Store

Per installare NordVPN su smartphone o tablet, apri invece lo store del tuo dispositivo (es. Play Store su Android o App Store su iOS/iPadOS), cerca NordVPN all’interno di quest’ultimo e pigia prima sull’icona dell’applicazione e poi sul pulsante Installa/Ottieni. Su iOS e iPadOS, per confermare, potrebbe esserti chiesto di verificare la tua identità tramite Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple.

Perfetto: ora, indipendentemente dal sistema e dal dispositivo utilizzato, avvia il client di NordVPN, esegui il Log In con i dati del tuo account e scegli il server VPN a cui connetterti. Puoi eseguire la selezione in base alla nazionalità del server, in seguito a una ricerca oppure selezionando un server in base alle sue caratteristiche: nella sezione Speciality servers, infatti, trovi i server dedicati a P2P, Onion e quelli con IP dedicato.

A connessione stabilita, puoi navigare in maniera sicura usando le applicazioni che sei solito utilizzare sul tuo computer o sul tuo dispositivo portatile. In seguito, per disconnetterti dalla VPN, apri NordVPN e clicca sul pulsante Disconnect. Più facile di così?

Per approfondimenti, leggi pure la mia recensione di NordVPN, in cui trovi maggiori dettagli sul funzionamento del servizio.

Applicazioni per avere WiFi gratis

Se desideri scoprire quali sono le migliori applicazioni per avere WiFi gratis, tramite cui, dunque, poter scovare facilmente gli hotspot pubblici nella tua zona, continua pure a leggere. Qui di seguito, infatti, trovi segnalate quelle che, a mio modesto avviso, rappresentano le soluzioni più interessanti di questo tipo.

WiFi Map (Android/iOS/iPadOS)

WiFi Map

La migliore applicazione per avere WiFi gratis su smartphone (oltre che su tablet) che posso consigliarti di scaricare è Wi-Fi Map, disponibile gratuitamente sia per Android che per iOS/iPadOS. Essa contiene, infatti, una mappa con tutti gli hotspot accessibili in diverse parti del mondo, inclusa l’Italia. Il servizio viene mantenuto attivo grazie ai feedback della comunità che inserisce, modifica o rimuove le informazioni sugli hotspot. Eventualmente, è disponibile anche in una variante a pagamento (al costo di 41,99 euro/ anno su Android e di 31,99 euro/anno su iOS/iPadOS) che consente di rimuovere la pubblicità all’interno dell’app e di ottenere le mappe offline per una navigazione senza connessione a Internet.

Per servirtene, dopo che hai installato l’app sul tuo smartphone o tablet, quello che devi fare è abilitare il GPS. Successivamente, se stai usando Android individua l’hotspot di tuo interesse sulla mappa, mentre se stai usando iOS/iPadOS devi prima premere sul pulsante con l‘icona dell’app e attendere che ti venga mostrato l’elenco di tutte le reti wireless in zona alle quali puoi accedere oppure, per visualizzare le reti direttamente sulla mappa, devi fare tap sull’icona della cartina in alto a destra.

In seguito, seleziona l’hotspot che ti interessa e prendi nota del relativo indirizzo per poterti recare sul posto. Se si tratta di una connessione Wi-Fi protetta, per scoprire la password, se stai usando Android premi sul pulsante Sblocca password che compare nel riquadro in basso, mentre se stai usando iOS/iPadOS premi sull’icona della chiave che trovi nella relativa scheda.

Facebook (Android/iOS/iPadOS)

Facebook Wi-Fi

Un’altra app che ti consente di trovare hotspot nelle vicinanze è Facebook, disponibile sia per Android che per iOS/iPadOS. Forse non tutti lo sanno, ma l’applicazione del noto social network è munita, per l’appunto, di una funzionalità che mostra gli hotspot pubblici.

Per utilizzare questa funzionalità, avvia l’’app, di Facebook, accedi con il tuo account e fai tap sull’icona con le tre linee in orizzontale, che trovi a destra. A questo punto, fai tap sulla voce Altro, poi su quella Trova Wi-Fi e premi sul pulsante Abilita trova Wi-Fi.

Ora, se hai già abilitato il GPS sul tuo dispositivo mobile, ti verrà mostrata una lista di luoghi dove è possibile trovare hotspot pubblici, altrimenti dovrai prima rivedere le impostazioni del dispositivo.

Quando individui un hotspot pubblico di tuo interesse, facci tap sopra e sfiora il pulsante Indicazioni stradali/Indicazioni, per avviare la navigazione verso il luogo in questione tramite l’app apposita preinstallata sul tuo dispositivo.

Altre applicazioni per avere WiFi gratis

Osmino

Cerchi altre app per avere WiFi gratis su Android e per avere WiFi gratis su iPhone? Allora da’ subito uno sguardo all’elenco di ulteriori soluzioni che trovi qui di seguito.

  • Osmino (Android/iOS/iPadOS) – è un’app gratuita che permette di trovare la posizione degli hotspot pubblici, anche con mappe offline. Sono presenti banner pubblicitari, che si possono rimuovere tramite acquisti in-app (al costo base di 0,99 euro/mese su Android e di 1,09 euro su iPhone e iPad).
  • Wefi Find Wi-Fi (Android) – altra applicazione appartenente alla categoria in oggetto, grazie alla quale si possono individuare gli hotspot WiFi disponibili in Italia e nel resto del globo. È gratuita.
  • WiFi Finder (iOS/iPadOS) – è un’app che permette di individuare gli hotspot vicini alla propria posizione. È disponibile gratuitamente, ma per rimuovere la pubblicità e sbloccare altre funzioni aggiuntive occorre effettuare acquisti in-app (al costo base di 2,29 euro).

Come avere WiFi gratis a casa

Ti interessa capire come ottenere il WiFi gratis a casa o in qualsiasi altra abitazione in cui ti trovi? In tal caso, puoi fare riferimento alle soluzioni proposte nei capitolo qui di seguito.

Hotspot gratuiti

Wiman

Un ottimo modo per avere il Wi-Fi gratis in casa è quello di utilizzare un hotspot pubblico, disponibile nelle vicinanze della propria abitazione. Come ti ho già accennato nel capitolo introduttivo, devi fare attenzione quando usi questa tipologia di reti, in quanto i tuoi dati possono essere esposti a minacce.

Ribadito questo concetto, tra le soluzioni che puoi utilizzare per verificare se c’è un hotspot gratuito nelle vicinanze c’è Wiman. Tramite questo servizio, puoi verificare tutti gli hotspot pubblici disponibili in una specifica città.

Quello che devi fare per servirtene è collegarti alla relativa home page, digitare nell’apposita casella di testo al centro della schermata il nome della città per cui vuoi cercare gli hotspot e selezionare il suggerimento pertinente dall’elenco. Fatto ciò, premi sul tasto Apri mappa e ti verrà mostrata una cartina geografica con vari segnaposto che indicano la posizione degli hotspot.

Tieni presente che il servizio mostra soltanto i punti d’accesso a Internet pubblici, ma non specifica se richiedono una password o meno. Ad ogni modo, rappresenta indubbiamente una valida soluzione per individuare gli hotspot in una specifica città.

Offerte dei provider

Vodafone Wi-Fi Community

Come ti ho accennato all’inizio di questa mia guida, è possibile avere il Wi-Fi gratis anche usando le connessioni di alcuni gestori di telefonia fissa italiani, che hanno scelto di mettere a disposizione dei loro clienti l’accesso a una rete di hotspot (nella maggior parte dei casi generata dai modem dei loro stessi utenti), distribuiti su tutto il territorio nazionale.

Ad esempio, se vuoi sapere come avere Vodafone WiFi gratis, ti consiglio di sottoscrivere uno dei contratti di rete fissa in fibra ottica o ADSL con questo gestore di telefonia, come il piano denominato Internet Unlimited, che consente di ottenere connessione a Internet illimitata (fino a 1 Gigabit in fibra ottica e fino a 20 Mega in ADSL, a seconda della copertura), le chiamate illimitate e senza scatto alla risposta verso i numeri fissi e mobili nazionali e vari servizi extra, tra cui la possibilità di accedere alla rete Vodafone Wi-Fi Community o a quella FON, disponibile all’estero. Se la cosa ti interessa, puoi sottoscrivere questa e altre offerte che l’operatore ha a listino premendo sui pulsanti qui di seguito. Inoltre, per approfondimenti, puoi consultare la mia guida specifica.

Se, invece, vuoi aderire all’offerta Internet domestica con altri gestori di telefonia, ti consiglio Fastweb che, grazie alla sua rete WOW FI, conta più di un milione di hotspot gratuiti per i suoi clienti per accedere a Internet illimitatamente. Ciò che ti serve è semplicemente un abbonamento in fibra ottica, ADSL o mobile con Fastweb, come nel caso dell’offerta Fastweb Casa, la quale, al pari di Vodafone, permette di ottenere connessione a Internet illimitata (fino a 1 Gigabit in fibra ottica e fino a 20 Mega in ADSL, in base alla copertura), le chiamate illimitate e senza scatto alla risposta verso le numerazioni fisse e mobili nazionali e altri servizi extra, come quello menzionato poc’anzi. Per sottoscrivere questa o altre offerte del provider, ti basta premere sui pulsanti qui sotto, mentre per approfondimenti puoi consultare questa mia guida.

Infine, puoi anche rivolgere la tua attenzione all’offerta di Tiscali, che prevede una soluzione molto simile a quelle che ti ho già mostrato per gli altri gestori di telefonia nei precedenti paragrafi. Grazie alla rete Tiscali Social WiFi, puoi accedere ai numerosi hotspot disponibili in Italia. Attualmente, però, il servizio è limitato soltanto a Roma, Milano e in Sardegna, ma è in via d’espansione. Per ottenere l’accesso a questa rete, devi possedere un contratto per la linea fissa Tiscali, come quelli che ti ho indicato in questa mia guida.

Altre soluzioni per avere WiFi gratis a casa

PC Laptop

Le soluzioni per avere il Wi-Fi gratis di cui ti ho parlato nelle precedenti righe non ti hanno convinto e ti piacerebbe sapere se esiste qualche alternativa? Allora ti suggerisco di leggere la mia guida dedicata ai programmi per hotspot, nella quale ho provveduto a indicarti tutta una serie di software per individuare gli hotspot o per crearne uno personalmente, grazie alla funzione del tethering.

Ti suggerisco altresì di leggere il mio articolo sui programmi per Wi-Fi, in cui ci trovi tutta una serie di software che possono far comodo per gestire e individuare le reti wireless e per generare hotspot. Spero vivamente possano tornarti utili.

Articolo realizzato in collaborazione con NordVPN.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.