Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Programmi per WiFi

di

Non ricordi più la password per accedere al WiFi della tua rete domestica e vorresti sapere se esiste qualche strumento utile per poterla recuperare? Ti piacerebbe capire come fare per individuare eventuali reti senza fili in zona alle quali poter accedere liberamente? Beh, direi allora che, per tua grande fortuna, sei capitato sulla guida giusta, in un momento che non poteva essere migliore.

Se mi concedi un minimo della tua attenzione, infatti, posso indicarti tutti quelli che a mio modesto avviso rappresentano i migliori programmi per WiFi presenti su piazza. Puoi sfruttarli per le esigenze di cui sopra, ma anche per testare il corretto funzionamento della tua rete senza fili e per potenziarla. Vedrai, alla fine potrai dirti ben felice e soddisfatto.

Allora? Posso sapere che ci fai ancora lì impalato? Posizionati bello comodo, prenditi un po’ di tempo soltanto per te e comincia immediatamente a concentrarti sulla lettura di quanto riportato qui di seguito. Sei pronto? Sì? Benissimo! Al bando le ciance e procediamo.

Indice

Programmi per WiFi protette

Iniziamo dai programmi per WiFi protette, vale a dire quelli che puoi sfruttare per cercare di recuperare la chiave d’accesso alle connessioni senza fili a cui ti sei già collegato in passato ma per le quali non ricordi più la relativa password oppure l’hai smarrita.

Centro connessioni di rete e condivisione (Windows)

Centro connessioni di rete e condivisione Windows 10

Se stai usando Windows, per recuperare la password della tua rete wireless puoi sfruttare il Centro connessioni di rete e condivisione. Non si tratta di uno dei programmi per WiFi in senso stretto, sia chiaro, bensì di una funzione già inclusa nel sistema, la quale consente di accedere al portachiavi dell’OS e di visualizzare in chiaro le password delle reti WiFi salvate sul PC.

Per servirtene, fai clic sul pulsante Start (quello con la bandierina di Windows) che trovi nella parte in fondo a sinistra della barra delle applicazioni, cerca il Pannello di controllo nel menu che si apre e seleziona il relativo collegamento.

Nella finestra che compare sullo schermo, clicca sulle voci Rete e Internet e/o Centro connessioni di rete e condivisione (a seconda del tipo di visualizzazione impostata), fai clic sul nome della rete WiFi situato sotto la dicitura Internet che si trova a destra e premi il pulsante Proprietà wireless, nella nuova schermata che va ad aprirsi

A questo punto, seleziona la scheda Sicurezza e, in corrispondenza del campo Chiave di sicurezza di rete, potrai visualizzare la password della rete wireless. Se la password non è visibile in chiaro, per rimediare, apponi un segno di spunta sulla casella Mostra caratteri.

WirelessKeyView (Windows)

WirelessKeyView

Quando si parla di programmi per WiFi protette è praticamente d’obbligo fare anche il nome di WirelessKeyView. Si tratta, infatti, di un software gratuito e no-install specifico per sistemi operativi Windows, il quale consente di recuperare le password delle reti WiFi che sono state memorizzate nel sistema. È facilissimo da usare ed è anche altamente efficace.

Per effettuarne il download, recati sul relativo sito Web e clicca sul collegamento Download WirelessKeyView for x64 (se stai usando una versione di Windows a 64 bit) oppure su quello Download WirelessKeyView 32-bit (se stai usando una versione di Windows a 32 bit). In seguito, seleziona il collegamento Italian che trovi nella tabella più in basso, in modo tale da scaricare anche il file per la traduzione in Italiano.

Completato il download, estrai entrambi gli archivi ZIP ricavati nella stessa cartella, dopodiché avvia il file .exe e, nella finestra che ti viene mostrata sullo schermo, fai clic sul pulsante .

Nella finestra del programma che in seguito ti verrà mostrata sullo schermo, troverai poi l’elenco completo dei nomi delle reti wireless memorizzate sul computer, in corrispondenza della colonna Nome della rete, e le rispettive password e il tipo di cifratura impiegata, nelle colonne Tipo di chiave, Chiave (Hex) e Chiave (Ascii). Se non vedi comparire alcun dato, premi sul pulsante con il foglio e le frecce che si trova in alto per aggiornare la schermata.

Ti informo inoltre che, se lo ritieni necessario, puoi salvare i dati ricavati in un file di testo, selezionando gli elementi di tuo interesse e facendo clic sul bottone con il floppy disk che si trova in alto.

Accesso Portachiavi (macOS)

Accesso Portachiavi macOS

Stai usando macOS? In tal caso, puoi rivolgerti ad Accesso Portachiavi. Se non ne hai mai sentito parlare, ti informo che si tratta di un’applicazione preinstallata su tutti i Mac, la quale permette di memorizzare sia localmente che su iCloud i dati di login digitati sul computer e che, di conseguenza, può fare molto comodo per riuscire a recuperare le password delle reti senza fili a cui è stato eseguito l’accesso sul computer o comunque dai dispositivi Apple collegati al medesimo account iCloud.

Per servirtene, avvia Accesso Portachiavi cliccando sulla relativa icona (quella con il mazzo di chiavi) che trovi nella cartella Altro del Launchpad.

Nella finestra che ti viene mostrata sullo schermo, seleziona la voce Sistema che trovi nella sezione Portachiavi situata a sinistra, dopodiché clicca sulla voce Password posta in corrispondenza della sezione Categoria (sempre a sinistra) e individua il nome della rete wireless di tuo interesse dall’elenco a destra. Per trovare più velocemente la connessione di tuo interesse, puoi anche aiutarti con il campo di ricerca in alto a destra.

In seguito, fai doppio clic sul nome della connessione di riferimento, assicurati che nell’ulteriore che compare risulti seleziona la scheda Attributi (altrimenti provvedi tu) e spunta la casella accanto alla voce Mostra la password.

Nella nuova finestra che ti viene mostrata, digita il nome del tuo account su macOS e la password ad esso associata e fai clic sul pulsante Consenti, in modo tale da sbloccare l’accesso ai contenuti di riferimento. Fatto ciò, troverai la password della rete di riferimento in corrispondenza del campo Mostra la password.

Kali Linux

Kali Linux

Impossibile parlare di programmi per WiFi protette senza menzionare Kali Linux. Pur non essendo di un software vero e proprio, bensì un sistema operativo, merita comunque di essere menzionato a tal proposito.

Più precisamente, trattasi di una particolare versione di Linux in cui sono stati integrati molti strumenti ad hoc per analizzare e bypassare le protezioni delle reti wireless. È gratis e per sfruttarlo occorre disporre di una discreta conoscenza dell’argomento. Per tutti gli approfondimenti del caso, puoi fare riferimento alla mia guida specifica su su come usare Kali Linux.

Programmi per WiFi gratis

Passiamo ora ai programmi per WiFi gratis, vale a dire quelli che puoi sfruttare per individuare le connessioni senza fili liberamente accessibili presenti nella zona in cui ti trovi, i cosiddetti hotspot. Ti anticipo però che non si tratta di software, per così dire, tradizionali, bensì di programmi fruibili online. Per saperne di più, continua a leggere.

Wiman (Online)

Wiman

Wiman è un servizio Web a costo zero, funzionante da qualsiasi browser e senza richiedere alcuna registrazione, il quale consente di trovare tutti gli hotspot presenti sia in Italia che all’estero, mostrandoli su mappa.

Per potertene servire, recati sulla home page di Wiman e digita il nome della città di riferimento nel campo di ricerca situato al centro, dopodiché seleziona il suggerimento pertinente dall’elenco che ti viene mostrato.

Nella nuova pagina che adesso visualizzi, clicca sul pulsante Apri mappa che si trova in alto, in modo tale da poter visualizzare direttamente su mappa tutti gli hotspot disponibili. Troverai quindi i punti d’accesso indicati tramite degli appositi segnaposto e cliccandoci sopra potrai scoprire il nome della struttura o del sito che mette a disposizione il WiFi gratis

Eventualmente, puoi anche aumentare o diminuire il livello di zoom della mappa, facendo clic sui pulsanti (+) e (-) posti in basso a destra, e puoi visualizzare i vari hotspot disponibili sotto forma di elenco, scorrendo quello visibile a sinistra.

Fon (Online)

Fon

Per riuscire a trovare le reti WiFi liberamente accessibili in zona, puoi altresì rivolgerti a Fon. Si tratta di un altro portale utile per individuare gli hotspot gratuiti sparsi in giro per il mondo, per la precisione quelli appartenente alla rete Fon. Per sfruttarli, però, è indispensabile fare parte del progetto oppure essere clienti di determinati provider Internet.

Per usufruire del servizio, recati sulla home page di Fon, digita il nome della località di tuo interesse nel campo di ricerca in alto a sinistra e seleziona il suggerimento pertinente.

Successivamente, vedrai comparire sulla mappa tutti gli hotspot eventualmente disponibili, rappresentati come puntini di colore arancione. Se lo ritieni necessario, puoi anche aumentare o diminuire il livello di zoom, premendo sui pulsanti (+) e (-) situati a destra.

Programmi per testare WiFi

Passiamo adesso ai programmi per testare WiFi, ovverosia quelli che puoi impiegare per cercare di far fronte ad eventuali malfunzionamenti della rete senza fili da te impiegata o comunque sia per sincerarti del fatto che funzioni senza problemi. Li trovi segnalati nei passi qui sotto.

Diagnostica di rete (Windows)

Diagnostica di rete

Se stai usando un PC Windows, sono ben felice di comunicarti che è disponibile uno strumento predefinito, chiamato Risoluzione dei problemi di rete, mediante il quale è possibile scoprire se c’è qualche problema legato all’uso della connessione in essere sul computer e far fronte alla cosa. Non è, dunque, un programma vero e proprio, ma si tratta comunque di una risorsa che, date le sue caratteristiche, merita di essere segnalata in una guida di questo tipo.

Per potertene servire, fai clic sul pulsante Start (quello con la bandierina di Windows) che trovi nella parte in fondo a sinistra della barra delle applicazioni, cerca il Pannello di controllo nel menu che si apre e seleziona il relativo collegamento.

Nella finestra che compare sullo schermo, clicca sulle voci Rete e Internet e/o Centro connessioni di rete e condivisione (a seconda del tipo di visualizzazione impostata), dopodiché seleziona la voce Risoluzione problemi. Se stai usando Windows 10, clicca inoltre sulla dicitura Connessione Internet e poi sul bottone Esegui lo strumenti di risoluzione dei problemi.

Si aprirà quindi una nuova finestra sul desktop, verrà avviata l’analisi della tua rete e, successivamente, ti sarà chiesto di specificare quale problema sta “affliggendo” la tua connessione ad Internet. A quel punto, dovrai selezionare la voce inerente la problematica che stai riscontrando e dovrai attenerti alle indicazioni riportate sullo schermo per poter far fronte alla cosa.

Diagnosi Wireless (macOS)

Diagnosi wireless macOS

Se stai usando macOS, tra i programmi per WiFi utili per testare il funzionamento della connessione ad Internet che ti suggerisco di usare c’è Diagnosi Wireless. Si tratta, in realtà, dello strumento di diagnostica incluso “di serie” su tutti i Mac, il quale consente di individuare eventuali problemi in essere sulla rete WiFi in uso e risolverli.

Per potertene servire, premi il tasto option sulla tastiera del Mac e, continuando a tenere premuto, fai clic sull’icona del WiFi (quella con le tacchette del WiFi) che trovi nella parte in alto a sinistra della barra di sistema. Nel menu che si apre, seleziona la voce Apri Diagnosi Wireless.

Se non riesci a visualizzare l’icona del WiFi, per rimediare procedi nel seguente modo: fai clic sull’icona di Preferenze di Sistema (quella con la ruota d’ingranaggio) presente sulla barra Dock, seleziona la voce Rete, fai clic sulla dicitura Wi-Fi situata a sinistra e spunta la casella accanto alla voce Mostra stato Wi-Fi nella barra dei menu.

Una volta visualizzata la finestra di Diagnosi Wireless sullo schermo, fai clic sul pulsante Continua, attendi che venga effettuata l’analisi dell’ambiente wireless, dopodiché se sono stati rilevati dei problemi attieniti alle indicazioni che ti vengono fornite.

Se da una prima analisi non emergono problemi, seleziona la voce Esegui il monitoraggio della connessione Wi-Fi, premi sul bottone Continua e aspetta che il monitoraggio della tua rete wireless venga effettuato. Al termine dell’analisi, fai clic sui pulsanti Info nel pannello Riepilogo per maggiori informazioni su ciascuna voce nell’elenco.

Programmi per potenziare WiFi

Per concludere in bella, ti segnalo tutti quelli che ritengo essere i migliori programmi per potenziare WiFi. Puoi servirtene per cercare di estendere la portata della tua rete wireless, in modo tale da poterla sfruttare senza il benché minimo problema in ogni angolo della tua abitazione.

Condivisione rete (Windows)

Condivisione rete Windows 10

Se stai usando un computer con Windows 10, tra i programmi per WiFi utili per potenziare la rete ti consiglio Condivisone rete, che è disponibile “di serie”. Più precisamente, si tratta di una funzione predefinita del sistema operativo, la quale consente di sfruttare la condivisione della connessione, a patto che la scheda di rete in uso supporti la cosa.

Per verificare ciò, apri il Prompt dei comandi, facendo clic sul pulsante Start (quello con la bandierina di Windows) che trovi nella parte in fondo a sinistra della barra delle applicazioni, digita cmd nel campo di ricerca e seleziona il risultato pertinente dal menu.

Nella finestra del Prompt dei comandi che andrà ad aprirsi, digita il comando NETSH WLAN show drivers e premi il tasto Invio sulla tastiera. Se la tua scheda di rete supporta la condivisione della connessione, in corrispondenza della voce Rete ospitata supportata che viene restituita come output troverai la dicitura .

Dopo esserti sincerato della cosa, puoi procedere andando ad impartire i comandi necessari per sfruttare la condivisone della rete. Per cui, digita NETSH WLAN set hostednetwork mode=allow ssid=nome_SSID key=chiave_accesso (al posto di nome_SSID e chiave_accesso devi digitare, rispettivamente, il nome che vuoi assegnare alla rete wireless da creare con il computer e la password necessaria ad accedervi) e NETSH WLAN start hostednetwork, premendo di volta in volta il pulsante Invio sulla tastiera.

Una volta compiuti i passaggi di cui sopra, chiudi il Prompt dei comandi e apri il Pannello di controllo, selezionando il relativo collegamento dal menu Start. Nella nuova finestra visualizzata sullo schermo, digita visualizza connessioni di rete nel campo di ricerca e schiaccia il tasto Invio, dopodiché seleziona il suggerimento pertinente dall’elenco delle varie corrispondenze che ti viene mostrato.

A questo punto, fai clic destro sull’icona della connessione (quella con i computer e le tacchette del WiFi) che è tua intenzione condividere e seleziona la voce Proprietà dal menu che compare. Nell’ulteriore schermata visualizzata, seleziona la scheda Condivisione, spunta le caselle accanto alle voci Consenti ad altri utenti in rete di collegarsi tramite la connessione Internet di questo computer e Consenti ad altri utenti in rete di controllare o disabilitare la connessione Internet condivisa, indica il nome dell’adattatore di rete da condividere dal menu a tendina Connessione rete domestica e clicca sul bottone OK.

Quando non ne avrai più bisogno, potrai disattivare la funzione per la condivisone della rete recandoti nuovamente nel Prompt dei comandi, immettendo il comando NETSH WLAN stop hostednetwork e schiacciando il tasto Invio sulla tastiera.

Virtual Router (Windows)

Virtual Router

Virtual Router Manager è un software gratuito specifico per sistemi operativi Windows che consente di trasformare qualsiasi PC in un hotspot WiFi. Riprende, insomma, quella che è la funzione “di serie” di Windows 10, permettendo però di fruirne anche su versioni precedenti del sistema operativo. In questo modo, è possibile espandere la connessione wireless in casa in maniera semplice e veloce.

Per effettuarne il download sul tuo computer, visita la pagina per il download sul sito Internet di MajorGeeks e fai clic sul pulsante Download Now presente a destra.

A scaricamento avvenuto, apri il file .msi ricavato e, nella finestra che vedi comparire sul desktop, fai clic sui pulsanti Next (per tre volte di seguito), e Close, in modo tale da portare a termine il setup.

Se durante l’installazione compare un messaggio mediante cui vieni invitato a scaricare il .Net Framework 3.5, acconsenti pure alla cosa, in quanto indispensabile per il corretto funzionamento del programma.

A procedura d’installazione ultimata, avvia il software, selezionando il relativo collegamento aggiunto sul desktop, ed espandi la rete wireless in uso sul computer, digitando nel campo Network Name (SSID) il nome che vuoi assegnare alla connessione che verrà generata e nel campo Password la password che vuoi usare per evitare accessi indesiderati a quest’ultima.

In seguito, seleziona la connessione che desideri condividere dal menu Shared connection e fai clic sul bottone Start Virtual Router.

Quando non avrai più bisogno di utilizzare il programma, provvedi a disattivare l’hotspot, facendo clic sul pulsante Stop Virtual Router che trovi nella finestra di Virtual Router.

Condivisione internet (macOS)

Condivisione internet macOS

Possiedi un Mac e ti interessa capire quali programmi per WiFi puoi sfruttare per potenziare la tua rete? Allora ti suggerisco di utilizzare Condivisione internet. Si tratta di una funzione predefinita di macOS, la quale, come intuibile dal nome stesso, permette di condividere una rete cablata in modalità wireless oppure di effettuare l’operazione inversa, vale a dire di trasformare una rete wireless in cablata, al fine di collegare i dispositivi che non supportano la connessione senza fili.

Per attivare e sfruttare la funzionalità in questione, clicca sull’icona di Preferenze di Sistema (quella con la ruota d’ingranaggio) posta sulla barra Dock e, nella finestra che compare sulla scrivania, seleziona la voce Condivisione.

A questo punto, seleziona prima la dicitura Condivisione Internet nella barra laterale di sinistra e poi il tipo di connessione che desideri condividere dal menu a tendina Condividi la tua connessione da situato a destra.

Scegli quindi a selezionare il tipo di tecnologia da usare per propagare il segnale dell’hotspot, spunta la casella accanto alla voce Condivisione Internet nella barra laterale di sinistra e, nell’ulteriore finestra che si apre, fai clic sul pulsante Avvia.

Per impostazione predefinita, l’hotspot generato dal Mac non è protetto da password. Se vuoi impostare una, clicca sul pulsante Opzioni Wi-Fi posto in basso a destra e, nella finestra che si apre, scegli l’opzione WPA2 Personal dal menu a tendina Sicurezza.

Quando non ne avrai più bisogno, potrai disattivare la funzione per la condivisione della connessione recandoti nuovamente nelle Preferenze di Sistema di macOS, facendo clic sull’icona di Condivisione e togliendo la spunta dalla casella accanto alla voce Condivisione Internet.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.