Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come capire se un cellulare ha due SIM

di

I tuoi parenti ti hanno regalato un nuovo smartphone. Ne sei rimasto molto contento, anche perché questa sarà una buona occasione per acquisire maggiore dimestichezza con la tecnologia. Prima però vorresti toglierti un dubbio: poiché sul tuo precedente cellulare utilizzavi due SIM, vorresti capire se anche il nuovo smartphone che hai ricevuto in regalo permette di utilizzare due schede contemporaneamente, ma non sai proprio come riuscirci.

Non ti preoccupare: se le cose stanno così e ti domandi, dunque, come capire se un cellulare ha due SIM, sarai felice di sapere che sono pronto a fornirti il mio aiuto al riguardo. Nel corso dei prossimi capitoli, infatti, ti spiegherò come ottenere quest’informazione tramite le specifiche tecniche del tuo dispositivo, oltre che tramite l’IMEI e il menu delle impostazioni del sistema operativo con cui è equipaggiato il dispositivo.

Allora, sei pronto per iniziare? Sì? Benissimo: mettiti seduto bello comodo e prendi in mano il tuo smartphone. Segui attentamente le istruzioni che sto per fornirti e ti assicuro che, in men che non si dica, riuscirai nell’intento che ti sei proposto. Arrivati a questo punto, a me non resta altro che augurarti una buona lettura e farti un grosso in bocca al lupo per tutto.

Indice

Controllare le specifiche tecniche

dualSIM

Se ti domandi come capire se un cellulare ha due SIM, il primo consiglio che ti do è quello di verificare le specifiche tecniche del tuo dispositivo.

Prima di spiegarti in che modo compiere quest’operazione, però, lascia che ti chiarisca una cosa importante: al momento attuale, soltanto i dispositivi Android supportano in maniera completa la modalità dual SIM. Gli iPhone, invece, non hanno mai avuto un vano in cui inserire fisicamente due SIM. Le uniche eccezioni riguardano i modelli più recenti: iPhone XS, iPhone XS Max e iPhone XR, che però offrono il supporto dual SIM solo attraverso l’utilizzo combinato di una nano-SIM fisica e un’eSIM, cioè una SIM digitale che sia attiva tramite l’operatore telefonico (ma che ancora non è disponibile in Italia per quel che concerne gli smartphone).

Detto ciò, veniamo a noi. Come già detto, la presenza del supporto al dual SIM è una caratteristica che viene indicata nella scheda tecnica dello smartphone. Quindi se, per esempio, hai acquistato il tuo telefono su Amazon, potresti trovare quest’informazione nel nome del prodotto e nella sezione Dettagli prodotto, che indica tutte le specifiche del dispositivo.

Amazon

In alternativa, puoi sempre controllare le specifiche tecniche pubblicate sul sito Web ufficiale del produttore (ad esempio facendo una ricerca su Google del tipo "[modello smartphone] caratteristiche tecniche".

Ti consiglio, inoltre, di dare un’occhiata alla mia guida sui migliori cellulari dual SIM, in cui ti ho illustrato i migliori smartphone di questo tipo.

Controllare l’IMEI

Imei

Se, per qualche motivo, non dovessi riuscire a trovare informazioni riguardanti il supporto dual SIM nelle specifiche tecniche del tuo dispositivo, puoi capire se un cellulare ha due SIM tramite l’IMEI. Infatti, se uno smartphone è dual SIM sarà dotato di due codici IMEI.

La prima soluzione che puoi mettere in atto per verificare l’IMEI è eseguibile su qualsiasi marca e modello di smartphone. Per procedere, infatti, basta avviare il dialer (l’app con cui si fanno le chiamate tradizionali) sul dispositivo e, nella schermata relativa alla composizione del numero, digitare il codice *#06#.

Fatto ciò, se il cellulare in tuo possesso è dual SIM, ti verranno, in automatico, indicati sullo schermo due codici IMEI di 15 cifre ciascuno.

In alternativa, per verificare l’IMEI puoi agire tramite il menu delle Impostazioni di Android. Pigia, quindi, sull’app con il simbolo dell’ingranaggio presente nella home screen del tuo dispositivo e raggiungi il menu Info sul telefono > Stato > Dati IMEI.

A questo punto, ti verrà indicato il codice IMEI dello smartphone: nel caso in cui questo supporti il dual SIM, troverai due distinti codici IMEI contrassegnati dalle diciture IMEI (Slot 1) e IMEI (Slot 2).

Impostazioni IMEI

Infine, non dimenticare che, in alcuni casi, puoi controllare l’IMEI anche aprendo fisicamente il cellulare e controllando le etichette interne. A tal proposito, in caso di dubbi o problemi, fai riferimento alle indicazioni che ti ho fornito nella mia guida su come controllare l’IMEI.

Controllare le impostazioni

Dual SIM

Puoi ottenere informazioni riguardanti il supporto al dual SIM di uno smartphone anche agendo tramite le Impostazioni di Android.

Per compiere quest’operazione, fai tap sull’app con il simbolo dell’ingranaggio situata nella home screen o nel drawer del tuo smartphone (la schermata con la lista di tutte le app installate su quest’ultimo), dopodiché, nella schermata successiva che ti viene mostrata, fai tap sulla dicitura Schede SIM.

Se il dispositivo in tuo possesso supporta la modalità dual SIM, potrai trovare indicata la dicitura Slot della SIM 1 e Slot della SIM 2, a conferma della possibilità di inserire due schede SIM.

Aprire il cellulare

SIM

Per finire, se nonostante le soluzioni indicate nei precedenti capitoli, non sei ancora riuscito a sapere se il tuo smartphone è dual SIM o meno, ti consiglio di mettere in atto una soluzione alternativa che prevede l’apertura fisica del cellulare.

Infatti, in alcuni modelli di smartphone, smontando prima la cover situata sul e poi la batteria, permettono di accedere al vano che serve per inserire la SIM. In questo modo, potrai capire a colpo d’occhio se lo smartphone da te in uso è dual SIM (in quanto saranno presenti due distinti vani per inserire la SIM) o meno. Da notare che, in alcuni casi, lo slot della seconda SIM è in comune con quello della microSD, quindi se hai inserito una scheda di memoria nel telefono, potresti aver "nascosto" quello che in realtà è anche un vano SIM secondario.

Se lo smartphone da te in uso non può essere fisicamente aperto, in quanto formato da un blocco unico di metallo, quasi sicuramente c’è uno sportellino laterale in cui inserire la SIM, solitamente estraibile mediante l’inserimento di una graffetta di metallo in un apposito foro. In tal caso, aprendo tale sportello puoi capire a colpo d’occhio se lo smartphone è dual SIM, in quanto, ovviamente, vi saranno due slot in cui inserire le schede.

A tal proposito, in caso di dubbi o problemi, fai riferimento ai miei tutorial su come aprire il cellulare, come per esempio quello in cui ti spiego come aprire uno smartphone Samsung, uno a marchio Wiko oppure quella dedicata all’inserimento della SIM sui dispositivi Huawei.