Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come creare Texture Pack Minecraft

di

Ti piace molto giocare a Minecraft, lo storico titolo sandbox di Mojang diventato uno dei videogiochi più famosi al mondo, e sai bene quanto nel mondo dei “cubetti” l’unico limite alle proprie possibilità di giocare sia la propria fantasia. Per questo motivo, ti sei messo alla ricerca di nuovi modi per personalizzare il gioco e sei venuto a conoscenza della possibilità di creare pacchetti di texture personalizzati (cioè degli elementi visivi in grado di cambiare l’aspetto del mondo di gioco), ma non hai ancora ben capito come avvalertene.

Le cose stanno così, vero? Allora sappi che sei capitato proprio nel posto giusto. In questa guida, infatti, ti spiegherò nel dettaglio come creare Texture Pack per Minecraft prendendo in considerazione le varie edizioni di Minecraft, sia per computer che per dispositivi mobili.

Coraggio: perché sei ancora lì fermo a fissare lo schermo? Scommetto che non vedi l’ora di poter creare le tue texture e ammirare il risultato finale. Forza allora, ti basta solamente leggere le rapide istruzioni che trovi di seguito e mettere in pratica. A me non resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e buon divertimento!

Indice

Informazioni preliminari

Texture pack Minecraft

Prima di entrare nel dettaglio della procedura su come creare Texture Pack per Minecraft, ritengo possa interessarti saperne di più in merito a questa possibilità.

Ebbene, come già accennato in precedenza, le texture non sono altro che degli elementi visivi che vanno a cambiare il look del mondo di gioco. Ad esempio, è possibile cambiare le texture di default con quelle in HD, in modo da rendere più dettagliato l’impatto visivo del gioco (come ti ho spiegato in un altro tutorial), oppure è possibile semplicemente creare dei contenuti visivi personalizzati per dare un tocco di originalità al gioco.

In parole povere, stiamo parlando di immagini bidimensionali che vengono applicate su modelli tridimensionali, andando così a costituire gli elementi visivi che il giocatore può ammirare a schermo. Per capire ancora meglio quanto appena affermato, puoi trovare un esempio di texture anche nella mia guida su come avere il mantello su Minecraft.

Alba Minecraft

In ogni caso, l’obiettivo di questo tutorial è quello di consentirti di modificare gli elementi di gioco con delle texture create direttamente da te. Per farti un esempio concreto, spesso gli utenti vogliono cambiare gli elementi presenti all’interno del gioco.

Ad esempio, alcune persone vogliono inserire la propria iniziale sul vestiario oppure modificare il colore di un elemento. Insomma, l’unico limite alle possibilità offerto dalle texture è la fantasia e in questa guida ti illustrerò come esprimerti creativamente su Minecraft tramite questo strumento.

Come creare una Texture Pack per Minecraft

Dopo le doverose premesse di cui sopra, direi che sei pronto per passare all’azione e creare il tuo pacchetto di texture in Minecraft. Qui sotto trovi tutte le indicazioni del caso.

Trovare la cartella Texture Pack

Cartella Minecraft Jar

Come spiegato nel capitolo introduttivo del tutorial, gli utenti di Minecraft possono personalizzare gli elementi presenti all’interno del mondo di gioco tramite pacchetti di texture. Per questo motivo, la prima cosa da fare è trovare la cartella dedicata alle texture di default, che verranno utilizzate come base. La versione del gioco a cui mi riferisco è quella Java per PC.

Ebbene, su Windows il percorso da seguire è C:\Users\[nome utente]\AppData\Roaming\.minecraft\versions\[versione], mentre su macOS è ~/Library/Application Support/minecraft/versions/[versione]. Se non riesci a raggiungere il percorso su Windows, ti invito a consultare il mio tutorial su come visualizzare le cartelle nascoste.

Una volta entrato nella cartella dedicata alla versione di Minecraft a cui sei solito giocare, troverai un file jar. A questo punto, è necessario estrarre i file presenti all’interno di quest’ultimo. Per farlo, puoi usare un qualsiasi programma per file zip, come 7-Zip o WinRAR.

Estrai texture Minecraft

Per farti un esempio concreto, ti spiegherò come procedere da Windows utilizzando 7-Zip. Una volta identificato il file jar, nel mio caso 1.16.1.jar, premi con il tasto destro del mouse sopra di esso e seleziona le voci Apri con > Scegli un’altra app dal menu contestuale. Dopodiché seleziona 7-Zip File Manager e fai clic sul pulsante OK.

Il file jar verrà così aperto con il programma indicato. Recati, dunque, nel percorso assets > minecraft ed entra nella cartella textures. Seleziona poi quest’ultima e clicca prima sul pulsante Estrai e in seguito su quello OK, magari estraendo la cartella sul desktop per averla sempre a portata di mano.

Creare un Texture Pack

Cartella Texture Minecraft

Perfetto, ora hai a disposizione il texture pack di default. A questo punto, è arrivo il “momento clou”: la fase di creazione del pacchetto di texture.

Per dare un’occhiata alle immagini, ti basta aprire la cartella textures ed entrare in una delle cartelle contenute al suo interno, che rappresentano i vari elementi presenti nel gioco. Ad esempio, entrando nella cartella item troverai le texture di default relative a tutti gli oggetti che solitamente si trovano nell’inventario di gioco.

Scegli, dunque, l’oggetto che vuoi modificare e apri la sua immagine con un editor qualsiasi, ad esempio Paint su Windows, se non hai particolari competenze a livello grafico. In alternativa, ti consiglio di dare un’occhiata alla mia guida ai programmi per modificare immagini.

Qui entra in gioco la tua fantasia, dato che puoi modificare tutti gli oggetti presenti all’interno di Minecraft. Conta che stiamo parlando di immagini molto piccole, quindi è necessario utilizzare la visualizzazione in modalità zoom (mi raccomando, non modificare le immagini in termini di dimensioni) e risulta anche difficile inserire alcuni elementi, come foto, all’interno delle stesse, quindi è meglio limitarsi ad applicare piccoli cambiamenti estetici.

Tricolore Minecraft

La modifica più semplice da fare è, chiaramente, quella che riguarda il colore dell’oggetto, ma in realtà si possono fare molte altre modifiche. Per farti un esempio concreto, io ho deciso di modificare la corazza di diamante piazzandoci la bandiera italiana (ricordati di modificare anche il file presente nel percorso models > armor per rendere completa la modifica nel caso delle armature). Inoltre, ho colorato di blu il pane e ho messo una mia foto al posto della Luna.

Una volta effettuate tutte le modifiche del caso, ricordati di salvarle. A questo punto, è arrivata l’ora di inserire le texture modificate all’interno di Minecraft.

Per procedere, crea una nuova cartella e chiamala, ad esempio, Texture pack modificate. Sposta, dunque, la cartella textures all’interno di quella che hai appena creato. Successivamente crea, all’interno della cartella che hai realizzato, un file di testo chiamato pack.mcmeta (fai attenzione al fatto che sia proprio un .mcmeta come estensione e non .txt). Su Windows, potresti dover premere sulla voce Visualizza, presente in alto su Esplora file, e spuntare la casella Estensioni nomi file.

Una volta aperto il file .mcmeta con un qualsiasi editor di testo (ad es. il Blocco Note), al suo interno dovrai inserire delle indicazioni in merito alla tipologia di pacchetto e alla sua descrizione. Il numero del formato del pacchetto dipende dalla versione di Minecraft a tua disposizione. Ad esempio, io ho utilizzato la versione 1.16.1 del gioco e, dunque, il formato è il 5.

File di testo Texture

Se anche tu stai utilizzando questa versione del gioco, puoi inserire all’interno del file di testo il seguente codice: {"pack":{"pack_format":5,"description":"Texture Pack Aranzulla"}}. Ovviamente, puoi cambiare la descrizione nel modo che preferisci. Se vuoi maggiori informazioni in merito a come si può modificare ulteriormente questo file, ti consiglio di consultare la wiki di Minecraft (in inglese).

Dopo aver concluso le modifiche al file. Ritorna all’interno della cartella delle texture ed estrai in quest’ultima la cartella assets presente all’interno del file jar della versione di Minecraft che hai scelto. Puoi fare tutto nello stesso modo in cui hai estratto quella delle texture nel capitolo precedente. Dopodiché, dovrai sostituire la cartella texture di default con quella che hai appena modificato. Alla fine, dovrai avere il percorso assets > minecraft > textures (modificata).

Una volta fatto ciò, devi creare un file ZIP contenente la cartella assets, che contiene le due cartelle di cui sopra (una dentro all’altra), e il file pack.mcmeta che hai creato in precedenza. Dopodiché, sposta il file compresso nel percorso C:\Users\[nome utente]\AppData\Roaming\.minecraft\resourcepacks su Windows oppure nel percorso ~/Library/Application Support/minecraft/resourcepacks su macOS.

Cartella Resource Pack Minecraft

A questo punto, avvia Minecraft, ovviamente nella giusta versione, e crea una nuova partita in modalità Creativa. Premi, dunque, il pulsante Esc della tastiera e recati nel percorso Opzioni > Pacchetti di risorse. Se tutto è stato svolto correttamente, troverai il tuo pacchetto di texture.

Premi, dunque, su di esso e vedrai che verrà spostato sulla destra. Dopodiché, fai clic per 2 volte sul pulsante Fatto, attendi l’eventuale caricamento e avrai il pacchetto di texture disponibile all’interno del gioco.

A questo punto, ti basta premere il pulsante E della tastiera e cercare gli elementi che hai modificato tramite l’icona della bussola presente in alto a destra. In alternativa, se hai modificato aspetti dell’ambiente di gioco, come la Luna, ti basta attendere che essa compaia.

Aranzulla Minecraft

Ottimo, adesso conosci tutto quello che c’è da sapere in merito alla possibilità di creare Texture pack modificati nella versione Java di Minecraft per PC.

Come creare una Texture Pack per Minecraft PE

Pacchetto di risorse Minecraft

Come dici? Ti stai chiedendo come creare un Texture Pack per la versione di Minecraft per dispositivi mobili? Non preoccuparti, ti spiego subito come fare. Ma ti avviso: ti servirà un PC.

Ebbene, per procedere devi partire dal pacchetto di texture di default per la versione Bedrock del gioco (cioè la versione di Minecraft per Windows 10, smartphone, tablet e console per videogiochi). Per scaricare quest’ultimo, ti basta collegarti al sito ufficiale di Minecraft, scorrere la pagina e fare clic sul collegamento pacchetti di risorse.

In questo modo, verrà scaricato il file Vanilla_Resource_Pack_[versione].zip, ovviamente compatibile con l’ultima versione del gioco per dispositivi mobili. A questo punto, estrai il file .zip, magari sul desktop per avere una maggiore comodità.

Creazione ZIP Minecraft PE

Vedrai comparire diverse cartelle, tra cui quella textures. Perfetto, ora il metodo con cui procedere per modificare le immagini contenute in essa è esattamente quello che ti ho illustrato nel capitolo dedicato alla versione Java di Minecraft.

Ci sono tuttavia delle divergenze con le istruzioni per PC. Infatti, in questo caso il file da modificare è quello manifest.json: ti consiglio di aprirlo con un editor di testo (es. Blocco Note) e cambiare semplicemente le variabili description e name.

Modifica manifest Minecraft PE

Inoltre, alla fine, devi cambiare il formato del file ZIP (che in questo caso contiene tutte le cartelle che hai estratto) in .mcpack e copiarlo all’interno della memoria del tuo dispositivo mobile. Per maggiori dettagli, ti consiglio di consultare la mia guida su come trasferire file da PC a telefono.

Aprire file mcpack smartphone

Una volta fatto ciò, devi spostarti sul dispositivo mobile e utilizzare un file manager che consenta di aprire il file .mcpack direttamente con Minecraft. Ad esempio, io ho utilizzato FX File Explorer, scaricabile gratuitamente dal Play Store di Google o da store alternativi.

Una volta aperto quest’ultimo, raggiungi la cartella in cui hai salvato il file .mcpack, tieni premuto su di esso e fai tap prima sull’icona dei tre puntini e in seguito sulla voce Open With. Infine, premi sull’icona di Minecraft, concedi l’autorizzazione e il gioco si aprirà e ti confermerà l’avvenuta importazione del pacchetto di texture.

Una volta avviato il gioco, fai tap sul pulsante Impostazioni, recati nella scheda Risorse globali, espandi la voce I MIEI PACCHETTI, fai tap sul pacchetto di texture personalizzate e premi sul tasto Attiva.

Come creare una Texture Pack per Minecraft PE

A questo punto, torna nel menu principale e recati nel percorso Gioca > Crea nuovo > Nuovo mondo > Crea nuovo mondo e scegli la modalità Creativa. Dopodiché, spostati nella scheda Pacchetti di risorse ed espandi la voce I MIEI PACCHETTI. Fai, dunque, tap sul tuo pacchetto personalizzato e premi sul pulsante Attiva.

Perfetto, adesso non ti resta che premere sul tasto Crea per iniziare a giocare. Se tutto è stato svolto correttamente, troverai gli elementi che hai modificato. Per cercarli, ti basta premere sui tre puntini presenti in basso a destra, fare tap sull’icona della lente presente sulla sinistra e digitare il nome dell’elemento che hai modificato.

Texture pack modificato Minecraft PE

Se, invece, hai cambiato elementi dell’ambiente, ti basterà scorrazzare per la mappa per notare le modifiche. Ottimo, adesso hai imparato correttamente ad esprimere la tua creatività tramite i texture pack per Minecraft, sia per quanto riguarda la versione PC che per quella per dispositivi mobili.

Aranzulla su Minecraft PE

Visto che sei un appassionato del titolo di Mojang, per concludere, mi sento di consigliarti di dare un’occhiata alla pagina del mio sito dedicata a Minecraft, dove puoi trovare parecchi tutorial che potrebbero fare al caso tuo.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.