Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Programmi per ZIP

di

Hai la necessità di inviare alcuni file molto "pesanti" ai tuoi amici e, prima di procedere in tal senso, hai pensato bene di zipparli, ovvero comprimerli con un software adatto. Non avendo mai fatto un’operazione di questo genere, però, non ti dispiacerebbe ricevere qualche delucidazione su quali programmi per ZIP utilizzare a tale scopo. Beh, se le cose stanno così, non ci sono dubbi: sei capitato nel posto giusto al momento giusto!

Nei prossimi paragrafi di questa guida, infatti, avrò modo di spiegarti come usare al meglio alcuni dei principali software di compressione tra quelli disponibili. Ce ne sono un’infinità: alcuni sono gratuiti, altri sono a pagamento (utilizzabili, comunque, per brevi periodi di prova) e altri ancora sono fruibili online, sotto forma di applicazioni Web. Qualora la cosa ti interessasse, poi, nell’ultima parte del tutorial ti elencherò qualche app per dispositivi mobili adatta allo scopo.

Allora, sei pronto per iniziare? Sì? Molto bene: mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo che ti occorre per concentrarti sulla lettura dei prossimi paragrafi e, cosa ancora più importante, cerca di mettere in pratica le "dritte" che ti darò. A me non resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e farti un grosso in bocca al lupo per tutto!

Indice

Programmi per ZIP gratis

Iniziamo questa guida facendo la conoscenza di alcuni programmi per ZIP gratis destinati a Windows e macOS, i quali, oltre a essere gratuiti, sono anche molto semplici da utilizzare.

Funzioni predefinite di Windows e macOS

Foto di una donna che usa un computer portatile

Prima di guidarti nell’installazione di programmi di terze parti, ti consiglio di pensare all’utilizzo delle funzioni predefinite di Windows e macOS per comprimere e decomprimere file ZIP. Probabilmente le conosci già, ma in ogni caso permettimi di rinfrescarti la memoria.

Se possiedi un PC Windows, per comprimere dei file o delle cartelle, devi semplicemente selezionare quelli di tuo interesse, fare clic destro sulla selezione fatta e scegliere le voci Invia a > Cartella compressa dal menu che si apre.

Zippare su Windows

Per decomprimere un archivio ZIP, invece, devi fare clic destro su di esso, selezionare la voce Estrai tutto dal menu contestuale e, nella finestra che si apre, cliccare sul pulsante Estrai. In alternativa, fai doppio clic sull’archivio di tuo interesse e trascina i file presenti in esso in una posizione qualsiasi.

Se utilizzi macOS, puoi contare su una funzione simile a quella disponibile su Windows per creare e aprire archivi compressi. Adesso ti spiego come usufruirne.

Per comprimere dei file o delle cartelle, seleziona gli elementi di tuo interesse, fai clic destro sulla selezione fatta e clicca sulla voce Comprimi [N] elementi presente nel menu contestuale.

Zippare su macOS

Per decomprimere un archivio ZIP, invece, fai doppio clic su di esso e attendi che la procedura di estrazione venga portata a termine (dovrebbero volerci pochi istanti).

I file estratti verranno salvati nella cartella di origine dell’archivio.

7-Zip (Windows)

7-Zip

7-Zip è uno dei migliori programmi per la gestione degli archivi compressi su Windows. È gratuito, open source e offre la possibilità di zippare e unzippare file in maniera estremamente facile e veloce, permettendo persino di creare archivi cifrati (come ti ho spiegato in quest’altra guida).

Per scaricarlo sul tuo PC, collegati alla sua pagina di download e clicca sulla voce Download situata in corrispondenza della versione di Windows installata sul tuo PC (32 bit  o 64 bit). 

Al termine del download, avvia il file .exe che hai ottenuto e, nella finestra che si apre, clicca prima sul pulsante  e poi sui pulsanti Install e Close, per ultimare il setup.

A questo punto, per zippare file o cartelle con 7-Zip, non devi far altro che selezionare gli elementi di tuo interesse, fare clic destro sulla selezione fatta e scegliere le voci 7-Zip > Aggiungi all’archivio… dal menu contestuale. Nella finestra apertasi, seleziona quindi la tipologia di archivio che intendi creare (es. Zip) tramite il menu Formato dell’archivio e scegli il suo livello di compressione dall’apposito menu (es. Ultra, per comprimere l’archivio al massimo).

In conclusione, digita il nome da assegnare all’archivio nel campo Nome archivio, clicca sul pulsante OK e il gioco è fatto. Al termine della procedura, l’archivio ZIP che hai ottenuto si troverà nella medesima posizione in cui era collocata la cartella o il file di origine.

Naturalmente, 7-Zip è utile anche per decomprimere archivi ZIP: per riuscirci, basta fare clic destro sopra uno di essi e selezionare una voce tra 7-Zip > Estrai qui o 7-Zip > Estrai i files (per estrarre i file, rispettivamente, nella posizione corrente oppure in un’altra posizione) e il gioco è fatto.

Keka (macOS)

Keka

Se usi un Mac, puoi avvalerti di Keka: un programma gratuito che permette di aprire e creare archivi compressi in formato ZIP e in molteplici altri formati. La sua interfaccia utente, molto semplice e intuitiva, lo rendono adatto anche a chi non ha molta dimestichezza con il mondo dell’informatica. Il software, come già detto, è gratuito, ma ti segnalo la possibilità di acquistare dal Mac App Store la sua versione a pagamento (3,49 euro), al fine di supportarne lo sviluppo.

Per scaricare Keka gratuitamente, recati sulla sua pagina di download del programma, fai clic sul pulsante Scarica vx.x.xx. A scaricamento ultimato, apri il pacchetto .dmg che hai ottenuto e sposta Keka nella cartella Applicazioni di macOS.

Successivamente, fai clic destro sull’icona di Keka presente nella cartella Applicazioni e seleziona la voce Apri, per due volte consecutive, così da "bypassare" le restrizioni imposte da macOS verso le applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati (bisogna farlo soltanto al suo primo avvio).

A questo punto, nella finestra situata sulla sinistra, seleziona il formato ZIP dal menu a tendina posto in alto a destra, scegli il metodo di compressione che preferisci utilizzare (servendoti dell’apposita barra di regolazione) e utilizza gli altri menu e voci disponibili, per personalizzare le impostazioni del programma in base alle tue esigenze.

Successivamente, trascina nella finestra di Keka i file o le cartelle che vuoi comprimere e rilascia gli elementi in questione in corrispondenza della dicitura Rilascia qui per comprimere: in questo modo, verrà creato un archivio compresso, che verrà salvato nella stessa posizione in cui si trovavano i file e/o le cartelle di origine.

Per decomprimere un archivio con Keka, invece, non devi far altro che trascinare quest’ultimo nella sua finestra principale e, quando vedi comparire la dicitura Rilascia qui per estrarre, rilasciarlo lì. I file estratti vengono salvati nella cartella dell’archivio di origine.

Programmi per ZIP e RAR

Desideri provare dei software in grado di creare e aprire archivi ZIP e RAR, anche a pagamento? Allora dai un’occhiata ai seguenti programmi per ZIP e RAR, disponibili per sia Windows che per macOS.

WinRAR (Windows)

WinRAR

La prima soluzione che ti consiglio di provare è WinRAR: un famosissimo gestore di archivi compressi che permette di creare e aprire file ZIP e RAR in modo piuttosto semplice. Costa 36,54 euro, ma è possibile testarlo gratuitamente per un periodo di prova di ben 40 giorni, al termine del quale il programma continua a funzionare ma mostrando con una certa insistenza dei banner che consigliano l’acquisto della sua licenza e impedendo di creare archivi RAR cifrati.

Per scaricare WinRAR sul tuo computer, recati sul suo sito Web ufficiale e pigia sul pulsante Preleva, che si trova in corrispondenza della versione di Windows installata sul tuo computer (a 64 bit o a 32 bit), nella sezione Ultima versione – x.x.

A download ultimato, apri il file .exe che hai scaricato e, nella finestra apertasi, clicca sui pulsanti e Installa. Seleziona, dunque, i tipi di file che desideri aprire automaticamente con WinRAR e, infine, clicca sui pulsanti OK e Chiudi, per concludere il setup.

A questo punto, seleziona i file e le cartelle che vuoi comprimere, fai clic destro su una di essi e scegli la voce Aggiungi a un archivio dal menu che si apre. Nella finestra successiva, seleziona l’opzione ZIP o RAR dalla sezione Formato archivio e scegli il metodo di compressione che preferisci utilizzare dal menu apposito.

Per decomprimere un archivio, invece, fai clic destro su di esso, seleziona la voce Estrai i file dal menu contestuale e, dopo aver indicato posizione di output desiderata, modalità di aggiornamento e modalità di sovrascrittura desiderati, clicca sul pulsante OK che si trova in basso. Se, dopo aver fatto clic destro sull’archivio di tuo interesse, selezioni la voce Estrai qui dal menu contestuale, i file verranno estratti nella posizione corrente.

WinZip (Windows/macOS)

WinZip

Anche WinZip può esserti utile per creare e aprire archivi ZIP e RAR, sia su Windows che su macOS. Al pari di WinRAR, anche questo software è a pagamento: costa 36,54 euro, ma è possibile utilizzarlo per un periodo di prova di 22 giorni.

Per scaricare WinZip su Windows, recati sul suo sito Web ufficiale e clicca sul bottone PROVALO GRATIS. A scaricamento completato, apri il file .exe che hai ottenuto e clicca sui pulsanti  e Avanti (per due volte di seguito). Al termine dell’installazione dei pacchetti del programma (che dovrebbe avvenire in pochi minuti), fai clic sul pulsante Fine, per chiudere la finestra.

Ora, scegli di attivare la versione di prova di WinZip, cliccando sul pulsante Usa la versione di valutazione, e poi premi sul pulsante Chiudi, per proseguire.

Per creare un archivio compresso con WinZip, seleziona i file o le cartelle di tuo interesse, fai clic destro sulla selezione fatta e scegli le voci WinZip > Aggiungi all’archivio zip dal menu che si apre.

In alterativa, se preferisci, apri direttamente il programma, serviti della barra laterale situata a sinistra per selezionare i file di tuo interesse e clicca sul pulsante Aggiungi a zip, posto in basso a sinistra, per effettuare l’operazione.

WinZip

Per estrarre i file da un archivio compresso, invece, trascina quest’ultimo nella finestra principale di WinZip, clicca sul pulsante Decomprimi su situato sulla destra e il gioco è fatto. In alternativa, se hai associato WinZip agli archivi ZIP, puoi aprire questi ultimi tramite un semplice doppio clic sulle loro icone.

Usi un Mac? Allora lascia che ti spieghi come scaricare e utilizzare WinZip anche su macOS. Innanzitutto, recati su questa pagina e fai clic sul pulsante DOWNLOAD TRIAL. A scaricamento completato, apri il pacchetto .dmg che hai ottenuto, trascina l’icona del programma nella cartella Applicazioni di macOS, fai clic destro su di essa e seleziona la voce Apri per due volte di seguito (questo va fatto soltanto al suo primo avvio e serve a "bypassare" le restrizioni di Apple verso i software provenienti da sviluppatori non certificati).

Nella finestra che si apre, clicca poi sul pulsante Agree, recati nel menu WinZip > Preferences dell’applicazione (in alto a sinistra, nella barra dei menu di macOS) e, dopo aver cliccato sulla scheda File Types, seleziona i tipi di file da aprire in modo automatico con WinZip (es. ZIP, RAR, etc.). Così facendo, ti basterà un doppio clic sulle icone dei file ZIP, RAR, etc. per aprirli con WinZip.

Per creare un nuovo archivio, invece, dopo aver avviato WinZip, clicca sul pulsante (+) Add posto nella parte superiore della sua finestra principale e decidi se comprimere file o cartelle provenienti dal tuo Mac (From this Mac) oppure da un servizio di cloud storage tra quelli supportati (es. iCloud Drive, Dropbox, Google Drive, OneDrive, etc.).

Seleziona, dunque, i file o le cartelle da includere nell’archivio, clicca sul pulsante Save as situato sulla destra e decidi se salvare l’archivio in locale o su uno dei servizi di cloud storage tra quelli superati.

WinZip per Mac

Per decomprimere un archivio, puoi anche agire in quest’altro modo: dopo aver aperto WinZip, trascina l’archivio compresso di tuo interesse nella finestra principale dell’applicazione, seleziona (tenendo premuto il tasto cmd) i file che vuoi effettivamente estrarre, clicca sul pulsante Unzip posto in basso a sinistra e, dopo aver scelto se salvarli in locale o su uno dei servizi di cloud storage tra quelli disponibili, conferma l’operazione, cliccando sul pulsante Unzip presente nel menu che si apre.

Programmi per ZIP online

EzyZip

Hai intenzione di zippare e unzippare file e cartelle online? È possibile fare anche questo: per riuscirci, basta avvalersi di soluzioni come di ezyZip. Si tratta di un’applicazione Web gratuita che permette di creare e aprire archivi compressi in maniera semplicissima, direttamente dal browser e senza installare alcun plugin aggiuntivo.

Solo un paio di precisazioni prima di descriverti il suo funzionamento: ezyZip permette di selezionare solo file singoli (quindi non in gruppo) e, inoltre, non permette di aprire archivi compressi cifrati. Tutto chiaro? Bene, allora passiamo all’azione!

Per avvalerti di ezyZip, recati sulla sua home page, clicca su una scheda tra Comprimi o Decomprimi (a seconda dell’operazione che vuoi effettuare), clicca sul pulsante Scegli file e seleziona i file che hai intenzione di comprimere o decomprimere.

Successivamente, clicca sui pulsanti Comprimi file e Salva il file zip, se hai scelto di comprimere dei file, oppure clicca sui pulsanti pulsante Estrai e Salva (l’icona del floppy disk posto in corrispondenza di ciascun file di tuo interesse), per estrarre i file presenti in un archivio compresso.

Programmi ZIP per Android e iPhone

Zippare da smartphone e tablet

Concludiamo questo tutorial con alcuni programmi ZIP per Android e iPhone o, meglio, con alcune app che ti saranno sicuramente utili per comprimere e decomprimere file e cartelle dal tuo smartphone e/o dal tuo tablet.

  • WinZip (Android/iOS) — si tratta della versione mobile del celeberrimo programma che permette di gestire archivi ZIP da computer (se ricordi, te ne ho parlato poco fa in uno dei capitoli precedenti della guida). Nella sua versione free permette di comprimere file salvati sul device e aprire file ZIP e RAR, compresi quelli cifrati. Per creare archivi cifrati, invece, bisogna passare alla sua versione a pagamento, che costa 5,49 euro.
  • File (iOS) — è un’app inclusa "di serie" su iPhone e iPad che permette di gestire file e cartelle. Tra le sue tante funzioni, offre anche quella per estrarre gli archivi ZIP, ma non quella per crearli.
  • Documents by Readdle (iOS) — se hai un dispositivo Apple, è probabile che tu conosca già quest’app: si tratta di un file manager sviluppato da Readdle, che permette di aprire e creare archivi ZIP in pochi tap.

Se vuoi approfondire l’utilizzo di queste e altre app per gestire i file ZIP, ti rimando all’approfondimento in cui spiego nel dettaglio come zippare su Android e iOS.