Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

WinRAR – Download

di

WinRAR è una delle migliori applicazioni per la gestione degli archivi compressi disponibili per Windows. Permette di aprire con facilità tutti i principali formati di archivi compressi (ZIP, 7Z, RAR ecc. inclusi gli archivi multivolume) e di creare archivi in formato RAR: una funzione che manca a quasi tutti i prodotti concorrenti.

Il software è a pagamento ma è disponibile in una versione di prova gratuita che permette di sfruttarne tutte le funzioni per 40 giorni. Trascorso il periodo della trial, si perde l’accesso a diverse funzioni avanzate, come ad esempio quella che permette di creare archivi protetti da password; inoltre vengono visualizzati numerosi messaggi pubblicitari che invitano l’utente ad acquistare una licenza, ma il programma continua a funzionare.

WinRAR è compatibile con tutte le principali edizioni di Windows, dal vecchio Windows 2000 al recente Windows 10, ed è disponibile anche in una versione x64 che permette di sfruttare appieno la potenza dei processori a 64 bit. Ha un’interfaccia tradotta completamente in italiano ed è estremamente facile da utilizzare. Proviamo a conoscerlo più da vicino.

Indice

Requisiti per scaricare WinRAR

Logo di WinRAR

Prima di addentrarci nel vivo della guida, direi di vedere i requisiti per scaricare WinRAR. In questo modo, potrai scoprire se il computer in tuo possesso li soddisfa e, in caso affermativo, potrai procedere con l’installazione del programma.

Innanzitutto, sappi che WinRAR è disponibile per tutte le principali edizioni di Windows.

  • Windows XP
  • Windows 2003
  • Windows Vista
  • Windows 2008
  • Windows 7
  • Windows 8/8.x
  • Windows 10

Il programma può essere scaricato e utilizzato gratuitamente, anche se è un software shareware: la licenza costa 36,54 euro (nei periodi promozionali può essere scontato) ed è utilizzabile senza limiti e in modo gratuito per un periodo di prova di 40 giorni.

Al termine della trial, il programma continua a funzionare, ma non permette di utilizzare alcune funzioni avanzate (come quella che consente di creare archivi cifrati) e mostra con una certa frequenza nag screen che invitano l’utente ad acquistare la licenza.

Ci tengo a dirti, inoltre, che WinRAR è disponibile anche per macOS e Linux, ma solo in una versione che funziona da linea di comando, quindi senza interfaccia grafica.

Per quanto riguarda il versante mobile, invece, WinRAR è fruibile sotto forma di app per i dispositivi equipaggiati con Android 4.0 (o versioni successive). Per iOS/iPadOS non è disponibile un’applicazione sviluppata da RARLab, la software house che si occupa dello sviluppo di WinRAR, ma ci sono delle valide alternative alle quali è possibile rivolgersi. Te ne parlerò più avanti.

WinRAR Download gratis italiano

Fatte le dovute premesse di cui sopra, possiamo andare al sodo. Vediamo, quindi, come scaricare WinRAR gratis in italiano. Ti indicherò come scaricare l’applicazione su Windows e su Android e come trovare delle valide alternative sia su macOS che su iPhone e iPad.

WinRAR Download: Windows 10

WinRAR

Per scaricare WinRAR sul tuo PC Windows 10 (e lo stesso dicasi per una qualsiasi altra edizione del sistema operativo Microsoft), devi recarti sul sito Internet del programma e premere sul pulsante Preleva collocato in corrispondenza della dicitura WinRAR per Windows Xp/2003/Vista/2008/7/8/10 a 64 bit o WinRAR per Windows Xp/2003/Vista/2008/7/8/10 a 32 bit, in base alla versione di Windows in uso.

A scaricamento ultimato, apri il file .exe che hai appena scaricato e, nella finestra apertasi sullo schermo, clicca sui pulsanti , Installa, OK e Chiudi, per concludere il setup. Se sei interessato anche a comprendere l’utilizzo del programma, puoi consultare il capitolo che ho dedicato al suo funzionamento.

WinRAR Download: Mac

Keka

Se hai un Mac, come ti ho già detto nelle righe precedenti, dovresti accontentarti di usare WinRAR a linea di comando. Immagino che la cosa non ti entusiasmi, vero? E allora direi di ripiegare su qualche valida alternativa, come il celebre Keka.

Non ne hai mai sentito parlare prima d’ora? In sostanza questa applicazione per macOS consente di estrarre i file RAR e tutti i principali formati di file compressi (7Z, ZIP, etc.). Consente anche di creare archivi compressi nei principali formati (7z, ZIP, TAR, GZIP, BZP2, DMG e ISO; non RAR purtroppo, in quanto si tratta di un formato proprietario che non è possibile includere in programmi free senza pagare una regolare licenza).

Keka è scaricabile gratuitamente da Internet, ma per supportare il suo sviluppo è possibile acquistarlo a pagamento sul Mac App Store al costo di 4,49 euro. Le funzioni comunque, sono le stesse della versione free disponibile sul sito ufficiale.

Per scaricare Keka gratis, recati dunque sulla sua pagina di download, fai clic sul pulsante Scarica vx.x.xx e, a scaricamento completato, apri il pacchetto .dmg che hai ottenuto. Dopodiché trascina l’icona di Keka nella cartella Applicazioni di macOS. Al primo avvio del programma, rispondi Apri all’avviso che compare sullo schermo (per “bypassare le restrizioni di Apple verso i software non certificati) e concedi a Keka tutti i permessi necessari per funzionare.

Per utilizzare Keka devi semplicemente aprire il programma, trascinare nella sua finestra principale l’archivio sei tuo interesse, rilasciarlo in corrispondenza della dicitura Rilascia qui per estrarre, e attendere che la procedura vada a buon fine. Il contenuto che è presente all’interno dell’archivio verrà salvato nella stessa posizione del file RAR originario.

Se hai bisogno di un’applicazione per creare file RAR su Mac, puoi invece affidarti a RAR Archiver, che è disponibile sul Mac App Store al costo di 2,29 euro. Maggiori info qui.

WinRAR Download: smartphone e tablet

RAR

È possibile effettuare il download di WinRAR gratis su smartphone e tablet Android o, per essere più precisi, si può scaricare la trasposizione mobile dell’applicazione, chiamata RAR e sviluppata da RARLab, la software house che sta dietro WinRAR.

L’app è gratis, permette di estrarre archivi nei formati RAR, ZIP, TAR, GZ, BZ2, XZ, 7z, ISO e ARJ, e crearne di nuovi nei formati RAR e ZIP. Da Sottoscrivendo un abbonamento da 1,19 euro/anno è possibile eliminare la pubblicità.

Per scaricare e installare RAR sul tuo device Android, recati nella sua sezione presente sul Play Store e pigia sul bottone Installa (se usi uno smartphone senza i servizi di Google, puoi scaricare il pacchetto apk dell’applicazione dal sito ufficiale di WinRAR)

Dopo aver installato e avviato l’app, concedile dunque i permessi necessari per funzionare e premi sul bottone No, grazie, per non attivare la personalizzazione degli annunci pubblicitari tramite tracciamento.

Per importare il file in formato RAR che intendi aprire con l’app, premi sul bottone (≡) collocato in alto a sinistra, specifica la posizione di tuo interesse e seleziona l’archivio da aprire. Nella nuova schermata apertasi ti verranno mostrati tutti i file presenti nell’archivio.

Nel caso in cui tu voglia estrarre i file in una posizione differente, apponi il segno di spunta accanto ai loro nomi, selezionando l’icona raffigurante i libri e la freccia rivolta verso l’alto (in alto), specifica il percorso di destinazione e premi il pulsante OK (in basso a destra).

Hai intenzione di creare un archivio RAR? In questo caso, dopo aver apposto il segno di spunta accanto ai file da includere nello stesso, fai tap sul simbolo dei libri con la (+) (in alto), regola le impostazioni inerenti la creazione dell’archivio RAR presenti nella nuova schermata apertasi, pigia sul bottone OK e il gioco è fatto.

Se hai un iPhone o un iPad, come già detto, non puoi installare alcuna app ufficiale dedicata all’estrazione o alla creazione degli archivi RAR, tuttavia puoi contare su varie alternative molto valide, ad esempio iZip di cui ti ho parlato approfonditamente in un altro tutorial.

Come usare WinRAR

WinRAR

Se hai scaricato WinRAR su Windows e hai un po’ di difficoltà nell’adoperare il programma, non preoccuparti: sto per spiegarti a grandi linee come usare WinRAR.

Per aprire un archivio in formato RAR, al termine dell’installazione del programma, individua l’archivio in questione, fai doppio clic sulla sua icona e decidi se visualizzare i file contenuti nell’archivio o se estrapolarli in una cartella. Nel primo caso, non devi far altro che individuare i file da visualizzare, fare doppio clic sulla loro icona e attendere qualche secondo affinché WinRAR li elabori.

Nel caso in cui al doppio clic l’archivio non dovesse aprirsi con WinRAR, prova a fare clic destro su di esso e a selezionare le voci Apri con > WinRAR dal menu contestuale. Per rendere WinRAR il programma predefinito per l’apertura degli archivi in formato RAR, invece, segui le indicazioni presenti nel mio tutorial su come cambiare i programmi predefiniti.

Per estrarre il contenuto di un archivio in una cartella, invece, seleziona i file di tuo interesse dalla finestra di WinRAR e trascinali nella cartella di destinazione utilizzando il mouse. In alternativa, se vuoi estrarre tutti i file contenuti in un archivio e copiarli in una cartella, fai clic sul pulsante Estrai in che si trova in alto a sinistra, scegli la cartella in cui copiare i file e avvia l’esportazione dei dati cliccando sul pulsante OK. La durata della procedura varia a seconda dalla quantità e del “peso” dei file da estrarre (oltre che dalla potenza di calcolo del PC ovviamente).

Hai bisogno di estrarre un archivio multivolume suddiviso in più parti? In questo caso devi prima copiare tutti i volumi che lo compongono (es. archivio.part1.rar, archivio.r00, etc.) all’interno della stessa cartella e aprire quello con l’estensione dal valore numerico più basso (es. part1 o 00) o senza numeri nel nome (es. archivio.rar). Il resto della procedura per l’esportazione o l’apertura dei file è identica a quella che abbiamo visto prima insieme per gli archivi singoli.

Vuoi creare un nuovo archivio RAR con WinRAR? In questo caso non devi far altro che selezionare i file da includere nell’archivio, cliccare con il tasto destro del mouse su uno qualsiasi di essi e selezionare la voce Aggiungi ad un archivio dal menu che compare. Nella finestra che si apre, metti dunque il segno di spunta accanto alla voce RAR e digita il nome che vuoi assegnare al file nel campo Nome archivio.

Dopodiché scegli la cartella in cui salvare il file RAR cliccando sul pulsante Sfoglia ed imposta il livello di compressione dell’archivio usando l’apposito menu a tendina. Ricorda: più alto è il livello di compressione e più ridotte sono le dimensioni dell’archivio, però aumentando il livello di compressione si dilatano anche i tempi per la creazione del file RAR. Una volta impostate tutte le preferenze, fai clic su OK e partirà la procedura per la creazione del tuo archivio.

Se vuoi creare un archivio multivolume (suddiviso in più parti) con WinRAR, segui la procedura che abbiamo appena visto insieme per la creazione di un nuovo file RAR e utilizza il menu a tendina Dividi in volumi con dimensione per selezionare il peso che deve avere ciascun “pezzo” dell’archivio. Puoi usare delle misure personalizzate o adottare una delle misure standard presenti nel menu (es. 100MB o 700MB).

Se invece vuoi creare un file RAR protetto da password, clicca sul pulsante Imposta parola chiave, digita la password che vuoi usare per proteggere l’archivio nei campi Inserisci la parola chiave e Reinserisci la parola chiave per verifica della finestra che si apre e clicca su OK due volte consecutive per completare l’operazione.

Se non hai bisogno di creare archivi in formato RAR ma solo di estrarli, puoi anche pensare di sfruttare qualche alternativa gratuita, come 7-Zip per Windows, di cui ti ho parlato in modo approfondito nella mia guida su come aprire file RAR.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.