Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come recuperare conversazioni WhatsApp

di

Hai appena cambiato smartphone e sei disperato perché non riesci a recuperare i messaggi di WhatsApp che avevi sul vecchio telefono? Immagino, dev’essere una bella seccatura ritrovarsi con la schermata principale della tua app di messaggistica preferita completamente vuota… però non gettare la spugna, non è ancora detta l’ultima parola! Anzi, sono convinto che seguendo i miei suggerimenti riuscirai a recuperare conversazioni WhatsApp senza alcun problema.

Per rientrare in possesso dei tuoi messaggi, devi mettere WhatsApp nelle condizioni di “vedere” i vecchi backup, quindi devi installare l’applicazione su un dispositivo associato allo stesso numero di telefono a cui sono associati i backup. Inoltre, se scegli di ripristinare le chat da un servizio cloud come Google Drive o iCloud, il nuovo smartphone deve essere collegato allo stesso account Google o Apple del vecchio telefono (quello usato per generare i backup).

Lo so, descritta così sembra un’operazione un po’ contorta e invece non ti devi preoccupare. In realtà si tratta di una procedura molto semplice che puoi portare a termine nell’arco di pochissimi minuti. Trovi tutte le indicazioni di cui hai bisogno qui sotto. Ti auguro buona lettura e, ovviamente, anche buona fortuna!

Indice

Come recuperare conversazioni WhatsApp Android

Se quello che ti interessa fare è recuperare conversazioni WhatsApp Android, ti comunico che hai dalla tua due modi per riuscirci: uno prevede l’utilizzo di Google Drive (ovvero andando a intervenire online), mentre un altro prevede l’utilizzo dei file di backup generati localmente dall’applicazione (quindi agendo sulla memoria del telefono)

Ovviamente, il backup deve risalire a una data antecedente all’eliminazione della conversazione di tuo interesse. Tieni tuttavia presente che i messaggi ricevuti dopo la data in cui è stato effettuato il backup verranno eliminati in seguito al ripristino dello stesso. Per tutti i dettagli del caso, prosegui nella lettura.

Recuperare conversazioni WhatsApp da Google Drive

Recupero chat WhatsApp backup Google Drive

Se vuoi recuperare conversazioni WhatsApp da Google Drive, c’è bisogno che lo smartphone su cui devono essere ripristinati i messaggi sia associato allo stesso numero di telefono e allo stesso account Google di quello da cui proviene il backup da ripristinare.

Per assicurarti che il tuo smartphone sia associato allo stesso account Google di quello di provenienza del backup di WhatsApp che vuoi ripristinare, prendi il dispositivo, sbloccalo, accedi alla home screen e/o al drawer e seleziona l’icona delle Impostazioni (quella a forma di ruota d’ingranaggio), seleziona la voce Account, quindi il logo di Google dalla schermata che si apre e controlla l’indirizzo di posta elettronica configurato sul telefono.

Se l’account Google configurato sul telefono è lo stesso che era associato allo smartphone da cui proviene il backup di WhatsApp, fa’ direttamente in questo modo: installa (o reinstalla) WhatsApp dal Play Store (oppure dal sito ufficiale, procedendo come ti ho spiegato nella mia guida su come scaricare WhatsApp per Android). Successivamente, avvia l’app e segui la procedura di configurazione iniziale, effettua la verifica del numero e fai tap sul pulsante Ripristina alla richiesta di ripristino del backup individuato su Google Drive.

Ti faccio notare che, per impostazione predefinita, i backup su Google Drive vengono eseguiti in modo automatico ogni giorno. Per sincerarti che sia effettivamente in questo modo e apportare eventuali modifiche, apri WhatsApp, fai tap sul pulsante con i tre puntini in verticale che si trova in alto a destra e seleziona la voce Impostazioni dal menu che compare. In seguito, seleziona la voce Chat, quella Backup delle chat, dopodiché individua la sezione Ultimo backup e verifica la data riportata accanto alla dicitura Google Drive.

Se vuoi cambiare la frequenza con cui viene effettuato il backup, fai tap sulla dicitura Backup su Google Drive che trovi nella sezione Impostazioni Google Drive e seleziona l’opzione che preferisci dal menu che si apre. Puoi anche eseguire un backup al momento, premendo sul pulsante Esegui backup delle chat. Se nei tuoi backup vuoi includere anche i video, il che allungherà i tempi di salvataggio del backup e porterà al consumo di più spazio su Google Drive, sposta su ON l’interruttore accanto all’apposita opzione.

Invece, se l’account Google associato al telefono non è lo stesso che era associato allo smartphone da cui proviene il backup di WhatsApp, prima di mettere in pratica i passaggi per installare (o reinstallare) WhatsApp, configurarne l’uso e ripristinare il backup che ti ho descritto poc’anzi, recati nella sezione Impostazioni > Account di Android e cancella l’account Google configurato attualmente sul device selezionando quest’ultimo, premendo sul pulsante con i tre puntini in verticale collocato in alto a destra e selezionando la voce Rimuovi account dal menu che compare. I dati associati all’account verranno rimossi dallo smartphone, ma resteranno archiviati sul cloud.

Successivamente, torna nel menu Impostazioni > Account di Android e sfiora la dicitura Aggiungi account, dopodiché seleziona il logo di Google, digita i dati d’accesso dell’account Google relativo al backup di WhatsApp e il gioco è fatto. Maggiori informazioni qui.

Recuperare conversazioni WhatsApp da backup locale

Backup WhatsApp locale

Se desideri ripristinare un backup antecedente a quello effettuato su Google Drive oppure se non disponi di backup di WhatsApp sul servizio di cloud storage di casa Google, puoi recuperare conversazioni WhatsApp da backup locale, ovvero scegliendo tra i file di backup che la famosa app di messaggistica salva localmente sulla memoria dello smartphone su cui è installato.

In questo caso specifico, per far sì che fili tutto per il verso giusto è indispensabile che il telefono attualmente in uso risulti associato allo stesso numero di telefono di quello impiegato per generare il backup di WhatsApp.

Ciò detto, sincerati innanzitutto che sia disponibile almeno un backup locale di WhatsApp oppure provvedi a crearne uno. Per riuscirci, apri WhatsApp, fai tap sul pulsante con i tre puntini in verticale situato in alto a destra, seleziona la voce Impostazioni dal menu che ti viene mostrato e sfiora la dicitura Chat nella schermata successiva. Verifica poi quanto riportato accanto alla voce Locale, nella sezione Ultimo backup. Se pensi sia il caso di eseguire un nuovo backup, premi sul bottone Esegui backup.

Adesso, serviti di un qualsiasi file manager (es. Files di Google) per individuare i file di backup da usare per il ripristino delle conversazioni, raggiungendo la cartella \Home\WhatsApp\Databases\ oppure quella \SD\WhatsApp\Databases\ (a seconda se utilizzi uno smartphone con memoria fissa o espandibile) del dispositivo che stai usando.

I file di backup più vecchi si chiamano msgstore-[data] (al posto di [data] c’è la data in cui è stato realizzato il backup), mentre quello più recente è denominato msgstore.db.crypt12. Per far riconoscere a WhatsApp un file di backup antecedente all’ultimo generato automaticamente dall’app, devi rinominarlo in msgstore.db.crypt12. Successivamente, seleziona il file in questione, fai tap sull’icona della condivisone e, dal menu che compare, seleziona l’opzione per auto-inviartelo via email o salvarlo su un servizio di cloud storage.

Se lo desideri, puoi anche genere un backup ancora più recente di quello che si trova nella cartella Databases di WhatsApp. Per riuscirci, avvia WhatsApp, fai tap sul pulsante con i tre puntini in verticale collocato in alto a destra e scegli la voce Impostazioni dal menu che si apre. Seleziona poi l’opzione Chat, quindi quella Backup delle chat e sfiora il bottone Esegui backup. Se nel backup desideri includere anche i video, provvedi preventivamente a spostare su ON la levetta in corrispondenza della voce Includi video.

Dopo aver esportato il file di backup, provvedi a copiare il file msgstore.db.crypt12 nella cartella \Home\WhatsApp\Databases\ del dispositivo, installa (o reinstalla) WhatsApp su quest’ultimo e dopo la verifica del numero, accetta di ripristinare le tue conversazioni. Tutto qui!

Se non vengono “visti” file di backup locali e il telefono tenta di recuperare le conversazioni di WhatsApp da Google Drive, non accettare il ripristino dei dati, disinstalla l’applicazione e collegati alla pagina relativa ai permessi di Google Drive. Provvedi quindi a rimuovere WhatsApp dall’elenco delle applicazioni associate a Google Drive e reinstalla l’app di messaggistica sullo smartphone. Dopo aver fatto ciò, l’applicazione non avrà accesso a Google Drive (potrai abilitarla nuovamente dopo aver ripristinato le tue conversazioni) e sarà “costretta” a usare i backup locali.

Recuperare conversazioni WhatsApp senza backup

Dr.Fone Windows

Hai necessità di recuperare conversazioni WhatsApp senza backup? Sebbene la cosa si faccia nettamente più complicata, se non impossibile. Devi sapere, infatti, che esistono alcune app per smartphone e dei programmi appositi per computer che scansionano la memoria del telefono e consentono di ripristinare anche i backup e altri file di WhatsApp, ma devono esserci tante condizioni fortunate affinché ciò avvenga con successo.

Ad ogni modo, se vuoi saperne di più, leggi la mia guida dedicata specificamente a come recuperare messaggi WhatsApp cancellati senza backup su Android.

Come recuperare conversazioni WhatsApp iPhone

Passiamo, adesso, al versante Apple e andiamo a scoprire come recuperare conversazioni WhatsApp iPhone. Anche in tal caso, l’operazione in questione può essere effettuata usando i backup, ma solo tramite iCloud (quindi andando ad agire online), in quanto WhatsApp su iPhone non salva i backup localmente. Per saperne di più, continua a leggere.

Recuperare conversazioni WhatsApp da iCloud

Ripristinare WhatsApp iPhone

Se vuoi recuperare conversazioni WhatsApp da iCloud, tutto ciò che devi fare è, molto banalmente ripristinare il backup antecedente alla data delle chat che vuoi recuperare andando a installare (o reinstallare) l’applicazione su un “melafonino” associato allo stesso numero di telefono e allo stesso ID Apple del dispositivo su cui è stato generato il backup.

Per “forzare” la creazione di un backup su iCloud, avvia WhatsApp sul tuo iPhone, seleziona la scheda Impostazioni che si trova in basso a destra, quindi la voce Chat, poi quella Backup delle chat e premi sul pulsante Esegui backup adesso (operazione da compiere avendo una SIM attiva con il numero usato in precedenza sul terminale). Se vuoi includere anche i video nei backup, sposta su ON la levetta relativa all’opzione Includi video.

Ad operazione completata, installa (o reinstalla) WhatsApp sul tuo nuovo iPhone scaricando l’applicazione dall’App Store, effettua la verifica del numero e accetta il ripristino delle tue vecchie conversazioni pigiando sul pulsante Ripristina cronologia chat.

In caso di problemi, fai tap sull’icona delle Impostazioni (quella a forma di ruota d’ingranaggio) che trovi nella home screen e/o nella Libreria app di iOS e verifica che l’account associato al telefono sia lo stesso utilizzato sul tuo vecchio “melafonino”.

Inoltre, seleziona la tua foto, sfiora la dicitura iCloud nella schermata successiva, individua la voce relativa ad iCloud Drive e verifica che la levetta in sua corrispondenza sia spostata su ON (altrimenti provvedi tu) e, dunque, che la sincronizzazione dei dati con iCloud Drive sia attiva.

Recuperare conversazioni WhatsApp senza backup

iphone

Se è tua intenzione recuperare le conversazioni di WhatsApp su iPhone, ma non hai a disposizione nessun backup, mi dispiace comunicarti che le possibilità a tua disposizione sono davvero poche. Puoi infatti provare a ottenere il risultato auspicato usando degli appositi software per il recupero dei file eliminati, di cui ti ho parlato in dettaglio nella mia guida specifica su come recuperare le conversazioni WhatsApp su iPhone.

Un altro metodo consiste nel cercare di riportare l’app a uno stato precedente effettuando un ripristino dell’iPhone da un backup su iTunes per Windows oppure nel Finder di macOS, realizzato precedentemente all’eliminazione dei messaggi. Per saperne di più, consulta la mia guida su come ripristinare backup iPhone.

Come recuperare conversazioni WhatsApp dopo aver cambiato telefono

iPhone e smartphone Android

Sei in procinto di rimpiazzare il tuo attuale cellulare e, dunque, vorresti capire se esiste un modo per recuperare conversazioni WhatsApp dopo aver cambiato telefono? Se le cose stanno così e se sul nuovo smartphone è in uso lo stesso sistema operativo mobile del precedente, non devi far altro che scaricare WhatsApp sul nuovo dispositivo, avviare la procedura di configurazione con il tuo numero e usare il sistema di recupero dei backup che ti ho già descritto nelle precedenti righe relativamente ad Android e iOS.

Se, invece, vuoi recuperare conversazioni WhatsApp da Android a iPhone o viceversa, devi avvalerti dell’uso del computer e di alcuni software di terze parti concepiti per lo scopo in questione. Per maggiori dettagli, ti suggerisco la lettura delle mie guide specifiche su come trasferire messaggi WhatsApp, come trasferire le chat di WhatsApp da Android a iPhone e come trasferire WhatsApp da iPhone a Android.

Come recuperare conversazioni WhatsApp da un telefono rotto

Smartphone rotto

Sei finito su questa mia guida perché interessato a scoprire come recuperare conversazioni WhatsApp da un telefono rotto? Se è così, tieni presente che se le tue conversazioni sono archiviate su Google Drive su Android e su iCloud su iPhone, come ti ho spiegato a inizio tutorial, puoi accedervi senza problemi da qualsiasi altro smartphone, eseguendo il login al tuo account, andando a installare (o reinstallare) WhatsApp ed eseguendo la procedura di configurazione iniziale e il recupero del backup.

Se, invece, non avevi salvato i backup online o comunque se per una qualsiasi altra ragione non puoi avvalerti della pratica descritta poc’anzi, l’unica via che puoi provare a percorrere è quella di accedere alle informazioni presenti sulla memoria del cellulare o sull’eventuale memory card usata collegando il telefono al computer e agendo da lì, eventualmente anche tramite degli strumenti appositi per il recupero dei dati. Per approfondire la questione, leggi la mia guida specifica su come recuperare i dati da un telefono rotto.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.