Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
eBay Black Week
Migliaia di prodotti in promozione su eBay. Scopri le offerte migliori

Come salvare gli stickers su WhatsApp

di

Un tuo contatto WhatsApp recentemente ti ha inviato alcuni sticker particolarmente belli e vorresti salvarli per poterli utilizzare a tua volta nelle chat. Purtroppo, però, non hai molta dimestichezza con la nota app di messaggistica e, quindi, ti sei precipitato su Internet per cercare come salvare gli stickers su WhatsApp, finendo qui, sul mio sito.

Beh, non potevi capitare in un posto migliore! Nei prossimi paragrafi, infatti, avrò modo di spiegarti nel dettaglio come riuscire a portare a termine questa piccola impresa. Che tu abbia un dispositivo Android o un iPhone non ha alcuna importanza: salvare gli adesivi su WhatsApp è una cosa fattibile e semplicissima da effettuare.

Allora, si può sapere cos’altro aspetti? Corri a leggere le indicazioni riportate nei prossimi paragrafi, metti in pratica tutte le “dritte” che ti darò e vedrai che non avrai alcun problema nel riuscire a salvare gli adesivi che ti hanno inviato i tuoi amici. Detto ciò, a me non resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e buon divertimento!

Indice

Come salvare gli stickers su WhatsApp: Android

Come salvare gli sticker su WhatsApp Android

Iniziamo questo tutorial vedendo innanzitutto come salvare gli stickers su WhatsApp su Android. Per prima cosa ti spiegherò come salvare quelli che si ricevono dai propri contatti, dopodiché ti mostrerò come scaricarne altri dalla Galleria di adesivi di WhatsApp.

Dunque, per salvare uno sticker che hai ricevuto, la prima cosa che devi fare è aprire l’app ufficiale di WhatsApp, selezionare la scheda Chat situata in alto a sinistra e aprire la conversazione di tuo interesse (se non la trovi, tocca l’icona della lente d’ingrandimento posta in alto a destra e cercala tramite la barra di ricerca che compare a schermo).

Una volta aperta la chat in questione, individua lo sticker di tuo interesse, toccalo e fai tap sulla voce Aggiungi ai preferiti presente nel riquadro apertosi. In questo modo, l’adesivo verrà aggiunto ai preferiti (che potrai vedere premendo sull’emoji sorridente situata in basso a sinistra della barra di digitazione e toccando l’icona della stella).

Se lo sticker è presente nella gallery ufficiale di WhatsApp e vuoi scaricare l’intero pacchetto in cui è incluso, invece, dopo aver toccato quest’ultimo, fai tap sulla voce Visualizza pacchetto presente nel riquadro comparso a schermo e, nella nuova schermata apertasi, premi sul bottone Scarica.

Così facendo, tutto il pacchetto di sticker verrà scaricato e potrai richiamarlo, in qualsiasi momento, premendo l’icona dell’emoji sorridente (in basso a sinistra) e pigiando sull’adesivo che rappresenta l’intero pacchetto.

Premendo sul pulsante (+) situato in alto a destra nel riquadro relativo agli adesivi di WhatsApp, puoi anche accedere alla gallery inclusa nell’app: per scaricare uno dei pacchetti disponibili in quest’ultima, ti basta premere sul relativo simbolo della freccia rivolta verso il basso. Maggiori info qui.

Nota: se quello che hai selezionato è un adesivo personalizzato, mi spiace ma non puoi scaricare l’intero pacchetto che lo contiene.

Come salvare gli stickers su WhatsApp: iPhone

Come salvare sticker WhatsApp iPhone

Passiamo, ora, al fronte iPhone e vediamo come salvare gli stickers su WhatsApp anche sul celebre smartphone di casa Apple. Anche in questo caso ti spiegherò prima come salvare gli adesivi ricevuti dai propri contatti e poi come scaricare i pacchetti dalla gallery di WhatsApp.

Per procedere al salvataggio di un adesivo che hai ricevuto da un contatto, per prima cosa devi avviare l’app ufficiale di WhatsApp, pigiare sulla scheda Chat (in basso a destra) e aprire la conversazione dove è presente lo sticker in questione (nel caso in cui dovessi avere difficoltà a trovarla, cercala usando la barra di ricerca situata in alto).

Successivamente, individua l’adesivo di tuo interesse, fai tap su di esso e premi sulla dicitura voce Aggiungi Ai Preferiti presente nel menu che si è aperto. Così facendo, lo sticker verrà inserito nei preferiti (a cui potrai accedere facendo tap sull’icona dell’adesivo piegato (in basso a destra della barra di digitazione e toccando il simbolo della stella).

Se lo sticker è incluso in uno dei pacchetti presenti nella gallery ufficiale di WhatsApp, potrai scaricare anche tutti gli altri adesivi che vi sono inclusi. In che modo? Dopo aver toccato lo sticker nella chat dove ti è stato inviato, fai tap sulla voce Visualizza Pacchetto Di Sticker presente nel menu comparso a schermo, premi sul pulsante Scarica e il gioco è fatto.

Pigiando sull’icona dell’emoji sorridente (in basso a sinistra) e premendo sull’adesivo che rappresenta l’intero pacchetto, potrai usare tutti gli altri sticker che vi sono inclusi. Naturalmente, qualora si tratti di uno sticker non incluso in un pacchetto di WhatsApp, non sarà possibile scaricare il relativo pacchetto.

Pigiando sul bottone (+) (in alto a destra) del menu relativo agli sticker di WhatsApp, potrai inoltre accedere alla gallery di adesivi per effettuare il download di uno dei pacchetti tanti disponibili (pigiando sulla relativa icona della freccia rivolta verso il basso). Maggiori info qui.

Come salvare gli stickers su WhatsApp: PC

Sticker WhatsApp PC

Ti sarebbe piaciuto salvare gli sticker su WhatsApp da PC? Mi spiace ma, almeno nel momento in cui scrivo questa guida, la cosa non è fattibile. Tramite WhatsApp Web e client desktop di WhatsApp per Windows e macOS, infatti, non è possibile né salvare gli sticker ricevuti né scaricare quelli presenti nella gallery di WhatsApp.

Se in futuro le cose dovessero cambiare, non esiterò ad aggiornare l’articolo con tutte le istruzioni del caso.

Come salvare gli stickers di Telegram su WhatsApp

Salvare sticker Telegram su WhatsApp

Sei giunto su questa guida con l’obiettivo di scoprire come salvare gli stickers di Telegram su WhatsApp? Purtroppo non c’è un tool di importazione automatico che consenta di fare questo. Tuttavia, è possibile salvare gli sticker di Telegram come immagini e postarli successivamente su WhatsApp.

Per riuscirci, ti suggerisco di avvalerti del bot Stickers pack downloader: cercalo su Telegram (qui ti ho spiegato come riuscirci) oppure premi sul link che ti ho appena fornito, se stai leggendo l’articolo dal dispositivo di tuo interesse. Dopodiché premi sul pulsante Avvia, scrivi il comando /start nella barra di digitazione della piattaforma di messaggistica e dai Invio sulla tastiera del dispositivo in uso.

Adesso, tocca il simbolo dello sticker presente sulla barra di digitazione di Telegram, fai tap sull’adesivo che vuoi importare in WhatsApp e attendi che venga scaricato elaborato l’intero pacchetto da cui è tratto. Fatto ciò, premi sul nome dell’archivio ZIP ottenuto ed estrailo in una cartella del dispositivo in uso.

Per riuscirci su Android, fai tap sulla dicitura Estrai file in, seleziona la cartella di tuo interesse e pigia sul pulsante Estrai. Successivamente, fai tap sull’archivio importato nella posizione in questione per aprirlo. Infine, seleziona gli sticker da inviare su WhatsApp, premi sul simbolo della condivisione, seleziona WhatsApp come opzione e fai tap sulla chat in cui intendi importarli. Per concludere, premi sull’icona dell’aeroplanino di carta (in basso a destra) e il gioco è fatto.

Su iPhone, invece, premi sull’icona della freccia all’interno del quadrato (in alto a destra), pigia sulla dicitura Salva su File nel menu apertosi e salva il contenuto nella posizione desiderata. Dopodiché recati nella stessa, tocca l’archivio ZIP che hai salvato, apri la cartella che compare di fianco e fai tap sull’anteprima di uno degli sticker salvati.

Non ti resta, ora, che premere sull’icona della freccia all’interno del quadrato (in basso a sinistra), selezionare WhatsApp come opzione di condivisione e selezionare il contatto a cui inviare l’immagine.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.