Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come togliere lucchetto WiFi

di

Non sei mai stato un grande appassionato di tecnologia e di certo non sei uno sempre al passo con i tempi. Non a caso sul tuo PC utilizzavi ancora una vecchia versione di Windows e solo di recente hai effettuato l'aggiornamento alla versione più recente.

Tuttavia, una volta completato l'aggiornamento hai notato qualcosa di strano: quando vai a cliccare sull'icona del Wi-Fi che apre l'elenco delle reti wireless disponibili, ogni rete mostra anche l'icona di un lucchetto accanto, e non hai la minima idea del perché. Nella precedente versione di Windows non era presente questo lucchetto, per cui ora vorresti capire come togliere lucchetto WiFi.

Capisco che non essendo molto ferrato in materia potresti trovare difficoltà dinanzi a queste novità. Non ti preoccupare, però, perché nel corso di questo tutorial ti darò tutte le informazioni di cui necessiti e, vedrai, l'argomento sarà davvero molto semplice da comprendere. Mettiti comodo, prenditi cinque minuti di tempo libero e prosegui con la lettura dei prossimi paragrafi per saperne di più. Buona lettura!

Indice

Cos'è il lucchetto sul Wi-Fi

Cos'è il lucchetto sul Wi-Fi

Da quando hai aggiornato il PC hai notato la comparsa di questo fastidioso lucchetto sulla tua rete wireless, che sembra ti stia anche creando dei problemi di connessione. Per questo motivo vorresti saperne di più al riguardo, in modo da capire cos'è il lucchetto sul Wi-Fi.

In realtà, l'icona del lucchetto che vedi sulla voce relativa alla tua connessione Wi-Fi sta a simboleggiare solo che la tua rete wireless è protetta tramite una password (chiave): questo significa che per accedere a quest'ultima bisogna necessariamente digitare la password corretta.

Questa password è solitamente indicata sul retro del modem Wi-Fi, qualora utilizzassi quella di default. Se, invece, hai cambiato password, potrai visualizzarla solo accedendo alle impostazioni del modem e potrai anche rimuoverla, qualora lo desiderassi.

Tuttavia, rispetto a quest'ultima possibilità permettimi di spiegarti che sarebbe davvero una pessima idea, poiché è molto importante proteggere la propria rete Wi-Fi. Senza una password di accesso, infatti, chiunque fosse nelle vicinanze potrebbe accedere alla tua rete senza alcun problema e, qualora fosse un malintenzionato, potrebbe anche causarti problemi. Ad esempio, potrebbe riuscire persino a entrare all'interno del tuo PC quando connesso alla medesima rete, mettendo a rischio tutti i tuoi dati, oltre che svolgere attività illegali con la connessione a te intestata (di cui, dunque, sei responsabile legalmente).

Come dici? Hai cambiato idea e hai deciso di tenere attiva la password alla tua rete Wi-Fi? Sicuramente la tua scelta è davvero molto saggia, ma ti consiglierei di fare anche un controllo sul tipo di cifratura utilizzata per proteggere la tua rete Wi-Fi.

Esistono diversi tipi di cifratura, e purtroppo non tutte sono molto sicure, per cui di seguito ti spiegherò brevemente le principali differenze.

  • WEP — si tratta del primo standard IEEE 802.11 creato per proteggere le reti Wi-Fi. Usa un algoritmo di cifratura stream RC4 e due chiavi, a 64 bit o 128 bit. Si tratta di uno standard ormai superato e che non va utilizzato.
  • WPA — standard progettato per risolvere i problemi del WEP e per questo è compatibile anche con quest'ultimo. Utilizza un algoritmo RC4 e chiavi a 256 bit. Ogni client riceve nuove chiavi via TKIP (Temporal Key Integrity Protocol). Si tratta di uno standard superato, ma comunque più efficace del WEP.
  • WPA2 — standard che assicura una crittografia avanzata. Gli algoritmi RC4 e TKIP della precedente generazione sono stati sostituiti con CCMP e AES per un'autenticazione ancora più forte.
  • WPA3 — standard più sicuro e recente, che però rimane compatibile anche con il precedente WPA2. Utilizza un sistema di cifratura da 256-bit Galois/Counter Mode Protocol (GCMP-256) in modo da rendere la violazione della cifratura più difficile. Tra le principali novità c'è anche un sistema che protegge dagli attacchi di forza bruta.

Come togliere il lucchetto dal Wi-Fi

Adesso che ne sai di più in merito ai sistemi di protezione disponibili per la tua rete Wi-Fi hai deciso che vuoi constatare quale sia il livello di protezione presente nel tuo modem. Per questo motivo vorresti capire come togliere il lucchetto dal Wi-Fi e poi sostituirlo con un sistema di protezione più efficace.

Non ti preoccupare, sono qui proprio per aiutarti. Nel corso dei prossimi paragrafi ti illustrerò come accedere all'interno delle impostazioni del tuo modem di rete e successivamente andare a verificare e modificare le impostazioni di protezione.

Accedere alla rete

Accedere alla rete

Prima di iniziare a vedere come riuscire ad accedere alle impostazioni del modem e cambiare le impostazioni di protezione, è bene imparare ad accedere alla rete.

Per tale motivo ti darò le indicazioni necessarie per accedere alla rete su PC Windows e Mac, oltre che su dispositivi Android e iOS/iPadOS.

Se utilizzi un PC con Windows 10 o Windows 11 puoi accedere alla rete semplicemente facendo clic sull'icona del Wi-Fi (o del mappamondo quando non connesso) posta in basso a destra e, dal menu che appare, cliccando sulla rete a cui desideri accedere: digita la password qualora fosse richiesta. In alternativa, fai clic sul pulsante Start posto in basso e poi apri l'applicazione Impostazioni (l'icona di un ingranaggio): successivamente recati su Rete e Internet > Wi-Fi.

Se utilizzi un Mac, invece, puoi accedere alla rete facendo clic sull'icona del Wi-Fi posta in alto a destra: dal menu che appare clicca sulla rete a cui desideri accedere e inserisci la password qualora fosse richiesta. In alternativa puoi premere sull'icona multifunzione (quella con le levette) e poi sul pulsante relativo al Wi-Fi.

Vuoi accedere alla tua rete sul tuo smartphone? Nessun problema, se utilizzi uno smartphone Android ti basterà abbassare la tendina delle notifiche e tenere premuto sull'interruttore del Wi-Fi: nella schermata che si apre seleziona la rete a cui desideri accedere e inserisci la password.

Su iPhone e iPad, invece, ti basterà accedere al Centro di Controllo facendo uno swipe verso il basso dall'angolo in alto a destra (o dal fondo dello schermo verso l'alto, partendo dal centro, se usi un iPhone con tasto Home fisico), e tenere premuto per due volte consecutive sull'icona del Wi-Fi: nella schermata che appare seleziona la rete a cui desideri accedere e inserisci la password. Maggiori info qui.

Come dici? Non ricordi la password per accedere alla tua rete Wi-Fi? In questo caso la prima soluzione è quella di verificare la sua presenza sull'etichetta posta sul retro del modem, dove solitamente è presente il nome della rete wireless e la chiave di accesso impostata di default.

In passato avevi già cambiato la password del Wi-Fi per cui quella scritta sul retro del modem non è più valida? In questo caso dovrai provare a recuperarla in altro modo, magari grazie ai dispositivi in cui hai ancora accesso alla rete. Per maggiori informazioni, dai un'occhiata al mio tutorial sull'argomento, ma ricorda di utilizzare queste indicazioni solo per accedere alla tua rete Wi-Fi: accedere senza autorizzazione alla rete Wi-Fi altrui è un reato.

Cambiare le impostazioni di protezione

Cambiare le impostazioni di protezione

Seguendo le indicazioni che ti ho dato nel precedente paragrafo sei riuscito a connetterti nuovamente alla tua rete Wi-Fi. Adesso non vedi l'ora di scoprire come cambiare le impostazioni di protezione, magari per migliore ulteriormente la sicurezza della tua rete.

Per poter entrare nel pannello del modem non devi far altro che aprire un qualsiasi browser Web e digitare l'indirizzo IP del tuo modem. Immagino che tu non abbia idea di quale sia l'indirizzo IP del modem, vero? Solitamente l'indirizzi più utilizzati sono 192.168.1.1 oppure all'indirizzo 192.168.0.1, ma lo trovi indicato anche nel manuale di istruzioni presente nella confezione del modem. Se, però, non riesci a trovare il manuale di istruzioni, puoi ritrovare facilmente l'indirizzo IP anche tramite il tuo PC o un dispositivo mobile. Maggiori info qui.

Una volta individuato l'indirizzo IP e digitato nella barra degli indirizzi del browser Web, ti ritroverai finalmente nella pagina di accesso al modem: inserisci username e password e fai clic sul pulsante Accedi.

Come dici? Non ricordi assolutamente i dati di accesso al pannello del modem? Se non li hai mai modificati è probabile che siano ancora validi quelli di default, solitamente admin/admin o admin/password. Se, invece, li hai già modificati in passato, è probabile che siano stati salvati all'interno del tuo browser Web. Maggiori info qui.

Una volta giunto all'interno della schermata principale del modem puoi accedere alle impostazioni di crittografia del Wi-Fi facendo clic sulla voce Impostazioni di rete, che solitamente trovi nel menu laterale o in basso, e poi su Wireless/Rete Wi-Fi.

Giunto in questa sezione potrai decidere quale standard di protezione utilizzare, tra quelli disponibili, e modificare anche la password (evita password semplici): il mio consiglio è quello di utilizzare la funzione Genera password automaticamente, in modo tale che il modem vada a generare una password complessa e difficilmente individuabile da qualche malintenzionato.

Come standard di protezione cerca sempre di scegliere tra WPA3/WPA2, che sono quelli più recenti e migliori dal punto di vista della protezione, di cui ti ho parlato nel precedente paragrafo. Ancora una volta, ti sconsiglio di disattivare la protezione della rete Wi-Fi, per evitare che chiunque possa accedervi senza autorizzazione.

Una volta apportate tutte le modifiche ti basterà completare l'operazione facendo clic sul pulsante Applica. Nel caso tu abbia cambiato la password, dovrai nuovamente eseguire l'accesso su tutti i dispositivi utilizzando la nuova password, esattamente come ti ho illustrato in precedenza.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.