Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come usare Snapseed

di

Un tuo amico appassionato di fotografia ti ha parlato di Snapseed, un’app dedicata al ritocco fotografico sviluppata da Google. Dal momento che anche tu, come lui, ami pubblicare online le foto che scatti, e ci tieni che queste appaiano al meglio, vorresti saperne di più sul funzionamento dell’app in questione. Come dici? Le cose stanno esattamente in questo modo e, pertanto, vorresti sapere come usare Snapseed? Non preoccuparti, sono qui proprio per aiutarti!

In questo mio tutorial, infatti, ti fornirò tutte le indicazioni dettagliate sul funzionamento di Snapseed, spiegandoti, passo dopo passo, come utilizzare tutte le sue funzionalità su smartphone e tablet Android e su iPhone e iPad. Ti assicuro che, a differenza di quello che potresti pensare, si tratta davvero di un gioco da ragazzi.

Se, dunque, adesso sei curioso di saperne di più, mettiti seduto bello comodo e prenditi giusto qualche minuto di tempo libero per mettere in pratica le procedure che sto per illustrarti. Arrivati a questo punto, non mi resta altro da fare non augurarti una buona lettura e una buona modifica delle tue foto!

Indice

Informazioni preliminari

Snapseed

Prima di spiegarti nel dettaglio come usare Snapseed, lascia che ti fornisca alcune informazioni preliminari utili relativamente a quest’app.

Come prima cosa, devi sapere che Snapseed è un’app di editing fotografico gratuita sviluppata da Google disponibile al download sul Play Store di Android (oppure scaricabile da store alternativi, per i device sprovvisti di servizi Google) e sull’App Store di iOS/iPadOS.

Per poterla utilizzare, devi quindi averla preventivamente scaricata sul tuo device. Se non sai come procedere e hai un terminale Android, visita la pagina del Play Store che ti ho linkato poc’anzi e premi sul pulsante Installa; se, invece, usi un dispositivo mobile Apple, visita il link di App Store che ti ho fornito poc’anzi, premi sul pulsante Ottieni/Installa e, se richiesti, verifica la ta identità tramite Face ID, Touch ID o password dell’ID Apple.

Devi, inoltre, sapere che Snapseed è un’app molto semplice da utilizzare che si caratterizza per la sua interfaccia utente minimale e particolarmente intuitiva. Inoltre, tutti gli strumenti di modifica inclusi in essa si utilizzano con degli swipe: con lo swipe dall’alto verso il basso (o viceversa), si selezionano i parametri da modificare, mentre con uno swipe da destra verso sinistra (o viceversa) si aumentano o diminuiscono i valori del tool selezionato. Per confermare le modifiche si utilizza sempre il tasto , mentre per annullarle bisogna premere l’icona X.

Fatte le dovute premesse, se intendi scoprire più in dettaglio come avvalerti di Snapseed per migliorare i tuoi scatti, continua a leggere: trovi spiegato tutto qui sotto.

Come usare al meglio Snapseed

Snapseed

Per iniziare a usare Snapseed, avvia innanzitutto l’app in questione, pigiando sulla sua icona situata nella home screen e/o nel drawer del tuo dispositivo.

Adesso, premi sul pulsante (+) situato al centro e acconsenti alle richieste che ti vengono mostrate relativamente all’accesso alla galleria. A questo punto, seleziona, tramite la Galleria del tuo dispositivo, la foto che desideri modificare.

Fatto ciò, puoi modificare lo scatto selezionato tramite i filtri inclusi in Snapseed, selezionando uno di quelli che ti vengono proposti nel menu Effetti. Per confermare l’aggiunta di un filtro, premi sull’icona ; in alternativa fai tap sulla x, se vuoi tornare indietro e rifare tutto daccapo.

Se, invece, desideri avvalerti di tutti gli strumenti avanzati di editing di Snapseed, premi sulla voce Strumenti, in modo tale da utilizzare le funzionalità di cui ti parlerò a breve nel dettaglio.

Effetti snapseed

La funzionalità Calibra (Calibra immagine su iOS/iPadOS) è la prima tra quelle disponibili e permette di modificare, manualmente tramite l’icona dell’ingranaggio o automaticamente tramite l’icona della bacchetta magica, i parametri più importanti di uno scatto, come per esempio il contrasto, la luminosità e la saturazione.

Lo strumento Dettagli, invece, serve per regolare la struttura e la nitidezza dell’immagine, mentre lo strumento Curve permette di modificare il contrasto dell’immagine (l’icona del quadrato) e la curva di alcuni colori (l’icona di forma rotonda).

Il bilanciamento del bianco permette, poi, di modificare la temperatura e la tinta dell’immagine manualmente (l’icona dell’ingranaggio) o automaticamente (l’icona della A). Se, invece, desideri tagliare l’immagine secondo alcuni formati prestabiliti o manualmente (tramite gli appositi selettori), utilizza lo strumento Ritaglia. Per ruotare o capovolgere immagine, fai tap sulla voce Ruota, così come se desideri cambiare manualmente o automaticamente la prospettiva, premi sull’omonima dicitura.

Lo strumento Espandi, è poi utile per espandere alcune porzioni dell’immagine, mentre la funzionalità denominata Selettivo (di cui ti parlerò più nel dettaglio in un capitolo dedicato) aiuta a effettuare correzioni precise in aree specifiche dell’immagine (tramite il pulsante (+)).

Il Pennello serve per aumentare valori come esposizione, temperatura e saturazione in un’apposita area dell’immagine, mentre come la correzione (strumento di cui troverai maggiori informazioni nel successivo capitolo di questa mia guida), serve per correggere in maniera precisa la foto importata, apportando piccole modifiche.

Strumenti Snapseed

Vi sono poi diversi strumenti che servono per migliorare sensibilmente la foto importata senza troppi sforzi: lo strumento HDR, che aiuta a minimizzare la perdita di dettagli nelle zone sottoesposte o sovraesposte dell’immagine tramite l’applicazione dell’effetto HDR, o quello denominato Glamour che permette, invece, di applicare un ulteriore filtro alla foto.

Altri strumenti dedicati ai filtri di cui voglio parlarti sono quelli pensati per dare un tocco vintage alle foto: Vintage, Grana, Retrolux, Grunge, Bianco e nero e Noir. Possono essere tutti personalizziti tramite l’icona dell’ingranaggio.

Lo strumento Contrasto tonale serve, invece, per modificare, tramite l’icona dell’ingranaggio, parametri come i toni alti, i toni bassi e i mezzi toni. Utilizzando, poi, lo strumento Esposizione doppia puoi creare un’immagine combinando più foto con diverse esposizioni, mentre per applicare una vignettatura alle immagini, aggiungere delle cornici o del testo sulla foto, puoi far riferimento agli appositi pulsanti.

Infine, per quanto riguarda le foto che includono delle persone, puoi utilizzare gli strumenti ritratto o posa testa, per migliorare l’immagine scattata. Il popolare “effetto bokeh” (con lo sfondo sfocato rispetto al soggetto), invece può essere ottenuto facilmente utilizzando lo strumento Sfuocatura obiettivo.

Strumenti Snapseed

Al termine delle modifiche, per confermare il salvataggio esportazione della foto, premi sulla voce Esporta. Dopodiché, se usi Android, fai tap sul pulsante Salva, per creare una copia dell’immagine. Il pulsante Esporta, invece, crea una copia della foto con modifiche successivamente personalizzabili. Infine, premendo il pulsante Esporta come potrai creare una copia dell’immagine per salvarla in una cartella personalizzata.

Se usi iOS/iPadOS, premi invece sulla voce Salva per salvare la foto sovrascrivendo quella originale. Per creare una copia con modifiche non più annullabili, invece, premi sul pulsante Salva una copia. Infine, puoi premere sul pulsante Esporta per creare una copia della foto con modifiche permanenti.

Come usare correzione Snapseed

Correzione snapseed

Dopo averti illustrato nel dettaglio tutti gli strumenti di Snapseed e averti spiegato come utilizzarli, vediamo più da vicino come utilizzare Correzione, lo strumento che serve per correggere le foto, andando a eliminare elementi indesiderati.

Per avvalertene, fai tap sullo strumento in questione, dopodiché ingrandisci la foto con le dita, utilizzando la gesture delle dita che si allontanano (Pinch to Zoom), in modo da individuare l’elemento da rimuovere. Fatto ciò, premi sullo stesso, per cancellarlo, oppure muovi il dito sull’immagine per tracciare una linea, come se stessi utilizzando un pennello.

In caso di errori, puoi eliminare ripristinare l’ultima modifica tramite l’icona della freccia verso sinistra o quella verso destra. Per rifare tutto daccapo, invece, premi l’icona X, mentre per confermare le modifiche premi l’icona .

Come usare selettivo Snapseed

Selettivo Snapseed

Dal funzionamento simile allo strumento Correzione vi è la funzionalità Selettivo, che permette di modificare in maniera ancora più precisa e avanzata l’immagine, effettuando selezioni correzioni in aree specifiche della stessa.

Per iniziare, quindi, premi sullo strumento Selettivo, dopodiché ingrandisci l’immagine, utilizzando il pinch to zoom. A questo punto, premi sul pulsante (+) e tocca l’area dell’immagine in cui desideri posizionare il punto di controllo. Utilizza, quindi, nuovamente il pinch to zoom per visualizzare l’area interessata alla modifica (che assumerà un colore rosso); eventualmente puoi aumentarla o diminuirla, avvicinando o allontanando le dita.

Adesso, assicurati che il punto di controllo sia di colore blu: se è di colore grigio, fai tap sullo stesso. Infine, con uno swipe dal basso verso l’alto (o viceversa), scegli il parametro da modificare (luminosità , contrasto o saturazione) il cui valore può essere aumentato o diminuito con uno swipe da destra verso sinistra (o viceversa).

Facoltativamente, puoi fare tap e tenere premuto sul punto di controllo per visualizzare le opzioni quali taglia, copia e incolla, che permettono di mantenere le impostazioni di modifica applicate, spostando o copiando e incollando il punto di controllo in un’altra posizione. Non pensavi sarebbe stato così facile, vero?

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.