Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Scopri le migliori offerte sul canale Telegram ufficiale. Guarda su Telegram

Miglior software di fatturazione elettronica

di

Se hai un'azienda o sei un professionista, saprai sicuramente che la fatturazione elettronica non è solo una soluzione molto comoda — permette di avere le fatture emesse e ricevute sempre in ordine, gestirle/ricercarle con estrema facilità e di inviarle all'Agenzia delle Entrate in modo automatico — ma ormai è uno strumento obbligatorio per moltissimi soggetti: in Italia devono utilizzarla per legge aziende, ditte individuali, liberi professionisti, Partite IVA e coloro che operano in regime forfettario (imprese e professionisti con reddito annuo fino a 65.000 euro e tassazione agevolata al 15%), compresi quelli nel “regime di vantaggio”, i “soggetti passivi” (es. associazioni sportive dilettantistiche ed enti del terzo settore) e i soggetti in regime speciale ai fini di IVA e imposte sui redditi che nel periodo d'imposta precedente hanno registrato proventi commerciali non superiori a 65.000 euro.

Al momento fanno eccezione i forfettari con ricavi o compensi entro i 25.000 euro, ma per loro l'obbligo di adoperare la fatturazione elettronica scatterà il 1° gennaio 2024. Non sono invece soggetti a obbligo di fatturazione elettronica i medici e i farmacisti, i quali hanno già l'obbligo di trasmettere i dati al sistema TS (tessera sanitaria), gli agricoltori in regime speciale e coloro che offrono beni e servizi a extra-comunitari e non residenti in Italia.

Ciò detto, se sei qui e stai leggendo questa guida è perché cerchi dei consigli sui migliori software di fatturazione elettronica e vorresti che te ne indicassi qualcuno in grado di facilitarti nella gestione quotidiana della tua attività, giusto? Detto, fatto! Di seguito ti propongo una lista di quelle che, a mio modesto avviso, sono le migliori soluzioni per la fatturazione elettronica descrivendotene principali caratteristiche e prezzi: non credo che faticherai a trovare quella più adatta a te. Buona lettura!

Indice

Libero SiFattura

SìFattura

Il primo software di fatturazione elettronica di cui ti voglio parlarti è Libero SiFattura: si tratta di un gestionale amministrativo con piano base gratuito grazie al quale è possibile gestire facilmente l'intero processo di fatturazione elettronica. Funziona direttamente da Web, quindi si può usare da qualsiasi dispositivo e senza dover installare app aggiuntive. Tra le sue funzioni principali ci sono quelle relative all'emissione di fatture verso aziende/professionisti (B2B), privati (B2C) e PA (B2G, disponibile solo nei i piani più avanzati); l'invio automatico delle fatture al Sistema di Interscambio (SDI) dell'Agenzia delle Entrate; la ricezione automatica delle fatture dai fornitori (tramite la registrazione del Codice Destinatario sul sito dell'Agenzia delle Entrate) e la conservazione a norma di legge per 10 anni delle fatture inviate e ricevute.

Non mancano uno scadenziario per i pagamenti e gli adempimenti fiscali, il monitoraggio dello stato di cassa e conti (cashflow) con previsioni sull'andamento futuro e una funzione per inviare solleciti di pagamento automatici. Molto semplice anche la gestione delle anagrafiche per clienti, fornitori e prodotti/servizi e quella per l'accesso multi-utente: è possibile far entrare facilmente altre persone nel servizio, ad esempio il commercialista o i propri soci, e condividere determinate informazioni con queste ultime.

Come accennato poc'anzi, il piano Basic di SiFattura è gratis e comprende tutte le funzionalità di base del gestionale. Permette una gestione illimitata di anagrafiche, fatture, ricevute, preventivi, note di credito, DDT ecc., la generazione di fatture elettroniche senza limiti (solo in formato XML e senza servizio di firma, invio e archiviazione) e la ricezione di fatture elettroniche con codice destinatario generato dalla piattaforma (va sottolineato, tuttavia, che i documenti generati presentano il logo di Libero SiFattura).

Ci sono poi le soluzioni più complete a pagamento: SiFattura Lite (29 euro + IVA/anno) che comprende tutti i vantaggi del piano Basic più invio di fatture illimitate verso privati e aziende (B2B) tramite Sistema di Interscambio; integrazione con il Sistema Tessera Sanitaria; modelli personalizzati per i documenti generati (senza logo SiFattura); report avanzati; invio di documenti dal proprio indirizzo email; notifiche di lettura e download da parte dei clienti; assistenza prioritaria (anche via chat) e altro ancora.

SiFattura Pro (49 euro + IVA/anno) aggiunge alle funzioni citate poc'anzi la possibilità di inviare fatture alla PA tramite Sistema di Interscambio; accesso multiutenza per soci, collaboratori e commercialista; generazione e invio automatico di fatture e documenti ricorrenti; creazione automatica della prima nota, scadenziario, estratto conto, gestione automatica dei solleciti di pagamento, promemoria delle scadenze, previsionale dello stato di cassa e creazione di pagine Web di presentazione professionali per presentarsi a potenziali nuovi clienti.

Con SiFattura Lite e Pro è possibile acquistare anche dei pacchetti aggiuntivi di crediti per la conservazione a norma di legge delle fatture elettroniche per 10 anni (a partire da 19 euro + IVA per la conservazione di 250 fatture). Maggiori info qui.

Per attivare Libero SiFattura, collegati al sito ufficiale del servizio e scegli se attivare gratis il piano Basic o se andare nella sezione Prezzi (in alto) e selezionare un piano a pagamento tra Lite e Pro. Accedi poi con il tuo account Libero (se non ne hai ancora uno, puoi crearlo gratis premendo sulla voce apposita e compilando il modulo su schermo) e, se hai scelto un piano a pagamento, completa la transazione con carta o PayPal.

Libero Si Fattura

Una volta eseguito il primo accesso a SiFattura dovrai configurare il tuo profilo elettronico con le informazioni di base della tua attività (sono quelle che verranno utilizzate per l'emissione e la ricezione delle tue fatture, quindi devono corrispondere esattamente a quanto atteso dall'Agenzia delle Entrate). Dopodiché devi inserire i dati del legale rappresentante, accettare le condizioni relative all'erogazione del servizio di fatturazione elettronica e all'attivazione della conservazione sostitutiva e verificare il numero di cellulare. In seguito, se lo desideri, puoi configurare l'intestazione per i documenti PDF che verranno generati da SiFattura con logo e i dati della tua attività: è tutto davvero molto semplice, basta seguire la procedura guidata.

Completato il profilo elettronico, se vuoi anche predisporre il gestionale con tutti i parametri più indicati per la tua attività, in modo che i tuoi documenti vengano precompilati automaticamente con questi valori, allora completa il profilo azienda andando nel menu Impostazioni > Profilo azienda e compilando le varie sezioni relative a intestazione documenti, modelli documenti, profili fiscali, codici IVA, modalità di pagamento, contatori e sezionali, modelli email e Sistema Tessera Sanitaria. C'è anche un importatore di anagrafiche.

Infine, per quanto concerne il profilo utente (accessibile dal menu Impostazioni), da quest'ultimo è possibile gestire il proprio contratto e passare ai piani Lite e Pro di SiFattura; configurare i parametri di localizzazione; gli account email; configurare i solleciti automatici per la notifica di documenti scaduti non pagati e altro ancora.

Libero SiFattura

La creazione di fatture e altri documenti è molto intuitiva: basta premere sul pulsante ‌(+) in alto a destra e selezionare il tipo di documento da emettere dal menu Emissione. Oltre alle fatture si possono creare ricevute, note di credito, proforma, documenti di trasporto, preventivi e autofatture.

Si apre così il modulo da compilare con — al primo accesso — un pratico tutorial che spiega come inserire correttamente le informazioni in tutti i campi. Per quanto riguarda le fatture bisogna indicare il tipo di documento da creare (tradizionale/cartacea, fattura elettronica B2B, fattura elettronica PA o fattura semplificata) e compilare i vari campi richiesti: numero documento (con numerazione manuale o automatica); data contabile; cliente (inserendo la partita IVA, SiFattura precompilerà automaticamente nome e indirizzo e ti suggerirà i nominativi già disponibili nel suo network); descrizione del documento; parametri fiscali; termini di pagamento ed eventuali allegati.

Per trasmettere le fatture al SdI dell'Agenzia delle Entrate basta andare in Visualizza > Documenti emessi > Fatture e premere sull'icona dell'ingranaggio relativa alla fattura da trasmettere. Lo stato di trasmissione del file al SdI verrà segnalato da una pratica icona colorata (verde per i documenti accettati, rossa per quelli scartati, gialla per quelli in trasmissione, blu per quelli consegnati ma non ancora accettati e grigia per quelli in attesa di trasmissione).

È possibile anche registrare un documento (fattura, nota di credito, nota entrata, nota spesa o giroconto) premendo sul pulsante ‌(+) in alto a destra e selezionando la voce apposita dal menu che si apre.

Libero SiFattura

Per avere i pagamenti dei clienti sempre sotto controllo, oltre che consultare la lista delle fatture presenti nel gestionale (da poter filtrare in base a vari criteri personalizzati), è possibile inviare email di sollecito già precompilate o personalizzate.

Dal menu Impostazioni > Profilo utente > Solleciti automatici è poi possibile impostare dei solleciti automatici scegliendo a quanti giorni dalla scadenza della fattura e a che ora inviarli.

Libero Si Fattura

La ricezione delle fatture elettroniche in SiFattura è altresì molto semplice: basta registrare il Codice Destinatario 10ZKECO sul servizio Fatture e corrispettive dell'Agenzia delle Entrate andando in Fatture e Corrispettivi > Servizi Disponibili – Fatturazione Elettronica > Registrazione dell'indirizzo telematico.

Le fatture arriveranno in SiFattura senza dover comunicare il codice destinatario a ogni singolo fornitore: per vederle basterà cliccare sull'icona Visualizza (in alto a destra) e scegliere Fatture dal menu che si apre. Con la stessa procedura è possibile visualizzare anche documenti in attesa di visione e note di credito.

Libero SiFattura

Per quanto riguarda le anagrafiche, SiFattura apprende automaticamente i dati su clienti, fornitori e prodotti inseriti nelle fatture. Ad ogni modo conviene organizzare con cura le anagrafiche di clienti/fornitori, prodotti/servizi e banche/conti) accedendovi dal menu Visualizza (in alto a destra). È possibile sia creare singoli elementi (premendo sul pulsante ‌(+)), sia importare intere anagrafiche in CSV, XLS o XLSX andando nel menu Impostazioni > Profilo azienda > Importatore anagrafiche.

Dal menu Visualizza è possibile accedere anche a utilissimi riepiloghi su prima nota, scadenzario, documenti ricorrenti, entrate/uscite, flusso di cassa, IVA e stato conservazione.

Libero SiFattura

Utilizzi già un gestionale per le fatture elettroniche? Nessun problema. Passare da un altro gestionale a Libero SiFattura è facilissimo. Al primo accesso, infatti, partirà una procedura guidata che ti permetterà di fare il “trasloco” in men che non si dica.

Ti basterà impostare i progressivi dei documenti che stai emettendo andando in Impostazioni > Profilo Azienda > Contatori e sezionali (potrai scegliere se utilizzare la numerazione manuale o automatica dei documenti); registrare il Codice Destinatario di SiFattura 10ZKECO (uno-zero-Z-K-E-C-O) nel tuo cassetto fiscale sul sito dell'Agenzia delle Entrate (per una corretta ricezione delle fatture elettroniche direttamente in SiFattura); importare le anagrafiche (dal menu Impostazioni > Profilo Azienda > Importatore anagrafiche, come visto anche prima) e infine i documenti emessi e ricevuti (dal menu Nuovo > Registrazione > Importa documento elettronico).

Se hai bisogno di maggiori informazioni su Libero SiFattura e su come muovere i primi passi in quest'ultimo puoi consultare il sito ufficiale del servizio, la sua sezione Aiuto e il mio tutorial specifico su come funziona Libero SiFattura.

Fatturazione Elettronica di Aruba

Fatturazione Aruba

Tra le soluzioni alternative c'è anche la Fatturazione Elettronica di Aruba che al costo di 1 euro + IVA per i primi 3 mesi e poi 25 euro + IVA/anno consente di gestire l'intero processo di fatturazione, compresa la comunicazione al SdI dell'Agenzia delle Entrate e la conservazione dei documenti a norma di legge, tramite una comoda interfaccia Web accessibile da qualsiasi browser e da app per Android e iOS/iPadOS).

Con la Fatturazione Elettronica di Aruba puoi creare fatture elettroniche comprensive di allegati e marche da bollo virtuali, importarne di esistenti da altri gestionaliinviarle e spedirle automaticamente al Sistema di Interscambio (SdI) dell'Agenzia delle Entrate. Per quanto riguarda, invece, la ricezione delle fatture, basta registrare il Codice Destinatario KRRH6B9 nel proprio cassetto fiscale sul sito dell'Agenzia delle Entrate: in questo modo è possibile ricevere tutte le fatture direttamente sul proprio pannello di gestione Web senza dover comunicare le “coordinate” a ciascun fornitore.

Le fatture inviate e ricevute, così come le comunicazioni finanziarie e le notifiche del SdI, vengono conservate a norma di legge per la durata del contratto. Nel caso in cui il servizio di Fatturazione Elettronica non sia rinnovato nei successivi 60 giorni è accessibile con limitazioni: è possibile effettuare solo operazioni di consultazione e recupero dei documenti presenti, scaricando le fatture già inviate. Superati i 60 giorni dalla scadenza il servizio non sarà più accessibile, i dati contenuti saranno cancellati e quindi non potranno essere più recuperati o consultati. Da sottolineare anche la possibilità di consentire l'accesso al commercialista, con permessi regolabili (la gestione multiutente si può acquistare come servizio separato), e di compilare facilmente le anagrafiche di clienti e fornitori mediante la ricerca dei dettagli delle aziende nel Registro delle Imprese.

Puoi provare il servizio a costo zero collegandoti alla pagina demo. Per acquistare la versione completa, invece, collegati a questa pagina, clicca sul pulsante Acquista e accedi al tuo account Aruba (per l'acquisto è necessario disporre di una login associata a una Partita IVA o Codice Fiscale azienda). Per maggiori informazioni consulta il sito di Aruba e il mio tutorial specifico sulla Fatturazione Elettronica di Aruba.

Yuxme Forfettario Facile Light

Yuxme

Realizzato su misura per le partite IVA in regime forfettario che necessitano di adeguarsi rapidamente alle normative fiscali, Yuxme Forfettario Facile Light è un servizio gratuito che funziona comodamente da browser e permette di generare proforma e fatture elettroniche (comprese quelle per UE, Paesi Extra UE e PA) rispettando tutte le normative del settore. Esegue anche in automatico il calcolo della marca da bollo per le fatture superiori ai 77,47 euro. Sono supportate, inoltre, la numerazione e la conservazione a norma di legge per le fatture di acquisto e le bollette doganali.

Le fatture generate possono essere inviate al SdI dell'Agenzia delle Entrate tramite una semplice procedura di identificazione gratuita via SPID o, in assenza di quest'ultimo, tramite classica procedura KYC con documento d'identità realizzata in pochi minuti da Yuxme (in cambio di un piccolo contributo).

Molto semplice anche la gestione delle anagrafiche, con il software che memorizza in automatico clienti e prodotti evitando all'utente di doverne digitare i dati ogni volta. Utilissime, poi, le funzioni per controllare l'andamento finanziario della propria attività e realizzare una simulazione delle imposte da pagare a fine anno e l'assistente virtuale TaxBot, sempre pronto a rispondere alle domande su tasse, fisco e adempimenti.

Puoi iniziare a usare Yuxme Forfettario Facile Light collegandoti al sito ufficiale, cliccando sul pulsante per iscriverti e seguendo la semplice procedura guidata. Per saperne di più, ti invito a leggere il mio tutorial specifico su come funziona Yuxme Forfettario Facile Light.

Articolo realizzato in collaborazione con Italiaonline.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.