Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Programmi per entrare nei computer

di

Ormai hai imparato a usare alla perfezione i software per PC che ti sono stati suggeriti dalla tua azienda, ma lo stesso non si può dire di certo dei tuoi colleghi: ricevi richieste di assistenza un giorno sì e l’altro pure, e sei costretto a restare a telefono per interminabili minuti, spiegando come fare questa oppure quella cosa.

Se le cose stanno in questo modo, sarai ben contento di sapere che, con l’ausilio di uno dei tantissimi programmi per entrare nei computer, potresti agire direttamente sul PC di coloro che ti chiedono aiuto senza sgolarti per ore cercando di spiegare a voce operazioni troppo complesse per chi si trova dall’altra parte.

Lasciami indovinare: eri già a conoscenza di questa possibilità ma, avendo poca dimestichezza nel settore, non hai mai osato approfondire l’argomento? Allora questa è proprio la guida che fa al caso tuo! Nelle righe a venire, infatti, ti mostrerò il funzionamento di alcuni dei più semplici e funzionali software di questo tipo, configurabili nel giro di pochi minuti e subito pronti all’uso. Buona lettura e in bocca al lupo per tutto!

Indice

Programmi per entrare nei PC

Di programmi per entrare nei computer ce ne sono davvero molti, ciascuno dei quali è contraddistinto da precise caratteristiche, modalità d’uso e licenze. Di seguito ti elenco quelli che, a mio avviso, rappresentano i migliori.

TeamViewer (Windows/macOS/Linux)

Programmi per entrare nei PC

TeamViewer è uno dei più conosciuti e usati programmi della categoria: esso consente di accedere a qualsiasi computer sia dotato di un collegamento a Internet, di controllarlo in tutti i suoi aspetti, di trasferirvi file e molto, molto altro.

Per quanto riguarda la licenza, è possibile usufruire di TeamViewer in forma completamente gratuita, a patto che lo si usi esclusivamente per scopi personali e senza fini commerciali. In caso contrario, è necessario sottoscrivere un abbonamento alla piattaforma, con prezzi a partire da 29,90€/mese.

Il meccanismo di funzionamento di TeamViewer è semplicissimo: basta installare il programma sui due computer coinvolti, annotare le “coordinate” del PC da controllare e inserirle in quello che vi effettuerà l’accesso.

Dunque, per prima cosa, scarica TeamViewer su entrambi i PC, collegandoti al suo sito Web e cliccando sul pulsante Download gratuito che compare al centro dello schermo. A download ultimato, avvia il file ottenuto e segui la procedura specifica per il sistema operativo da te in uso.

  • Windows: apponi il segno di spunta accanto alla voce Installazione predefinita, clicca sui pulsanti Accetta — avanti e , apponi il segno di spunta accanto alla voce Desidero utilizzare la versione gratuita per uso personale e premi sul pulsante Termina, per concludere la procedura d’installazione e avviare il programma.
  • macOS: fai doppio clic sull’icona Install TeamViewer residente nella nuova finestra che compare sullo schermo, premi sul pulsante Apri (se necessario), apponi il segno di spunta accanto alla dicitura I accept the EULA e procedi facendo clic sui pulsanti Continue e Continua per due volte consecutive. Ora, inserisci la password del Mac, clicca sul pulsante Installa software e, terminata la copia dei file, concedi al programma i permessi necessari cliccando sui bottoni Configura autorizzazioni e Apri preferenze di sistema. Fatto ciò, clicca sulla voce Accessibilità visibile sulla barra laterale della finestra che si apre, apponi il segno di spunta accanto a qualsiasi opzione riguardi TeamViewer ed effettua i medesimi passaggi anche per le sezioni Registrazione schermo e Accesso completo al disco.

Da sottolineare che sul PC da controllare potrebbe andar bene anche l’uso di TeamViewer QuickSupport, una versione “light” del programma che permette solo di ricevere supporto. Non richiede neanche installazione: la trovi sempre sul sito ufficiale di TeamViewer.

In caso di dubbi o problemi, ti rimando alla lettura della mia guida al download di TeamViewer, nella quale ti ho fornito indicazioni ancor più dettagliate su come procedere.

Adesso, posizionati davanti al computer da controllare e prendi nota dell’ID interlocutore (il numero visualizzato sotto la dicitura Il tuo ID) e della password d’accesso, entrambi indicati nella scheda Controllo remoto del programma (a sinistra).

Fatto ciò, apri il programma sul computer dal quale intendi lavorare, fai clic sulla scheda Controllo remoto e inserisci l’ID interlocutore ottenuto in precedenza, all’interno del box di testo residente nella sezione Controlla computer remoto. Per finire, apponi il segno di spunta accanto alla voce Controllo remoto, clicca sul pulsante Connetti e, quando richiesto, immetti la password d’accesso al PC da controllare e dai Invio.

Il gioco è praticamente fatto! Nel giro di alcuni secondi, dovresti visualizzare il desktop del PC verso il quale hai stabilito la connessione: a partire da questo momento, puoi controllarlo in tutti i suoi aspetti, agendo esattamente come se ti trovassi al cospetto del suo schermo.

Se lo desideri, puoi configurare TeamViewer per accettare connessioni dall’esterno anche senza l’immissione di una password (previa associazione dello stesso account TeamViewer su tutti i computer coinvolti), inviare rapidamente file all’interlocutore, effettuare aggiornamenti software da remoto e tanto altro: per saperne di più, ti consiglio di prendere visione del mio tutorial dedicato al funzionamento del programma.

AnyDesk (Windows/macOS/Linux)

Programmi per entrare nei computer

AnyDesk è un altro ottimo programma progettato per controllare un computer da remoto, che fa della semplicità d’uso la sua forza: lo si può usare gratuitamente per scopi personali, mentre per l’uso commerciale è richiesto l’acquisto di una licenza (con prezzi a partire da 8,49€/mese).

Per poter funzionare in modo corretto, AnyDesk deve essere presente su tutti i computer coinvolti; sebbene il software funzioni anche senza installazione, onde evitare problemi collegati ai permessi, ti consiglio di effettuarla almeno sul PC da controllare.

Ad ogni modo, per scaricare il programma, collegati alla sua home page e fai clic sul pulsante Scarica ora. Una volta ottenuto il file d’installazione, aprilo e attieniti ai passaggi previsti per il sistema operativo da te in uso.

  • Windows: clicca sul link Installare AnyDesk in questo computer…, rimuovi il segno di spunta dall’opzione relativa alla stampante AnyDesk e ultima il setup premendo sui pulsanti Installa e .
  • macOS: trascina l’icona del programma nella cartella Applicazioni del Mac, apri quest’ultima, fai doppio clic sul file appena copiato e clicca sul pulsante Apri, per autorizzare la prima esecuzione dell’applicazione. Adesso, clicca sulla voce Imposta, situata nella schermata iniziale del programma, e poi sul pulsante Apri preferenze di sistema, per accordare i permessi necessari: fai clic sulla voce Accessibilità collocata nella parte sinistra della finestra, apponi il segno di spunta accanto a qualsiasi voce riguardante AnyDesk e ripeti gli stessi passaggi per la sezione Registrazione. Se non riesci a modificare le opzioni, fai clic sul simbolo del lucchetto serrato posto in basso a sinistra e, quando richiesto, immetti la password del Mac e dai Invio.

A questo punto, se hai bisogno di entrare su un PC per fornire assistenza, e se il legittimo proprietario del computer può accedervi, chiedigli di comunicarti la sequenza numerica sottostante la dicitura Questo dispositivo, immettila nel campo di testo Dispositivo remoto visibile nella finestra di AnyDesk aperta sul tuo computer e clicca sul pulsante Connetti.

Programmi per entrare nei computer

A seguito di questa operazione, il proprietario del PC da controllare riceverà una richiesta d’accesso, che dovrà accettare facendo clic sui pulsanti Sblocca (solo al primo utilizzo su Windows) e Accetto. Se utilizzi Windows, dovrai cliccare anche tu sul pulsante Sblocca, per bypassare il firewall e fornire ad AnyDesk pieno accesso alla rete.

Se, invece, hai bisogno di configurare un accesso non vigilato (autorizzato tramite una password e non tramite il “clic” umano, per intenderci), pigia sul riquadro Imposta password per accesso non vigilato… presente all’interno della schermata di AnyDesk sul PC da controllare, apponi il segno di spunta accanto alla voce Abilita accesso non vigilato e digita la password da usare per gli accessi futuri, per due volte consecutive, all’interno degli appositi campi.

Per finire, clicca sul pulsante Applica e il gioco è fatto: a partire da questo momento, potrai effettuare l’accesso al PC da remoto inserendo l’ID nell’apposito campo di AnyDesk e specificando, quando richiesto, la password impostata in precedenza, per stabilire la connessione. Facile, no?

DWService (Windows/macOS/Linux)

Programmi per entrare nei computer

DWService è una vera e propria piattaforma dedicata al controllo remoto, che funziona unendo un server Web a un client di connessione disponibile per Windows, macOS e Linux: una volta completata l’installazione del client, è possibile accedere al PC da controllare mediante qualsiasi browser. A differenza delle soluzioni viste finora, DWService è un programma per entrare nei computer gratis anche per scopi commerciali: ciò significa che puoi farne uso, a costo zero, in qualsiasi eventualità.

Per poter usare il servizio, devi iscriverti alla piattaforma dedicata e creare un agente, da configurare in seguito sul computer da controllare: apri dunque la home page del servizio, fai clic sul link Registrati qui e immetti le informazioni richieste all’interno del modulo che ti viene mostrato (email, password e posizione geografica).

Ora, risolvi il controllo captcha, fai clic sul bottone Registrati e inserisci, quando richiesto, il codice di verifica che dovrebbe esserti stato intanto recapitato tramite email. A login completato, fai clic sul riquadro Agenti, premi sul bottone [+] collocato in alto e indica un nome da assegnare all’agente (ad es. PC di Salvatore) e, se lo desideri, una breve descrizione per identificarlo.

Superato anche questo step, clicca sul pulsante Aggiungi e attendi di essere ricondotto alla pagina principale di DWService. Quando ciò avviene, fai clic sulla sezione Da installare visibile a sinistra e prendi nota del numero dell’agente appena configurato, collocato in fondo al riquadro visibile su schermo: ne avrai bisogno tra non molto.

Programmi per entrare nei computer

Adesso, passa al computer da controllare e procedi con l’installazione dell’agente di DWService: collegati a questo sito Web, clicca sul pulsante Download per due volte consecutive e attendi che il file d’installazione del client venga scaricato sul computer.

Una volta ottenuto il file, attieniti alla procedura specifica per il sistema operativo da te in uso.

  • Windows: avvia il file ottenuto in precedenza, clicca sui pulsanti Installa, Successivo e , apponi il segno di spunta accanto alla voce e premi nuovamente sul bottone Successivo. Fatto ciò, seleziona la casella posta accanto alla dicitura Digitando il codice di installazione, clicca sul bottone Successivo, digita il numero dell’agente configurato in precedenza e premi sui pulsanti Successivo e chiudi, per concludere.
  • macOS: apri la cartella dei Download, fai clic destro sul file ottenuto in precedenza e premi sul pulsante Apri, in modo da superare le restrizioni imposte da macOS nei confronti dei software di sviluppatori non certificati. Ora, ripeti la medesima operazione sull’icona denominata DWAgent, apponi il segno di spunta accanto alla voce Installa, premi sul pulsante Successivo e, quando richiesto, immetti la password del Mac nell’apposito campo e dai Invio. Attieniti dunque alle stesse indicazioni già viste al punto precedente, per configurare l’agente.

Il gioco è praticamente fatto! Per collegarti al computer remoto di tuo interesse, collegati alla pagina iniziale di DWService e, dopo aver effettuato l’accesso al tuo account, clicca sul pulsante Agenti e poi sul nome dell’agente configurato in precedenza, che risiede nella sezione Disponibile. Per visualizzare e/o controllare il desktop, clicca sul pulsante Schermo e il gioco è fatto!

Programmi per entrare nei computer

Ti faccio presente che, se il computer da controllare è un Mac, dovrai fornire a DWService le autorizzazioni per accessibilità e registrazione dello schermo, prima ancora di effettuare la connessione, altrimenti potrai soltanto visualizzare il contenuto della scrivania, ma non controllarla.

Per farlo, apri le Preferenze di sistema, cliccando sul simbolo dell’ingranaggio residente sul Dock, accedi alla sezione Sicurezza & Privacy, fai clic sul simbolo del lucchetto serrato situato in basso a sinistra e inserisci la password del Mac, quando richiesto, per sbloccare le modifiche.

Adesso, fai clic sulla voce Accessibilità situata nella barra laterale di sinistra, premi sul pulsante [+] e seleziona il nome del disco del Mac (ad es. Mac Mini), servendoti del menu a tendina che compare nella parte superiore del nuovo pannello.

A questo punto, apri le cartelle Macintosh HD > Libreria > DWAgent > Native e fai doppio clic sul file dwagguilnc, per aggiungerlo alla lista delle applicazioni autorizzate all’uso del sistema di accessibilità. In seguito, clicca sulla voce Registrazione schermo, clicca sul pulsante [+] e ripeti esattamente gli stessi passaggi visti qualche secondo fa, in modo da autorizzare DWAgent all’interazione completa con lo schermo. Qualora avessi intenzione di effettuare anche operazioni di scambio di file, ripeti la stessa procedura anche per la voce Accesso completo al disco.

Altri programmi per entrare nei computer

Altri programmi per entrare nei computer

Quelli che ti ho elencato finora sono soltanto alcuni dei migliori programmi per entrare nei computer, ma non sono gli unici. Di seguito ti elenco alcune valide alternative alle soluzioni precedenti.

  • Supremo (Windows/macOS): è un software che consente di controllare qualsiasi computer tramite Internet, che non necessita d’installazione ed è subito pronto all’uso. È gratuito per scopi personali.
  • VNC Connect (Windows/macOS/Linux): si tratta di una piattaforma di accesso remoto messa a disposizione dal team di RealVNC, che consente di controllare da remoto qualsiasi computer su cui sia installato l’apposito programma server. È a pagamento (con prezzi a partire da 36€/anno), ma prevede un periodo di prova gratuito di 14 giorni.
  • Chrome Remote Desktop (Windows/macOS/Linux): si tratta di un’estensione progettata per il browser Google Chrome, che consente di fornire e ricevere assistenza tramite Internet. Il suo utilizzo è gratuito e implica l’installazione di un programma sul computer da controllare.

Per saperne di più, da’ uno sguardo alla mia guida dedicata ai programmi per accesso remoto, nella quale ho trattato l’argomento con dovizia di particolari.

App per entrare nei computer

App per entrare nei computer

Hai bisogno di accedere a un computer collegato a Internet avvalendoti dello smartphone, oppure del tablet? In questo caso, puoi servirti delle app “compagne” dei software di controllo remoto più conosciuti. Eccone alcune.

  • TeamViewer (Android/iOS/iPadOS): si tratta dell’app di controllo remoto abbinata al già citato programma per computer, del quale condivide le modalità d’uso e i termini di licenza.
  • Chrome Remote Desktop (Android/iOS/iPadOS): è l’applicazione ufficiale per accedere ai computer predisposti al controllo tramite l’omonima estensione per il browser Google Chrome. È gratuita.
  • Splashtop (Android/iOS/iPadOS): è un’applicazione che funziona con l’ausilio di un client desktop, denominato Streamer, che va installato sul computer da controllare. È gratuita per scopi non commerciali.
  • DWService (Browser): se hai scelto di utilizzare la piattaforma di controllo citata in precedenza, ti farà piacere sapere che puoi accedere agli agenti configurati anche tramite il browser dello smartphone oppure del tablet, in modo pressoché identico a quanto visto per computer.
Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.