Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come funziona TeamViewer

di

TeamViewer è uno dei software di controllo remoto più usati al mondo. Qualora non ne avessi mai sentito parlare, si tratta di un programma mediante il quale è possibile comandare un computer a distanza — usando comodamente il proprio mouse e la propria tastiera — attraverso Internet. Il suo funzionamento è piuttosto semplice. Una volta installato sul PC, il software fornisce all’utente una combinazione di ID e password che, se comunicati a un altro utente di TeamViewer, consentono a quest’ultimo di prendere il controllo del sistema e comandarlo da remoto.

Fra i principali pregi di TeamViewer, oltre alla succitata semplicità di utilizzo, ci sono la compatibilità e il prezzo. Il programma è disponibile per Windows, macOS, Linux e per tutti i principali modelli di smartphone e tablet. Quanto al prezzo, il software è disponibile in una versione di base gratuita (che si può utilizzare solo per scopi personali) e in una versione a pagamento destinata all’utenza aziendale, con prezzi a partire da 29,90 euro/mese.

Che ne dici? Ti andrebbe di saperne di più? Bene, allora prenditi cinque minuti di tempo libero e scopri come funziona TeamViewer più in dettaglio! Tutto quello che devi fare è sederti bello comodo e leggere con attenzione le procedure e le informazioni che troverai nei prossimi capitolo. Detto ciò, direi di cominciare immediatamente! Non mi resta che augurarti una buona lettura e, soprattutto, un buon lavoro!

Indice

Come funziona TeamViewer per computer

TeamViewer

Per scaricare TeamViewer sul tuo PC, collegati al sito Internet del programma e clicca sul pulsante Download che si trova in alto. Scegli dunque l’icona relativa al sistema operativo su cui vuoi utilizzare il software e attendi che il download giunga al termine.

Se utilizzi un PC Windows, apri poi il file .exe che hai appena scaricato e scegli se avviare il programma senza installazione (Avviare soltanto) oppure se installarlo sul tuo computer. L’installazione è consigliata se si vuole utilizzare spesso il software o si vuole accedere da remoto a un PC non presidiato.

Ci sono due opzioni di installazione tra cui scegliere: Installa con le impostazioni predefinite e Installa e configura l’accesso non presidiato a questo dispositivo. Quest’ultima opzione permette di configurare immediatamente una password statica per l’accesso da remoto al computer senza autorizzazione diretta dell’utente che opera sul PC da comandare. Ad ogni modo, puoi anche scegliere la prima opzione, in quanto puoi impostare una password statica d’accesso anche in un secondo momento. Scegli poi la voce Desidero utilizzare la versione gratuita per uso personale.

Se hai deciso di non installare TeamViewer, invece, premi sul tasto nel riquadro del Controllo dell’account utente di Windows. Quando avvii per la prima volta TeamViewer, dovrai accettare i termini d’utilizzo (in caso contrario non ti sarà possibile accedere alla schermata principale e utilizzare il programma).

Se utilizzi un Mac, invece, dopo aver prelevato ed eseguito il file .dmg, fai doppio clic sull’icona Install TeamViewer che trovi dentro l’archivio e premi sul pulsante Apri. Fatto ciò, accetta i termini d’utilizzo di TeamViewer e fai clic sui tasti Continue e OK. Nella schermata d’installazione, premi sui tasti Continua e Installa, digita la password del Mac e premi la voce Installa software. Al termine dell’installazione premi sui tasti Chiudi e Sposta.

All’avvio del programma su Mac, scegli la voce Desidero utilizzare la versione gratuita per uso personale e fai clic sui tasti Continua e Fine. Segui poi le istruzioni nella schermata di TeamViewer per garantirgli l’accesso alle funzionalità del Mac (si tratta di mettere qualche spunta in Preferenze di sistema). Premi, infine, sul tasto Close per completare la procedura d’installazione e configurazione di TeamViewer su Mac.

A questo punto dovresti essere al cospetto della schermata principale di TeamViewer, dove le operazioni da compiere sono le medesime su tutti i sistemi operativi.

TeamViewer

Al centro della finestra trovi il tuo ID e la tua password: le uniche informazioni che dovrai comunicare agli altri utenti di TeamViewer per far sì che possano comandare il tuo computer a distanza. Sulla sinistra, invece, c’è il menu per avviare le diverse funzionalità di TeamViewer e anche la possibilità di creare e accedere al tuo account gratuito su TeamViewer (non indispensabile se ne fai un uso sporadico) utile per salvare le credenziali d’accesso di tutti i propri PC e accedervi in qualsiasi momento senza doverne digitare ID e password (Accesso facile).

Se vuoi sapere, dunque, come funziona accesso facile di TeamViewer, devi creare innanzitutto il tuo account gratuito per il servizio, cliccando sulla voce Accedi presente in alto a sinistra e premendo sulla voce Iscriviti. Digita, quindi, il tuo indirizzo email e una password sicura da associare all’account di TeamViewer e premi sui tasti Avanti e Fine. A operazione completata ricordati di confermare la tua identità cliccando sul link di verifica che riceverai via email.

Adesso, per abilitare l’accesso facile, non ti resta che fare clic sulla scheda laterale Controllo remoto e mettere un segno di spunta a fianco della casella Consenti accesso facile. Per accedere in remoto a un computer assegnato nell’account, tutto quello che devi fare è raggiungere la scheda Computer & contatti, seleziona il nome del PC e premere sul tasto Controllo remoto.

Se invece non stai utilizza un account TeamViewer o vuoi semplicemente accedere a un PC da remoto senza usare la funzionalità Accesso facile, tutto quello che devi fare è seguire le indicazioni qui di seguito.

  • Se vuoi far controllare il tuo PC da remoto, avvia TeamViewer, accertati che la connessione a Internet sia attiva e comunica ID e password al tuo interlocutore (Consenti controllo remoto). Entro qualche secondo dovresti vedere il cursore del mouse muoversi “da solo”, segno che l’altra persona è riuscita ad accedere al sistema e lo sta comandando a distanza.
  • Se vuoi controllare il PC di un’altra persona da remoto, apri TeamViewer, assicurati che la connessione a Internet sia attiva, verifica che ci sia il segno di spunta accanto alla voce Controllo remoto (nella sezione Controllo computer remoto) e digita l’ID del computer da comandare a distanza nel campo ID partner. A operazione completata, pigia sul pulsante Connetti, digita la password del computer da comandare a distanza e il gioco è fatto. Naturalmente, affinché tutto vada a buon fine, sul computer da controllare ci deve essere una connessione a Internet attiva e una copia di TeamViewer in esecuzione.

Una cosa importante da sottolineare è che il computer controllato e il computer del “controllore” non devono essere dello stesso tipo: è possibile comandare un Mac da un PC Windows e viceversa, non ci sono problemi.

TeamViewer

Una volta stabilita la connessione con il PC remoto, potrai controllare quest’ultimo usando il mouse e la tastiera del tuo computer: sarà proprio come usare un PC collocato fisicamente di fronte a te. L’unica differenza sarà rappresentata dalla presenza di una barra degli strumenti nella parte alta dello schermo, si tratta della barra degli strumenti di TeamViewer in cui sono contenute tutte le funzioni più avanzate del programma.

La toolbar di TeamViewer è strutturata in schede: in quella denominata Operazioni trovi i pulsanti per interrompere la sessione di controllo remoto, bloccare/arrestare il PC controllato a distanza e aggiungere un nuovo partecipante alla sessione di assistenza remota; in quella denominata Visualizza puoi regolare tutte le impostazioni relative alle dimensioni e alla qualità del desktop remoto; nella scheda Comunica trovi gli strumenti per chattare ed effettuare videoconferenze con il tuo interlocutore, mentre nella scheda File & extra trovi gli strumenti per trasferire file da e verso il computer remoto, scattare un’istantanea del suo schermo o registrare quello che accade sul desktop; la scheda Descrizione consente invece di vedere le caratteristiche hardware del PC a cui ti sei connesso e altre utili informazioni.

Tutti gli strumenti sono estremamente semplici da usare. Quello per il trasferimento dei file, ad esempio, si presenta come un pannello suddiviso in due colonne: quella di sinistra che permette di navigare fra le cartelle del proprio PC e quella di destra che permette di navigare nelle cartelle del PC remoto. Una volta selezionati i file di proprio interesse, basta fare clic sui pulsanti Invia e Ricevi e i dati vengono copiati da un computer all’altro. Più facile di così?

Una volta terminata la tua sessione di assistenza remota, per chiudere TeamViewer, non devi far altro che cliccare sulla “X” contenuta nella scheda Operazioni del programma (in alto a sinistra).

Devi sapere anche che TeamViewer funziona anche con PC spento. O meglio, puoi fare in modo di accendere il PC da remoto così da accedervi facilmente. Come? Grazie a Wake-On-LAN (WoL): si tratta di una funzionalità che “risveglia” il PC (accendendolo) grazie a un input da remoto (in questo caso l’input è inviato da TeamViewer). Ovviamente devi assicurarti che il tuo PC o Mac supportati tale funzionalità e che tu abbia creato un account TeamViewer.

Se vuoi saperne di più, ti consiglio di fare riferimento al mio tutorial su come accendere il PC da remoto per abilitare WoL sul tuo computer e configurare TeamViewer tramite l’apposita funzionalità presente nel suo pannello delle impostazioni.

Come funziona TeamViewer per smartphone e tablet

Come funziona TeamViewer

Ti piacerebbe controllare il tuo PC a distanza mentre sei fuori casa? Allora scopri subito come funziona TeamViewer su smartphone e tablet grazie all’app TeamViewer Remote Control.

Come sottolineato all’inizio di questo tutorial, è disponibile per tutti i principali sistemi operativi del mondo mobile e grazie a delle comode gesture studiate appositamente per i touch screen di smartphone e tablet, consente di comandare qualsiasi PC a distanza in maniera estremamente facile e veloce.

Se vuoi sapere come funziona TeamViewer su Android, fai tap dal tuo dispositivo su questo link e premi sul tasto Installa (puoi scaricare TeamViewer anche da store alternativi). Nel caso invece che tu voglia sapere come funziona TeamViewer su iPhone o iPad, raggiungi questo link dal tuo dispositivo Apple, premi sul tasto Ottieni e sblocca il download e l’installazione tramite il Face ID, il Touch ID o la password dell’ID Apple.

L’interfaccia dell’applicazione è intuitiva come quella della controparte desktop: nella scheda Connetti è possibile digitare l’ID e la password del computer da comandare a distanza o trasferirne dei file; in Computer trovi la lista dei tuoi computer (previa accesso al tuo account TeamViewer), mentre nelle schede Chat trovi gli strumenti per chattare con gli utenti dei computer remoti.

Una volta stabilita la connessione con il PC remoto ti verrà mostrata una schermata con le gesture, cioè con i gesti da utilizzare per guidare il computer tramite il touch-screen del tuo smartphone/tablet. Ad esempio, facendo “tap” su uno degli elementi presenti sullo schermo puoi fare un clic sul computer remoto, effettuando uno swipe con due dita puoi scorrere gli elementi presenti sul desktop del PC comandato a distanza e così via.

Un altro strumento che ti consentirà di interagire con il PC remoto è la toolbar che si trova in fondo allo schermo: pigiando sull’icona della tastiera potrai richiamare il tastierino virtuale del tuo smartphone/tablet per scrivere sul computer remoto, pigiando sull’icona del fulmine potrai bloccare il computer, mentre pigiando sull’icona dell’ingranaggio potrai regolare le impostazioni relative alla qualità del desktop remoto. Al termine della sessione di controllo remoto, per chiudere TeamViewer, pigia sulla “X” collocata in basso a sinistra.

Come funziona TeamViewer Meeting

TeamViewer

TeamViewer Meeting è uno strumento di questo famoso software per effettuare videoconferenze fino a 10 partecipanti in tutta sicurezza grazie alla crittografia end-to-end a 256 bit e gli strumenti integrati che consentono la condivisione schermo.

Per usare TeamViewer Meeting su PC, ti basta possedere il software TeamViewer e selezionare la scheda Meeting: puoi scaricarlo e configurarlo seguendo le istruzioni che ti ho fornito nel precedente capitolo. Per usarlo, invece, su smartphone e tablet, devi scaricare l’apposita app per Android (disponibile anche su store alternativi) o iOS/iPadOS.

Adesso, per creare un Meeting, nella schermata principale, premi sul tasto Start (da PC) o Start Meeting/Avvia riunione (da smartphone e tablet). A questo punto, configura il tuo microfono e la tua webcam/fotocamera e premi sul tasto Avvia un meeting/Start. Sulla cornice della schermata che si apre, sarà presente un ID, preceduto dalla lettera “m”. Questo è l’ID da comunicare a tutti coloro che vuoi far partecipare alla riunione.

Per accedere a una riunione, invece, nel campo ID Meeting, digita l’ID che ti è stato fornito e premi sul tasto Partecipa per due volte consecutive. Dopo che hai effettuato l’accesso a una riunione, tramite la barra degli strumenti in basso puoi decidere di abilitare/disabilitare il tuo microfono o video, condividere lo schermo o aprire la schermata della chat. Per uscire dalla riunione utilizza l’apposito tasto della cornetta (su PC) o l’icona X (su smartphone e tablet).

Come funziona TeamViewer Pilot

Come funziona TeamViewer Pilot

TeamViewer Pilot, oggi denominato TeamViewer Assistant AR, è una funzionalità che consente di fornire supporto da remoto tramite dispositivi in realtà aumentata. Ad esempio immagina che un ingegnere debba fornire assistenza tecnica a un’azienda situata in un’altra nazione e, data l’urgenza, sia necessario un intervento immediato. In questo caso, tramite la funzionalità Assistant AR, un operatore può consentire una guida visiva al tecnico per una pronta risoluzione.

Per utilizzare TeamViewer Assistant AR puoi usare un semplice smartphone Android o iPhone oppure degli occhiali Smart. Inoltre, è necessario acquistare una licenza Lite o Professional con prezzi a partire da 25,90 euro/mese. Se vuoi saperne di più su come funziona TeamViewer Assistant AR, puoi fare riferimento al sito Web ufficiale, dove sono presenti anche dei moduli di contatto per parlare con un consulente.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.