Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
eBay Black Week
Migliaia di prodotti in promozione su eBay. Scopri le offerte migliori

Come accendere il PC da remoto

di

Leggendo alcune guide sul mio sito, hai imparato che è possibile controllare il computer da remoto con l’ausilio di programmi di semplice utilizzo e spesso gratuiti. Tuttavia, sei perfettamente consapevole del fatto che i suddetti programmi funzionino soltanto a PC acceso e a te è capitato diverse volte di voler comandare a distanza un computer che in quel momento era spento. Ti piacerebbe dunque sapere come accendere il PC da remoto e se c’è un modo per raggiungere questo scopo facilmente.

Beh, se le cose stanno le ho appena descritte, ho buone notizie per te: sfruttando la tecnologia Wake-On-LAN, ossia una particolare funzione delle schede di rete, che consente di intercettare una particolare informazione in transito dal router e di usarla per risvegliare il computer, è possibile fare proprio ciò di cui hai bisogno, cioè “svegliare” il computer (che deve trovarsi in standby e non deve essere completamente spento) e comandarlo a distanza.

Come dici? Ora che sei consapevole di questa possibilità, non vedi l’ora di servirtene? In tal caso, non perdere un solo istante in più e leggi con attenzione tutto quanto ho da spiegarti sull’argomento: ti garantisco che, al termine della lettura di questa guida, avrai acquisito le competenze necessarie per riuscire in questa particolare “impresa”. Scommettiamo?

Indice

Operazioni preliminari

Come accendere il PC da remoto

A prescindere dal metodo che deciderai di usare per accendere il PC da remoto, è indispensabile che sullo stesso sia abilitata la tecnologia Wake-on-LAN (o WoL). Come già accennato nelle battute introduttive di questa guida, si tratta di una funzionalità presente su numerose schede di rete Ethernet (ma anche su alcune schede Wi-Fi) che consente, alla ricezione di un particolare segnale (denominato Magic Packet) da parte del router al quale è connesso il computer, di accendere il dispositivo automaticamente.

Per abilitare Wake-On-LAN, se il tuo è un computer dotato di sistema operativo Windows, devi innanzitutto verificare che la suddetta tecnologia sia attivata all’interno di BIOS/UEFI: sfortunatamente, non sono in grado di fornirti una procedura standard da seguire, in quanto le voci di menu potrebbero differire tra loro, in base al modello di scheda madre in proprio possesso.

In linea generale, dopo aver riavviato il PC e aver effettuato l’accesso al pannello BIOS/UEFI (se non sai come procedere, attieniti alle istruzioni che ti ho fornito in questo tutorial), raggiungi la sezione dedicata alla configurazione del BIOS/UEFI (in genere denominata Config) oppure alle impostazioni avanzate del computer (Advanced settings) e identifica l’opzione dedicata a WoL, che può avere nomi differenti: Remote/Event Wake Up, Wake-on-LAN, Magic Packet Wake Up, Power ON by PCIE/PCI, Wake up on PCI Event, Wake up on LAN, WOL by Magic Packet e denominazioni simili.

Dopo averla individuata, attivala servendoti della tastiera (o del mouse, se il computer è dotato di interfaccia grafica UEFI), salva le modifiche applicate in precedenza e riavvia il computer, per tornare a Windows.

Effettuato nuovamente l’accesso, verifica che WoL sia altresì attivato lato software: fai clic destro sul pulsante Start di Windows (l’icona a forma di bandierina residente in basso a sinistra), seleziona la voce Gestione dispositivi dal menu proposto e, quando la finestra dell’utility di gestione compare su schermo, espandi la sezione dedicata alle schede di rete.

Come accendere il PC da remoto

Fatto ciò, individua il nome della scheda in uso per la connessione a Internet, fai doppio clic su di esso, così da visualizzare le proprietà del dispositivo, e seleziona la scheda Avanzate. A questo punto, individua la voce Magic packet per riattivazione all’interno del box Proprietà, verifica che il relativo menu a tendina si trovi su Abilitato (altrimenti fallo tu) e ripeti la medesima operazione per le voci Wake on Magic Packet e Wake on magic packet when system is… (in the S0ix power state), se presenti.

Adesso, per far sì che il computer si riattivi alla ricezione del Magic Packet, recati nella scheda Risparmio energia (se disponibile) e apponi il segno di spunta accanto alla voce Consenti al dispositivo di riattivare il computer. Per finire, clicca sul pulsante OK, in modo da applicare le modifiche.

Se hai intenzione di servirti di WoL attraverso programmi o app in grado di inviare il Magic Packet in autonomia, potresti dover aggiungere un’eccezione al firewall in uso sul computer e sbloccare la porta 9 con protocollo UDP (ma anche TCP, per far sì che i dati transitino al meglio).

Per riuscirci, se utilizzi Windows Defender, apri una finestra di PowerShell o del Prompt dei comandi in modalità amministratore (per il primo, è sufficiente fare clic destro sul pulsante Start di Windows 10 e selezionare la voce Windows PowerShell (amministratore) dal menu contestuale) e impartisci i seguenti comandi, uno per volta, seguiti dalla pressione del tasto Invio.

netsh advfirewall firewall add rule name=“WoL_UDP” dir=in action=allow profile=any localport=9 protocol=UDP edge=yes

netsh advfirewall firewall add rule name=“WoL_TCP” dir=in action=allow profile=any localport=9 protocol=TCP edge=yes

Nel caso utilizzassi un firewall di terze parti, aggiungi un’eccezione per sbloccare la porta 9 sui protocolli TCP e UDP, seguendo la procedura più adatta al software da te in uso.

In alcuni scenari, potrebbe esserti inoltre utile recuperare il MAC Address (ossia l’indirizzo fisico) della scheda di rete tramite la quale il computer è collegato a Internet: per riuscirci, clicca sull’icona della rete di Windows (quella a forma di computer o tacchette, che risiede nei pressi dell’orologio di sistema) e poi sulla voce Proprietà corrispondente alla rete a cui sei collegato: l’informazione che cerchi si trova in corrispondenza della voce Indirizzo fisico (MAC), annessa alla schermata che compare.

Come accendere il PC da remoto

Su macOS, invece, le cose sono molto più semplici: per abilitare l’accensione del Mac tramite WoL, è sufficiente aprire le Preferenze di sistema (cliccando sul simbolo a forma d’ingranaggio che risiede nel Dock), cliccare sull’icona dedicata al Risparmio energia e, infine, selezionare la casella Riattiva per l’accesso della rete Ethernet.

Per trovare il MAC Address della scheda di rete, invece, torna alla schermata principale delle Preferenze di sistema, clicca sull’icona Rete e seleziona la scheda attraverso la quale il PC è connesso a Internet. Per finire, clicca sul pulsante Avanzate… posto in alto a destra e seleziona la scheda Hardware, per visualizzarne l’indirizzo MAC.

Nota: non tutte le schede Wi-Fi supportano la tecnologia Wake-on-LAN. Di conseguenza, potrebbe essere necessario collegare il PC da accendere alla Rete tramite cavo Ethernet: per saperne di più, ti rimando alla lettura di questo tutorial. Se il computer e il router sono troppo lontani per poter sviluppare comodamente un cavo, puoi inoltre valutare l’impiego di un dispositivo Powerline (maggiori info qui).

Come accendere il computer da remoto

Ora che hai configurato il computer per l’accensione tramite WoL, è arrivato il momento di spiegarti come accenderlo impiegando alcuni tra i più celebri programmi per il controllo remoto. Ti anticipo, però, che l’accensione da remoto mediante la tecnologia Wake-On-LAN funziona soltanto tra dispositivi collegati alla stessa rete.

Come accendere un PC da remoto con TeamViewer

Come accendere un PC da remoto con TeamViewer

Per poter accendere un PC da remoto con TeamViewer, uno dei programmi di controllo remoto pi famosi al mondo, è indispensabile che il suddetto software sia presente sia sul computer da risvegliare che su quelli dai quali inviare il Magic Packet.

Dunque, se non hai ancora provveduto a installare il programma, collegati al suo sito Internet ufficiale, clicca sul pulsante Download gratuito per ottenere il relativo file d’installazione, quindi esegui quest’ultimo e segui le istruzioni che ti vengono fornite, per completare il setup del programma.

Se utilizzi Windows, per esempio, apponi il segno di spunta accanto alla voce Installare per controllare in seguito questo computer da remoto, indica di voler usare il programma per scopi privati/non commerciali e premi sui pulsanti Accetto – fine e , per finalizzarne il setup.

Per quanto riguarda macOS, dopo aver scaricato e avviato il file .dmg di TeamViewer, fai doppio clic sull’icona Install TeamViewer situata nella finestra che compare su schermo, premi il pulsante Continua per due volte consecutive e poi su Accetta e Installa. Per finire, inserisci la password del Mac nella finestra che compare e ultima il processo cliccando sul pulsante Installa Software.

A setup concluso, segui le istruzioni indicate per accordare le autorizzazioni necessarie al corretto funzionamento del software: clicca dunque sui pulsanti Configura autorizzazioni Apri preferenze di sistema, individua la sezione Accessibilità nella barra laterale di sinistra della finestra che va ad aprirsi e apponi il segno di spunta accanto a qualsiasi voce riguardi TeamViewer; ripeti i medesimi passaggi anche per la sezione Registrazione schermo. Quando hai finito, puoi chiudere tranquillamente la finestra delle Impostazioni.

Se hai bisogno di una mano in più nel portare a termine il tutto, ti rimando alla lettura del mio tutorial dedicato al download di TeamViewer.

Dopo aver installato il programma, se necessario, raggiungi il dispositivo dal quale vuoi inviare il Magic Packet, apri TeamViewer e, per prima cosa, recati nella sezione Controllo Remoto (si trova nella barra laterale di sinistra) e annota l’ID Interlocutore del computer, poiché ne avrai bisogno tra non molto.

Successivamente, se non hai ancora provveduto a farlo, devi effettuare l’accesso a un account TeamViewer: si tratta di un’operazione indispensabile affinché il tutto proceda senza intoppi. Pertanto, clicca sulla voce Accedi che risiede in alto, indica il nome utente e la password associati al tuo profilo TeamViewer negli appositi campi e clicca sul pulsante Accedi, in modo da effettuare l’associazione. In alcuni casi, potrebbe venirti chiesto di autorizzare il nuovo dispositivo, effettuando il riconoscimento tramite email.

Se, invece, non disponi di un account TeamViewer, clicca sulla voce Registrati, compila il modulo che ti viene proposto con le informazioni richieste (Nome, indirizzo email e password) e clicca sui pulsanti Avanti e Fine, per associare l’account al computer. Per finire, procedi con la verifica del nuovo profilo creato facendo clic sul link di attivazione che, nel frattempo, dovrebbe esserti stato recapitato tramite email.

Come accendere un PC da remoto con TeamViewer

Dopo aver ripetuto le suddette operazioni su tutti i computer “candidati” all’invio del Magic Packet, passa al PC da accendere da remoto, apri TeamViewer e clicca sul menu Extra > Opzioni collocato in alto. Giunto alle impostazioni del programma, recati nella sezione Generale, clicca sul pulsante Assegna all’account… e inserisci le credenziali del tuo account TeamViewer negli appositi campi, per effettuare l’accesso.

A questo punto, individua la voce Wake-on-LAN, clicca sul pulsante Configura… posto in sua corrispondenza e, se utilizzi Windows, apponi il segno di spunta accanto alla dicitura Altri TeamViewer nella tua rete locale, situato nella schermata che compare subito dopo: digita quindi l’ID interlocutore recuperato in precedenza dal PC di “controllo” all’interno del campo ID TeamViewer e clicca sul pulsante Inserisci….

Su Mac, invece, devi impostare il menu a tendina posto al centro della finestra su ID TeamViewer nella tua rete e premere il pulsante [+], per poter aggiungere l’ID del computer di controllo.

Il gioco è praticamente fatto! Ultimata la fase di configurazione, per accendere il computer da remoto, apri TeamViewer sul PC dal quale agire, effettua l’accesso al tuo account, se necessario, clicca sulla scheda Computer & Contatti (quella raffigurante il simbolo un’agenda) ed espandi la sezione I miei computer.

Per concludere, clicca sul nome del PC da accendere (che dovrebbe risultare offline) e poi sul pulsante Riattiva, che risiede nella parte destra della finestra: a seguito di questa operazione, il computer in questione dovrebbe accendersi immediatamente.

Nel caso in cui volessi approfondire il funzionamento di TeamViewer, ti invito a leggere il tutorial che ho dedicato interamente al programma.

Come accendere un PC da remoto con AnyDesk

Come accendere il PC da remoto

Anche AnyDesk, altro ottimo software di controllo remoto gratuito per uso personale, consente di accendere un PC tramite Internet sfruttando la tecnologia Wake-on-LAN. Affinché il tutto vada a buon fine, è indispensabile che il suddetto software sia presente su tutte le macchine coinvolte (sia il PC da accendere, sia i computer da cui inviare il Magic Packet).

Se non hai ancora provveduto a farlo, collegati al suo sito Internet principale e clicca sul pulsante Download gratuito, in modo da ottenere il file più adatto al sistema operativo da te in uso. A download ultimato, se impieghi Windows, avvia il file ottenuto, clicca sul link Installare AnyDesk in questo computer…, rimuovi il segno di spunta dalla casella relativa all’installazione della stampante AnyDesk e completa il tutto premendo i pulsanti Installa e .

Su Mac, invece, fai così: apri il file .dmg ottenuto in precedenza, trascina l’icona di AnyDesk nella cartella Applicazioni di macOS, recati in quest’ultima e fai doppio clic sull’icona appena creata; per avviare il programma, clicca sul pulsante Apri, in modo da oltrepassare le restrizioni di macOS nei confronti degli sviluppatori non certificati (devi farlo solo la prima volta).

Ora, per consentire il corretto funzionamento del programma, clicca sulla voce Imposta, che si trova sulla barra laterale di AnyDesk (all’interno del riquadro rosso) e premi il pulsante Apri preferenze di sistema, situato nella schermata che compare. Per finire, seleziona la voce Accessibilità dalla barra laterale di sinistra e apponi il segno di spunta accanto a qualsiasi voce che riguardi AnyDesk; ripeti poi i medesimi passaggi con le voci presenti nella sezione Registrazione schermo. Se le opzioni sono bloccate, clicca sul lucchetto serrato situato in basso a sinistra e inserisci, quando richiesto, la password del Mac, per sbloccarle.

Come accendere un PC da remoto con AnyDesk

Dopo aver installato (ed eventualmente autorizzato) AnyDesk sul computer da accendere da remoto, annota il suo indirizzo (si trova in corrispondenza del riquadro Questa scrivania), quindi clicca sul pulsante ☰ collocato in alto a destra, seleziona la voce Impostazioni dal menu visualizzato e seleziona la voce Wake-On-LAN/WOL.

Ora, se usi Windows, fai clic sul pulsante Unlock Wake-On-LAN Settings…, premi il pulsante e apponi il segno di spunta accanto alla voce Enabled, situata nella finestra successiva. Se, invece, il tuo è un Mac, apponi il segno di spunta accanto alla voce Abilitato e chiudi la finestra.

Il gioco è praticamente fatto! A partire da questo momento, puoi riaccendere il computer inserendone l’indirizzo nella casella Inserisci ID computer di AnyDesk e cliccando sul pulsante Connetti: dopo alcuni istanti, AnyDesk dovrebbe notificarti l’indisponibilità dell’interlocutore e il tentativo di risvegliarlo mediante Wake-on-LAN.

Altri sistemi per accendere un PC da remoto

Come accendere il PC da remoto

Hai trovato molto utili le informazioni che ti ho fornito finora, ma vorresti sfruttare il sistema WoL mediante un software più semplice e immediato rispetto a quelli visti poco fa? In questo caso, puoi installare, sul PC dal quale effettuare il risveglio, qualsiasi programma adibito all’invio del Magic Packet, come per esempio Wake on LAN per Windows 10.

Per ottenerlo, collegati a questo sito Web e clicca sui pulsanti Ottieni, Apri Microsoft Store e Ottieni, in modo da installare il software attraverso lo store di Windows. A installazione avvenuta, apri il programma richiamandolo dal menu Start di Windows, assegna un nome al PC da risvegliare, specificandolo nel campo Name, inserisci il Mac Address della macchina all’interno dell’apposita casella di testo e premi il pulsante Add, in modo da aggiungerlo alla lista. Per accenderlo, non devi fare altro che cliccare sul suo nome: tutto qui!

Qualora la cosa non funzionasse, prova a cambiare la porta su cui il Magic Packet viene inviato: per riuscirci, clicca sul simbolo dell’ingranaggio collocato in basso, individua la dicitura Port to use for magic packet 7 or 9 e attivala, in modo da far sì che il Magic Packet venga inviato attraverso la porta 9.

Come accendere il PC da remoto con Android

Come accendere il PC da remoto con Android

Dopo aver configurato in modo opportuno il computer da accendere, esistono numerose applicazioni per Android che consentono, al bisogno, di risvegliarlo. È il caso, per esempio, di Wake On Lan, un’app disponibile gratuitamente sul Play Store e sugli store alternativi per Android, la quale consente di ottenere il risultato sperato nel giro di un paio di tap. Affinché il tutto proceda senza intoppi, è indispensabile che lo smartphone e il computer si trovino sulla stessa rete; per comodità, ti consiglio di accendere quest’ultimo, in modo che l’app possa riconoscerlo automaticamente.

Per scaricare Wake On Lan, collegati all’apposita sezione dello store presente sul tuo dispositivo, tocca il pulsante Installa e attendi che il download e l’installazione dell’app vengano conclusi automaticamente; infine, premi il pulsante Apri per aprirla, oppure utilizza l’icona che, nel frattempo, è stata aggiunta al drawer. Se richiesto, tocca il pulsante Consenti per far sì che Wake On Lan possa accedere ai dispositivi di rete.

Quando la schermata principale del software va ad aprirsi, premi il pulsante (+) collocato in basso e, se il PC da controllare è acceso, fai tap sul suo nome, per inserirlo nella lista; se, invece, esso risulta spento, tocca la voce Inserisci manualmente e compila il modulo fornito con i dati necessari: un nickname da assegnare al computer e l’indirizzo MAC dello stesso.

Quando hai finito, tocca il pulsante Aggiungi dispositivo, che risiede in basso. Finalmente ci siamo: una volta aggiunto il computer alla lista, non devi fare altro che avviare l’app e fare tap sul suo nome, in modo da “risvegliarlo” tramite WoL.

Come accendere PC da remoto con iPhone

Come accendere PC da remoto con iPhone

Anche per iPhone valgono le stesse “dritte” già viste per Android: le applicazioni preposte all’invio del Magic Packet sono tantissime e, nella maggior parte dei casi, completamente gratuite. Affinché il tutto vada a buon fine, anche in questo caso, è indispensabile che WoL sia attivo sul PC da risvegliare e che quest’ultimo e lo smartphone si trovino sulla stessa rete.

A tal proposito, ti consiglio Swol, un’applicazione completamente gratuita, in grado di sfruttare appieno la tecnologia Wake-On-Lan. Per ottenerla, segui questo link, fai tap sul pulsante Ottieni/Installa e, se richiesto, effettua l’autenticazione tramite Face ID, Touch ID o Password dell’ID Apple configurato sul device.

Dopo aver concluso l’installazione dell’app, avviala, tocca il pulsante OK per concederle i permessi necessari e fai tap sulla voce Skip, per saltare il tutorial iniziale. Ora, tocca il pulsante (+) collocato in alto e compila il modulo proposto con le informazioni richieste: il nome del computer da accendere, l’indirizzo IP locale dello stesso (se non lo conosci, inserisci l’IP 255.255.255.0), il suo MAC address e la porta (che dovrebbe essere 9).

Per ultimare la configurazione del dispositivo, fai tap sulla voce Done situata in alto; per accendere il computer configurato, recati nella scheda Devices dell’app, tocca il suo nome e premi il pulsante Yes, per inviare il Magic Packet.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.