Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

App per gestione spese

di

Dopo tanti sacrifici, sei finalmente riuscito a ottenere quel lavoro che desideravi da tempo e hai uno stipendio tutto tuo, da poter gestire in totale autonomia. Essendo, però, un noto spendaccione, hai il timore di sprecare i tuoi guadagni e di non riuscire a risparmiare un bel niente: è per questo motivo che, intenzionato ad evitare che ciò accada, stai cercando un’applicazione, da avere sempre a portata di mano, che possa aiutarti a gestire le tue finanze.

Come dici? Le cose stanno esattamente in questo modo? Benissimo, allora sei capitato proprio nel posto giusto, al momento giusto! Nel corso di questa guida, infatti, ti mostrerò il funzionamento di alcune delle migliori app per gestione spese compatibili con Android e iOS, ricche di comode funzionalità che possono aiutarti a tenere “in ordine” i tuoi conti personali (o familiari).

Dunque, senza esitare oltre, ritaglia qualche minuto di tempo per te e leggi con molta attenzione tutto quanto ho da spiegarti sull’argomento: sono sicuro che, una volta conclusa la lettura di questa guida, avrai le idee ben chiare in merito all’app più adatta a quelle che sono le tue necessità. Detto ciò, non mi resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e… buon risparmio!

Indice

App per gestione spese Android

Esistono davvero tantissime app per Android dedicate alla gestione delle proprie finanze, ciascuna con le proprie caratteristiche e peculiarità. Di seguito ti illustro il funzionamento di quelle che, a mio avviso, rappresentano il giusto compromesso tra semplicità d’uso e completezza.

Expense Manager

App per gestione spese Android

Expense Manager è certamente una delle migliori app per gestione spese personali per Android. In lingua italiana, essa consente di tenere sott’occhio le proprie spese, grazie a un’interfaccia in stile “tabella” ricca di dettagli.

Tra le sue tante funzionalità, Expense Manager consente di impostare una spesa limite, definire dei modelli precompilati da utilizzare per le spese ricorrenti, oltre che acquisire e memorizzare foto di scontrini e fatture. L’app è quasi completamente tradotta in lingua italiana ed è disponibile gratuitamente (con presenza di annunci pubblicitari e possibilità di eliminarli, tramite acquisto in-app) sul Play Store.

Una volta installata, verrai condotto immediatamente alla schermata riepilogativa di spese ed entrate, suddivise per giorno, settimana, mese o anno. Per aggiungere un nuovo movimento (spesa o entrata), fai tap sul pulsante (+) situato in basso a destra e compila il modulo che ti viene proposto con le informazioni necessarie. È possibile impostare uno specifico budget (e dunque una soglia limite di uscite) o una spesa ricorrente, utilizzando le apposite voci presenti in alto.

Per aggiungere un nuovo conto personale, è necessario fare tap sull’icona a forma di lista, situata in alto a destra, e premere il pulsante (+), posto in basso. L’app dispone inoltre di una serie di strumenti utili, come la calcolatrice, il convertitore di valuta o il calcolatore di imposte, ai quali è possibile accedere toccando il pulsante , situato in alto a sinistra.

Expense Manager, inoltre, permette di caricare i dati in cloud (supporta Dropbox, Google Drive e OneDrive), di impostare un blocco tramite PIN, di personalizzare interfaccia e categorie di spese e molto altro: per accedere a queste funzionalità, è necessario aprire menu principale dell’app, raggiungibile sfiorando il pulsante  posto in alto a sinistra, e premere successivamente la voce Impostazioni.

Spese familiari/Le mie spese

app per gestione spese familiari

Un’altra ottima applicazione mirata al monitoraggio del budget è Le mie spese, disponibile gratuitamente sul Play Store di Android (con presenza di annunci pubblicitari). L’app è disponibile in lingua italiana.

Diversamente rispetto a Expense Manager, Le mie spese dispone di un’interfaccia organizzata in “menu”, tramite i quali è possibile richiamare la lista di operazioni, le statistiche e le categorie di spesa. L’app supporta, inoltre, l’aggiunta di più conti e la scelta di metodi di pagamenti differenti.

Una volta effettuata l’installazione del software, è possibile inserire una nuova operazione (spesa o entrata) facendo tap sul pulsante (+), collocato in alto; per ottenere un rapido riepilogo delle proprie operazioni, è sufficiente sfiorare il pulsante , posto in alto a sinistra.

Al bisogno, puoi esportare i dati relativi alle spese (in formato csv), avvalendoti dell’apposita funzionalità situata nella schermata principale dell’app, o, ancora, impostare una password d’accesso, sfiorando il pulsante delle impostazioni (quello a forma d’ingranaggio che si trova in alto a destra).

Expense Manager annovera, tra le sue caratteristiche, anche la possibilità di registrare i luoghi presso i quali si effettuano le uscite, aggiungere transazioni ricorrenti e ricevere statistiche dettagliate in merito a questi due aspetti. Tali funzionalità, però, sono disponibili solo all’interno della versione completa dell’app, che costa 2,79€.

Monefy

App per gestione spese Android

Se stai cercando un’app dedicata alla gestione delle spese personali dotata di un’interfaccia grafica basata su pulsanti e icone, la quale consenta di avere una panoramica “a colpo d’occhio” di entrate, uscite e categorie dei pagamenti, allora non puoi non dare una possibilità a Monefy.

Disponibile gratuitamente sul Play Store (con possibilità di sblocco di alcune funzionalità, tra cui la registrazione delle spese ricorrenti e la sincronizzazione in cloud, previo acquisto in-app al costo di 2,50€), Monefy permette di tenere traccia delle entrate e delle spese effettuate su uno o più conti o carte di credito, con la possibilità di salvare il tutto in cloud, su Google Drive o Dropbox, oppure in locale.

Usare l’app è davvero semplicissimo: dopo averla installata e avviata, sfiora una delle icone appartenenti alle categorie disponibili, per registrare una nuova spesa, oppure toccare il pulsante Entrata per aggiungere un deposito di denaro.

È possibile visualizzare un resoconto dei movimenti sfiorando il pulsante a forma di elenco, posto in alto a sinistra, oppure aggiungere una nuova categoria di spesa, un conto corrente/carta di credito, modificare la valuta corrente e accedere alle impostazioni dell’applicazione, facendo tap sul pulsante (⋮), collocato in alto a destra.

Altre app per gestione spese Android

Altre app per gestione spese Android

Quelle di cui ti ho parlato finora sono, a mio avviso, le migliori applicazioni disponibili per il sistema operativo Android e pensate per la gestione delle proprie finanze, ma non sono le uniche: se non hai trovato soddisfacenti le soluzioni che ti ho proposto, puoi trovare, all’interno del Play Store, una gran quantità di app “sui generis” che potrebbero fare al caso tuo. Di seguito te ne elenco alcune.

  • GoodBudget – quest’app, disponibile anche per iOS, consente di creare rapporti dettagliati contenenti le entrate e le uscite del proprio conto, impostare un budget mensile con i limiti di spesa e sincronizzare l’account anche con altri utenti e dispositivi, il che la rende un’ottima app per gestione spese familiari.
  • Financisto – si tratta di un’app minimale e senza troppi fronzoli, progettata per tenere traccia delle proprie spese personali. Nella sua semplicità, Financisto svolge egregiamente il suo compito.
  • Splid – è un’applicazione sì dedicata alla gestione delle spese, ma dominata da dinamiche leggermente diverse rispetto a quelle viste finora: il funzionamento di Splid, infatti, si basa sulla gestione ottimale delle spese condivise, con la possibilità di creare gruppi di compartecipazione (online e offline), sincronizzare le informazioni e controllare, in pochissimi secondi, le spese saldate e quelle ancora da saldare.

App per gestione spese iPhone

Hai in dotazione un iPhone e non un terminale Android? Nessun problema: esistono davvero tantissime app per gestione spese, appositamente progettate per i dispositivi di casa Apple. Di seguito, ti segnalo quelle che, a mio avviso, sono le migliori.

BudJet

App per gestione spese iPhone

Iniziamo da BudJet, ottima app di gestione finanze, disponibile gratuitamente su App Store: tramite un’interfaccia pulita e ben fatta, BudJet permette di tenere traccia delle proprie spese, di impostare obiettivi e, non da meno, di salvare le transazioni effettuate (che possono essere comodamente importate su altri dispositivi) su iCloud.

Dopo aver installato BudJet, effettua alcuni swipe verso sinistra per saltare le varie schermate di benvenuto e, quando richiesto, fai tap sul pulsante Inizia a usare BudJet, per accedere alla schermata principale dell’app. Come puoi facilmente intuire, essa mostra la lista delle ultime transazioni in entrata/uscita effettuate sul conto: per aggiungere un movimento, fai tap sulla voce Aggiungi una transazione oppure sul pulsante (+) collocato in basso.

BudJet permette di scegliere, nel giro di un paio di tap, la tipologia di transazione da annotare (in entrata o in uscita), la relativa categoria e, chiaramente, l’importo della stessa; se necessario, l’app consente di allegare al movimento una nota testuale, oppure una foto già esistente, oppure scattata “al volo” dalla galleria.

Come ti ho accennato poc’anzi, BudJet consente di impostare degli obiettivi di spesa mensile (scheda obiettivi), di visualizzare rapidamente le statistiche relative ai movimenti effettuati (statistiche) e, tramite la scheda Impostazioni, di impostare un budget mensile, di proteggere l’app con un PIN o di esportare le transazioni effettuate in un dato periodo.

Moneon

App per gestione spese

Altra app degna di nota, in questo frangente, è sicuramente Moneon: disponibile gratuitamente su App Store (con possibilità di acquisti in-app per lo sblocco di funzionalità aggiuntive), Moneon consente di tenere traccia delle proprie finanze con un’interfaccia di semplicissimo utilizzo.

Tra le sue caratteristiche, meritano menzione la possibilità di invitare altri utenti al proprio portafogli personale (il che rende Moneon un’ottima app per gestione spese familiari) e quella di gestire più portafogli contemporaneamente. Per utilizzare Moneon, è indispensabile creare un account online sulla piattaforma omonima.

Ad ogni modo, al primo avvio dell’app, ti verrà chiesto se hai già usato Moneon in passato, oppure se sei un nuovo utente; in quest’ultimo caso, dovrai effettuare una breve registrazione alla piattaforma di Moneon, indicando il tuo indirizzo email e una password, per la creazione di un account cloud (tramite il quale sincronizzare le spese su più dispositivi).

Una volta completata la creazione dell’account, tocca i pulsanti Avanti Inizia, per accedere alla schermata principale dell’app, la quale, al primo accesso, mostra un pratico tutorial di benvenuto: per aggiungere una nuova transazione, premi il pulsante (+) situato in basso a destra.

Tramite la schermata che ti viene proposta, puoi scegliere se si tratta di una spesa o di un guadagno, selezionare una categoria di appartenenza, specificare l’importo, inserire una nota o un tag e, se necessario, allegare una foto che descriva il movimento (come uno scontrino o una ricevuta). Quando hai finito, tocca il pulsante posto in alto a destra, per annotare il movimento.

Se necessario, puoi impostare un budget limite da rispettare, visualizzare la lista di tutte le transazioni, accedere ai resoconti, visualizzare le proprietà del portafogli corrente (tra cui la funzione per condividerlo con altre persone), aggiungere un nuovo portafogli e visualizzare le impostazioni dell’app, richiamando il menu principale della stessa, accessibile toccando il pulsante , collocato in alto a sinistra.

Visual Budget

App per gestione spese iPhone

Se ciò di cui necessiti è un’app per la gestione delle spese personali che disponga di funzionalità avanzate, allora Visual Budget fa decisamente al caso tuo: oltre che di tenere traccia delle proprie transazioni, l’app prevede la possibilità di gestire più conti contemporaneamente (raggruppandoli, se necessario), di generare report completi in PDF e di salvare i dati su iCloud. Visual Budget è disponibile gratuitamente sull’App Store.

Una volta scaricata e installata l’app, premi più volte il pulsante OK, per saltare il tutorial iniziale. Dopodiché, per aggiungere subito un nuovo conto personale, fai tap sulla scheda Conti e premi il pulsante (+) collocato in alto a destra. Conclusa la creazione del nuovo conto, fai tap sulla casella a esso corrispondente, per utilizzarlo.

Per aggiungere una nuova transazione, fai tap sulla scheda [nome conto], collocata in basso a sinistra, quindi premi il tasto (+) situato in alto e, dopo aver selezionato la categoria più appropriata per la transazione, compila il modulo che ti viene proposto, in modo da specificarne i dettagli.

Se desideri ottenere una panoramica delle finanze relative al conto in uso, con la possibilità di esportare il tutto in PDF, tocca la scheda Panoramica, situata in basso; per modificare le impostazioni dell’app, per importare o esportare i dati da o su iCloud e per accedere a una serie di funzioni aggiuntive, invece, devi recarti nella scheda Impostazioni, posta in basso a destra.

Altre app per gestione spese iPhone

Altre app per gestione spese iPhone

Non sei riuscito a trovare, tra quelle che ti ho elencato fin qui, un’app in grado di soddisfare tutte le tue necessità? Non temere: l’App Store pullula di software dedicati alla gestione delle finanze personali. In particolare, ti consiglio di dare un’occhiata alle app che ti segnalo di seguito: sono sicuro che non ne resterai deluso.

  • iSpesa – è un’app di semplicissimo utilizzo che, nel giro di pochi tap, consente di aggiungere un conto personale e di annotare tutte le spese relative allo stesso. Punto di forza di iSpesa è la sua interfaccia grafica, in grado di visualizzare sintesi istantanee nel giro di pochissimi secondi.
  • Expensify – ben più complessa rispetto alla soluzione precedente, Expensify è progettata per la gestione di conti personali e aziendali, caratterizzati da un elevato numero di movimenti periodici. Tra le tante funzionalità dell’app, figura la possibilità di acquisire i dati relativi ai movimenti scansionando scontrini e ricevute e di acquisire, in modo del tutto automatico, i dati relativi alle carte di credito in proprio possesso.
  • Cents – se stai cercando un’app che ti permetta di tenere sott’occhio tutte quelle piccole spese che “rosicchiano” denaro dal tuo conto, allora Cents è ciò che fa per te. Tra le numerose caratteristiche dell’app, è degna di nota la possibilità di creare dei pulsanti rapidi, relativi alle transazioni effettuate più spesso.