Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Salvatore Aranzulla Day
Evento di formazione SEO con Salvatore Aranzulla. Scopri il programma

Come aggiornare il BIOS

di

Il BIOS (acronimo di Basic Input-Output System) è una serie di istruzioni software scritte su una memoria non volatile collegata alla scheda madre del PC. È quello che fornisce tutte le informazioni di base al sistema operativo e ai programmi per interagire con i componenti hardware del computer, questo significa che è indispensabile per il corretto funzionamento del PC e va configurato sempre con estrema cautela.

Tuttavia, il BIOS può essere aggiornato (flashato, in gergo tecnico) con una versione più recente del suo software che di solito viene rilasciata dalla casa produttrice della scheda madre per correggere qualche problema o per aumentare le performance del computer.

Con la guida di oggi ti voglio far scoprire come aggiornare il BIOS e tutte le precauzioni da prendere prima di compiere un’operazione così delicata. Purtroppo non potrò essere preciso come al solito, in quanto ogni BIOS prevede una procedura di aggiornamento differente, ma almeno ti farai meglio un’idea sulle operazioni che potresti dover compiere.

Chiariamo subito un concetto: prima di aggiornare il BIOS devi chiederti se hai davvero bisogno di fare una cosa del genere. Mi spiego: se il tuo computer funziona bene, non dà errori e le sue performance sono buone, non hai bisogno di correre rischi inutili.

Un minimo problema nell’aggiornamento del BIOS può compromettere in maniera seria il funzionamento del PC, quindi se non hai motivi seri per aggiornare il BIOS o se l’aggiornamento non è richiesto esplicitamente dalla casa produttrice del tuo computer per qualche errore grave presente in esso, non farlo.

Detto questo, devi scoprire qual è la casa produttrice della scheda madre (detta anche motherboard mainboard) presente nel tuo computer. Le case produttrici di schede madri più popolari sono Dell/Alienware, HP/Compaq, IBM, Lenovo, Sun, Gateway, Acer, in ogni caso se hai un PC pre-assemblato o un notebook, dovrebbe bastarti collegarti al sito Internet della casa produttrice del computer e cercare lì l’aggiornamento per il BIOS.

Un altro modo molto pratico per scoprire qual è la scheda madre del PC e la versione del BIOS installata attualmente è scaricare il programma gratuito CPU-Z (basta cliccare sul pulsante Setup – English che si trova sulla sinistra e poi su Download now!) e installarlo cliccando sempre su Next. A setup completato, puoi reperire le informazioni di cui hai bisogno avviando il programma e selezionando la scheda Mainboard.

Scaricato il software adatto al tuo computer, devi sapere che esistono vari modi per aggiornare il BIOS. Alcuni, quelli più semplici, prevedono l’esecuzione di un programmino direttamente da Windows e l’esecuzione di una procedura guidata che in dopo un riavvio del sistema dovrebbe provvedere ad aggiornare il BIOS del PC in maniera del tutto automatico. In questo caso, è probabile che ti venga richiesto di fare un backup del BIOS già presente sul PC, clicca su (Yes) per accettare.

Un altro metodo abbastanza comune, ma un po’ più complicato, per aggiornare il BIOS di un computer prevede l’utilizzo di una chiavetta USB. In questo caso, devi copiare i file dell’aggiornamento scaricato dal sito del produttore del computer sul drive (dovrebbero esserci almeno un file bin, uno exe e un readme) e riavviare il computer.

Aggiornamento BIOS

Al riavvio, potresti dover richiamare manualmente il file per l’aggiornamento del BIOS (es. A06_123.bin) digitando il suo nome e premendo il tasto Invio sulla tastiera del PC. Quando ti viene chiesto se vuoi aggiornare il BIOS, rispondi in maniera affermativa (Yes, Update, ecc.) e attendi che il processo si concluda. Non dovrebbe volerci molto, ma tu incrocia le dita!

Sui computer più recenti, quelli equipaggiati con Windows 8 o successivi in cui il BIOS è stato sostituito dall’UEFI, prima di eseguire la chiavetta con i file di aggiornamento del BIOS devi quasi sicuramente entrare nel setup del PC e disabilitare la funzione Secure boot che impedisce l’avvio di sistemi diversi da Windows. Se non sai come accedere al menu di configurazione dell’UEFI, prova a seguire le indicazioni presenti nel mio tutorial su come entrare nel BIOS.