Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come bloccare SIM TIM

di

Quante volte hai sentito parlare di blocco della SIM in TV, sul Web o, magari, al bar e quante volte ti sei estraniato dal discorso in quanto fiducioso di non doverti mai ritrovare ad affrontare una situazione del genere? Beh, se ora sei qui e stai leggendo questo tutorial, mi pare evidente che, purtroppo, nelle ultime ore stai avendo qualche problemino con la tua scheda TIM e che quindi ti piacerebbe capire come procedere in tal caso.

Come dici? Le cose stanno esattamente in questo modo e vorresti saperne di più? Benissimo! Allora facciamo così: prenditi qualche minuto di tempo libero soltanto per te, mettiti bello comodo e concentrati sulla lettura di tutto quanto riportato qui di seguito. Insieme, infatti, andremo a scoprire come sbloccare la SIM TIM in caso di smarrimento o di furto e come ottenerne una sostitutiva.

Per completezza d’informazione, poi, sarà mia premura illustrarti come bloccare un telefono eventualmente perso, in modo da impedire a quest’ultimo l’accesso alle reti di telefonia cellulare disponibili sul suolo italiano. Ora, però, basta chiacchierare e passiamo all’azione. Ti auguro una buona lettura e ti faccio un grandissimo in bocca al lupo per ogni cosa!

Indice

Informazioni preliminari

Smartphone Samsung

Prima di entrare nel vivo del tutorial e spiegarti in dettaglio come sbloccare una SIM TIM, è mio dovere fare alcune precisazioni a tal riguardo.

In primo luogo, come ti accennavo in apertura del post, bloccare una SIM TIM è indispensabile qualora questa venga smarrita o rubata, per evitare che soggetti terzi non autorizzati possano sfruttarla per fare telefonate, mandare SMS, navigare in Internet con la connessione dati e, in linea generale usare le reti di telefonia cellulare dei vari gestori.

Insieme al blocco della SIM, se la scheda era inserita in uno smartphone rubato o smarrito, è consigliabile richiedere anche il blocco del cellulare. Tieni presente che per poter effettuare questi passaggi è necessario sporgere denuncia di furto o smarrimento della SIM ed eventualmente anche dello smartphone alle autorità competenti.

Inoltre, per finalizzare il blocco del cellulare, occorre disporre del relativo codice IMEI (altrimenti noto anche come codice seriale). Qualora non ne avessi mai sentito parlare, l’IMEI è una sequenza di 15 cifre che consente di identificare in maniera univoca ciascun dispositivo prodotto su scala mondiale. Per scoprire in che modo procurartelo, puoi fare riferimento alle informazioni contenute nel mio tutorial specifico su come risalire al codice IMEI.

Come bloccare SIM TIM smarrita o rubata

Fatte le dovute precisazioni di cui sopra, veniamo al nocciolo vero e proprio della questione e andiamo a scoprire, in dettaglio, come procedere per bloccare una SIM TIM smarrita o rubata. La cosa è fattibile sia telefonicamente (procedura obbligatoria per i clienti in abbonamento) che online (procedura obbligatoria per i clienti con ricaricabile), per cui scegli la soluzione che ritieni essere a te più congeniale.

Come bloccare SIM TIM telefonicamente

Call center

Se hai intenzione di bloccare una SIM TIM telefonicamente e/o se sei un cliente in abbonamento, tutto quello che devi fare è rivolgerti al 119: il numero del servizio clienti di TIM. Puoi contattare il suddetto numero da tutte le utenze, sia mobili che fisse. La chiamata è totalmente gratuita e, per quel che concerne il blocco della SIM, puoi usufruire del servizio 24 ore su 24 e 7 giorni su 7.

Ciò detto, per metterti in contatto con TIM per richiedere il blocco della tua scheda, il primo passo che devi compiere è prendere il telefono, comporre il numero 119 sul tastierino numerico e premere il tasto per avviare la chiamata (di solito è quello con la cornetta di colore verde).

Ascolta, quindi, il messaggio introduttivo, premi il tasto per accedere all’assistenza commerciale, tecnica e amministrativa (che dovrebbe essere il 4), schiaccia il pulsante per accedere alla sezione relativa all’assistenza amministrativa e commerciale (che dovrebbe essere il 2) e, per concludere, premi il pulsante per richiedere di parlare con un operatore tramite l’opzione altre esigenze (che dovrebbe corrispondere al 6).

Tieni presente che la combinazione di tasti da premere per parlare con il servizio clienti TIM è soggetta a frequenti variazioni. Motivo per cui, mie istruzioni a parte, ti suggerisco di seguire sempre con la massima attenzione le indicazioni della voce guida, in modo tale da evitare inutili perdite di tempo.

Quando riceverai risposta da parte di un operatore TIM, illustra l’accaduto a quest’ultimo e richiedi di bloccare la tua SIM. Successivamente, l’incaricato ti porrà alcune domande per accertarsi che sia tu l’effettivo proprietario della scheda da bloccare e, una volta ottenute le risposte necessarie, provvederà a mettere in atto la procedura di blocco della scheda (che poi potrai richiedere in nuova copia mantenendo lo stesso numero).

Se non riesci a contattare il servizio clienti di TIM così come ti ho appena indicato, puoi fare riferimento alla mia guida dedicata in maniera specifica sull’argomento.

Come bloccare SIM TIM online

Foto che mostra una persona che utilizza un notebook

Se desideri richiedere il blocco di una SIM TIM tramite Internet e/o se sei un cliente ricaricabile, puoi riuscire nel tuo intento in maniera molto semplice accedendo alla tua area personale sul sito Web di TIM.

Per cui, tanto per cominciare, apri il browser che usi di solito per navigare in Rete dal tuo computer (es. Chrome) e visita il sito Internet di TIM. Effettua, quindi, il login al tuo account compilando con nome utente e password i campi su schermo e premi sul bottone Entra. Se non hai ancora un account TIM, scopri come crearlo leggendo la mia guida sull’argomento.

Ad accesso avvenuto, seleziona la scheda MyTIM Mobile e poi recati nella sezione La mia linea. Da lì, premi sul bottone relativo al blocco della SIM e procedi pure con il blocco, seguendo pedissequamente le istruzioni che ti vengono fornite su schermo.

Come bloccare SIM TIM business

Foto che mostra un uomo d'affari

Sei un cliente TIM Business e ti piacerebbe capire come effettuare il blocco della tua scheda? Allora segui le indicazioni che trovi qui di seguito.

  • Se sei un professionista e/o un possessore di partita IVA, il primo passo che devi compiere è accedere alla pagina Web del sito Internet di TIM dedicata all’area clienti ed effettuare il login al tuo account. In seguito, devi accedere alla sezione Gestisci Linee e servizi, quindi a quella Linee Mobili e cliccare sul pulsante Dettagli, situato in corrispondenza della linea da bloccare. In conclusione, devi aprire la pagina SIM e cliccare sui pulsanti Blocca e Conferma.
  • Se hai un’azienda, devi accedere alla pagina Web del sito Internet di TIM dedicata a tale tipologia di clientela ed effettuare il login. In seguito, devi recarti nella sezione Pratiche e servizi, quindi in quella Pratiche e servizi Mobile e selezionare la voce Blocco/Sblocco Linea mobile per furto o smarrimento.

Come richiedere il blocco del telefono e la SIM sostituiva

Richiesta di blocco e sblocco IMEI per apparati rubati o smarriti TIM

Dopo aver portato a termine la procedura per bloccare la tua SIM TIM, è consigliabile, come ti dicevo nel capitolo a inizio guida, richiedere anche il blocco dello smartphone (se questo è stato, a sua volta, oggetto di furto o smarrimento) e una scheda sostitutiva.

Prima, però, devi recarti dalle autorità e sporgere denuncia per il furto subìto o per lo smarrimento e fornire, per quel che concerne lo smartphone, anche il relativo codice IMEI: in questo modo, avrai una documentazione da abbinare alla richiesta necessaria all’ottenimento di una nuova scheda che dovrai fornire al gestore.

In seguito, per richiede il blocco del telefono, visita questa pagina del sito Internet di TIM, individua la voce Richiesta di blocco e sblocco IMEI per apparati rubati o smarriti relativa alla sezione Clienti ricaricabili (se disponi di una SIM ricaricabile) o Clienti con abbonamento (se disponi di un abbonamento) e premi sul pulsante Compila, che trovi in sua corrispondenza.

Nella nuova pagina visualizzata, immetti le tue credenziali, in modo da effettuare il login al portale MyTIM Mobile e, dopo aver compilato tutti i campi del modulo che ti viene proposto, invia quest’ultimo, facendo clic sul pulsante apposito.

Se non disponi di un account MyTIM o comunque in alternativa alla procedura appena descritta, puoi spedire il modulo per richiedere il blocco del telefono in forma cartacea: per riuscirci, fai clic sul pulsante Scarica che trovi accanto alla dicitura Richiesta di blocco e sblocco IMEI per apparati rubati o smarriti (sempre nella pagina di cui sopra) e salva sul tuo computer il modulo in formato PDF che ti viene proposto, facendoci clic destro sopra e scegliendo la voce apposita dal menu contestuale.

Successivamente, stampa il modulo ottenuto, compilalo in ogni sua parte e invialo tramite posta, insieme a una fotocopia fronte retro di un tuo documento d’identità valido, al seguente indirizzo: TIM Servizio Clienti Casella Postale 555 00054 – Fiumicino RM.

Se possiedi un utenza TIM Business, invece, il modulo per gli apparti rubati e smarriti al quale devi fare riferimento è quello che trovi su quest’altra pagina Web. Per cui scaricalo, compilalo in ogni sua parte e spediscilo via fax, insieme a una fotocopia fronte retro di un tuo documento di identità, al seguente numero: 800 42 31 31. Se poi hai un telefonino in noleggio o di proprietà con contratto di manutenzione attivo, puoi richiedere contestualmente il reintegro del terminale.

Per quel che concerne, invece, la possibilità di richiede una SIM sostitutiva con lo stesso numero di telefono, lo stesso piano tariffario, le stesse promozioni e anche lo stesso credito residuo di quella ormai bloccata, devi recarti in un centro TIM. Se non sai dove si trova quello più vicino alla tua zona, puoi scoprirlo facilmente tramite l’apposita mappa presente sul sito Internet dell’operatore. Seleziona, dunque, provincia, Comune, Via o Piazza e CAP di tuo interesse, tramite i menu a tendina sulla sinistra, e consulta i vari risultati proposti a destra.

Una volta giunto sul posto, dovrai esprimere quelle che sono le tue esigenze all’addetto alle vendite, esibendo anche una copia della denuncia di furto/smarrimento della scheda, un tuo documento di identità valido e il tuo codice fiscale. In sèguito, ti verrà chiesto di pagare il costo di sostituzione della scheda che ammonta a 15 euro.

In caso di dubbi o ulteriori problemi

Sito assistenza TIM

Alcune delle pratiche che ti ho descritto nelle righe precedenti non ti sono ancora molto chiare? È sorto qualche intoppo in corso d’opera? Date le circostanze, il miglior suggerimento che posso offrirti è quello di consultare la pagina Web sul furto e sullo smarrimento presente sul sito Internet di TIM, valida sia per i clienti con ricaricabile sia per quelli in abbonamento. Se sei un cliente business, la pagine alla quali devi fare riferimento sono questa (per professionisti e per possessori di partita IVA) e quest’altra (per le aziende).

In generale, poi, puoi affidati alla sezione del sito di TIM dedicata all’assistenza e cercare guide e approfondimenti utili a risolvere i tuoi dubbi. Puoi effettuare una ricerca per parola chiave, sfruttando il campo apposito posto al centro, oppure puoi selezionare gli argomenti in evidenza, scegliendo tra quelli che trovi in basso. Per i clienti business, invece, le pagine dedicate all’assistenza sono sono questa (per professionisti e per possessori di partita IVA) e quest’altra (per le aziende).

Un’altra cosa che ti consiglio di fare, per ricevere supporto, è quella di fare un salto sul sito Web della community TIM, dove puoi trovare numerose discussioni aperte da altri utenti e, qualora necessario, aprirne tu stesso di nuove.

Per cercare le discussioni già in essere, usa la barra di ricerca posta al centro oppure seleziona quelle in evidenza, che si trovano in basso, mentre per avviarne tu stesso una nuova, effettua l’accesso con il tuo account MyTIM e premi sul bottone apposito.