Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come effettuare chiamate anonime

di

Hai intenzione di ricambiare uno scherzo telefonico ricevuto da un amico ma non vuoi che ti scopra subito leggendo il tuo numero sul suo cellulare? Hai bisogno di contattare alcuni recapiti presi dall’elenco telefonico, ma non vuoi che i destinatari delle chiamate visualizzino il tuo numero in chiaro? Stai tranquillo: non bisogna essere James Bond per riuscirci!

Forse non lo sai, ma esistono dei servizi offerti da tutti i principali operatori nazionali che permettono di nascondere il proprio numero di telefono e di effettuare chiamate verso cellulari e telefoni fissi senza alcun sovrapprezzo. I destinatari delle chiamate, al posto del numero del mittente, vedono la scritta “numero sconosciuto” o “numero privato”. Propio quello che ti serve, vero? Allora non perdiamo altro tempo e scopriamo subito come effettuare chiamate anonime: trovi spiegato tutto qui sotto.

Solo una raccomandazione prima di iniziare: non adoperare il servizio di camuffamento del numero per finalità diverse dalla protezione della tua privacy o la realizzazione di semplici scherzi. La tua reale identità è comunque nota sia agli operatori telefonici che alle autorità di pubblica sicurezza. Inoltre, come ti ho spiegato anche nel mio tutorial su come scoprire il numero privato, esistono dei servizi gratuiti che permettono di risalire facilmente al numero di una persona che chiama con l’anonimo. Poi non dirmi che non ti avevo avvertito!

Indice

Come effettuare chiamate anonime con Android

Andiamo subito al sodo e vediamo come effettuare chiamate anonime con Android. Per riuscirci è possibile sfruttare un codice funzionante con tutti gli operatori di telefonia, oppure è possibile agire direttamente dalle impostazioni di Android.

Codice

Come nascondere numero cellulare

Che tu abbia bisogno di effettuare chiamate anonime Samsung, di fare chiamate anonime da Huawei o da un dispositivo Android di qualsiasi altra marca, sappi che puoi raggiungere il tuo scopo sfruttando un codice apposito da digitare prima del numero che intendi contattare in modo anonimo.

Questo codice, infatti, permette di richiamare il servizio di chiamata privata offerto da tutti i principali operatori nazionali: TIM, WINDTRE, Vodafone, Iliad, etc. Utilizzandolo, è possibile chiamare qualsiasi numero fisso o di cellulare non facendo visualizzare il proprio recapito al destinatario della chiamata.

Come si usa? Resterai stupito da quanto è semplice! Tutto quello che devi fare è aprire l’app Telefono, così da richiamare il dialer dello smartphone (la schermata dove si compongono i numeri di telefono), attivare il tastierino numerico (pigiando sull’apposita icona, che potrebbe essere situata in basso a destra o in alto a sinistra a seconda del modello di telefono in tuo possesso) e chiamare il numero di tuo interesse, anteponendo a esso il codice #31#.

Ad esempio, se vuoi chiamare il numero 12345678 devi comporre #31#12345678 sul tastierino del tuo smartphone e avviare normalmente la chiamata. Il servizio, come già accennato, funziona con qualsiasi modello di smartphone o cellulare e non presenta costi aggiuntivi: si paga normalmente la chiamata in base al piano tariffario attivo sulla propria SIM.

Impostazioni di Android

Come nascondere numero cellulare

Qualora tu voglia occultare il tuo numero per tutte le chiamate in uscita, sarebbe meglio agire direttamente dalle Impostazioni di Android. In questo modo, infatti, è possibile attivare l’impostazione che permette di nascondere in modo permanente il numero del chiamante (ovvero il tuo).

Per procedere in tal senso, apri il dialer, fai tap sull’icona dei tre puntini (dovrebbe trovarsi in alto a destra) e seleziona la voce Impostazioni dal menu che compare. Nella schermata che si apre, seleziona poi le voci Chiamate > Altre impostazioni, pigia sull’opzione ID chiamante e metti il segno di spunta accanto alla voce Nascondi numero.

In caso di ripensamenti, per ripristinare la visualizzazione del tuo numero in tutte le chiamate in uscita, torna nelle impostazioni del dialer e reimposta l’opzione ID chiamate su Rete predefinita. Più semplice di così?!

Nota: in base alla marca e al modello di dispositivo in proprio possesso e in base anche alla versione di Android installata su di esso, le diciture appena indicate potrebbero variare leggermente.

Come effettuare chiamate anonime con iPhone

Effettuare chiamate anonime con iPhone è altrettanto semplice: anche in questo caso, infatti, è possibile procedere tramite il codice di cui ti ho già parlato poc’anzi o dalle impostazioni del sistema operativo.

Codice

Chiamate anonime con iPhone

Riguardo all’utilizzo del codice su iPhone non c’è molto da aggiungere rispetto a quanto già detto nel capitolo su Android: anche in questo caso, infatti, basta recarsi nel dialer e anteporre il codice #31# al numero da chiamare.

Per riuscirci, quindi, apri l’app Telefono, facendo tap sull’icona verde raffigurante la cornetta, posta nella home screen dell’iPhone, digita #31#, quindi il numero da chiamare e avvia la telefonata, premendo il pulsante verde raffigurante la cornetta bianca.

Come ti dicevo, il codice in questione funziona con tutti i gestori e il suo utilizzo non comporta alcun costo aggiuntivo: vengono applicate le tariffe del piano attivo sulla propria SIM.

Impostazioni di iOS

Chiamare con l'anonimo su iPhone

Se vuoi nascondere il numero di cellulare per tutte le chiamate in uscita, anziché usare il codice di cui ti ho appena parlato, faresti bene ad agire sulle impostazioni di iOS. In questo modo, infatti, tutte le chiamate che effettuerai risulteranno anonime.

Per procedere, recati nell’app Impostazioni (facendo tap sull’icona grigia con gli ingranaggi che si trova in home screen), vai su Telefono > Mostra ID chiamante, imposta l’opzione Mostra ID chiamante su OFF e il gioco è fatto.

In caso di ripensamenti — inutile dirlo — reimposta su ON l’opzione Mostra ID chiamante e il tuo numero sarà nuovamente visualizzato in chiaro per tutte le chiamate in uscita.

Come effettuare chiamate anonime da WhatsApp

WhatsApp

Vuoi effettuare chiamate anonime da WhatsApp? Devo darti una brutta notizia: la cosa, almeno nel momento in cui scrivo questa guida, non è fattibile.

Per quale motivo? Beh, dal momento che il funzionamento di WhatsApp si basa unicamente sul numero di cellulare che viene utilizzato per registrarsi al servizio, non è possibile effettuare chiamate anonime tramite questa piattaforma e difficilmente le cose cambieranno in futuro.

L’unica cosa che puoi far è “ripiegare” su soluzioni come la creazione di un account “anonimo” usando un numero di telefono secondario. Maggiori info qui.

Come effettuare chiamate anonime da fisso

Come effettuare chiamate anonime

Esiste un metodo per effettuare chiamate anonime anche da telefono fisso. Il funzionamento è lo stesso di quello per i cellulari, ma cambia il codice da usare: anziché #31# bisogna anteporre *67# ai numeri da chiamare. Questo discorso vale soltanto per le chiamate da linea Fastweb, WINDTRE o TIM. Chi, invece, ha una linea fissa Vodafone, deve utilizzare il “solito” codice #31#.

Ad esempio, se vuoi chiamare il numero 12345678 senza far sapere il tuo numero a chi è dall’altra parte, devi alzare la cornetta e comporre *67#12345678 (o #31#12345678 se hai una linea Vodafone). Anche in questo caso, non ci sono costi aggiuntivi e il servizio funziona da e verso tutti i principali operatori nazionali.

Anche per il camuffamento del numero da linea fissa vale lo stesso discorso fatto in precedenza per i cellulari: questo tipo di soluzioni non forniscono un vero anonimato, camuffano solo il numero agli occhi dei destinatari delle chiamate, che però possono rivolgerti a servizi di terze parti che permettono di svelare i numeri privati in maniera facilissima. Inoltre operatori e autorità conoscono perfettamente l’identità di chi effettua le telefonate. Chiaro?

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.