Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come funziona la lotteria degli scontrini

di

Di recente hai sentito parlare molto della lotteria degli scontrini e vorresti capire meglio in cosa consiste questa iniziativa del Governo italiano, in che modo si differenzia dal cashback di Stato e quali sono i premi in palio? Nessun problema, se vuoi posso cercare di chiarirti un po’ le idee sulla questione.

Continua a leggere questo mio tutorial e ti spiegherò non solo come funziona la lotteria degli scontrini, ma anche quali sono le differenze rispetto al cashback di Stato (altra iniziativa pubblica tesa a contrastare l’evasione fiscale e incentivare gli acquisti nei negozi fisici), come parteciparvi e quali premi sono disponibili. Ti assicuro che è molto più semplice di quello che immagini… in questo caso, anche se c’è la PA di mezzo, non ci sono noie burocratiche da dover affrontare, vedrai!

Prenditi, dunque, cinque minuti di tempo libero, leggi con attenzione quanto ho da dirti sull’argomento e mettiti sùbito in azione per ottenere il tuo codice personale e partecipare alle estrazioni. Potresti, in un sol colpo, contribuire allo sviluppo dell’economia locale, contrastare l’evasione fiscale e metterti in tasca qualche euro extra. Non male, vero?!

Indice

Differenza tra cashback di Stato e lotteria degli scontrini

POS

Prima di entrare nel dettaglio della guida e spiegarti come funziona la lotteria degli scontrini, lasciami chiarire come l’iniziativa si distingue dal cashback di Stato.

Anche se spesso sono menzionate insieme, il cashback di Stato è un’iniziativa separata rispetto alla lotteria degli scontrini. Quest’ultimo è partito in fase sperimentale a dicembre 2020 (dall’8 al 31 dicembre 2020, per essere precisi) e serve fondamentalmente a due cose: promuovere l’uso della moneta elettronica e diminuire l’evasione fiscale; due campi su cui l’Italia ha ancora parecchio lavoro da fare.

Il cashback di Stato permette di avere un rimborso del 10%, fino a un massimo di 150 euro/semestre (300 euro/anno), su acquisti fatti con moneta elettronica, esclusivamente presso i negozi fisici. I negozi online sono esclusi dall’iniziativa — e anche dalla lotteria degli scontrini — in quanto prevedono in modo “naturale” la registrazione di tutte le transazioni, quindi non c’è la necessità di contrastare l’evasione fiscale in quel campo.

Per moneta elettronica, qualora te lo stessi chiedendo, si intendono tutti i sistemi di pagamento tracciabili che non prevedono l’uso del contante, ad esempio le carta di credito/debito e i sistemi di pagamento via smartphone. Vanno bene anche le carte prepagate come HYPE, N26, buddybank e Revolut, di cui ho avuto modo di parlarti in passato e che si possono richiedere comodamente da smartphone in pochi tap, e app di pagamento come Satispay (disponibile sia per Android che per iOS/iPadOS).

Maggiori informazioni su HYPEMaggiori informazioni su N26Maggiori informazioni su Revolut

Per accedere al cashback bisogna effettuare almeno 50 pagamenti tracciabili a semestre, fino a un massimo di 1.500 euro. Viene tenuto conto solo delle transazioni fino a un valore massimo di 150 euro per singola transazione (quindi il rimborso per singola operazione non supera mai i 15 euro). Il rimborso viene erogato entro 60 giorni dal termine di ciascun semestre. Solo per il mese di dicembre 2020, durante la fase di sperimentazione dell’iniziativa, è previsto un cashback di massimo 150 euro su un numero massimo di 10 pagamenti (erogato a febbraio 2021).

Per partecipare all’iniziativa occorre registrare uno o più metodi di pagamento elettronici all’app IO della Pubblica Amministrazione (disponibile sia per Android che per iOS/iPadOS); per usare l’app occorre autenticarsi tramite SPID o carta d’identità elettronica (CIE). Sempre all’interno dell’app IO va indicato anche l’IBAN del conto sul quale ricevere il rimborso del cashback. In alternativa, ti segnalo che è possibile attivare i metodi di pagamento da associare al cashback di Stato tramite le app di alcuni sistemi di pagamento aderenti all’iniziativa, ad esempio il già citato Satispay. Ad ogni modo, l’app IO è sempre bene usarla, anche perché consente di accedere a tante altre iniziative interessanti della PA.

Se qualche passaggio non ti è chiaro o comunque hai bisogno di maggiori dettagli sul cashback di Stato, ti consiglio di leggere la guida che ho dedicato in maniera specifica all’iniziativa. Ora invece passiamo alla lotteria degli scontrini.

La lotteria degli scontrini, la cui partenza è programmata per gennaio 2021, permette a tutti i cittadini italiani maggiorenni di partecipare all’estrazione di premi in denaro semplicemente effettuando acquisti nei negozi fisici e associandoli a un codice personale associato al proprio codice fiscale, da mostrare agli esercenti al momento del pagamento. Il codice si può generare facilmente sul sito dell’iniziativa e non prevede l’uso dell’app IO.

A differenza del cashback di Stato, la lotteria degli scontrini premia sia coloro che pagano con moneta elettronica (in questo caso, i premi sono anche per gli esercenti) che coloro che pagano in contanti. Non è necessario registrare i metodi di pagamento a IO o altre app. Le estrazioni sono settimanali, mensili e annuali con premi fino a 5 milioni di euro l’anno. Per tutti i dettagli continua a leggere.

Come funziona la lotteria degli scontrini

Chiarite le differenze con il cashback di Stato, direi di passare al sodo e analizzare più in dettaglio il funzionamento della lotteria degli scontrini.

Cosa è la lotteria degli scontrini

lotteria degli scontrini

Come anticipato qualche riga più su, la lotteria degli scontrini è un’iniziativa che, a partire da gennaio 2021, consente a tutti i cittadini italiani maggiorenni di vincere premi in denaro semplicemente effettuando acquisti con moneta elettronica o in contanti presso negozi fisici e mostrando agli esercenti un codice personale da generare tramite il sito ufficiale dell’iniziativa, immettendo il proprio codice fiscale.

È possibile ottenere 1 biglietto virtuale per ogni euro speso, fino a un massimo di 1.000 biglietti virtuali per acquisti di importo pari o superiore a 1.000 euro; se non si spende una “cifra tonda”, ogni 50 centesimi spesi si ha diritto a un altro biglietto.

Non permettono di partecipare alla lotteria gli acquisti di importo inferiore a 1 euro, gli acquisti effettuati online e
gli acquisti destinati all’esercizio di attività di impresa, arte o professione. Inoltre, nella fase di avvio della lotteria, non consentono di partecipare alle estrazioni gli acquisti documentati mediante fatture elettroniche, gli acquisti per i quali i dati dei corrispettivi sono trasmessi al sistema Tessera Sanitaria (es. quelli effettuati presso farmacie, parafarmacie, ottici, laboratori di analisi, ambulatori veterinari ecc.) e gli acquisti per i quali l’acquirente richieda all’esercente l’acquisizione del proprio codice fiscale a fini di detrazione o deduzione fiscale.

Qualora te lo stessi chiedendo, la lotteria degli scontrini non consente il tracciamento degli acquisti fatti dai cittadini. Al sistema lotteria dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, infatti, arrivano solo i dati riguardanti l’importo speso, la modalità di pagamento (contante o elettronico) e il codice lotteria. In altre parole non arrivano dati specifici sui prodotti acquistati e non viene fatta una profanazione delle abitudini di spesa, né dalla PA né dagli esercenti.

Le estrazioni della lotteria degli scontrini sono settimanali, mensili e annuali con premi fino a 5 milioni di euro l’anno. In caso di vincita, l’Agenzia delle dogane e dei monopoli avverte formalmente il vincitore con una raccomandata A/R o un messaggio via PEC (che poi dovrà seguire le indicazioni ricevute per riscuotere il premio).

Inoltre, inserendo nell’area riservata del sito dell’iniziativa (alla quale si può accedere con SPID, CNS, credenziali Fisconline o Entratel) il proprio numero di cellulare, si riceve anche una comunicazione informale tramite SMS. I premi devono essere reclamati entro 90 giorni dalla ricezione della comunicazione di vincita. Non è necessario presentare gli scontrini dei propri acquisti per partecipare alle estrazioni o riscuotere le vincite.

Estrazioni e premi

Euro

Per quanto riguarda ‌le estrazioni della lotteria degli scontrini, queste avvengono con cadenza settimanale, mensile e annuale. Si suddividono in ordinarie, che riguardano sia gli acquisti fatti con moneta elettronica che gli acquisti in contanti e premiano solo il cittadino, e zerocontanti, che invece riguardano solo gli acquisti fatti con moneta elettronica e premiano sia il cittadino che l’esercente. Entrando più nel dettaglio, per il 2021 sono previste le seguenti estrazioni.

  • Estrazioni settimanali ordinarie con sette premi da 5.000 euro ciascuno.
  • Estrazioni settimanali zerocontanti con 15 premi da 25.000 euro per i consumatori e 15 premi da 5.000 euro per gli esercenti.
  • Estrazioni mensili ordinarie con 3 premi da 30.000 euro.
  • Estrazioni mensili zerocontanti con 10 premi da 100.000 euro per i consumatori e 10 premi da 20.000 euro per gli esercenti.
  • Estrazione annuale ordinaria con un premio di 1.000.000 di euro.
  • Estrazione annuale zerocontanti con un premio di 5.000.000 di euro per il consumatore e di 1.000.000 di euro per l’esercente.

Ogni scontrino può risultare vincente a una sola estrazione. Nell’area riservata del sito della lotteria degli scontrini potrai verificare a quali estrazioni partecipano i tuoi scontrini.

Per maggiori informazioni, puoi inoltre consultare le pagine dedicate a estrazioni e premi sul sito ufficiale dell’iniziativa.

Come richiedere codice lotteria degli scontrini

Lotteria degli scontrini

Come detto più volte in precedenza, per partecipare alla lotteria degli scontrini occorre un codice personale. Tutto quello che devi fare per richiedere il codice della lotteria degli scontrini è collegarti al sito ufficiale dell’iniziativa e inserire il tuo codice fiscale nell’apposito campo di testo. Spunta poi la casella relativa all’accettazione delle norme sulla protezione dei dati, ricopia il codice captcha visualizzato in basso e clicca sul pulsante Genera il codice.

Si aprirà così una pagina con il tuo codice, che potrai sia stampare che scaricare sotto forma di immagine PNG, cliccando sugli appositi pulsanti. Il mio consiglio è quello di salvare l’immagine sullo smartphone, in modo da poterla avere sempre con te, senza sprecare carta e senza il rischio di dimenticarla a casa.

Se hai un iPhone, puoi usare anche app come 1Wallet per aggiungere il codice della lotteria degli scontrini al Wallet di iOS (ma puoi benissimo conservare il file PNG e aprire di volta in volta l’immagine quando ti serve, non cambia nulla).

In caso di smarrimento, potrai trovare il tuo codice nell’area personale del sito della lotteria degli scontrini. In alternativa, potrai generare un nuovo codice seguendo la procedura già illustrata in precedenza. Possono essere generati massimo 20 codici lotteria per ogni codice fiscale. In caso di raggiungimento del numero massimo di codici generati, a fronte della richiesta di generazione di un nuovo codice, verrà fornito uno dei codici generati in precedenza.

Accedendo alla propria area riservata è possibile sia bloccare che cancellare un codice lotteria. La cancellazione del codice diventa attiva entro 48 ore dalla richiesta ed è un’operazione irreversibile: elimina anche gli scontrini e i biglietti virtuali associati allo stesso (che quindi non parteciperanno alle estrazioni); il blocco, invece, non esclude il codice dalle estrazioni.

Come partecipare alla lotteria degli scontrini

POS

Una volta ottenuto il tuo codice personale, per partecipare alla lotteria degli scontrini non devi far altro che acquistare i tuoi prodotti preferiti in un negozio fisico (tenendo conto delle eccezioni menzionate prima) e mostrare il tuo codice all’esercente. L’acquisto verrà così associato a uno o più biglietti virtuali (ti ricordo che ti spetterà un biglietto virtuale per ogni euro speso, fino a un massimo di 1.000 biglietti per acquisti di importo pari o superiore a 1.000 euro) e parteciperai automaticamente alle estrazioni.

Se sei un esercente, per partecipare alla lotteria ti basterà usare il registratore di cassa telematico per emettere lo scontrino elettronico e registrare il codice lotteria che il tuo cliente ti mostrerà. In questo modo sarai in regola con il fisco e potrai partecipare alle estrazioni zerocontanti. Maggiori info qui.

Per maggiori informazioni

Lotteria degli scontrini

Se ti servono maggiori informazioni sulla lotteria degli scontrini, ti invito a consultare la sezione FAQ del sito ufficiale, all’interno della quale puoi trovare le risposte alle domande più frequenti sull’iniziativa.

Inoltre, ti segnalo che premendo sul pallino “Vuoi aiuto?”, presente in basso a destra sulle pagine del sito della lotteria, puoi accedere a un servizio di assistenza via chat in grado di risolvere eventuali dubbi non adeguatamente chiariti dalle FAQ.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.