Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Salvatore Aranzulla Day
Evento di formazione SEO con Salvatore Aranzulla. Scopri il programma

Come velocizzare iPhone

di

Il tuo iPhone è un modello già vecchio di qualche anno e, ultimamente, hai notato che i segni del tempo si stanno incominciando a fare sentire: le applicazioni sono lente ad avviarsi e noti anche diversi rallentamenti nel più semplice utilizzo quotidiano. Insomma, sei quasi pronto a darlo per spacciato, ma prima vorresti sapere se vi sono delle soluzioni per velocizzarlo e prolungare la sua “esistenza”, prima di acquistarne uno nuovo.

Certamente, ti capisco benissimo, e sicuramente posso aiutarti fornendoti diversi consigli utili, ma se il tuo device è particolarmente datato non potrai di certo fare miracoli. Ad ogni modo, non gettare la spugna, non tutto è perduto: sono sicuro che seguendo i miei suggerimenti su come velocizzare iPhone, riuscirai a donare un po’ di respiro al tuo fidato compagno tecnologico, in modo da temporeggiare e farlo “vivere” un po’ più a lungo. Nel corso delle righe che seguono, infatti, ti spiegherò passo dopo passo come agire, attraverso indicazioni semplici che risultano adatte anche ai meno esperti.

Insomma, scommetto che adesso sei curioso di saperne di più e che non vedi l’ora di cominciare. È così, vero? Benissimo, allora ti consiglio di prenderti qualche minuto di tempo libero, in modo da poter leggere con calma, tranquillità e attenzione questo mio tutorial e di seguire le mie istruzioni. Vedrai che il tuo “melafonino” ne trarrà sicuramente diversi benefici. Ti auguro una buona lettura e ti faccio un grosso in bocca al lupo per tutto!

Indice

Disattivare le animazioni e le trasparenze

Le animazioni e le trasparenze sono delle caratteristiche estetiche integrate all’interno dei dispositivi Apple che, sui device di vecchia generazione, possono causare rallentamenti e problemi in termini di prestazioni.

Se vuoi quindi velocizzare il tuo iPhone, ti consiglio di disattivarle: fai tap sull’icona Impostazioni (è il simbolo dell’ingranaggio che si trova nella schermata principale di iOS) e pigia sulle voci Generali > Accessibilità.

Adesso devi eseguire due diverse procedure: fai tap su Aumenta contrasto e sposta da OFF a ON la voce Riduci trasparenza, per disattivare le trasparenze e le sfuocature tipiche di iOS, come per esempio quelle presenti nel Centro di Controllo e nella barra Dock. Dopodiché torna nella sezione Generali > Accessibilità, pigia su Riduci movimento e sposta da OFF a ON la levetta Riduci movimento, per ridurre l’effetto di apertura e chiusura delle applicazioni.

Aggiornare il sistema operativo

Un argomento molto discusso, quando si parla delle soluzioni da adottare per velocizzare un iPhone di vecchia generazione, è quello relativo agli aggiornamenti software. Bisogna infatti considerare che, sui dispositivi più datati, gli ultimi aggiornamenti del sistema operativo iOS potrebbero causare dei rallentamenti.

Questo però non significa che per velocizzare il dispositivo bisogna evitare di eseguirli; il mancato aggiornamento potrebbe esporre il dispositivo a problemi maggiori, come quelli relativi alla sicurezza, che vengono corretti proprio grazie agli update. In sostanza, ciò che ti consiglio di fare è di mantenere il tuo device sempre aggiornato, per essere sicuro di non incappare in altri problemi più gravi e anche per sfruttare le funzioni di ottimizzazione dello stesso, nel caso in cui queste siano supportate anche nei device di vecchia data.

Per effettuare l’aggiornamento di iOS, fai tap sull’app Impostazioni (il simbolo di un ingranaggio nella schermata principale) poi pigia sulle voci Generali > Aggiornamento Software e attendi che venga verificata la presenza di eventuali aggiornamenti.

Qualora vi fosse un aggiornamento da installare, ti verrà indicato in questa schermata: premi quindi sui pulsanti Scarica e Installa, Accetta e Accetto per scaricarlo e installarlo. Al termine di questa procedura, il device verrà riavviato e ti verrà mostrata a schermo una barra relativa allo stato di avanzamento dell’aggiornamento. Se invece iOS è già aggiornato all’ultima versione, potrai vedere a schermo la dicitura Il tuo software è aggiornato.

Il sistema operativo dei device Apple può anche essere aggiornato in altri modi: per esempio, è possibile agire tramite il software di gestione multimediale iTunes, preinstallato su macOS e disponibile anche per Windows. Per maggiori informazioni sulle procedure da eseguire, relativamente a quest’operazione alternativa, leggi la mia guida dedicata all’argomento.

Disattivare gli aggiornamenti automatici e in background

Un altro consiglio importante riguarda la disattivazione dell’aggiornamento automatico delle applicazioni e anche l’aggiornamento delle stesse in background (cioè mentre non sono in esecuzione in primo piano). Si tratta di procedure che possono rivelarsi utili anche per risparmiare la batteria del dispositivo.

Per eseguire queste operazioni, fai tap sull’app Impostazioni (il simbolo di un ingranaggio nella schermata principale), pigia poi su iTunes Store e App Store e sposta la levetta da ON a OFF in corrispondenza della dicitura App, Musica e Aggiornamenti. Torna quindi nella sezione Impostazioni > Generali > Aggiorna app in background e apponi il segno di spunta in corrispondenza della voce No, per disattivare questa funzionalità.

Cancellare le app ingombranti non utilizzate

Un dispositivo iOS di vecchia generazione può avere problemi di rallentamenti anche a causa della presenza di numerose applicazioni installate (e ingombranti) che vanno a riempire la memoria. Ti consiglio quindi di disinstallare queste applicazioni inutilizzate, eseguendo la procedura di disinstallazione manuale e/o quella automatica.

Per disinstallare un’applicazione che non usi, tieni premuto il dito sulla sua icona, situata nella schermata principale e pigia poi sul pulsante con il simbolo “X” che vedi a schermo; conferma l’operazione, facendo tap su Elimina. Per maggiori informazioni puoi anche leggere il mio tutorial su come disinstallare app iPhone.

In alternativa, pigia sull’icona Impostazioni (il simbolo dell’ingranaggio nella home screen) e fai tap sulle voci Generali > Spazio libero iPhone. Attendi quindi che venga calcolata la memoria disponibile per vedere l’elenco di tutte le applicazioni installate.

Adesso, disinstalla le applicazioni inutilizzate, pigiando sulla loro icona e poi premi su Disinstalla app oppure su Elimina app se vuoi eliminare anche tutti i dati relativi alla stessa applicazione. Nel primo caso, invece, disinstallerai solamente l’app ma i dati saranno ancora conservati in cloud, per essere facilmente recuperati in caso di una nuova installazione.

Torna adesso nella sezione Impostazioni > iTunes Store e App Store e poi sposta la levetta da OFF a ON, in corrispondenza della voce Rimuovi app che non usi. Agendo in questo modo, il device analizzerà automaticamente le applicazioni inutilizzate, effettuando una disinstallazione automatica. Non preoccuparti, i dati delle stesse saranno conservati, in modo tale che tu possa usufruirne, in caso di una successiva reinstallazione.

Liberare la RAM

iOS presenta già un ottimo livello di ottimizzazione della RAM e quindi non è necessario chiudere le applicazioni in esecuzione in background, per velocizzare il dispositivo. Se però possiedi un iPhone piuttosto datato e sei solito avviare tante applicazioni contemporaneamente, queste potrebbero magari bloccarsi, se non più completamente supportate: potresti in questo caso riscontrare dei rallentamenti.

La soluzione è quella di liberare la RAM, chiudendo le app manualmente tramite il tasto Home. Fai quindi doppio tap sul tasto Home e poi chiudi le applicazioni aperte con uno swipe dal basso verso l’alto.

C’è anche un’altra procedura che serve per liberare la RAM, la quale però funziona anch’essa soltanto sui device dotati di un tasto Home (e quindi, al momento in cui scrivo, l’unico escluso è iPhone X).

Per eseguirla, sblocca il tuo device per accedere alla schermata iniziale, tieni premuto il tasto di accensione e spegnimento fino a vedere la schermata Scorri per spegnere. Adesso, rilascia il tasto di accensione e spegnimento e tieni premuto per qualche secondo il tasto Home: in questo modo verrai rimandato alla schermata iniziale e la RAM del tuo device verrà liberata.

Per liberare la RAM su iPhone X, utilizza lo strumento AssistiveTouch, tramite il quale viene visualizzato il tasto Home in forma virtuale sullo schermo. Per farlo, recati nel menu Impostazioni di iOS (il simbolo di un ingranaggio nella schermata principale) e poi pigia sulle voci Generali > Accessibilità > AssistiveTouch, spostando la levetta su ON per la voce AssistiveTouch.

Adesso, premi il tasto Volume su dell’iPhone, poi quello Volume giù e infine tieni pigiato il tasto di accensione situato lateralmente sulla destra, fino a quando sullo schermo del device non compare la levetta dedicata allo spegnimento. Fatto ciò, pigia sul tasto home virtuale dell’AssistiveTouch (dovrebbe essere nell’angolo in basso a destra dello schermo), rilascia la pressione del tasto di accensione, poi pigia sul tasto home virtuale, in modo da vedere le opzioni di accessibilità, e infine tieni premuto con il dito sull’icona Home che vedi a schermo per tornare alla schermata principale del device.

Una volta eseguita quest’operazione, torna in Impostazioni > Generali > Accessibilità > AssistiveTouch e disattiva questa funzione spostando su OFF la levetta di AssistiveTouch.

Se invece di liberare la RAM su iPhone X, vuoi chiudere le singole applicazioni in background, richiama il menu del multi-tasking con uno swipe dal basso dello schermo verso il centro e poi fai uno swipe leggero verso destra, mantenendo la pressione. Adesso, individua la miniatura dell’app da chiudere, esegui un tap prolungato sulla stessa e poi spostala verso l’alto, per chiuderla.

Queste operazioni non sono però miracolose, in quanto, come anche spiegato nel mio tutorial su come liberare la RAM su iPhone, il sistema operativo iOS è già ottimizzato per la sua gestione automatica.

Ti consiglio inoltre di prendere visione del mio tutorial indicato, per leggere altre soluzioni relative a quest’argomento, come per esempio le altre procedure da eseguire per liberare la RAM su iPhone X.

Riavviare il dispositivo

Una soluzione che ti suggerisco di prendere in considerazione, per velocizzare il tuo iPhone, è quella relativa al riavvio: questa operazione può essere risolutiva, in caso di rallentamenti o malfunzionamenti provvisori non particolarmente gravi.

Per effettuare questa procedura, pigia sul tasto di accensione e spegnimento situato in alto e poi fai uno swipe da sinistra verso destra, in corrispondenza della dicitura Scorri per spegnere che vedi a schermo. Entro qualche secondo il tuo dispositivo si sarà spento e potrai accenderlo, tenendo nuovamente premuto il tasto di accensione e spegnimento in alto.

La procedura del riavvio è diversa su iPhone X: tieni pigiato il tasto laterale assieme a uno dei due tasti volume finché non visualizzi il cursore dedicato allo spegnimento. Sposta quindi il cursore per spegnere il dispositivo e poi, a dispositivo spento, tieni nuovamente premuto il tasto laterale, finché non viene visualizzato il logo Apple.

Nel caso non riuscissi a eseguire quest’operazione in maniera tradizionale, recati nella sezione Impostazioni > Generali (l’app Impostazioni è quella con il simbolo dell’ingranaggio nella schermata principale) e fai tap sulla voce Spegni.

Quelle che ti ho indicato sono le più utilizzate procedure per il riavvio di un iPhone, ma ve ne sono altre, come per esempio quelle eseguibili tramite lo strumento AssistiveTouch, da utilizzare nel caso in cui il tasto di accensione e spegnimento non dovesse funzionare. Te ne ho parlato nel dettaglio nella mia guida dedicata.

Ripristinare il dispositivo

Se le soluzioni fornite nelle righe precedenti non sono state utili a velocizzare il tuo iPhone, puoi pensare di effettuare un reset del sistema operativo, attraverso un metodo non invasivo che mantiene tutti i dati e i contenuti multimediali presenti al suo interno.

Per eseguire quest’operazione, fai tap sull’app Impostazioni nella home screen (è l’icona con il simbolo di un ingranaggio), pigia poi sulle voci Generali e fai tap sulla dicitura Ripristina.

A questo punto, puoi vedere a schermo diverse opzioni: se vuoi effettuare un ripristino del sistema operativo, senza perdere i tuoi dati personali (e quindi senza dover eseguire un backup preliminare), pigia sulla voce Ripristina impostazioni.

Quella che ti ho indicato è soltanto una delle procedure relative al ripristino di un device iOS; è infatti possibile effettuare una formattazione che prevede la cancellazione di tutti i dati contenuti all’interno (Inizializza contenuto e impostazioni) oppure anche è possibile fare tap sulla voce Ripristina impostazioni rete, in caso di malfunzionamento della connessione a Internet.

La formattazione di un dispositivo iOS può eseguita anche in altri modi, come per esempio quelli che prevedono l’impiego dei software iTunes o dello strumento Trova il mio iPhone. Per maggiori informazioni, segui i passaggi indicati nella mia guida dedicata all’argomento.

Altri consigli utili

Le indicazioni che ti ho fornito finora riguardano alcuni diffusi consigli per velocizzare un iPhone, ma vi sono anche altri suggerimenti di carattere generale che voglio darti nelle righe che seguono.

  • Liberare la memoria: se il tuo iPhone è particolarmente lento, questo problema potrebbe anche essere causato dalla memoria piena. A questo proposito, ti consiglio di cancellare manualmente gli elementi multimediali della cartella Eliminati di recente dell’app Foto di iOS, la quale svolge il ruolo di cestino virtuale. Fai tap sull’icona dell’app in questione, presente nella schermata principale del tuo dispositivo, pigia sull’album Eliminati di recente, sul pulsante Seleziona e infine su Elimina tutto. Se dovessi avere dei problemi nell’eseguire questa procedura, leggi il mio tutorial su come eliminare foto da iPhone.
  • Esegui il backup online: sempre relativamente al discorso di liberare la memoria, ti consiglio di utilizzare lo strumento di cloud storage Libreria Foto di iCloud (gratuito con spazio di archiviazione limitato a 5GB espandibile a pagamento a partire da 0,99€ al mese. Trovi maggiori informazioni in questo mio tutorial) oppure l’applicazione Google Foto, strumento anch’esso dedicato all’archiviazione delle foto online che permette conseguentemente di liberare spazio nella memoria del dispositivo (Google Foto è gratuito con spazio di archiviazione illimitato per l’upload delle foto a 16Mp con risoluzione 1080p, con spazio di archiviazione limitato a 17 GB per risoluzioni superiori, espandibile a pagamento a partire da 1,99€ al mese). Per maggiori informazioni su Google Foto, consulta la mia guida dedicata a questo servizio.
  • Non installare applicazioni di pulizia: visto che il sistema operativo iOS presenta già diverse ottimizzazioni lato software, ti consiglio di non installare applicazioni per la pulizia della RAM o applicazioni che promettono di migliorare le prestazioni del device. Queste non sono efficaci e potrebbero anzi causare maggiori problemi allo stesso.

Ti ho indicato altre soluzioni utili per liberare la memoria di un dispositivo Apple in questa mia guida specifica, come per esempio i passaggi che servono per liberare la memoria di Safari, cancellando i dati non necessari dei siti Web. Infine, come ultimo consiglio, ti suggerisco di rivolgerti a un centro assistenza Apple, qualora riscontrassi problemi di lentezza su un dispositivo di nuova generazione appena acquistato. Per saperne di più su come prendere un appuntamento con Apple per la sostituzione di un device, leggi il mio tutorial dedicato all’argomento.