Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come conoscere se un numero è Wind

di

Hai sottoscritto un abbonamento telefonico che ti permette di chiamare qualsiasi numero Wind gratis e ti piacerebbe sapere se alcuni contatti che hai in rubrica appartengono o meno a quest’operatore? Hai bisogno di assistenza per la tua linea Wind ma non sai quale numero contattare? Allora lascia che te lo dica: sei capitato nel posto giusto, al momento giusto!

Nel corso di questa guida, infatti, ti spiegherò come conoscere se un numero è Wind mediante una serie di procedure di semplicissime applicazione e adatte anche a chi, come te, non ha molta dimestichezza con il mondo della tecnologia.

Se mi concederai qualche minuto del tuo tempo, quindi, ti mostrerò come rispondere all’interrogativo che ti sei posto: mettiti bello comodo e leggi con attenzione tutto quanto ho da spiegarti sull’argomento. È tutto molto più semplice di quello che immagini, te lo assicuro!

Indice

Come sapere se un numero è Wind gratis

I passaggi necessari per sapere se un numero è Wind gratis sono di facile applicazione e, oltretutto, forniscono un risultato pressoché istantaneo: di seguito ti elenco alcuni delle più efficaci “tattiche” da mettere in pratica.

Come sapere se un numero è Wind da rete Wind

Come sapere se un numero è Wind da rete Wind

La prima strada che puoi seguire consiste nell’utilizzare Wind Identity, un servizio che consente di identificare se effettivamente il numero di telefono da te scelto appartiene o meno alla rete Wind.

Per servirtene, avvia l’app Telefono del tuo dispositivo e tocca il pulsante a forma di tastierino, per richiamare la schermata di inserimento manuale del numero di telefono. Ora, componi il numero di tuo interesse, anteponendovi il prefisso 456, e avvia la chiamata, utilizzando l’apposito tasto (solitamente identificato da una cornetta verde).

Per esempio, se ti interessa capire se il numero 123 45 67 890 appartiene alla rete Wind, devi avviare una chiamata al numero 4561234567890 e restare in linea per qualche secondo: se tutto è andato per il verso giusto, la voce automatica ti comunicherà se la numerazione di tuo interesse appartiene o meno alla rete Wind.

In caso contrario, la voce automatica ti notificherà comunque la cosa, non comunicandoti, però, l’operatore di competenza del numero. Il servizio è gratuito, disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7, e può essere usato da qualsiasi telefono cellulare equipaggiato con SIM Wind.

Come vedere se un numero è Wind da altri operatori

Come vedere se un numero è Wind da altri operatori

Avresti interesse nel vedere se un numero è Wind da altri operatori, in quanto non hai una SIM con numero Wind a disposizione? Nessun problema: alcuni operatori, come per esempio TIM Iliad, consentono di sfruttare il medesimo servizio visto in precedenza, comunicandoti anche l’operatore a cui appartiene il numero.

I passaggi da seguire sono identici a quelli visti poc’anzi: apri dunque la schermata dello smartphone dedicata alla composizione manuale dei numeri (il dialer) e componi la numerazione di tuo interesse, preceduta dal prefisso 456.

Dopo qualche secondo, una voce registrata dovrebbe risponderti e comunicarti l’operatore di pertinenza del numero digitato: per esempio, se il numero è effettivamente Wind, dovresti ascoltare un messaggio simile a “Il numero [numero digitato] appartiene all’operatore Wind”.

Il servizio non sempre è gratuito e varia in base all’operatore in uso: in alcuni casi, esso ha il costo di una chiamata nazionale.

Come capire se un numero è Wind dal prefisso

Come sapere se un numero è Wind da rete Wind

Se non hai la possibilità di usare lo smartphone, potresti tentare di capire se un numero è Wind direttamente dal suo prefisso. Al giorno d’oggi, viste la gran quantità di offerte disponibili e la possibilità di cambiare operatore mantenendo inalterato il proprio numero, questo metodo potrebbe non essere molto efficace.

Ad ogni modo, i prefissi attualmente in uso dai numeri nativi di rete Wind sono i seguenti: 320, 322, 323, 324, 327, 328, 329, 380, 383, 388 389.

Come scoprire se un numero è Wind da rete fissa

Come scoprire se un numero è Wind da rete fissa

Vuoi scoprire se un numero è Wind ma preferisci usare il telefono fisso? In tal caso, credo proprio di aver buone notizie per te: puoi agevolmente ottenere questa informazione componendo una numerazione ben precisa. All’atto pratico, il tutto consiste nel comporre il numero da identificare, anteponendovi i prefissi 1088 (o 1055) e 456.

Dunque, se ti interessa avere informazioni riguardo il numero 123 45 67 890, devi effettuare una chiamata verso il numero 10884561234567890, oppure 10554561234567890: anche in questo caso, una voce automatica ti risponderà comunicandoti se la numerazione in questione appartiene o meno alla rete Wind.

Tieni presente che questo servizio funziona soltanto se il tuo operatore di rete fissa è Wind/Infostrada, oppure se ne richiedi espressamente l’attivazione.

Altre soluzioni utili

Come conoscere se un numero è Wind

Oltre alle soluzioni proposte poc’anzi, ti consiglio prendere in considerazione l’utilizzo di servizi simili a Wind Identity, proposti però dagli altri operatori di telefonia mobile.

Dunque, se disponi di una linea TIM, Vodafone o Tre, puoi avvalerti delle alternative messe a disposizione dei suddetti gestori, in modo da scoprire se un numero appartiene o meno alla loro rete (escludendo dunque l’appartenenza alla rete Wind): solitamente, si tratta di servizi simili al 456 di Wind, oppure disponibili sotto forma di modulo online da compilare (nel quale va digitato semplicemente il numero di proprio interesse.

Per approfondire questo discorso, ti invito a dare un’occhiata ai miei tutorial su come sapere se un numero è TIM, come sapere se un numero è Vodafone e come sapere se un numero è Tre, nei quali ti ho spiegato tutto in modo dettagliato.

Giunto a questo punto della guida, ritengo comunque doveroso metterti in guardia da soluzioni che, invece, sono tutt’altro che affidabili. Per esempio, evita di installare app disponibili sugli store di Android e iOS/iPadOS che promettono di conoscere l’operatore di appartenenza di un numero di telefono: software di questo tipo spesso non funzionano, oppure si limitano a inserire automaticamente il prefisso 456 ai numeri da chiamare.

Giacché app di questo tipo sono solitamente colme di banner pubblicitari e, nel peggiore dei casi, conducono a spyware e/o tentativi di phishing, te ne sconsiglio caldamente l’uso.

Storia differente riguarda, invece, applicazioni come Truecaller Whooming, le quali consentono, in modo del tutto lecito (seppur con qualche rinuncia in termini di privacy), di bloccare numeri di spammer e seccatori e di “stanare” i numeri di telefono mascherati con l’anonimo: te ne ho parlato nelle mie guide su come bloccare chiamate indesiderate e come scoprire un numero privato.

In caso di dubbi

Come conoscere se un numero è Wind

Come dici? Nonostante tutte le mie indicazioni, non sei riuscito ancora a capire se un numero è Wind? Ritieni opportuno ricevere qualche chiarimento in più in merito al servizio Wind Identity? In tal caso, ti consiglio di contattare un addetto ai lavori Wind “in carne e ossa”, il quale saprà certamente fornirti le risposte di cui hai bisogno.

Attualmente, Wind mette a disposizione degli utenti diversi canali di contatto: di seguito te ne elenco alcuni.

  • Telefono – puoi ottenere telefonico effettuando una chiamata al numero 155 e seguendo le istruzioni della voce guida. La chiamata è gratuita da rete cellulare Wind e da rete fissa TIM e Infostrada. Maggiori info qui.
  • Social network – se lo ritieni opportuno, puoi ricevere assistenza utilizzando i canali social di Wind: la pagina ufficiale Facebook e il profilo Twitter @WindItalia.
  • App MyWind – disponibile per Android, iOS e iPadOS, l’app ufficiale del gruppo di telecomunicazioni consente di mettersi in contatto, via chat, con un operatore “in carne e ossa”.
Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.