Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Posta certificata gratis

di

La Posta Elettronica Certificata (chiamata molto spesso anche con il suo acronimo: PEC) è uno strumento di posta elettronica che viene utilizzata da privati cittadini, aziende e Pubblica Amministrazione per lo scambio di email con lo stesso valore legale di una raccomandata con ricevuta di ritorno.

Poiché per le società si tratta di uno strumento divenuto ormai obbligatorio, la maggior parte dei dubbi relativi al funzionamento di questa tecnologia ha a che fare con l’uso da parte di privati cittadini. A tal proposito, in molti mi hanno chiesto se fosse possibile ottenere una PEC gratis, quindi ho pensato di realizzare questo tutorial per rispondere al quesito proponendo alcuni servizi tra quelli che — in un modo o nell’altro — permettono di ottenere una casella di posta certificata a costo zero.

Direi, dunque, di mettere da parte le chiacchiere e di passare immediatamente all’azione: qui sotto trovi spiegato un po’ meglio in cosa consiste la PEC, come attivarla (ti anticipo che puoi farlo con SPID o anche semplicemente con i tuoi dati anagrafici e una password, senza procedure di attivazione farraginose) e come avvalertene a costo zero… o quasi. Buona lettura!

Indice

Come funziona la Posta Elettronica Certificata

come funziona la pec

La Posta Elettronica Certificata, comunemente chiamata PEC, è un servizio di posta che, a differenza delle classiche email, ha valenza legale pari a quella di una raccomandata con ricevuta di ritorno: per questo motivo è utilizzata in ambito amministrativo e professionale per comunicazioni di natura ufficiale.

La PEC è uno strumento obbligatorio per tutte le imprese, comprese le ditte individuali, i professionisti iscritti a un ordine e i dipendenti della pubblica amministrazione; è inoltre indispensabile per l’attivazione del domicilio digitale (che imprese e professionisti devono avere per ricevere le comunicazioni dalla Pubblica Amministrazione). Per i privati cittadini non è obbligatoria, ma è molto utile in numerose circostanze.

Per quanto concerne il funzionamento tecnico della PEC, dal punto di vista dell’utente, questo non differisce in maniera sostanziale da quello delle classiche caselle di posta elettronica. Per inviare la PEC è quindi necessario avere una casella di posta elettronica certificata e accedervi via Webmail, app mobile o client email, come Outlook o Thunderbird.

Non occorrono dispositivi hardware particolari, né software specifici. Tutta la “magia” avviene “dietro le quinte”, dove il messaggio di PEC del mittente viene verificato dal provider, validato e poi inviato al provider PEC del destinatario; da qui viene sottoposto a una nuova verifica e, se sono rispettati tutti gli standard del caso, finisce nella casella PEC dell’utente finale.

Tutto il processo avviene in pochi secondi e viene notificato al mittente tramite delle email che certificano (anche da qui l’appellativo posta certificata) l’avvenuto invio e accettazione del messaggio da parte del destinatario.

Posta certificata gratis per privati

Sei un privato e vuoi usufruire di un servizio di Posta Elettronica Certificata in maniera gratuita, senza sottoscrivere quindi un abbonamento annuale? Ho alcune soluzioni che possono fare al caso tuo!

Tieni presente, però, che non si tratta mai di servizi gratuiti al 100%: talvolta i provider offrono un periodo di prova prima di passare ai piani a pagamento, altri sono sì disponibili in maniera gratuita, ma con delle importanti limitazioni per gli invii. Continua a leggere per scoprire tutto in dettaglio.

Posta certificata gratis con SPID

spidmail

Essere in possesso di un’identità SPID (acronimo che sta per Sistema Pubblico di Identità Digitale) consente di accedere con le medesime credenziali a tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione, ma non solo. Consente anche di accedere a numerosi altri servizi interessanti, tra cui il servizio di PEC gratuito SpidMail di Namirial.

SpidMail è una casella PEC pensata per l’uso personale (quindi per privati e persone fisiche) la quale garantisce la ricezione gratuita senza limiti di comunicazioni PEC. Per quanto riguarda invece gli invii, questi sono a pagamento: il provider regala un invio dopo la registrazione al servizio, due aggiuntivi se si attiva lo SPID con Namirial e altri se si invitano altre persone a iscriversi al servizio; altrimenti per ottenerne di ulteriori è necessario acquistarli al costo di 0,60 centismi + IVA per invio.

Chiarito questo concetto, se sei pronto per aprire la tua casella di Posta certificata gratis con SPID, collegati al sito ufficiale di SpidMail e clicca sui pulsanti Attiva gratis e Attiva subito.

Accetta quindi le condizioni d’uso, mettendo il segno di spunta sulle caselle apposite, quindi clicca su Prosegui; nella pagina successiva devi invece selezionare Entra con SPID, scegliendo dalla lista il tuo provider ed eseguendo il l’accesso con SPID.

Terminato l’accesso dovrai compilare il modulo proposto, inserendo l’indirizzo email che utilizzerai per ricevere le comunicazioni provenienti da SpidMail, il numero di telefono e l’indirizzo. Dopo l’inserimento dei dati richiesti, fai clic su Avanti e inserisci il codice di verifica spedito sull’email che hai indicato. Per portare a termine la procedura dovrai scegliere la prima parte del tuo indirizzo SpidMail (quello prima della @), qualora l’indirizzo si riveli disponibile potrai cliccare su Avanti.

L’ultimo passaggio prevede l’uso di un codice spedito sul numero di telefono tramite SMS e la firma del contratto: leggi il documento per intero e poi seleziona Clicca per firmare. In questo modo, hai creato il tuo indirizzo PEC tramite SpidMail in maniera gratuita. Per ulteriori dettagli su come attivare una PEC gratuita con SpidMail e come usarla, consulta la mia guida dedicata all’argomento.

Posta certificata gratis con Legalmail

legalmail

Un altro provider di Posta Elettronica Certificata è Legalmail di InfoCert che, sebbene non sia completamente gratuito, offre un periodo di prova di 6 mesi, durante i quali è possibile utilizzare la PEC liberamente ed eventualmente decidere se possa o meno fare al caso proprio.

I piani proposti da Legalmail sono tre (tutti garantiscono accesso sia da Web sia da dispositivi mobili): Bronze, al costo di 25 euro + IVA all’anno, che garantisce una casella con 2 GB di spazio, 3 GB di archivio di sicurezza e invii massivi; Silver, 39 euro + IVA all’anno, con 2 GB di spazio, 6 GB di archivio di sicurezza e invii massivi; infine Gold, al prezzo di 75 euro + IVA all’anno, con 2 GB di spazio, 13 GB di archivio di sicurezza e invii massivi. Sebbene vi siano tre piani, l’unico che dà accesso ai 6 mesi di prova gratuiti è il piano Silver.

Se sei interessato a provare Legalmail, recati sul sito Web ufficiale e poi fai clic su Scopri Legalmail gratis e poi su Scopri i vantaggi della PEC gratis. Nella pagina successiva, ti basta digitare nell’apposito riquadro il nome della casella PEC che vuoi creare (tipo mia.impresa@legalmail.it) e poi fare clic su Attiva ora: se l’indirizzo è disponibile il sito ti chiederà di procedere con la creazione di un account InfoCert, clicca dunque su Crea un account.

Inserisci i dati richiesti, ovvero un indirizzo email attivo, una password e spunta la casella Non sono un robot; nella sezione inferiore seleziona invece Non presto il consenso per evitare l’uso dei dati personali per finalità di marketing e poi fai clic su Registrami. Nella pagina successiva dovrai infine inserire tutti i dati personali necessari al fine della creazione della PEC, quindi l’attività (impresa, professionista ecc.), ragione sociale, codice fiscale o partita IVA, indirizzo, email per recupero password, un recapito telefonico nonché nome, cognome e codice fiscale di chi firma la richiesta di attivazione.

Al termine, fai clic su Avanti in basso e ti verrà fornita una password temporanea, valida solo per il primo accesso che dovrà essere eseguito esclusivamente tramite Web. Ora potrai utilizzare la tua PEC per 6 mesi in maniera gratuita.

Posta certificata gratis con Register

pec register

Anche Register è un servizio PEC che offre agli utenti un periodo di prova gratuito della durata di 6 mesi, per passare poi a un piano di pagamento annuale.

Le soluzioni in acquisto sono due: PEC AGILE, con un periodo di prova gratuito di 6 mesi (dopo a 35,60 euro + IVA all’anno), 2 GB di spazio, notifiche tramite SMS, archivio di sicurezza, filtro antivirus e antispam; PEC UNICA a partire da 45,15 euro + IVA all’anno (in base alla dimensione della casella Inbox scelta), 3 o 5 GB di spazio, notifiche SMS, archivio di sicurezza, filtro antivirus e antispam, attivabile su dominio personale.

Per iniziare subito il tuo periodo di prova gratuito, recati sul sito ufficiale e fai clic su Attiva PEC gratis. Nella schermata successiva fai clic su Procedi in basso a destra e inserisci tutti i tuoi dati personali, necessari per la registrazione al servizio (quindi ragione sociale, nome, cognome, indirizzo, e così via). Al termine fai clic su Procedi in basso.

Ora dovrai necessariamente aggiungere una carta di credito, non temere però: nessun prelievo verrà effettuato allo stato attuale della procedura. Quando hai inserito i dati, fai clic su Aggiungi e avrai così completato la procedura di creazione della tua PEC tramite Register.

Ricorda che se vuoi semplicemente provare il servizio per 6 mesi, senza poi procedere con il rinnovo, devi eliminare la carta di credito dalle informazioni di pagamento almeno 20 giorni prima della scadenza del periodo di prova. Sappi inoltre che in caso di mancato rinnovo ci sono da pagare 9,90 euro una tantum.

In caso contrario, il sistema rinnoverà automaticamente la tua PEC e detrarrà l’importo annuale.

Posta certificata gratis Poste Italiane

pec poste italiane

Per quanto riguarda la PEC di Poste Italiane, devo darti una brutta notizia: non è possibile ottenere una casella di Posta Elettronica Certificata in maniera gratuita. Poste Italiane offre molti servizi al cittadino, spesso anche a prezzi concorrenziali e lo stesso si può dire della PEC, che può essere attivata a partire da 6,71 euro all’anno , IVA inclusa.

Questa, nella sua versione base, offre uno spazio di 100 MB, espandibile fino a 1 GB acquistando pacchetti separati (al costo di 1 euro + IVA per ogni 100 MB aggiuntivi), un dominio @postecert.it e la possibilità di accedere tramite Webmail, dispositivi mobili o anche client di posta elettronica installati su computer. Se vuoi maggiori informazioni in merito puoi leggere la mia guida su come creare una PEC con Poste Italiane.

Posta certificata gratis Aruba

aruba pec

Avrai sicuramente sentito parlare di Aruba, nota società italiana che da anni opera nei settori delle pratiche online, del Web hosting e del cloud. Ebbene, tra i tanti servizi che offre c’è anche quello di Posta Elettronica Certificata.

Tuttavia, tra le soluzioni PEC che propone attualmente non ce n’è una gratuita (o in prova). I piani disponibili nel momento in cui scrivo sono i seguenti: PEC Standard, la soluzione più economica al costo di 5 euro + IVA all’anno per il primo anno (passando poi a 9,90 euro + IVA al rinnovo), con 1 GB di spazio, l’app Aruba PEC e servizio Leggi Fatture; PEC Pro ha un costo di 25 euro + IVA all’anno e garantisce 2 GB di spazio, 3 GB di archivio, notifiche SMS, app Aruba PEC, servizio Leggi Fatture e spazio aggiuntivo opzionale illimitato; infine PEC Premium ha un costo di 40 euro + IVA all’anno e dà accesso a 2 GB di spazio, 8 GB di archivio, notifiche SMS, app Aruba PEC, servizio Leggi Fattura e spazio aggiuntivo opzionale illimitato. Maggiori info qui.

Posta certificata gratis Gmail

pec gmail

Ti stai chiedendo come fare una casella PEC con Gmail? In questo caso devi sapere che Gmail, di per sé, non offre un servizio di Posta Elettronica Certificata, quindi tramite il proprio account email con Google non è possibile inviare una PEC; tuttavia, ciò diventa possibile nel momento in cui su configurano i parametri del proprio indirizzo PEC (registrabile con uno dei provider che ti ho presentato) nel celebre servizio di Webmail targato Google.

Il vantaggio di questa operazione è la possibilità di gestire tramite un solo client tutti i tuoi invii, sia quelli di posta elettronica “quotidiana”, sia quelli ufficiali del tuo indirizzo PEC. Per maggiori dettagli in merito, ti invito a leggere la mia guida su come inviare una PEC con Gmail.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.