Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Adobe Reader – Download

di

Adobe Acrobat Reader, comunemente detto Adobe Reader, è uno dei software più popolari per la visualizzazione e la gestione dei file in formato PDF. Di fatto è il software “ufficiale” dedicato a questo standard di documenti, visto che Adobe è proprio l’azienda che l’ha creato nel lontano 1993. Si tratta di un programma molto facile da utilizzare e che include una vasta gamma di funzioni: quelle più basilari, come ad esempio l’evidenziazione di frasi e parole, l’aggiunta di firme e l’esportazione dei PDF in file di testo semplici, sono disponibili per tutti; quelle più avanzate, invece, sono riservate agli utenti che decidono di abbonarsi ai servizi a pagamento di Adobe.

Entrando più nel dettaglio, chi si abbona ad Acrobat Pro DC, la versione completa del programma che viene fornita sotto forma di servizio in abbonamento, permette di creare documenti in PDF partendo da file di Office e immagini; consente di esportare i PDF come documenti di Word ed Excel; rende modificabili i testi digitalizzati (tramite la tecnologia OCR) e offre tante altre funzioni di editing e conversione.

Le funzioni di conversione e di editing si possono sbloccare anche singolarmente, sottoscrivendo l’abbonamento al servizio PDF Pack di Adobe, a un prezzo minore. Per saperne di più, continua a leggere: qui sotto trovi una panoramica completa sulla versione gratuita di Adobe Reader, sia su come effettuarne il download su tutti i tuoi dispositivi (Adobe Reader è infatti disponibile anche come app per smartphone e tablet) che su come utilizzare tutte le sue funzioni più importanti.

Indice

Adobe Reader: requisiti minimi

Adobe Reader requisiti

Prima di procedere, direi di vedere quali sono i requisiti minimi che il proprio computer o il proprio dispositivo mobile deve soddisfare per poter effettuare il download di Adobe Reader e, più in particolare, di Adobe Acrobat Reader DC.

Windows

  • Processore Intel o AMD da almeno 1.5 GHz.
  • Sistema operativo Windows 7 o successivo o Windows Server 2008 R2 o successivo.
  • 2 GB di RAM.
  • 380 MB di spazio disponibile su disco.
  • Schermo con risoluzione di almeno 1024 x 768 pixel.

macOS

  • Processore Intel (emulato tramite Rosetta 2 su processori Apple Silicon).
  • Sistema operativo macOS 10.13 o successivi.
  • 2 GB di RAM.
  • 380 MB di spazio disponibile su disco.
  • Schermo con risoluzione di almeno 1024 x 768 pixel.

Per quanto concerne l’app di Adobe Reader per dispositivi mobili, questa richiede Android 5.0 o versioni successive sui device Android oppure iOS 12.0/iPadOS o versioni successive sui dispositivi Apple. Se desideri maggiori informazioni in merito ai requisiti minimi per scaricare Adobe Reader, visita il sito di Adobe.

Adobe Reader: download gratis PC

Fatte le dovute premesse di cui sopra, vediamo come scaricare gratis Adobe Acrobat Reader su computer. Che tu abbia un PC Windows o un Mac, troverai pane per i tuoi denti.

Download

Adobe Reader download

Per effettuare il download di Adobe Reader sul computer, recati su questa pagina del sito di Adobe e fai clic sul pulsante azzurro Scarica Acrobat Reader posto sulla destra. Se stai visualizzando la pagina da un PC Windows, assicurati che non ci siano le spunte dalle caselle relative all’installazione di software aggiuntivi (es. McAfee).

A scaricamento completato, se usi un PC Windows, apri il file .exe che hai ottenuto, clicca sul bottone , attendi che vengano scaricati da Internet tutti i file necessari al funzionamento di Adobe Reader (potrebbe volerci qualche minuto) e verrà eseguita automaticamente l’installazione del programma sul computer. Al termine della procedura, fai clic sul pulsante giallo Termina, per concludere il setup.

Se hai lasciato il segno di spunta sulla casella relativa all’avvio automatico di Adobe Reader a fine installazione, il programma verrà aperto automaticamente.

Installazione Adobe Reader su Windows

Se utilizzi un Mac, la procedura da seguire è abbastanza simile. Dopo aver scaricato il file .dmg d’installazione dal sito di Adobe, aprilo e fai doppio clic sull’icona AcroRdrDC_xxxxxxxxxx_MUI.pkg presente nella finestra apertasi.

Successivamente, clicca sul pulsante Continua per due volte di seguito e poi fai clic sul pulsante Installa. Inserisci poi, nell’apposito campo di testo, la password del tuo account utente su macOS, clicca sul bottone Installa software e, infine, clicca sui bottoni Chiudi e Sposta.

Installazione Adobe Reader su macOS

Al primo avvio del programma, dovrai cliccare sul pulsante Apri, per autorizzarne l’esecuzione, e sul pulsante Accetto, per accettarne le condizioni d’uso.

Uso

Adobe Reader

A prescindere dal sistema operativo in uso, una volta eseguita l’installazione di Adobe Reader sul computer, i file PDF verranno aperti automaticamente con quest’ultimo. Basterà fare doppio clic sulle loro icone. Nel caso in cui ciò non accadesse, nessun problema: fai clic destro su un qualsiasi file in formato PDF, seleziona la voce Apri con > Adobe Acrobat Reader dal menu che si apre e accetta di rendere Acrobat Reader il lettore di PDF predefinito sul tuo computer.

L’interfaccia del programma, come già accennato in precedenza, è estremamente lineare e intuitiva anche per gli utenti meno esperti. È suddivisa in tre schede.

  • Nella scheda Home c’è la lista dei file visualizzati di recente con, di lato, una lista di percorsi predefiniti da cui caricare i documenti (Risorse del computer, Adobe Cloud e Microsoft SharePoint).
  • Nella scheda Strumenti trovi la lista completa delle funzioni incluse in Adobe Reader, molte delle quali vengono sbloccate solo dopo aver sottoscritto un abbonamento a pagamento ai servizi di Adobe.
  • Nella scheda con il titolo del documento trovi il file visualizzato attualmente e tutti gli strumenti necessari alla sua consultazione. In alto c’è una barra degli strumenti con i pulsanti per stampare il file e spedirlo via email, cercare frasi e parole all’interno di quest’ultimo e sfogliarne le pagine. Sempre nella parte alta della scheda, trovi altri due pulsanti, uno per aumentare o diminuire il livello di zoom e uno cambiare la modalità di visualizzazione del documento (es. schermo intero, pagina singola, scorrimento continuo). Infine, nella barra laterale di destra puoi trovare tutti gli strumenti avanzati necessari a modificare i PDF o crearne di nuovi (molti dei quali si possono sbloccare solo sottoscrivendo un abbonamento pay ai servizi di Adobe).

Fra i pochi strumenti di editing disponibili nella versione free di Adobe Reader ci sono l’evidenziatore e le note, entrambi utilizzabili cliccando sulle rispettive icone presenti nella toolbar collocata in alto a destra. Dopo aver richiamato l’evidenziatore, per esempio, non devi fare altro che selezionare con il mouse i passaggi del PDF da evidenziare. Per utilizzare le note, invece, devi selezionare l’icona del fumetto e cliccare nel punto del foglio in cui inserire le tue annotazioni.

Per salvare le modifiche effettuate al documento, fai clic sull’icona del floppy disk oppure, se preferisci lavorare su una copia del file originale, seleziona la voce Salva con nome dal menu File (in alto a sinistra).

Altre funzioni molto utili di Adobe Reader sono la firma digitale e la possibilità di estrarre testi dai PDF per salvarli in file in formato .txt. Per utilizzare la firma digitale, clicca sulla scheda Strumenti (in alto a sinistra), seleziona la voce Compila e firma e clicca sul pulsante Compila e firma presente sotto il box Compila, firma e invia.

In seguito, clicca sul bottone Firma comparso nella toolbar del programma e scegli se aggiungere una firma (che può essere testuale o grafica, quindi anche fatta a mano) o aggiungere le tue iniziali al documento. Ti ricordo che questo tipo di firma, senza certificato, non ha alcun valore legale. Per avere una firma elettronica con valore legale, devi acquistare un apposito kit.

Firma Adobe Reader

Se invece vuoi estrapolare il testo dal documento PDF e salvarlo come file in formato .txt, recati nel menu File > Salva come testo (in alto a sinistra), avendo cura poi di selezionare la posizione in cui esportare il documento di output.

Le altre funzioni avanzate, come la conversione dei PDF in file di Office (Word o Excel) e la conversione di altri tipi di file in PDF, sono riservate agli abbonati ai servizi a pagamento di Adobe. Maggiori info qui.

Per maggiori informazioni circa l’uso di Adobe Reader, ti rimando alla lettura del tutorial dedicato ai programmi per leggere PDF, dove ti parlo anche di alcune alternative alla soluzione di Adobe.

Adobe Reader: download gratis smartphone e tablet

Adesso vediamo come effettuare il download di Adobe Reader su smartphone e tablet. Anche in questo caso, dopo aver installato l’applicazione, ti illustrerò alcune delle sue caratteristiche principali.

Ti ricordo che, così come la versione desktop, anche la versione mobile di Adobe Reader riserva l’accesso alle funzioni più avanzate solo ai sottoscrittori dei piani in abbonamento.

Download

Adobe Reader

Per quanto concerne il download di Adobe Reader su smartphone e tablet, tutto ciò che bisogna fare è recarsi nella sezione dedicata alla celebre app sullo store del proprio device e procedere direttamente da lì.

Su Android, se hai la possibilità di agire dal Play Store, apri quest’ultimo (premendo sull’icona che raffigura il triangolo colorato posta nella home screen o nel drawer del tuo device), cerca “adobe acrobat” nella barra di ricerca posta in alto e premi Invio sulla tastiera.

Dopodiché premi sulla voce Adobe Acrobat, per recarti nella sezione di download della app. Se stai leggendo questo articolo direttamente dal device sul quale intendi scaricare Adobe Reader, puoi premere direttamente su questo link per visualizzarne la scheda sul Play Store.

Dopodiché premi sul pulsante verde Installa e attendi che la procedura di download e installazione di Adobe Reader venga ultimata. Se dovesse comparire un messaggio che ti invita a portare a termine la configurazione del tuo account Google, pigia i bottoni Continua e Ignora, per saltare la procedura (non c’è bisogno di aggiungere alcun metodo di pagamento, visto che l’app è gratis).

Se hai un dispositivo senza il Play Store, prova a cercare Adobe Reader su uno store alternativo e provvedi a installarla da lì, pigiando sull’apposito bottone visibile a schermo.

Su iOS/iPadOS, invece, apri l’App Store pigiando sul simbolo della A bianca su sfondo azzurro posta nella schermata Home del tuo iPhone o iPad o nella Libreria app, pigia sulla la scheda Cerca situata in basso a destra e, nel campo di ricerca situato in alto, scrivi “adobe reader”.

Premi, quindi, sul risultato che viene trovato e fai tap sulla dicitura Adobe Reader. Se stai leggendo l’articolo dal device su cui intendi installare l’applicazione, fai tap su questo link, in modo tale da recarti direttamente sulla sua pagina di download.

In conclusione, premi sul bottone Ottieni, fai tap sul pulsante Installa e conferma l’operazione tramite il Face ID, il Touch ID o la password del tuo ID Apple.

Uso

Adobe Reader app

Per quanto concerne l’uso di Adobe Reader sui dispositivi mobili, sappi che questa ricalca grossomodo quella desktop, seppur con delle differenze.

Dopo aver installato e avviato l’applicazione, premi sul bottone File (in basso), seleziona la voce Su questo dispositivo e seleziona il file da modificare. Altrimenti, preleva il documento che hai salvato su Document Cloud, Google Drive, Dropbox o altri servizi di cloud storage, facendo tap su una delle apposite voci.

Una volta aperto il documento, premi sull’icona della matita (in basso a destra) e poi sulla voce Commento per aggiungere un commento, sulla voce Compila e firma per inserire una firma oppure sulla voce Modifica PDF o Organizza pagine se desideri apportare delle modifiche al documento avvalendoti delle funzioni avanzate disponibili a pagamento.

Premendo sull’icona dei tre puntini (in alto a destra), puoi accedere a tutte le altre funzioni disponibili, al sommario e alle miniature del file, mentre premendo sul simbolo della condivisione puoi condividere una copia del documento aperto.

Per maggiori informazioni circa l’uso di Adobe Reader, ti rimando alla lettura della guida dedicata alle app per leggere PDF, dove ti ho illustrato il funzionamento della soluzione di casa Adobe (e non solo).

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.