Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

App per monopattini

di

Negli ultimi anni sempre più persone utilizzano i mezzi elettrici per la micromobilità, come i monopattini. La volontà di salvaguardare l'ambiente e utilizzare mezzi economici per spostarsi in città, sono solo alcuni dei motivi che spingono sempre più persone a rivolgersi a soluzioni del genere. Se sei finito su questo tutorial, immagino che tu sia una di queste, vero? Lo immaginavo!

I monopattini elettrici, grazie a molte delle loro caratteristiche, offrono innumerevoli vantaggi, tanto da essere utilizzati anche per servizi di sharing in molte città italiane. Ed è per questo che oggi voglio mostrarti proprio alcune app per monopattini da utilizzare per noleggiare questi mezzi sempre più popolari e pratici per spostarsi in città, senza dover ricorrere a mezzi ben più inquinanti, come l'automobile.

Come dici? È proprio quello che stavi cercando? Allora non dilunghiamoci oltre ed entriamo nel vivo di questa guida. Mettiti comodo, ritagliati qualche minuto di tempo tutto per te e dedicati alla lettura delle prossime righe, così da capire come avvalerti delle app per il noleggio di monopattini. A me non resta altro che augurarti buona lettura e buon divertimento!

Indice

WIND — Smart E-Scooter Sharing (Android/iOS)

WIND

La prima app per monopattini elettrici di cui voglio parlarti è WIND — Smart E-Scooter Sharing. È disponibile per Android (disponibile anche su store alternativi per device senza servizi Google) e iOS. Nel momento in cui scrivo è un'app per monopattini Roma, Bari, Milano, Modena, Monza, Palermo, Parma, Trento, Torino e Verona.

Il servizio ha un costo di 1 euro per lo sblocco iniziale, a cui si devono aggiungere 0,19 euro per ogni minuto di corsa. Volendo è possibile anche sottoscrivere degli abbonamenti per risparmiare e avere sblocchi illimitati dei monopattini più sconti a partire del 20% sulle corse, a partire da 19 euro/mese. Parcheggiando nei luoghi suggeriti dall'app è possibile ricevere anche dei crediti spendibili nelle corse successive.

Come funziona? Dopo aver scaricato WIND, accedi tramite il tuo account Google (Sign in with Google), Apple (Sign in with Apple) o con il tuo numero di telefono (Phone Number). Ad accesso effettuato, premi sul pulsante Sbloccare e imposta un metodo di pagamento valido (es. Credit Card), avendo cura di fornire tutti i dati di pagamento necessari (es. Card Number, CVV, Email, etc.). Dopodiché premi sul pulsante Submit per proseguire.

Adesso, per prenotare una corsa, non devi fare altro che concedere i permessi di geolocalizzazione (se non l'hai ancora fatto), selezionare sulla mappa uno dei mezzi disponibili e, dopo averne verificato il livello di carica, sbloccarlo mediante l'apposito pulsante, così da procedere con il pagamento della corsa e avvalerti del mezzo scelto per i tuoi spostamenti.

BIT (Android/iOS/iPadOS)

BIT

La seconda app per monopattini di cui voglio parlarti è BIT, diffusa in varie città. È tra le più note app per monopattini Milano, ma è utilizzabile anche in molte altre città italiane, tra cui Bari, Lecce, Firenze, Novara e Verona (qui l'elenco completo).

L'app è disponibile gratuitamente per Android (anche su store alternativi per i device senza servizi Google), qualora il tuo terminale Android sia senza i servizi di Google) e per iOS/iPadOS. Il servizio ha un costo variabile in base alla città in cui ci si serve del servizio e in base al giorno della settimana. Volendo, si possono sottoscrivere anche degli abbonamenti a partire da 24,99 euro/mese per ottenere sblocchi illimitati e usufruire del servizio per i minuti o le ore indicate nella sottoscrizione.

Il funzionamento dell'applicazione è semplice: quando si trova un veicolo BIT, è possibile scansionare il QR Code oppure premendo sull'icona del monopattino all'interno della mappa e avviare il noleggio direttamente da lì. Nel caso in cui compaia il messaggio “Veicolo non disponibile al noleggio”, il monopattino potrebbe essere scarico o non funzionante.

Dopo aver effettuato il download di BIT sul tuo smartphone o tablet, aprila, premi sul pulsante Registrati, compila il modulo proposto con tutte le informazioni necessarie (email, telefono, nome, cognome, etc.) e, dopo aver spuntato le caselle relative all'accettazione delle condizioni d'uso del servizio e della policy sulla privacy, pigia sul bottone Registrati (in basso).

Successivamente, fornisci il codice OTP ricevuto via SMS al numero indicato in fase di registrazione e premi sul bottone Conferma l'account per proseguire. Fatto ciò bisogna prenotare un monopattino come indicato poc'anzi (quindi selezionando il monopattino dalla mappa oppure usando la funzione di scansione del codice QR, premere sul bottone Inizia corsa e, quindi, scegliere uno dei metodi di pagamento con cui pagare la corsa: (carta di credito,
carta prepagata, PayPal o Satispay (disponibile per Android e iOS/iPadOS)).

Altre app per monopattini elettrici

Lime

Oltre a quelle che ti ho indicato nei paragrafi precedenti di questa guida, vorresti prendere in considerazione altre app per monopattini? In tal caso, ecco un ulteriore elenco di soluzioni valide per viaggiare in città in modo ecologico.

  • Lime (Android/iOS) — è un'app per la condivisione di biciclette e monopattini elettrici, disponibili in qualsiasi momento per facilitare la mobilità urbana. Per prenotare una corsa basta affrontare tre differenti step: scaricare Lime sul proprio smartphone, trovare un veicolo nelle vicinanze (non deve necessariamente essere un monopattino) e, quindi, sbloccare il veicolo scelto tramite la scansione del codice QR, inserendo il numero di targa o, ancora, toccando l'apposito bottone visibile a schermo. La tariffa è variabile in base alla città in cui si utilizza il servizio: in molti casi costa 1 euro per lo sblocco iniziale del monopattino, a cui si aggiungono 0,25 euro per ogni minuto di corsa. Lime è disponibile in molte città, italiane e non, per cui è l'ideale se cercavi un'app per monopattini Napoli, a Torino, a Catania, a Milano, etc. o in alcune delle principali capitali del mondo, come New York, Los Angeles, Parigi, Zurigo, Berlino, e molte altre (qui l'elenco completo).
  • Bird (Android/iOS) — come visto nelle altre app anche per Bird sarà necessario scaricare l'applicazione gratuita, individuare il monopattino elettrico più vicino, scansionare il codice sul manubrio per sbloccarlo e guidarlo per tutto il tragitto desiderato. Per quanto riguarda le tariffe, queste sono variabili. La struttura dei prezzi dei monopattini sharing Bird a Roma, per esempio, è di 1 euro per lo sblocco più 0,25 euro al minuto. Si possono avere sconti tramite la ricarica del proprio account: 50 euro (+5 gratis), 100 euro (+10 gratis), 250 euro (+50 gratis) e 500 euro (+100 gratis). Disponibile in molte città italiane, tra cui Roma, Milano, Torino e Palermo (qui l'elenco completo).
  • Dott (Android/iOS) — altra app di cui voglio parlarti è Dott. Una volta scaricata, è possibile cercare un monopattino (ma anche una bici elettrica) che faccia al proprio caso, sbloccarlo, utilizzarlo e terminare la corsa. Una volta trovato un monopattino, basta scansionare il codice QR che si trova sulla parte superiore del mezzo e premere sull'apposito bottone di sblocco e di avvio della corsa. La tariffa standard di Dott è solitamente di 1 euro per lo sblocco (ma la tariffa può variare da città a città), a cui bisogna aggiungere un costo aggiuntivo per la corsa, che può andare da 0,19 euro al minuto fino a 0,25 euro/minuto (in base alla città di riferimento). Sono disponibili anche due tipologie di pacchetti: Sblocco free, pacchetto da 4,90 euro con 100 sblocchi gratuiti, valido per 7 giorni; Andata e ritorno, pacchetto da 4,99 euro: sblocchi e primi 15 minuti inclusi, valido per 2 corse, per 24 ore. Disponibile in molte città, tra cui Roma e Torino.
Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.