Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

App per risparmiare batteria

di

Il tuo smartphone è già vecchio di qualche anno e comincia a mostrare i primi segni del tempo: la batteria fatica sempre di più a tenere la carica e le applicazioni di nuova generazione drenano sempre di più la già consumata batteria del tuo dispositivo. Ci sono delle volte in cui, anche con un uso attento del tuo smartphone o tablet, fatichi ad arrivare a fine giornata con soltanto una carica della batteria. Immagino che sia davvero seccante dover andare in giro con il caricabatteria sempre borsa.

Se le cose stanno effettivamente così e ritieni che la situazione del tuo caro e vecchio smartphone venga bene rispecchiata in questa premessa, devo purtroppo darti una brutta notizia. Esistono delle applicazioni in grado di aiutarti a risparmiare la batteria, ma di certo non puoi aspettarti i miracoli sui dispositivi che non hanno i permessi di root. Genericamente parlando, su Android, le applicazioni per il risparmio batteria si limitano alla chiusura temporanea dei processi in background e all’ottimizzazione momentanea del dispositivo. Con l’utilizzo del dispositivo, però, è possibile che alcuni processi in background si riaprano, rendendo di fatto inutile il lavoro di ottimizzazione appena effettuato.

Un discorso completamente diverso va fatto su iOS: Apple dota i suoi dispositivi di un sistema chiuso e ciò significa che, a meno che venga eseguito il jailbreak, non è possibile intervenire in maniera diretta sulla chiusura dei processi in background. Per iPhone o iPad non esistono quindi applicazioni esterne per il risparmio batteria, ma è possibile procedere in maniera tradizionale, attivando la modalità di risparmio batteria tramite le impostazioni del dispositivo. Nel corso di questo tutorial ti fornirò quindi istruzioni su come effettuare il risparmio della batteria su Android e iOS e ti parlerò di alcune applicazioni dedicate all’ottimizzazione della stessa per smartphone e tablet dotati del sistema operativo Google. Tutto chiaro? Sì? Benissimo, allora iniziamo subito: ti auguro una buona lettura.

App per risparmiare batteria

Come ti ho appena spiegato, su dispositivi Android esistono delle applicazioni che, anche se non fanno miracoli, sono in grado di monitorare lo stato della batteria e di chiudere le applicazioni in background non necessarie. Qui di seguito voglio quindi indicarti qualche consiglio sulle migliori applicazioni che aiutano a risparmiare la batteria.

Kapersky Battery Life (Android)

Sviluppata dalla nota azienda produttrice del software antivirus, Kapersky Battery Life è un’applicazione gratuita che si caratterizza per la sua interfaccia snella, particolarmente ripulita da elementi e funzionalità non accessorie, oltre che dall’assenza di pubblicità.

Scaricala quindi tramite il PlayStore di Android premendo sul pulsante Installa e poi sul pulsante Accetto. A download completato, premi sul pulsante Apri per avviare l’applicazione e incominciare a utilizzarla, seguendo le mie indicazioni.

Tramite la schermata principale, salta il tutorial introduttivo premendo sul pulsante Avanti per tre volte consecutive e poi premi sul pulsante Fine. La funzionalità principale di quest’applicazione è legata al monitoraggio della carica della batteria e dalla possibilità di chiudere alcune applicazioni in background per risparmiare la durata della stessa.

Puoi vedere tali funzionalità direttamente dalla schermata principale di quest’app dove, oltre ad essere presente un indicatore con la percentuale di carica residua della batteria, potrai vedere elencate tutte le applicazioni attualmente in background.

Per chiuderle, assicurati che vi sia apposto il segno di spunta in corrispondenza della dicitura Deseleziona tutto e premi sul pulsante verde Guadagna, seguito dal simbolo (+) e dal numero dei minuti di carica che è possibile risparmiare, chiudendo le applicazioni in background.

L’applicazione in questione non offre funzionalità secondarie aggiuntive, se non la possibilità di personalizzare la chiusura delle applicazioni, indicando alcune applicazioni predefinite da non chiudere. Tale impostazione è attivabile tramite la sezione App preferite, accessibile dal menu dell’applicazione (simbolo del menu con tre linee orizzontali).

Risparmio batteria (Android)

Purtroppo, la maggior parte delle applicazioni che si prefiggono lo scopo di risparmiare la batteria dello smartphone, presentano banner pubblicitari particolarmente invasivi, offrendo una pessima esperienza utente. Proprio per questo motivo, nel voler selezionare quelle che realmente sono le migliori applicazioni, voglio parlarti dell’app Risparmio Batteria.

Scaricabile gratuitamente su smartphone e tablet Android, quest’applicazione è in grado di differenziarsi da molte altre grazie alla sua interfaccia utente accattivante e alle sue utili funzionalità aggiuntive. Scaricala quindi senza esitare dal PlayStore di Android premendo sul pulsante Installa e poi sul pulsante Accetto. Non appena il download sarà terminato, avviala premendo sul pulsante Apri e leggi attentamente le mie indicazioni, ti spiegherò come utilizzarla.

Non appena avvierai l’applicazione, ti troverai davanti a quella che è la schermata principale dell’app, nonché la più completa di funzionalità aggiuntive. La prima cosa che puoi notare è la presenza di tre riquadri principali dedicati alla valutazione dello stato di carica, dell’utilizzo della memoria interna dell’app e del numero di app attive.

Inoltre, trovo molto utile indicarti la presenza del riquadro sottostante, nel quale puoi vedere i tasti rapidi per l’attivazione o la disattivazione di impostazioni quali modalità aereo, Wi-Fi, Bluetooth, rotazione automatica e luminosità. In questo modo potrai sempre tenere d’occhio gli strumenti rapidi delle impostazioni.

Per attivare la modalità di risparmio energetico tramite quest’applicazione, premi sulla voce Ottimizza. In seguito alla scansione, verranno analizzate le applicazioni in background considerate inutili e dispendiose per la batteria. A questo punto potrai ottimizzare la batteria del tuo dispositivo premendo sulle voci Ottimizza o Super Ottimizza.

In entrambi i casi, potrebbe esserti chiesto di autorizzare l’applicazione all’utilizzo del servizio Accessibilità di Android. Puoi confermare tale impostazione premendo sul pulsante Acconsenti. Agendo poi dalle Impostazioni, individua la voce Risparmio Batteria e sposta la levetta da OFF a ON per acconsentire all’app l’accesso allo strumento Accessibilità. Conferma poi ancora una volta tale impostazione premendo poi su OK.

Tra le altre funzionalità secondarie degne di nota per l’applicazione Risparmio Batteria vi è lo strumento Modalità (simbolo di un interruttore presente nel menu in basso dell’app). Attivando la modalità Telefono e apponendo il segno di spunta sulla voce Sospensione, Bilanciato o Standard, è possibile effettuare un risparmio aggiuntivo della batteria disattivando in un colpo solo alcune funzionalità non estremamente necessarie del proprio dispositivo e riducendo l’utilizzo di alcune. Insomma, come puoi capire quest’applicazione fa davvero tutto il necessario per permetterti un effettivo risparmio della batteria.

L’applicazione è gratuita e si supporta grazie alla presenza di banner pubblicitari, anche se questi non risultano particolarmente invasivi.

Come risparmiare batteria su Android

Il metodo alternativo alle app più efficace di tutti per risparmiare batteria su dispositivi Android consiste nell’agire tramite le impostazioni del dispositivo e attivare la modalità di risparmio energetico. Si tratta di una possibilità da non sottovalutare visto che praticamente qualunque dispositivo mobile Android, indipendentemente dalla marca, dal modello e dalla versione del sistema operativo, avrà sicuramente integrato uno strumento nativo di risparmio batteria.

La procedura che sto per indicarti riguarda però i più recenti modelli di smartphone Android, dotati della versione più recente del sistema operativo Google (che, al momento in cui scrivo, è la versione 8). Detto questo, recati nell’elenco delle applicazioni installate sul tuo dispositivo e individua l’applicazione Impostazioni facendo poi tap su di essa.

Nella schermata successiva, individua poi la voce Batteria per poi fare tap di questa per accedere alle impostazioni relative alla batteria e al risparmio energetico. Potrai vedere lo stato di carica della batteria e altre informazioni utili come per esempio l’ultima carica completata e l’utilizzo dello schermo dall’ultima ricarica completata.

Tramite la sezione Gestione Alimentazione, invece, puoi attivare la modalità di risparmio energetico spostando da OFF a ON la levetta che puoi trovare in corrispondenza della dicitura Risparmio Energetico. Inoltre, facendo tap sulla voce Risparmio Energetico, potrai impostare l’attivazione automatica della stessa sotto una percentuale di batteria.

Come risparmiare batteria su iOS

Anche da dispositivi mobili iOS e quindi tramite iPhone o iPad, puoi attivare alcune impostazioni per il risparmio della batteria. Si tratta della scelta migliore da effettuare su entrambi i sistemi operativi per dispositivi mobili ma in particolar modo su iOS, non essendoci applicazioni esterne per la gestione della batteria.

Fai quindi tap sull’applicazione Impostazioni del tuo dispositivo Apple e, individua la voce Batteria sullo schermo. Facendo tap su di essa, potrai attivare la modalità di risparmio energetico; per farlo ti basterà spostare da OFF a ON la levetta che troverai in corrispondenza della dicitura Risparmio energetico.

Tieni inoltre in conto la possibilità di monitorare l’utilizzo della batteria tramite la dicitura Utilizzo Batteria che puoi vedere scorrendo questa schermata verso il basso. Troverai così indicazione delle applicazioni che, nelle ultime 24h, hanno utilizzato una maggiore percentuale di batteria.

Altre app per risparmiare batteria

  • DU Battery Saver – risparmio batteria: è tra le applicazioni che ti consiglio di utilizzare in quanto è una tra le più scaricate sul PlayStore di Android. Oltre a permettere il risparmio batteria offre anche funzionalità secondarie per il raffreddamento e il boost del dispositivo. È gratuita ma presenta banner pubblicitari. In alternativa c’è la versione Pro, il cui costo è 2,20 euro.
  • 360 Battery Plus – Un’altra nota applicazione che si occupa di chiudere i processi in background per risparmiare batteria. Svolge anche l’analisi e la pulizia dei file inutili ed effettua il raffreddamento del telefono chiudendo le app in background che surriscaldano consumando maggiore energia. Anche questa è un’applicazione gratuita che presenta banner pubblicitari, alcuni dei quali anche un po’ invasivi.
  • Battery Saver – Applicazione gratuita in grado di svolgere funzionalità simili alle applicazioni precedentemente elencate con un’interfaccia utente davvero accattivante. Purtroppo però le ottime potenzialità dell’app si si scontrano con un’esperienza utente un po’ “rovinata” dalla presenza di numerosi banner pubblicitari.