Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come accedere a OneDrive

di

Da tempo eri alla ricerca di un servizio che ti permettesse di archiviare online alcuni tuoi documenti personali, con la possibilità di consultarli da tutti i tuoi dispositivi. Le tue ricerche sono terminate quando hai scoperto che tutto ciò è possibile farlo con OneDrive, il servizio di cloud storage di Microsoft che offre gratuitamente 5 GB di spazio d’archiviazione. Prima di adottare questo servizio per i tuoi file di lavoro e altri dati importanti, però, vorresti qualche delucidazione circa le modalità d’accesso a quest’ultimo e i dispositivi che supporta.

Le cose stanno così, dico bene? Allora lasciati dire che oggi è il tuo giorno fortunato. Nei prossimi paragrafi, infatti, ti spiegherò come accedere a OneDrive da computer, sia tramite browser che scaricando il client ufficiale del servizio, che da smartphone e tablet, utilizzando le app ufficiali di OneDrive. Come dici? È proprio quello che volevi sapere? Allora non indugiare oltre e approfondisci sùbito l’argomento.

Coraggio: mettiti comodo, ritagliati cinque minuti di tempo libero da dedicare alla lettura delle prossime righe e segui attentamente le indicazioni che sto per darti. Provando a mettere in pratica le mie “dritte” dal dispositivo di tuo interesse, ti assicuro che riuscirai ad accedere a OneDrive e iniziare così ad archiviare e sincronizzare online tutti i documenti che desideri. Buona lettura!

Indice

Informazioni preliminari

Foto di un telefono con OneDrive

OneDrive è il servizio di cloud storage di Microsoft che consente di archiviare i file su Internet, con anche la possibilità di attivare la sincronizzazione degli stessi su una vasta gamma di dispositivi, tramite apposite applicazioni.

Nella sua versione gratuita offre uno spazio d’archiviazione di 5 GB che può essere aumentato attivando il piano OneDrive 100 GB a 2 euro/mese o scegliendo un abbonamento Microsoft 365 (in precedenza chiamato Office 365) che, a partire da 7 euro/mese, consente di ottenere fino a 1 TB di spazio d’archiviazione oltre alla possibilità di usufruire delle applicazioni di Office e altri servizi utili.

Se, dunque, la tua intenzione è usare il servizio in questione e ti stai chiedendo come accedere a OneDrive, tutto quello di cui hai bisogno è un account Microsoft. Se non ne hai ancora uno, collegati al sito ufficiale di Microsoft, clicca sull’icona dell’omino (in alto a destra) e, nella nuova pagina aperta, seleziona l’opzione Non hai un account? Fai clic qui per crearne uno.

A questo punto, inserisci il tuo indirizzo email nel campo apposito o scegli una delle modalità di registrazione alternative tra Usa un numero di telefono, per registrarti usando il tuo numero di cellulare, o Crea un nuovo indirizzo e-mail, per creare un nuovo indirizzo email con suffisso @outlook.it, @outlook.com e @hotmail.com.

Fatta la tua scelta, premi sul pulsante Avanti, digita una password da associare all’account che stai creando nel campo Crea password e clicca nuovamente sul pulsante Avanti. Inserisci, poi, i dati richiesti nei campi Nome, Cognome, Paese/Area geografica, Data di nascita e premi sul pulsante Avanti.

Adesso, accedi alla tua casella di posta elettronica, individua l’email inviata da Microsoft, copia il codice di verifica contenuto al suo interno e inseriscilo nel campo Immetti il codice del sito. Infine, clicca sul pulsante Avanti per verificare la tua identità e completare la registrazione. Per la procedura dettagliata, puoi dare un’occhiata alla mia guida su come creare un account Microsoft.

Come accedere a OneDrive da PC

Se la tua intenzione è accedere a OneDrive da PC ti sarà utile sapere che puoi farlo sia online, collegandoti al sito ufficiale del servizio, che scaricando il client ufficiale di OneDrive per PC Windows e macOS, che permette di caricare e sincronizzare file direttamente dal proprio computer. Trovi tutto spiegato nel dettaglio proprio qui sotto.

Come accedere a OneDrive da PC Windows

Come accedere a OneDrive da PC Windows

Per accedere a OneDrive su computer equipaggiati con Windows 10 o Windows 8.1, non è necessario scaricare e installare alcun software aggiuntivo poiché OneDrive è incluso di “serie” nelle versioni in questione del sistema operativo Microsoft.

Per tutte le altre versioni di Windows che supportano OneDrive (Windows 7 e Windows 8.0), invece, è prima necessario scaricare il client ufficiale del servizio e e installarlo sul proprio computer. Se questo è il tuo caso, collegati alla pagina principale di OneDrive, seleziona l’opzione Scarica nel menu in alto e, nella nuova schermata visualizzata, clicca sul pulsante Scarica.

A download completato, fai doppio clic sul file OneDriveSetup.exe, premi sul pulsante , per consentire al programma di apportare modifiche al computer, e attendi che la barra d’avanzamento raggiunga il 100%, a indicare che l’installazione è completata.

Adesso, a prescindere dalla versione di Windows installata sul tuo computer, fai clic sull’icona della freccia rivolta verso l’alto collocata nella barra delle applicazioni, in prossimità dell’orologio, e premi sull’icona della nuvoletta barrata.

Fatto ciò, clicca sul pulsante Accedi, inserisci l’indirizzo email associato al tuo account Microsoft nel campo Immetti il tuo indirizzo email visibile nella schermata Configura OneDrive e premi nuovamente sul pulsante Accedi. Inserisci, poi, la password del tuo account nel campo apposito, clicca sul pulsante Accedi e il gioco è fatto.

Accedere a OneDrive da computer

A questo punto, se è il tuo primo accesso, puoi confermare la posizione predefinita della cartella di OneDrive (nella quale verranno scaricati tutti i file sincronizzati con il servizio), premendo sul pulsante Avanti, o selezionare l’opzione Cambia posizione, per indicare un percorso diverso. Scegli, quindi, quali cartelle del tuo computer sincronizzare con OneDrive, premi sul pulsante Continua e attendi che la sincronizzazione venga avviata.

Infine, clicca sul pulsante Non ora (per continuare a usare la versione gratuita di OneDrive), Avanti (per tre volte consecutive) e Più tardi. Completerai così la configurazione di OneDrive e potrai usare il servizio in questione direttamente dal tuo computer. A tal proposito, potrebbe esserti utile la mia guida su come funziona OneDrive.

Ti segnalo che OneDrive è disponibile anche sotto forma di applicazione sul Microsoft Store. Quest’ultima, però, consente solo di caricare file e visualizzare i documenti caricati da altri dispositivi, senza la possibilità di attivare la sincronizzazione delle cartelle del proprio computer.

Come accedere a OneDrive da Mac

Come accedere a OneDrive da Mac

Se utilizzi un Mac, puoi scaricare il client ufficiale di OneDrive direttamente dal Mac App Store. Collegati, dunque, a questa pagina e premi sul link per aprire lo store di macOS. Adesso, clicca sui pulsanti Ottieni e Installa relativi a OneDrive, per avviare il download e l’installazione automatica dell’app in questione. Ti potrebbe essere chiesto di verificare la tua identità tramite password dell’ID Apple o Touch ID.

Completato lo scaricamento di OneDrive, premi sul pulsante Apri e, nella schermata Configura OneDrive, inserisci l’indirizzo email associato al tuo account Microsoft (nel campo Immetti il tuo indirizzo di posta elettronica). Clicca, poi, sul pulsante Accedi, inserisci anche la password nel campo apposito e premi nuovamente sul pulsante Accedi.

A questo punto, seleziona l’opzione Scegli la posizione della cartella OneDrive, per scegliere la cartella nella quale verranno scaricati tutti i file sincronizzati con il servizio, clicca sui pulsanti Scegli questa postazione e Avanti e segui le indicazioni mostrate a schermo, per completare la prima configurazione di OneDrive e iniziare ad archiviare i tuoi documenti.

Come accedere a OneDrive online

Come accedere a OneDrive online

Se hai l’esigenza di accedere a OneDrive da altro PC o vuoi semplicemente archiviare dei file disponibili sul tuo computer senza scaricare alcun software, sarai contento di sapere che puoi accedere al servizio di cloud storage di Microsoft anche tramite browser.

Per accedere a OneDrive online, collegati alla pagina principale del servizio, clicca sul pulsante Accedi, inserisci l’indirizzo email o il numero di telefono associato al tuo account Microsoft nel campo Posta elettronica, telefono o Skype e premi sul pulsante Avanti.

Nella schermata Immettere la password, inserisci la password del tuo account nel campo apposito e, se lo desideri, apponi il segno di spunta accanto all’opzione Mantieni l’accesso, per attivare l’accesso automatico al servizio senza dover inserire ogni volta i dati d’accesso. Infine, clicca sul pulsante Accedi, per accedere al tuo OneDrive, prelevare informazioni da quest’ultimo e archiviare file online.

Come accedere a OneDrive da cellulare

Come accedere a OneDrive da cellulare

Come dici? Vorresti accedere a OneDrive da cellulare o da tablet? In tal caso, tutto quello che devi fare è scaricare l’applicazione per dispositivi Android e iPhone/iPad, avviarla e inserire i dati associati al tuo account Microsoft.

Ad installazione completata, prendi dunque il tuo smartphone o tablet, avvia OneDrive premendo sulla sua icona (la nuvoletta celeste su sfondo bianco) presente in home screen o nel drawer delle app, inserisci l’indirizzo email o il numero di telefono associato al tuo account Microsoft (nel campo Email o numero) e fai tap sull’icona della freccia rivolta verso destra.

Nella nuova schermata visualizzata, digita la password del tuo account nel campo apposito e premi sul pulsante Accedi, per effettuare il login e iniziare a usare OneDrive. Se è il tuo primo accesso, scegli se attivare il caricamento automatico delle foto del tuo device su OneDrive, premendo sulla voce Attiva il caricamento della fotocamera, altrimenti seleziona l’opzione Voglio rischiare.

A questo punto, dovresti visualizzare la schermata File con tutte le cartelle create e i file che hai caricato in precedenza su OneDrive. Premendo sul pulsante +, in alto a destra, puoi creare nuove cartelle e caricare nuovi file, mentre facendo tap sull’icona della fotocamera, in basso, puoi realizzare foto e video e salvarli automaticamente su OneDrive.

Come accedere a OneDrive for Business

Come accedere a OneDrive for Business

OneDrive for Business è il piano in abbonamento di OneDrive dedicato alle aziende. Il suo funzionamento è pressoché identico alla versione consumer del servizio ma, oltre a consentire l’archiviazione di documenti personali, permette la condivisione dei file e delle cartelle di proprio interesse con colleghi di lavoro, di scambiare documenti e collaborare a progetti con semplicità.

Il servizio in questione è disponibile in due diverse varianti, che differiscono tra loro per lo spazio d’archiviazione disponibile e, di conseguenza, per il costo annuale: OneDrive for Business (Piano 1) offre uno spazio d’archiviazione di 1 TB per utente al costo di 4,20 euro/mese/utente con fatturazione annuale, mentre OneDrive for Business (Piano 2) non pone limiti nello spazio d’archiviazione e offre anche funzionalità avanzate di sicurezza e conformità. Quest’ultimo costa 8,40 euro/mese/utente con fatturazione annuale. Maggiori info qui.

Chiarito ciò, se ti stai chiedendo come accedere a OneDrive for Business, sarai contento di sapere che le modalità d’accesso solo le stesse che ti ho indicato nei paragrafi precedenti, sia per l’accesso da computer che da smartphone e tablet utilizzando l’app di OneDrive.

In quest’ultimo caso, ti segnalo che è possibile utilizzare contemporaneamente un account OneDrive personale e uno aziendale. Per farlo, avvia l’app in questione e accedi con il tuo account Microsoft personale, seguendo le indicazioni che ti ho fornito nei paragrafi precedenti. Fatto ciò, premi sulla lettera iniziale del tuo nome, in alto a sinistra, e seleziona l’opzione Aggiungi account dal menu che si apre.

Inserisci, quindi, i dati del tuo account Microsoft aziendale nei campi Indirizzo di posta elettronica e Password e fai tap sul pulsante Accedi, per accedere anche a OneDrive for Business.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.