Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come aumentare kW Enel

di

È successo ancora: hai acceso il fon o il microonde e, per l’ennesima volta, è saltata la corrente nella tua abitazione. La situazione, ormai, ti è abbastanza chiara: il tuo consumo domestico di energia è costantemente al limite e basta poco per superare la soglia massima consentita dal contratto sottoscritto con il tuo fornitore di luce.

I disagi che derivano da questa situazione, ormai, non sono più tollerabili: sei stanco di doverti recare così di frequente davanti al contatore per riattivare la corrente e di non sentirti mai tranquillo ogni volta che devi accendere un elettrodomestico, in particolare quando si tratta di quelli più “energivori”. Hai deciso, pertanto, di correre ai ripari e vuoi valutare la possibilità di potenziare il contatore chiedendo al fornitore un preventivo a hoc.

Ebbene, oggi voglio darti una splendida notizia: nel caso in cui il contratto di fornitura della corrente sia stato stipulato con Enel o con il Servizio Elettrico Nazionale, è possibile eseguire in autonomia una semplice procedura da Web che consente di accertarsi in pochi clic dei costi e della fattibilità dell’operazione. Se, dunque, vuoi sapere come aumentare kW Enel, non devi fare altro che proseguire nella lettura dei prossimi paragrafi e seguire passo per passo le istruzioni che sto per fornirti. Buona lettura e in bocca al lupo per tutto!

Indice

Informazioni preliminari

contatore monofase

Prima di procedere alla spiegazione pratica dei vari step necessari per richiedere una variazione del tuo contratto Luce con Enel, credo sia opportuno fare chiarezza su alcuni punti fondamentali, in relazione in particolar modo ai concetti di potenza e tensione.

Nell’eseguire la procedura, infatti, ti verrà richiesto di specificare entrambi i valori: ebbene, nel caso in cui non lo sapessi, per potenza si intende la quantità di energia elettrica massima, misurata in kW, che può essere erogata dal contatore, mentre la tensione corrisponde alla differenza di potenziale elettrico (misurata in Volt) tra due conduttori elettrici. Si parla, sotto questo aspetto, di impianti monofase (220V), adatti alle utenze domestiche, oppure trifase (380V), utilizzati come motori elettrici in ambito industriale.

La modifica del potenziale del contatore si rende necessaria qualora i consumi derivanti dall’utilizzo simultaneo di più elettrodomestici comportino un frequente superamento della potenza disponibile: questo si traduce, nel caso di forniture con limitazione della potenza, con l’interruzione nell’erogazione di energia elettrica. Il dispositivo in questione, infatti, ha anche lo scopo di misurare l’afflusso di energia e di regolarne l’uso in relazione alla tipologia di contratto stipulato.

Considera, sotto questo aspetto, che, di norma, per contratti fino a 15 kW la potenza massima gestita dal contatore viene automaticamente aumentata del 10%: se, ad esempio, il tuo contratto prevede nominalmente 3 kW, la potenza massima disponibile effettiva è pari a 3,3 kW.

L’esempio di cui sopra non è casuale: spesso ci si trova proprio a dover valutare il passaggio da un tipico impianto domestico a 3 kW a uno più “performante” da 4 o 4,5 kW. L’operazione si rende necessaria, per fare un esempio molto comune, a seguito dell’installazione di nuovi condizionatori nelle varie stanze dell’abitazione, la quale ha eventualmente anche delle dimensioni considerevoli (sopra i 100 mq) e nella quale è presente di un nucleo familiare superiore a 4 persone.

In queste condizioni, infatti, è facile che l’assorbimento di energia superi le normali condizioni previste alla stipula del contratto di fornitura della corrente elettrica. Come dici? Sei preoccupato dai costi che questa operazione potrebbe comportare? Non temere: la procedura messa in atto da Enel e Servizio Elettrico Nazionale per la richiesta di aumento dei kW, infatti, prevede la possibilità di ottenere subito un preventivo sulla base della variazione desiderata, per cui verrai a conoscenza dei costi effettivi prima di inoltrare la domanda.

In alcuni specifici casi, tuttavia, potrebbe essere necessaria una valutazione tecnica aggiuntiva e dovrai fissare l’appuntamento per un sopralluogo da parte di un operatore in grado di determinare la fattibilità della richiesta.

Come aumentare kW Enel

Enel schermata contratto luce

È venuto il momento di passare ai fatti: nei prossimi paragrafi, dunque, ti mostrerò come aumentare kW Enel tramite la procedura messa a disposizione dal fornitore in questione nell’Area Clienti del suo sito Internet.

Come prima cosa occorre collegarsi alla pagina principale del sito di Enel e cliccare sul simbolo del profilo, in alto a destra. A seguire, quindi, occorre procedere all’autenticazione inserendo username e password negli appositi campi e cliccando, infine, sul pulsante Accedi. In alternativa, puoi utilizzare i bottoni Accedi con Google o Accedi con Facebook, che ti permetteranno, attraverso una procedura guidata, di associare la tua utenza alle credenziali dei rispettivi servizi.

Se devi creare un nuovo profilo non associato a Google e Facebook, invece, pigia sul pulsante Registrati collocato in fondo alla pagina, scegli fra le opzioni Privato o Impresa e premi sul pulsante Continua. Nella schermata successiva, compila i campi relativi a utenza e password, quindi inserisci i dati anagrafici e pigia sul pulsante Registrati all’area riservata. Successivamente, bolletta alla mano, potrai comunicare gli estremi della tua fornitura per completare la procedura.

Ti trovi, ora, nella tua area privata: nella parte centrale è presente la sezione Le tue forniture, all’interno della quale è possibile visualizzare alcuni dati di base relativi ai contratti in essere. Al di sotto del tuo contratto Luce troverai il bottone Dettaglio fornitura: cliccando su di esso accederai a una nuova pagina, nella quale è presente l’area denominata Servizi per le forniture.

Qui sono presenti diversi badge associati ai vari servizi disponibili, fra cui anche quello qualificato con la dicitura Modifica Potenza e/o Tensione: clicca su di esso e verrai reindirizzato a un pagina informativa che fornisce alcune informazioni essenziali sul servizio in questione.

Premi, dunque, nuovamente sul pulsante Modifica Potenza e/o Tensione (in basso a destra) e, nella successiva pagina, seleziona la fornitura della quale intendi aumentare la potenza, quindi pigia una volta ancora sul sottostante bottone Modifica Potenza e/o Tensione.

Come potrai facilmente intuire dalla composizione della pagina successiva, la procedura si compone di tre fasi: l’Inserimento dati, durante la quale potrai indicare i dati della fornitura desiderata; in seguito ti verrà comunicato un Preventivo (il quale, in alcuni casi, potrebbe essere reso disponibile solo dopo un eventuale sopralluogo da parte di un tecnico incaricato da Enel). La richiesta si conclude poi con la fase di Esito, nella quale verranno specificati gli estremi della variazione.

Enel schermata modifica potenza

Per cominciare, quindi, premi sul menu a tendina posto sotto la voce Potenza e seleziona il valore che ritieni adatto alle tue esigenze. Non è necessario, invece, modificare il parametro Tensione, a meno che non si tratti di un impianto industriale.

Indica, al passaggio successivo, se sulla fornitura sono collegati apparati di sollevamento persone, come un ascensore, quindi verifica la correttezza dei dati di contatto nel modulo sottostante ed eventualmente correggili. Premi, infine, sul pulsante Calcola Preventivo e attendi il tempo necessario alla generazione della stima dei costi, che ti verranno illustrati in dettaglio nella schermata successiva.

Enel preventivo aumento potenza

Qui, potrai visualizzare un riepilogo delle scelte effettuate nei passaggi precedenti, il costo complessivo dell’operazione e lo scorporo della cifra, che verrà suddivisa in Oneri commerciali e Quota potenza. Avrai modo anche di verificare i tempi di esecuzione e la stima del costo annuo delle accise e della quota potenza trasporto.

Se il preventivo ti soddisfa, definisci la modalità di pagamento nella sottostante sezione selezionando fra le opzioni Addebito in bolletta o Voglio pagare online (in quest’ultimo caso verrai rimandato all’apposito modulo, nel quale dovrai indicare gli estremi della carta di credito/debito), quindi apponi il segno di spunta sul box posto a fianco alla dicitura Dichiaro di aver preso visione dell’informativa.

Per concludere e convalidare la richiesta di variazione di potenza, infine, premi sul pulsante Conferma. Considera che, come anticipato in precedenza, in alcuni casi potrebbe essere necessario il sopralluogo da parte di un tecnico del distributore che, nel caso di Enel, corrisponde alla società E-distribuzione, la quale è proprietaria degli apparati e dei contatori, nonché della gestione e manutenzione degli stessi.

Come dici? Hai intenzione di chiedere alcune delucidazioni sul preventivo e vorresti sapere come contattare Enel? In questo caso ti consiglio di collegarti alla pagina dei Contatti sul sito del gestore e scegliere la modalità più adatta alle tue esigenze: ad esempio puoi compilare un modulo, soluzione ideale per coloro che sono già clienti; chattare con un operatore o recarti di persona nello Spazio Enel più vicino alla tua abitazione (che potrai facilmente individuare tramite lo strumento di geolocalizzazione messo a disposizione dall’operatore).

Come aumentare kW Servizio Elettrico Nazionale

Servizio elettrico nazionale schermata contratto

Se hai sottoscritto un contratto con il Servizio Elettrico Nazionale, società coordinata da Enel che eroga energia secondo le tariffe del servizio di Maggior Tutela, ho delle ottime notizie per te: anche questo gestore permette, attraverso una semplice procedura, di variare la potenza del contatore.

Per capire come aumentare kW Servizio Elettrico Nazionale dovrai, come prima cosa, collegarti alla pagina principale del fornitore, inserire Email e Password negli appositi campi e premere sul pulsante Accedi. Se non hai mai provveduto a creare un profilo, invece, potrai farlo pigiando sulla voce Registrati, localizzata sotto al campo Email e seguire la procedura guidata che ti viene proposta.

Una volta acceduto nella tua area personale, quindi, se hai più contratti con questo gestore scegli quello di tuo interesse tramite il menu a tendina in alto a destra, denominato Seleziona la tua fornitura. A seguire, pigia sulla funzionalità Il tuo contratto e verrai rimandato a una schermata nella quale, fra le varie operazioni disponibili, è presente anche l’opzione Aumenta Potenza.

Servizio elettrico nazionale modifica potenza

Cliccando su quest’ultima ti verrà mostrata una schermata di Modifica Contratto nella quale potrai definire, tramite gli appositi menu a tendina, alcuni dati tecnici come la Fascia (ovvero l’intervallo massimo di potenza applicabile alla tua fornitura), la nuova Potenza impegnata (l’energia nominale che vuoi effettivamente utilizzare) e la tensione (vedi informazioni preliminari per maggiori dettagli).

Sarà necessario, quindi, specificare alcune informazioni come il numero di telefono per un eventuale contatto, il numero di componenti della famiglia e l’email (specificando se si tratta di PEC o di un indirizzo di posta elettronica standard).

Servizio Elettrico Nazionale preventivo aumento potenza

Una volta fatto ciò, pigia sul pulsante Prosegui per accedere alla schermata informativa con il riepilogo dei costi: visualizzerai, dunque, il totale dell’operazione e il dettaglio delle varie voci che concorrono alla sua determinazione (come il contributo di allaccio, la quota fissa, l’IVA e il bollo).

Se il preventivo risponde alle tue aspettative, puoi anche definire tramite l’apposito campo sottostante la data nella quale desideri che la variazione venga applicata. Pigia, infine, sul pulsante Prosegui per confermare l’operazione, della quale potrai constatare l’esito nell’apposita schermata finale.

Se desideri un chiarimento su alcuni aspetti del preventivo, o vuoi chiedere delucidazioni sulla soluzione più idonea alle tue esigenze, ti consiglio di accedere alla pagina dei contatti del Servizio Elettrico Nazionale e scegliere una delle varie modalità proposte (mail, telefono, modulo).

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.