Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come clonare con Photoshop

di

Per quanto tu possa essere bravo nel fare le foto, ti capiteranno sempre scatti rovinati dalla presenza di imperfezioni fastidiose, oggetti ingombranti e/o persone indesiderate. Per fortuna, però, questo tipo di problema può essere risolto facilmente con Photoshop e uno strumento incluso in esso, il timbro clone.

Il timbro clone di Photoshop permette di selezionare delle parti di immagini da “coprire” e di camuffare queste ultime con porzioni di foto adiacenti, in modo che nessuno si accorga del ritocco. Detta così può sembrare una cosa complicata, ma invece ti assicuro che è facilissimo da utilizzare. Se non ci credi, leggi le indicazioni su come clonare con Photoshop che trovi qui sotto e prova a metterle in pratica.

Se vuoi imparare come clonare con Photoshop per camuffare oggetti o perfino persone presenti nelle foto, il primo passo che devi compiere è selezionare lo strumento timbro clone dalla barra degli strumenti che si trova nella parte sinistra dello schermo (quello con l’icona del timbro) e scegliere la tipologia e la grandezza del pennello da usare dall’apposito menu collocato in alto a sinistra (lo stesso che usi per regolare il tipo e la grandezza del pennello per colorare).

Adesso devi selezionare il punto dell’immagine da usare come sorgente per la realizzazione dell’effetto clone, ossia la porzione di foto da usare come riempimento per camuffare gli elementi indesiderati. Per farlo, tieni premuto il tasto Alt della tastiera, e fai click sul punto dell’immagine da “clonare”.

Il resto, è un gioco da ragazzi. Non devi far altro che utilizzare il timbro clone come un qualsiasi pennello per “colorare” (ossia riempire) le parti di foto che includono oggetti o persone indesiderati. Per ottenere un effetto più naturale, cerca di usare parti di immagine adiacenti quanto più possibile alla zona da camuffare.

Un altro modo per clonare con Photoshop ed eliminare gli elementi indesiderati dalle foto è usare il pennello correttivo al volo, uno strumento che automatizza in maniera intelligente il lavoro del timbro clone risultando particolarmente utile nei casi in cui bisogna coprire piccole imperfezioni della pelle (es. brufoli, nei, ecc.) oppure oggetti di piccole dimensioni.

Come si usa? Quasi inutile spiegarlo. Basta selezionarlo dalla barra degli strumenti posizionata nella parte sinistra dello schermo (è l’icona a forma di cerotto) e utilizzarlo come un qualsiasi pennello per riempire le porzioni di immagine da camuffare. Il pennello utilizzerà in maniera intelligente le porzioni di immagine adiacenti per riempire l’area su cui si è deciso di intervenire.

Quando sei soddisfatto del risultato ottenuto, puoi salvare la tua foto ritoccata con Photoshop recandoti nel menu File del programma e selezionando la voce Salva con nome da quest’ultimo. Se invece hai sbagliato qualche passaggio, puoi annullare facilmente l’ultima operazione effettuata premendo la combinazione di tasti Ctrl+Z sulla tastiera del tuo computer (cmd+z su Mac).