Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come fare foto professionali

di

Anche se non ti consideri un fotografo professionista, ci tieni a fare bella figura con i tuoi amici quando mostri loro le foto che scatti con il tuo cellulare o, ancor meglio, con la tua macchina fotografica. Dal momento che vuoi affinare le tue competenze fotografiche, hai cercato su Internet come fare foto professionali e così sei giunto su questa guida. Beh, non ci sono dubbi: sei capitato nel posto giusto al momento giusto!

Nei prossimi paragrafi, infatti, avrò modo di darti alcune “dritte” di carattere pratico che sicuramente ti permetteranno di migliorare la qualità dei tuoi scatti, evitando di commettere alcuni errori, piuttosto comuni, che rischierebbero di rovinarli. Tra le varie cose che puoi fare per realizzare delle foto di qualità, vi è la scelta della giusta illuminazione e la regolazione manuale di alcune impostazioni di scatto.

Allora, ti va di approfondire l’argomento? Sì? Ottimo: mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo di cui hai bisogno per concentrarti sulla lettura dei prossimi paragrafi e, cosa ancora più importante, cerca di seguire passo-passo le indicazioni che ti darò, così da riuscire a realizzare foto degne di essere definite tali. A me non resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e, soprattutto, buon divertimento!

Indice

Come fare foto professionali con lo smartphone

Se utilizzi il tuo cellulare come strumento principale per scattare foto, direi di iniziare questa disamina vedendo come fare foto professionali con lo smartphone. Anche se la qualità degli scatti che è possibile ottenere con la fotocamera di un cellulare non è, per ovvie limitazioni tecniche, paragonabile a quella delle macchine fotografiche professionali, sono sicuro che, grazie agli accorgimenti che sto per darti, riuscirai a tirare degli scatti molto interessanti.

Usare la giusta illuminazione

Usare la giusta illuminazione è importantissimo quando ci si accinge a scattare una foto, specialmente quando lo si fa con uno smartphone. Un’illuminazione adeguata, infatti, permette di partire dai presupposti giusti per realizzare degli scatti di qualità, evitando che siano sovraesposti (quando c’è troppa luce) o sottoesposti (quando c’è troppa poca luce).

Le condizioni ideali per scattare una foto sono quelle che sfruttano la luce naturale proveniente da fonti luminose, come la finestra (se ti trovi in un ambiente interno) o quella del sole (se ti trovi all’esterno). Se ti trovi in un ambiente scarsamente illuminato, puoi provare a compensare il problema provando a regolare il valore ISO della fotocamera del tuo smartphone e aumentando un po’ i tempi di esposizione (più avanti trovi spiegato come fare ciò).

Usare impostazioni di scatto manuali

Usare le impostazioni di scatto manuali è un ottimo modo per provare a migliorare la qualità dei propri scatti, in quanto permette di agire su parametri specifici correggendo eventuali problemi di partenza (come condizioni di luce non ottimali). Dal momento che non è possibile modificare i parametri di scatto con le funzioni incluse “di serie” in Android e iOS, dovrai necessariamente ricorrere ad app di terze parti, come Camera FV-5 per Android (gratis) e ProCam (6,99 euro) o Halide (6,99 euro) per iPhone.

Dopo che avrai installato una delle app indicate sopra, potrai modificare alcuni parametri di scatto fondamentali.

  • Sensibilità ISO — è il grado di amplificazione del segnale elettrico inviato alle celle del sensore. Se aumenti questo valore, la foto sarà più luminosa. Nell’aumentare l’ISO, però, tieni conto che lo scatto potrebbe diventare “rumoroso” (ovvero presentare un disturbo generato dallo “sforzo” fatto dal sensore per catturare più luce): pertanto modifica questo parametro con parsimonia.
  • Velocità dell’otturatore — aumentando questo valore, eviterai di incappare in foto mosse (anche se lo scatto potrebbe risultare più buio); diminuendolo, invece, la foto sarà più luminosa (ma potrebbe essere mossa a causa del movimento del soggetto fotografato e/o al normale tremolio della mano).
  • Apertura massima del diaframma — solitamente le app presenti sugli store non permettono di modificare l’apertura del diaframma. Se quella che usi tu permette di farlo, sappi che questo valore indicindica il quantitativo di luce che passa nell’obiettivo, il quale viene misurato in f-stop (es. f/1.8 o f/4.5, etc.). Più questo valore è basso, più ampia è l’apertura del diaframma e, di conseguenza, più luce entrerà nell’obiettivo facendo risultare più luminosi gli scatti.

Non usare lo zoom digitale

Forse ti sembrerà strano, ma non usare lo zoom digitale è un altro accorgimento che puoi adottare per realizzare foto professionali con lo smartphone. Per quale motivo? Non è difficile capirlo: lo zoom digitale, a differenza di quello ottico, è semplicemente un ingrandimento digitale della foto e, di conseguenza, questo genera un bruttissimo effetto di sgranatura che rende lo scatto praticamente inutilizzabile (come puoi notare dall’immagine d’esempio che trovi a inizio capitolo).

Lo zoom ottico (che è negli ultimi anni è stato implementato su molti smartphone, sfruttando un gioco di lenti delle fotocamere posteriori), invece, avvicina il soggetto dell’immagine da riprendere ricorrendo a elementi ottici e meccanici che accorciano o allungano la lunghezza focale, non comportando una perdita di qualità. Se il tuo smartphone integra quest’ultimo, usa lo zoom ottico anziché quello digitale. Intesi?

Comporre la foto

Comporre la foto è una delle cose più importanti a cui prestare attenzione in fase di scatto, in quanto è attraverso la composizione che “nasce” effettivamente la foto. Nel comporre la foto, cerca di non posizionare il soggetto davanti a uno sfondo troppo “confuso”, in quanto potrebbe non far risaltare adeguatamente il soggetto che si trova in primo piano e assicurati che nell’immagine non siano presenti elementi di disturbo (es. passanti, riflessi indesiderati, etc.).

Un ottimo modo per comporre la foto è usare la famosissima regola dei terzi, secondo cui bisogna suddividere la composizione dell’immagine in una griglia immaginaria composta da 9 rettangoli. Per far risaltare un soggetto, è consigliabile porlo in uno dei punti d’intersezione in cui le linee della griglia immaginaria si intersecano, perché queste sono quelle in cui “cadrà” l’occhio di chi vedrà la foto. Seguire questo semplicissimo accorgimento, darà un tocco più professionale ai tuoi scatti: puoi starne certo!

Per facilitarti nella composizione della foto utilizzando la regola dei terzi, ti suggerisco di attivare la griglia sul tuo device (qualora non sia già attivata). Ecco come devi procedere.

  • Su Android — avvia l’app Fotocamera, pigia sull’icona della rotella per recarti nelle Impostazioni della fotocamera e sposta su ON la levetta dell’interruttore posta in corrispondenza della dicitura Griglia.
  • Su iPhone — recati in Impostazioni > Fotocamera e sposta su ON la levetta dell’interruttore posta in corrispondenza della dicitura Griglia.

Scattare più foto

Scattare più foto è un accorgimento che usano anche i fotografi professionisti, dal momento che il pericolo di sbagliare qualcosa in fase di produzione è sempre dietro l’angolo. Per questo motivo, ti invito a realizzare più foto, magari da diverse angolazioni, così potrai scegliere quelle che sono venute meglio.

Su molti smartphone è possibile utilizzare a tale scopo la modalità “a raffica” (che è possibile richiamare semplicemente tenendo premuto a lungo il pulsante di scatto software), ma non pensare di utilizzarla per cimentarti nella fotografia sportiva, perché non è pensata per questo scopo.

Se vuoi approfondire l’argomento e avere ulteriori consigli su come scattare belle foto con un cellulare Android o un iPhone, dai pure un’occhiata ai tutorial che ti ho linkato perché senz’altro ti saranno utili.

Come fare foto professionali con la Reflex

Hai da poco acquistato una Reflex e vorresti sapere come realizzare foto professionali con quest’ultima? In tal caso, permettimi di darti qualche “dritta” che senz’altro ti sarà utile per raggiungere il tuo scopo.

Scegliere l’obiettivo giusto

Scegliere l’obiettivo giusto è il primo passo per realizzare foto professionali con la tua macchina fotografica. Nello scegliere l’obiettivo da utilizzare in una determinata circostanza, devi tener conto principalmente del tipo di fotografia che desideri realizzare. Ti faccio qualche esempio pratico, così che tu possa comprendere bene il punto.

Mettiamo il caso che tu voglia cimentarti nella fotografia naturalistica. In tal caso, con molta probabilità, dovrai usare un teleobiettivo, ovvero un’ottica che abbia una lunghezza focale piuttosto spinta, preferibilmente da 300 mm in su. Per quale motivo? Perché, come puoi ben capire, per fotografare un animale a distanza senza sacrificare la qualità dello scatto è fondamentale: non puoi di certo avvicinarti a quest’ultimo, dato che potrebbe scappare o, peggio ancora, attaccarti.

Per fotografare dei paesaggi, invece, sarebbe meglio usare un obiettivo grandangolare, con una lunghezza focale inferiore a 35 mm. In questo modo, potrai catturare una porzione più ampia della scena. Se vuoi cimentarti nella fotografia ritrattistica, invece, l’ideale sarebbe utilizzare un obiettivo con una lunghezza focale di 50mm.

Nota: nello scegliere un obiettivo, tieni conto anche del tipo di macchina fotografica in tuo possesso. Se la tua Reflex ha un sensore APS-C, infatti, devi calcolare il rapporto di crop dovuto a quest’ultimo che è pari a 1,5x per le Reflex prodotte da Sony, Nikon e Pentax o 1,6x per le Reflex di Canon.

Canon EF 400 mm / 5.6 L USM - Obiettivo tele, 77 mm
Vedi offerta su Amazon
Canon Obiettivo Pancake EF-S 24 mm F/2.8 STM, per camere APS-C, Nero/A...
Vedi offerta su Amazon
Yongnuo YN 50mm F/1.8 AF/MF Large Aperture Auto Focus Lens Per Canon E...
Vedi offerta su Amazon
Nikon AF-S DX NIKKOR 55-300mm f/4.5-5.6G ED VR
Vedi offerta su Amazon
Canon – obiettivo RF 50 mm f/1,2 L USM (apertura f/1,2, messa a Fuoco ...
Vedi offerta su Amazon
Nikon Obiettivo Nikkor AF 50 mm f/1.8D, Nero [Versione EU]
Vedi offerta su Amazon
Nikon Obiettivo Nikkor AF-S DX 35 mm f/1.8G, Nero [Versione EU]
Vedi offerta su Amazon
Sony SAL55300 Teleobiettivo con zoom DT 55-300 mm F4.5-5.6 SAM, Nero
Vedi offerta su Amazon

Per maggiori informazioni su quale obiettivo comprare, consulta la guida all’acquisto che ho dedicato all’argomento: senz’altro ti sarà utile per scegliere quello più adatto alle tue esigenze (e possibilmente anche al tuo budget).

Impostare manualmente i parametri di scatto

Anziché utilizzare la modalità di scatto automatica, imposta manualmente i parametri di scatto, così da riuscire a realizzare delle foto professionali e originali. Per impostare la modalità di scatto manuale devi ruotare la ghiera di seleziona facendo in modo che la lettera M risulti affiancata al simbolo del trattino. Dopodiché regola i principali parametri di scatto tenendo conto delle condizioni in cui stai per realizzare la foto e al risultato finale che vuoi ottenere.

  • Sensibilità ISO — come ti ho già spiegato precedentemente, questo valore indica la sensibilità del sensore alla luce. Maggiore è il valore ISO utilizzato, maggiore sarà lo “sforzo” che dovrà fare il sensore per catturare un maggior quantitativo di luce, anche in condizioni non ottimali (es. di notte). Aumentare un po’ l’ISO permetterà di ottenere scatti più luminosi, ma meglio non esagerare se non si vogliono ottenere scatti molto rumorosi.
  • Tempo di scatto — questo parametro indica il tempo per cui l’otturatore rimane aperto al fine di far entrare la luce che deve raggiungere il sensore. Se questo valore è molto elevato (es. 1/50, 1″, 30″ etc.), la foto risulterà molto luminosa perché il quantitativo di luce che raggiungerà il sensore sarà maggiore; se è molto basso (es. 1/320, 1/1000, etc.), invece, l’otturatore rimarrà aperto per un tempo decisamente inferiore e il quantitativo di luce che raggiungerà il sensore sarà minore, restituendo uno scatto meno luminoso. Nello scegliere il tempo di scatto, tieni conto delle condizioni di luce in cui vai a operare (per evitare foto sovraesposte o sottoesposte) e al soggetto che vuoi immortalare (per evitare foto che presentano del micro-mosso o del mosso).
  • Apertura del diaframma — il diaframma è un sistema di lamelle che sono posizionate a ventaglio inverso, le quali si aprono e chiudono in base alle scelte fatte dal fotografo. L’apertura del diaframma si misura in f/stop e influisce sulla profondità di campo, cioè sull’intervallo di distanze dalla fotocamera entro cui i soggetti immortalati risulteranno nitidi o sfocati. Se vuoi diminuire la profondità di campi per realizzare foto con soggetto in primo piano a fuoco e sfondo sfocato, devi impostare un’apertura del diaframma quanto più elevata possibile (es. f/1.4f/1.8, f/2, etc.), mentre se vuoi scattare una foto con tutta la scena a fuoco devi impostare un’apertura del diaframma molto bassa (es. f/4 f/8,  f/16, etc.).

Per maggiori informazioni su come scegliere la modalità di scatto e su come impostare manualmente i parametri di scatto, consulta gli approfondimenti che ti ho linkato. Se, invece, vuoi informazioni più specifiche su come impostare i parametri di scatto elencati sopra per realizzare foto mosse o con sfondo sfocato, leggi le guide dedicate a questi argomenti .

Altri consigli utili per fare foto professionali con la Reflex

Ci sono tanti altri consigli utili per fare foto professionali con la Reflex, tra cui quello di usare la giusta illuminazione, comporre la foto e realizzare più scatti (possibilmente da angolazioni diverse). Dal momento che ti ho giù parlato di questi accorgimenti nel capitolo dedicato a come fare foto professionali con lo smartphone, ti invito a dare un’occhiata a quest’ultimo se non l’hai già fatto, in quanto i suggerimenti presenti lì valgono in linea di massima anche utilizzando una macchina fotografica.

Se, invece, vuoi informazioni di carattere tecnico in merito a come usare una Reflex, perché hai difficoltà a capire come scattare una foto e utilizzare le varie funzioni disponibili, consulta il tutorial che ti ho linkato, perché senz’altro ti sarà utile per chiarire i tuoi dubbi.

Come fare foto professionali per Instagram

Te l’ho detto più di una volta: per “sfondare” su Instagram bisogna puntare tutto sulla qualità. Se vuoi sapere come fare foto professionali per il social network fotografico, non devi far altro che prestare attenzione agli accorgimenti che ti ho indicato nei capitoli precedenti.

Se scatti una foto seguendo i criteri che ti ho indicato in questa guida, infatti, riuscirai a tirare fuori degli scatti professionali che sicuramente colpiranno la community di Instagram e magari ti permetteranno di espandere il tuo pubblico. Nello scattare foto per Instagram, comunque, cerca di essere originale e di capire quali emozioni vuoi trasmettere con i tuoi scatti: questo ti aiuterà a evitare foto banali e poco interessanti.

Se vuoi approfondire ulteriormente l’argomento e avere qualche informazione in più su come fare belle foto per Instagram, consulta pure la guida che ho già pubblicato a questo riguardo.