Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come intercettare telefonate

di

Intercettare le chiamate di un cellulare è una di quelle operazioni che nell’immaginario collettivo vengono associate ad agenti segreti e film di spionaggio, ma la realtà è un po’ diversa. Chiunque con le applicazioni giuste può riuscire a intercettare le telefonate altrui senza avere alcuna conoscenza informatica particolare o essere una spia internazionale.

Con la guida di oggi, infatti, ti illustrerò come intercettare telefonate attraverso alcune soluzioni che permettono di fare ciò con estrema facilità. Ovviamente, sappi che intercettare le chiamate altrui è illegale, motivo per il quale ti invito a usare le informazioni di questa guida solo per scopi leciti, ad esempio per controllare le numerazioni contattate dai tuoi figli (o dalle quali vengono contattati), e non mi assumo alcuna responsabilità circa l’uso che farai delle informazioni riportate di seguito.

Se fin qui ti è tutto chiaro, direi di mettere subito da parte le chiacchiere e di passare all’azione. Forza e coraggio: mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo di cui hai bisogno per concentrarti sulla lettura delle prossime righe e, cosa ancora più importante, cerca di seguire passo-passo le indicazioni che sto per darti. Sono sicuro che, grazie alle mie “dritte”, non avrai il benché minimo problema nel portare a termine la tua “impresa” tecnologica odierna. Ti auguro buona lettura e ti faccio un grosso in bocca al lupo per tutto!

Indice

Informazioni preliminari

Smartphone

Prima di addentrarci nel cuore di questa guida e vedere, effettivamente, come intercettare telefonate, permettimi di fornirti alcune informazioni preliminari circa l’operazione che vuoi portare a termine.

Come ti accennavo nell’introduzione dell’articolo, intercettare telefonate altrui è una grave violazione della privacy e può rappresentare un reato perseguibile. Le informazioni presentate in quest’articolo, infatti, sono state redatte a puro scopo illustrativo.

Non è mia intenzione incentivare alcun tipo di attività di spionaggio ai danni di altre persone e, per questo motivo, non mi assumo alcuna responsabilità circa l’uso che farai delle istruzioni contenute ne prossimi paragrafi. Poi non venirmi a dire che non ti avevo avvisato! Per i motivi sopraccitati, ti consiglio quindi di usare le istruzioni che sto per darti soltanto per scopi legittimi. Intesi?

Ci tengo anche a dirti che le soluzioni che sto per proporti non consentono di registrare le chiamate di altre persone di nascosto, consentono di sapere solo a chi sono state effettuate e quanto tempo sono durate. Se, dunque, vuoi ascoltare le chiamate effettuate da altri utenti, devi ricorrere all’acquisto di dispositivi appositi, come quelli che trovi elencati nell’ultimo capitolo della guida.

Il discorso cambia, invece, se vuoi registrare le tue telefonate: in questo caso, sappi che puoi ricorrere all’uso di alcune app ad hoc (operazione non illegale di per sé, ma che può diventarlo in base all’uso che si fa delle registrazioni, se ad esempio si rendono pubbliche senza consenso delle persone coinvolte in esse), come quelle di cui ti parlerò in un capitolo dedicato di questo tutorial. Chiaro? Benissimo, allora direi che possiamo cominciare.

Come intercettare telefonate da un cellulare

Qustodio

Per intercettare telefonate da un cellulare è possibile usare diverse soluzioni adatte allo scopo, tra cui le app per il parental control, come la famosissima Qustodio. Sì tratta di un’app per il controllo genitoriale che, oltre a permettere di monitorare le chiamate di un altro cellulare, permette di intercettare gli SMS inviati/ricevuti, i siti Web visitati e quant’altro.

Qustodio può essere scaricata gratuitamente sia su Android che su iOS, ma ci tengo a dirti che la versione per iPhone risulta più limitata, in quanto permette soltanto di bloccare siti indesiderati e impostare limiti di utilizzo per il dispositivo del proprio figlio. Sappi, inoltre, che dopo la trial di tre giorni, per continuare a funzionare, Qustodio richiede la sottoscrizione di un abbonamento Premium a partire da 42,95 euro all’anno. Maggiori info qui.

Per quanto riguarda la versione per Android, invece, la funzione di monitoraggio delle chiamate (e anche degli SMS) può essere attivata soltanto se l’app viene scaricata dal sito di Qustodio nel formato .apk e non dal Play Store, a causa di alcune restrizioni imposte da Google per proteggere la privacy degli utenti.

Per procedere, quindi, recati su questa pagina, fai tap sul pulsante verde Continua presente in fondo alla pagina e poi pigia sul bottone verde Scarica ora e OK. A download ultimato, apri la cartella Download in cui hai scaricato i file APK (dovresti riuscire ad accedervi facendo tap sul collegamento Apri comparso nel browser) e segui la procedura guidata per l’installazione di Qustodio pigiando in sequenza sui bottoni Avanti, Installa e Fine.

Una volta che avrai portato a termine l’installazione dell’app, avviala e premi sul pulsante Crea un account Qustodio, in modo tale da creare un account. Nella schermata che si apre, fai tap sul pulsante Accetta tutto per accettare i termini de le condizioni d’uso del servizio. Dopodiché provvedi a compilare il modulo che ti viene mostrato a schermo, indicando negli appositi campi di testo il tuo nome, la tua email e la tua password, e segui le istruzioni che compaiono a schermo per ultimare la procedura di registrazione (ti basterà pigiare sui pulsanti Avanti o Successivo).

A registrazione effettuata, indica di chi è il cellulare su cui hai installato l’app: fai tap sul pulsante Dispositivo genitore situato in basso e poi premi sul pulsante verde Capisco situato in basso a destra. Scorri, poi, le schede illustrative dell’app che ti vengono mostrate nella sua schermata di benvenuto e poi pigia sul pulsante Chiudi tour per proseguire (se vuoi saltare il tutorial, fai tap sulla voce Skip).

Ora, pigia sul pulsante verde Inizia a usare Premium per usare la funzione relativa al controllo delle chiamate, fai tap sul simbolo (+) posto in basso, compila il modulo che si apre per compilare la scheda relativa al figlio da controllare e fai tap sul pulsante Successivo.

Qustodio

A questo punto, provvedi a scaricare l’app di Qustodio sul dispositivo che vuoi controllare, fai tap sulla voce Ho un account genitore ed esegui l’accesso con le credenziali dell’account che hai creato poco fa. A login effettuato, fai tap sul pulsante Dispositivo bambino, pigia sul nome del bambino che utilizza il cellulare, assegna un nome al dispositivo (es. Telefono di [nome figlio]), premi sul bottone Avanti, concedi i vari permessi che ti verranno richiesti per permettere a Qustodio di controllare il dispositivo.

Dopodiché segui la procedura guidata che ti viene proposta per ultimare la procedura di attivazione dell’app: pigia sul pulsante Attiva ora, seleziona l’app Qustodio nella schermata che si apre e sposta su ON l’interruttore posto in corrispondenza della voce Permetti accesso all’uso. Premi di nuovo sul pulsante Attiva ora dalla schermata di Qustodio, fai tap sulla voce Qustodio posta in basso e sposta su ON la levetta dell’interruttore posta in alto a destra e conferma l’operazione pigiando su OK.

Completa la procedura consentendo all’app di gestire le chiamate telefoniche e avere tutti gli altri permessi necessari per funzionare premendo sul pulsante Attiva ora e Consenti per cinque volte consecutive. Per concludere, fai ancora una volta tap sul pulsante Attiva ora,  poi su Attiva e il gioco è fatto. Ora sei pronto per monitorare le chiamate e tutte le altre attività del dispositivo.

Successivamente, dal dispositivo genitore pigia sull’icona con le barre di regolazione situata in basso a destra e accertati che sia attivata la funzione Premium relativa al monitoraggio delle chiamate (in caso contrario, provvedi ad attivarla tu spostando l’interruttore su ON). A partire da questo momento, potrai intercettare tutte le chiamate che vengono effettuate in entrata e in uscita, le quali saranno visualizzate nella timeline dell’app, immediatamente sotto il nome di tuo figlio. Comodo, vero?

Qustodio

Volendo,  puoi controllare le chiamate dei cellulari spiati con Qustodio anche agendo da computer: basta che ti colleghi sul sito di Qustodio, fai clic sul pulsante Accesso/Login, selezioni la voce Qustodio per le famiglie dal menu che si apre e accedi al tuo account genitore con le tue credenziali.

Nel caso in cui decidessi di disinstallare Qustodio, avvia nuovamente l’app sul cellulare di tuo figlio, accedi alle sue impostazioni fornendo la password che hai impostato in fase di registrazione al servizio e premi sulle voce Disabilitare la protezione > Eliminare Qustodio. Conferma, poi, l’operazione facendo tap su Eliminare ora e OK.

Come registrare telefonate

Se sei giunto su questa guida con l’obiettivo di registrare le tue telefonate, sappi che ci sono varie app adatte allo scopo. Mi raccomando, però, a non divulgare le tue conversazioni al fine di tutelare non solo la tua privacy ma anche quelle delle persone con cui parlare al telefono. Intesi?

RMC: Android Call Recorder (Android)

Recording Android

Se disponi di uno smartphone Android, ti consiglio di provare RMC: Android Call Recorder, un’app gratuita che funziona egregiamente su tutti i dispositivi, anche se su alcuni device l’audio dell’interlocutore risulta un po’ “ovattato”.

Dopo aver installato e avviato RMC: Android Call Recorder, fai tap sul pulsante Allow e poi premi sulla voce Consenti per tre volte di seguito, in modo da concedere all’app i permessi necessari per funzionare correttamente.

Dopodiché fai tap sul pulsante (≡) situato in alto a sinistra, seleziona la voce Impostazioni dal menu che si apre e poi premi sulla voce Recording.  Assicurati, dunque, che sia presente il segno di spunta sulla voce Attiva Servizio (altrimenti spunta tu la casella) e il gioco è fatto. Da questo momento, l’app registrerà in modo automatico tutte le chiamate che verranno effettuate sul tuo cellulare.

Una volta terminata una telefonata, potrai riascoltare la registrazione direttamente dall’app: basta fare tap sulla scheda Non organizzate presente nella schermata principale, premere sul nome della registrazione e pigiare sul tasto Play nel menu che si apre. Più semplice di così?

Per maggiori informazioni su come registrare telefonate su Android, consulta pure la guida che ti ho linkato perché senz’altro ti tornerà molto utile.

TapeACall (iOS)

TapeACall

Se hai un iPhone, per registrare telefonate ti consiglio di rivolgerti a TapeACall. Si tratta di un’app a pagamento: è possibile testarne le funzionalità per 7 giorni, ma poi bisogna sottoscrivere l’abbonamento che parte da 4,99 euro/mese.

Ti segnalo, inoltre, che l’app non è supportata dall’operatore Vodafone (se hai una SIM del gestore rosso, quindi, ti consiglio di rivolgerti ad altre soluzioni, come quelle elencate in quest’altra guida) e che per alcuni operatori, ad esempio TIM, è richiesta l’attivazione della funzione di conferenza.

Detto ciò, dopo aver installato e avviato TapeACall, fai tap sul pulsante Acconsento, digita il tuo numero di telefono nell’apposito campo di testo, premi sul pulsante Avanti e attendi la ricezione dell’SMS contenente un codice di verifica. Dopo aver ricevuto il codice, scrivilo nell’apposito campo di testo e premi sul pulsante Continua.

A questo punto, seleziona il piano d’abbonamento che più preferisci tra quello annuale e mensile e poi pigia sul pulsante Inizia la registrazione. Nella schermata che si apre, fai tap sul paese di rifermento (es. Italia) sposta su ON gli interruttori posti accanto alle voci Consenti notifiche e Accedi ai contatti, autorizzando l’applicazione a inviarti notifiche e accedere alla tua rubrica (per farlo devi premere anche sulle voci Consenti e OK che compaiono a schermo) e il gioco è fatto. Ora, fai tap sul bottone Play e segui il breve video-tutorial sul funzionamento di TapeACall che ti viene proposto a schermo.

Successivamente, per registrare una chiamata in uscita, fai tap sul pulsante circolare rosso che si trova al centro della schermata, attendi qualche secondo, premi sul pulsante Altra chiamata e digita il numero di telefono della persona di cui ti interessa registrare la chiamata o selezionalo direttamente dai contatti. Avvia, dunque, la chiamata e, una volta che la persona contattata risponde, fai tap sul pulsante Unisci visualizzato sul display.

Per registrare una chiamata in entrata, invece, devi semplicemente rispondere alla chiamata, recarti nella schermata di TapeACall e pigiare sul pulsante circolare rosso che si trova al centro dello schermo. Attendi qualche istante affinché venga inviata la chiamata al servizio di registrazione di TapeACall e poi fai tap sul pulsante Unisci.

Per riascoltare le chiamate registrate, sarà sufficiente fare tap sul pulsante Play nella schermata principale dell’app e selezionare il file di tuo interesse.

Come intercettare telefonate anonime

Whooming

Sei giunto su quest’articolo con l’obiettivo di scoprire come intercettare telefonate anonime? Beh, in tal caso, sappi che è possibile riuscirci utilizzando degli strumenti ad hoc che permettono di svelare con una certa facilità l’identità del chiamante che ha effettuato la telefonata anonima.

Uno dei migliori disponibili sulla piazza è Whooming, un servizio disponibile anche come app per Android e iOS che permette di svelare il numero di chi chiama con l’anonimo: in pratica la telefonata viene dirottata verso il numero di Whooming, che ne identifica l’autore e restituisce l’informazione all’utente che l’ha richiesta. Dal momento che funziona sia per le utenze di linea fissa sia per i cellulari, sono sicuro che ti tornerà utile.

Il servizio può essere usato gratis ma, in questo caso, i numeri di chi effettua le chiamate anonime vengono mostrati con le ultime cifre oscurate. Per visualizzare i numeri in chiaro, bisogna sottoscrivere l’abbonamento alla versione Premium del servizio, disponibile nei seguenti tagli: da 12,99 euro per 3 mesi, da 16,99 euro per 6 mesi o da 23,99 euro per 1 anno.

Per maggiori informazioni su come scoprire chiamate anonime e su come scoprire numeri anonimi, consulta pure l’approfondimento che ti ho linkato perché sicuramente ti sarà utile.

Come intercettare chiamate WhatsApp

WhatsApp

Se hai intenzione di intercettare chiamate effettuate con WhatsApp, sappi che purtroppo le app di cui ti ho parlato nelle righe precedenti non ti torneranno molto utili allo scopo, in quanto permettono semplicemente di vedere quando viene utilizzata l’app di messaggistica gestita da Facebook.

Se proprio desideri intercettare le chiamate, devi ricorrere ad altre soluzioni, ad esempio le app-spia, che sono in grado di monitorare in tutto e per tutto le attività svolte da un altro utente sul proprio cellulare, chiamate WhatsApp comprese.

Una delle migliori app di questo genere è iKeyMonitor, che è compatibile sia con Android che con iOS (dove richiede il jailbreak per funzionare al meglio) e permette di monitorare praticamente tutto ciò che viene fatto sul cellulare spiato. Sappi, però, che è alquanto complessa da configurare e oltretutto è anche piuttosto costosa: è possibile testarne le funzionalità per tre giorni, poi costa 44,99 dollari/mese.

Per maggiori informazioni su questa e altre app per spiare WhatsApp, ti suggerisco la lettura della guida che ti ho appena linkato, in modo tale da approfondire l’argomento e avere maggiori informazioni sul da farsi.

Dispositivi per intercettare telefonate

Telecamera spia

Concludo questa guida ricordandoti che è possibile utilizzare anche dei dispositivi per intercettare telefonate, come microfoni spia: si tratta di piccoli dispositivi dalle dimensioni molto contenute che è possibile piazzare in uno o più punti strategici di una stanza e che sono in grado di intercettare l’audio ambientale.

Ce ne sono anche di economici, il cui acquisto comporta una spesa di poche decine di euro: chiunque può acquistarne qualcuno e usarlo per lo scopo oggetto di questo tutorial (anche se ti ricordo che intercettare le conversazioni altrui rappresenta un reato perseguibile penalmente).

Mini Spia Registratore Vocale H+Y con Attivazione Vocale, Memoria da 8...
Amazon.it: 32,99 €
Vedi offerta su Amazon
Mini Spia Registratore Vocale Digitale Professionale Suono HQ 1536 Kbp...
Amazon.it: 88,80 €
Vedi offerta su Amazon

Volendo, è possibile usare a tale scopo anche delle videocamere spia che, essendo caratterizzate da dimensioni molto contenute, possono essere facilmente nascoste in una stanza o persino essere indossate (basti pensare alle videocamere spia a forma di penna). Chiaramente, oltre all’audio ambientale, queste saranno in grado di effettuare anche una registrazione video.

Mini Nascosta Telecamera Spia AOBO 1080P HD Microcamere Interno/Estern...
Amazon.it: 49,99 € 29,99 €
Vedi offerta su Amazon
Penna con videocamera nascosta,UYIKOO HD 1080P Telecamera Nascosta Tel...
Amazon.it: 39,99 €
Vedi offerta su Amazon
Mini videocamera P2PWiFi IP portatile ? Telecamera spia mini DV con ri...
Amazon.it: 32,99 €
Vedi offerta su Amazon
SANNCE Telecamera Nascosta HD 960P Microtelecamera Sorveglianza Chiave...
Amazon.it: 45,99 € 32,99 €
Vedi offerta su Amazon
Mini Microcamere Spia AOBO 1080P HD Bottone Nascosta Telecamera WiFi I...
Amazon.it: 99,99 € 49,99 €
Vedi offerta su Amazon

Se vuoi maggiori informazioni su quale telecamera spia acquistare e su come installare una videocamera spia, ti consiglio di dare un’occhiata alle guide che ti ho appena linkato.