Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come iscriversi al collocamento online

di

Hai necessità di iscriverti a un ufficio di collocamento ma, al momento, non puoi raggiungere l’ufficio più vicino? Non temere, uno dei modi per poter velocizzare la procedura di iscrizione è quello di completare alcuni dei passaggi online. Gli uffici di collocamento, o centri per l’impiego, per quanto riguarda l’iscrizione online, fanno fede in ogni regione e comune al sito dell’ANPAL, l’Agenzia Nazionale Politiche Attive Lavoro.

In questa guida ti spiegherò come iscriversi al collocamento online utilizzando questo sito per formulare la propria DID, Dichiarazione di disponibilità immediata al lavoro. Non temere, non è nulla di proibitivo e vedrai che fra poco ti sarà tutto più chiaro.

Ti spiegherò nel dettaglio quali documenti dovrai tenere a portata di mano per l’iscrizione e ti aiuterò a capire come accedere ai portali di cui dovrai servirti, in modo da velocizzare tutta la procedura. Se sei pronto, direi dunque di cominciare questo tutorial. Buona lettura!

Indice

Informazioni preliminari

Centri impiego

Prima di indicarti nel dettaglio come iscriversi al collocamento online, mi sembra necessario precisare bene cos’è un Centro per l’Impiego e quale ruolo svolge.

I servizi offerti da questi enti si rivolgono a diverse categorie di disoccupati. Innanzitutto, il Centro dell’impiego è al servizio sia di chi è legalmente considerato disoccupato, ovvero che ha già avuto un impiego e ora ha perso il lavoro, sia degli inoccupati, considerati come coloro che non hanno ancora mai svolto attività lavorative.

Inoltre, l’iscrizione a questi enti è consentita anche ai lavoratori che percepiscono integrazioni salariali ordinari e straordinari (CIGO e CIGS), agli invalidi civili e del lavoro e agli studenti universitari alla ricerca di un impiego part-time.

Per iscriversi ai centri dell’impiego sono necessarie sia la DID, o Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro, compilabile da dicembre 2017 solo online, sia il Patto di Servizio, da stipulare di persona in qualsiasi patronato presente sul territorio.

I Centri per l’impiego comunali o regionali, per quanto riguarda l’iscrizione via Web alla propria piattaforma, fanno riferimento al sito unificato dell’ANPAL, l’Agenzia Nazionale Politiche Attive Lavoro, il quale offre un servizio di snellimento delle procedure necessarie alla registrazione al servizio.

In sede di iscrizione, ti verrà chiesto di compilare la DID: documento che va consegnato presso qualsiasi sportello fisico per completare la confermare lo stato di disoccupazione e stipulare il Patto di Servizio.

Legalmente, la DID certifica l’inizio dello stato di disoccupazione di una persona e rende possibile l’accesso ai servizi di reinserimento lavorativo. Può essere compilata da coloro i quali sono disoccupati senza percepire reddito di sostegno, chi è disoccupato e percepisce un’indennità e chi, da dipendente, ha ricevuto una lettera di licenziamento.

Con il Patto di Servizio, invece, il lavoratore disoccupato si impegna ad “accettare le offerte di lavoro congrue proposte dal CPI” e a “partecipare alle iniziative formative promosse dal CPI”, come indicato nell’art.2 del d.lgs. 181/00, successivamente modificato dal d.lgs.297/02.

Il Patto di Servizio cessa di esistere nel momento in cui vengono violati i requisiti fondamentali accettati in sede di stipula. Ad esempio, verrà violato qualora il contraente dovesse rifiutare una proposta di lavoro congrua. Per informazioni, ti invito a consultare il Decreto del 10 aprile 2018 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Ricorda, comunque, che qualora avessi fatto richiesta all’INPS per la domanda di NASpI (Indennità di disoccupazione), sarai automaticamente registrato come disoccupato e sarà cura dell’INPS comunicare tale informazione al Centro per l’impiego.

Ti consiglio di fare riferimento al mio tutorial per sapere come fare domanda NASpI online, nel caso avessi intenzione di informarti al riguardo.

Iscrizione al collocamento online

ANPAL

È possibile accedere al sito ANPAL attraverso vari canali: con le credenziali SPID oppure eseguendo il login con CNS (Carta Nazionale dei Servizi) o CIE (Carta di Identità Elettronica).

SPID è un sistema pubblico di identità digitale che permette di effettuare l’accesso a tutti i servizi della Pubblica Amministrazione (ma non solo) usando i medesimi nome utente e password; si può richiedere anche gratuitamente presso uno dei tanti Identity Provider abilitati: qualora non ne avessi ancora uno, fai riferimento al tutorial che ho scritto su come ottenere lo SPID.

Di seguito, invece, troverai spiegato come attivare la Carta Nazionale dei Servizi/CNS, utile per poter effettuare il login al sito dell’ANPAL come metodo alternativo allo SPID.

Oltre a compilare la DID, attraverso il sito ANPAL puoi avere accesso alla piattaforma Garanzia Giovani, utile ai cittadini di età compresa fra i 15 e i 29 anni e che hanno terminato da meno di 4 mesi il proprio percorso di istruzione, a essere inseriti in ambienti lavorativi di tirocinio o apprendistato.

Inoltre, potrai consultare il servizio DOL — Domanda e offerta di lavoro, che offre l’opportunità di inserire il proprio CV per cercare posizioni lavorative aperte, o, se sei un’azienda, di inserire il tuo annuncio di lavoro e selezionare i candidati idonei.

Per prima cosa, quello che devi fare è collegarti alla pagina di registrazione del sito dell’ANPAL. Seleziona, dunque, attraverso i pulsanti SPID e CNS/CIE, la tua modalità di iscrizione preferita.

ANPAL spid

Nel caso in cui tu abbia scelto l’opzione Entra con SPID, scegli dalla lista che compare il provider al quale ti sei affidato in sede di creazione della tua identità digitale SPID.

Ti consiglio di approfondire i metodi di accesso ai portali tramite SPID attraverso la guida che ho scritto relativa a come usare lo SPID.

Dopo aver individuato il tuo provider, fai clic sull’icona corrispondente e immetti le credenziali all’interno dei box di e-mail e password, oppure inquadra con l’applicazione il codice QR, se il tuo provider ti concede questa opzione. Dopodiché, consenti l’accesso confermando il sito di ANPAL all’interno del portale o dell’app del tuo SPID.

La registrazione tramite CNS, invece, richiede dei requisiti precisi. Per prima cosa devi avere a disposizione la tua tessera CNS o CIE e utilizzare una postazione abilitata alla lettura di quest’ultima. Successivamente, inserisci la tua tessera all’interno dell’apposito lettore e fai clic sul pulsante Procedi.

A questo punto, scegli dall’elenco il certificato CNS/CIE che vuoi immettere, contenente i tuoi dati anagrafici, dopodiché premi il pulsante OK. Infine, inserisci il PIN di 5-8 cifre fornito dall’Amministrazione emittente della tua tessera.

ANPAL Cittadino

Dovresti aver ora ottenuto l’accesso all’area per la creazione del tuo profilo. Scegli se fare l’accesso come Cittadino, Datore di lavoro o Operatore, in base alle tue esigenze. In questa guida ti mostrerò come registrarsi come cittadino.

Una volta cliccato sul bottone Cittadino, fai clic sul pulsante Prosegui per avere accesso a un modulo da riempire con i tuoi dati (se hai fatto l’accesso con SPID, dovresti avere ogni campo già riempito di default).

Tra le altre cose, devi scegliere un indirizzo e-mail aggiornato e un numero di telefono da inserire, che avranno la funzione di canali principali per le comunicazioni del sito.

Spunta poi l’opzione in cui dichiari di aver letto l’informativa sui dati personali, dopodiché seleziona l’opzione “Non sono un robot” e fai clic sul pulsante azzurro Registrati.

Ora devi aprire la e-mail ricevuta in automatico dal sito e devi fai clic sul link con scritto Conferma l’indirizzo e-mail. Attendi qualche secondo, in modo che il sistema possa confermare la tua identità, dopodiché consulta il riepilogo della registrazione.

Una volta completata la registrazione, al fine di iscriverti al collocamento, devi compilare la tua DID, Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro.

La DID è necessaria al fine di comunicare al Centro dell’impiego più vicino il tuo nuovo status di disoccupato e per essere inserito nei diversi servizi per il reintegro in attività lavorativa. Questo passaggio è, dunque, fondamentale per l’iscrizione al collocamento.

Per prima cosa, fai nuovamente login su MyANPAL con il metodo con il quale ti sei registrato e individua nella colonna dei servizi l’opzione “DID Online — dichiarazione di immediata disponibilità”. Selezionala, dopodiché fai clic sul pulsante Vai al servizio, posto in basso a destra.

Aspetta qualche secondo e verrai reindirizzato alla pagina relativa al servizio. Per avviare una nuova pratica, fai clic sul bottone Nuova Richiesta, posto nella barra di colore blu in alto.

ANPAL DID

Inserisci ora il tuo codice fiscale (qualora non fosse già immesso di default) e clicca sul tasto Avanti. Spunta quindi il box in cui dichiari di aver preso visione dell’informativa e premi nuovamente su Avanti. A questo punto, completa la tua anagrafica, scegliendo i dati di domicilio.

Ricontrolla con cura la tua anagrafica, dopodiché fai clic sul pulsante blu Conferma. Nella pagina successiva, sono riepilogati i tuoi dati: rileggili nuovamente e, se è tutto corretto, fai clic sull’opzione Inserisci DID.

La pagina che hai raggiunto contiene un modulo da riempire seguendo cinque step, guidati dal sito stesso. Innanzitutto, rispondi alla domanda “Dal sistema risulta che lei è senza lavoro, conferma?” con “Sì, sono privo di lavoro” e seleziona se percepisci o meno un reddito di sostegno.

Premi poi sul pulsante Avanti e completa il tuo profilo nella pagina che si è aperta. Devi immettere diverse informazioni. Per prima cosa, è necessario inserire l’ultimo titolo di studio conseguito, tramite il menu a scorrimento relativo.

Successivamente, devi precisare se hai mai avuto un lavoro e, nel caso la risposta fosse affermativa, quale lavoro hai svolto nell’ultimo anno. Dopodiché, devi indicare da quanti mesi si è concluso il tuo rapporto di lavoro e che posizione hai ricoperto durante quell’esperienza.

In seguito, devi indicare se sei alla ricerca di lavoro da più o meno di un mese e se sei iscritto all’università o a un corso di formazione professionale. Infine, rispondi alle domande relative al tuo nucleo familiare, se hai figli a carico e se sono minorenni.

Fai attenzione a compilare tutto con cura, dato che una risposta errata potrebbe inserirti nella categoria di disoccupazione sbagliata rispetto alla tua. Una volta riempito il modulo nella sua completezza, clicca sul tasto Salva e Continua.

Successivamente, seleziona il Centro per l’impiego più vicino al tuo domicilio, o comunque quello che hai intenzione di raggiungere per validare la tua DID, attraverso il menu a forma di mappa comparso su schermo e premi per due volte il pulsante Conferma.

Inserisci poi la data della dichiarazione e fai clic sul pulsante Salva, per immettere la tua domanda. Una volta compilata la tua dichiarazione, dovrai prenotare un appuntamento al Centro per l’impiego selezionato in precedenza, in modo da stipulare il Patto di Servizio di persona.

Ricorda di portare con te la carta di identità o la patente, mentre, se sei un cittadino extra-comunitario, tieni a portata di mano il permesso di soggiorno in corso di validità o la richiesta di rinnovo compilata entro i 60 giorni dalla scadenza.

Stampa o porta su un supporto digitale come una chiavetta USB il tuo curriculum vitae e, solo nel caso avessi perso il lavoro, l’ultimo rapporto di lavoro dipendente concluso. Nel caso fossi un lavoratore autonomo, dovrai allegare solamente un’autodichiarazione.

Per prenotare l’appuntamento, ti consiglio di segnare il nome esatto del tuo Centro dell’impiego e cercarlo su Google insieme alla scritta “numero di telefono”. Ad esempio, qualora dovessi prenotare la tua richiesta a un Centro dell’impiego di Milano, cerca “Centro per l’impiego Milano Numero di telefono”.

Nel caso ci fossero più Centri per l’impiego nella tua città, inserisci anche la via di riferimento. Oltre al numero di telefono, potrai prenotare un appuntamento anche via e-mail, cercando l’indirizzo relativo.

Mi raccomando, ricorda di presentarti al CPI selezionato il giorno dell’appuntamento, dato che la richiesta verrà automaticamente cancellata nel caso non ti presentassi. Inoltre, sul sito non potrai avviare una nuova pratica di richiesta della DID prima di 60 giorni.

Per ricontrollare la tua richiesta, fai clic sul pulsante Storico, posto di fianco a quello Nuova Richiesta, con il quale potrai monitorare la tua dichiarazione. Per dubbi o informazioni ulteriori, ti invito a consultare le FAQ dell’Agenzia con le risposte a tutte le domande più frequenti, oppure a chiamare il numero verde 800.000.039 (attivo dalle 09.00 alle 18.00, dal lunedì al venerdì), altrimenti invia una e-mail all’indirizzo info@anpal.gov.it.

Oltre all’invio della DID, sul portale MyANPAL puoi accedere a numerosi servizi, tra cui Anagrafica, con il quale potrai modificare i tuoi dati personali; Domanda e offerta di lavoro, all’interno del quale inserire il tuo curriculum e cercare le offerte di lavoro più attinenti e i vari portali relativi ai sussidi di sostegno NASPI e RdC (Reddito di cittadinanza).

Iscriversi a MyANPAL è uno strumento molto utile a prescindere dalla tua intenzione di compilare una Dichiarazione di immediata disponibilità. Infatti, la possibilità di ricercare lavoro tramite il motore di ricerca interno garantisce in ogni caso l’opportunità di restare aggiornato sulle offerte di lavoro nelle vicinanze.

Non mi resta che augurarti buona fortuna e ricorda di tenere sempre aggiornato il tuo profilo attraverso la sezione Anagrafica del sito MyANPAL.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.