Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come fare domanda NASpI online

di

Giacché il tuo ultimo rapporto di lavoro si è interrotto da poco, per ragioni indipendenti dalla tua volontà, vorresti fare richiesta del sussidio statale di disoccupazione, conosciuto come NASpI, nell’attesa di assumere un nuovo impiego. Per te, l’ideale sarebbe effettuare la domanda online, avvalendoti del tuo computer e del collegamento a Internet di cui disponi, senza doverti recare presso uno sportello INPS fisico: per questo motivo, sei alla ricerca di informazioni sul da farsi.

Se le cose stanno così come te le ho descritte, sono ben felice di comunicarti che ti trovi proprio nel posto giusto da cui iniziare! Nelle battute successive di questo tutorial, infatti, ti illustrerò per filo e per segno come fare domanda NASpI online, avvalendoti del portale messo a disposizione dell’INPS. Nel dettaglio, ti mostrerò i passaggi da compiere per ottenere le relative credenziali d’accesso e, successivamente, come avanzare la richiesta vera e propria.

Allora, cos’altro aspetti a iniziare? Ritaglia qualche minuto di tempo per te, mettiti comodo e leggi attentamente il contenuto di questa guida: sono sicuro che, ultimata la lettura della stessa, avrai acquisito le competenze necessarie per raggiungere l’obiettivo che ti eri prefissato. A questo punto, non mi resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e farti un enorme in bocca al lupo per tutto!

Indice

Requisiti per fare domanda NASpI online

Come fare domanda NASpI online

Prima ancora di spiegarti come fare domanda NASpI online, lascia che ti dia qualche informazione in più riguardo i requisiti e le condizioni necessarie affinché il tutto possa avvenire con successo.

In primo luogo, al fine di ottenere il sussidio statale per la disoccupazione, è necessario rispondere a parametri ben precisi inerenti la propria situazione occupazionale: perdita involontaria del lavoro, possesso dello stato di disoccupazione, aver maturato un certo numero di giorni lavorativi/contributi nel periodo antecedente alla perdita del lavoro, far parte di una categoria di lavoratori ben specifica e così via.

Giacché tali condizioni variano di anno in anno, ti consiglio vivamente di esporre la tua situazione a un Centro di Assistenza Fiscale, a un consulente del lavoro o a una figura professionale che possa fornirti tutte le delucidazioni del caso.

Per poter effettuare la richiesta dell’indennità di disoccupazione in modo autonomo, bisogna agire tramite il portale INPS, al quale bisogna accedere usufruendo di uno dei mezzi disponibili: SPID, CNS, PIN ordinario o PIN dispositivo.

Lo SPID, o Sistema Pubblico di Identità Digitale, è un servizio disponibile per privati cittadini, ma anche per aziende, utile per identificarsi in modo sicuro e interagire con la PA. Le credenziali SPID da impiegare per l’accesso al sito dell’Istituto Nazionale per la Previdenza Sociale devono essere fornite da un gestore autorizzato e devono offrire sicurezza di secondo livello o superiore.

Altro metodo per poter richiedere prestazioni a carattere economico tramite il sito dell’INPS consiste una CNS o carta nazionale dei servizi attiva (ad es. il codice fiscale), oppure la CIE (carta d’identità elettronica); utilizzando una di queste ultime, unitamente al relativo PIN e al lettore digitale, si può effettuare l’accesso al sito INPS senza dover effettuare iscrizione alcuna.

Infine, è possibile utilizzare i servizi messi a disposizione dall’Ente anche tramite PIN: tengo a precisare, prima ancora di parlartene, che l’erogazione di nuovi PIN è sospesa a partire dal 1 ottobre 2020. Il PIN ordinario è una sequenza di cifre e lettere, composta da 16 caratteri, che può essere richiesta tramite il portale INPS, oppure a telefono.

Viene fornito in due passaggi separati: i primi 8 caratteri sono recapitati a immediato seguito della richiesta, mentre quelli successivi vengono spediti per posta ordinaria, dopo alcuni giorni. Il PIN ordinario può essere usato per consultare la propria situazione previdenziale e per avanzare la domanda di NASpI, ma non per ottenere il sussidio: la richiesta viene infatti presa in carico soltanto quando il PIN ordinario viene convertito in PIN dispositivo.

Quest’ultimo, in particolare, è una sequenza di 8 caratteri che può essere ottenuta recandosi di persona presso uno sportello INPS fisico; il PIN dispositivo può essere usato sia per consultare la propria situazione previdenziale, sia per avanzare richieste di prestazioni a carattere economico. Come ti spiegavo poc’anzi, è possibile convertire un PIN ordinario in PIN dispositivo effettuando una procedura online, anche in completa autonomia.

Come fare domanda NASpI online INPS

Dopo averti fornito tutte le delucidazioni del caso, è arrivato il momento di entrare nel vivo di questa guida e di spiegarti, nel concreto, come fare domanda NASpI online impiegando il sito dell’INPS.

Accesso tramite SPID/CNS

Come fare domanda NASpI online

Il primo dei sistemi di login di cui voglio parlarti è SPID, ossia il sistema di identificazione unico, dedicato a privati e imprese, che consente l’accesso a numerosi servizi della Pubblica Amministrazione, tra cui il sito dell’INPS.

Se non disponi di identità SPID, puoi farne richiesta a un Identity Provider a scelta tra quelli autorizzati a interagire con la PA: al momento in cui ti scrivo questa guida, essi sono Aruba, InfoCert, Intesa, Lepida, Namirial, Poste, Sielte, Register e TIM. Per ottenere le credenziali SPID, in genere, bisogna fornire i propri dati e documenti personali compilando un modulo online, inviare una copia digitale dello stesso e validare la propria identità mediante uno dei sistemi supportati: kit di firma digitale (con Tessera Sanitaria CNS/Carta d’Identità elettronica), webcam o riconoscimento presso un ufficio competente.

I costi di quest’ultimo servizio variano in base al fornitore e al sistema scelto: mentre l’autenticazione tramite CNS/CIE è gratuita, la verifica “de visu”, con webcam o presso sede fisica, prevede una spesa che si aggira intorno ai 20€. Lo SPID, in genere, costa intorno ai 35-40€/anno, per i privati (maggiori info qui).

Per esempio, lo SPID di Aruba con sicurezza di primo e secondo livello, al momento in cui ti scrivo questa guida, è gratis per i primi 2 anni per i privati cittadini. Per farne richiesta, collegati a questo sito Web, clicca sul pulsante Attiva e seleziona l’opzione Persona Fisica nella nuova pagina che va ad aprirsi.

Successivamente, clicca sul pulsante Prosegui, seleziona la modalità di riconoscimento che intendi effettuare, a scelta tra quelle disponibili (firma digitale/remota, tessera sanitaria/CNS, CIE o di persona) e clicca sul pulsante Prosegui: tieni presente che il riconoscimento “de visu” costa 5€, da pagare direttamente all’operatore che lo eseguirà.

Ora, accedi al tuo account Aruba (se non ne disponi, clicca sul pulsante Registrati e procedi con la registrazione del nuovo profilo), leggi con attenzione le condizioni contrattuali che ti vengono proposte, apponi il segno di spunta accanto alle caselle relative alla presa visione di queste ultime e premi nuovamente il pulsante Procedi. A seguito di questa operazione, dovresti ricevere, tramite email, le istruzioni necessarie per finalizzare e ottenere il codice SPID.

Per approfondire il discorso relativo alla richiesta delle credenziali SPID, ti consiglio di dare uno sguardo alla guida specifica che ho dedicato all’argomento.

Dopo aver ottenuto le suddette credenziali, puoi usarle per entrare nel sito INPS, sia per la consultazione della situazione previdenziale, sia per richiedere prestazioni a carattere economico. Per procedere, collegati al sito dell’ente, clicca sul pulsante Home e poi sulla voce Entra in MyINPS, seleziona la scheda SPID e premi il pulsante Entra con SPID.

Infine, seleziona il tuo Identity Provider dal menu visualizzato su schermo, immetti i tuoi dati d’accesso nella nuova pagina che si apre e premi il pulsante Entra con SPID, per ultimare il login.

Come fare domanda NASpI online

Per accedere, invece, tramite CNS/CIE, avrai bisogno del relativo PIN e del lettore da collegare al PC (sul quale devono essere preinstallati i driver necessari al collegamento): recati dunque nella scheda CNS, clicca sul pulsante Procedi e seleziona, quando richiesto, il certificato di autenticazione contenuto nella carta (dovrebbe essere indicato il tuo codice fiscale). Infine, clicca sul pulsante OK e immetti il codice PIN della carta.

Accesso tramite PIN

Come fare domanda NASpI online INPS

Come sistema alternativo all’impiego di SPID/CNS/CIE, puoi accedere al sito INPS utilizzando il PIN. Ti ricordo ancora una volta che, a partire dal 1 ottobre 2020, l’ente non rilascia più nuovi PIN. L’accesso con questa modalità, inoltre, dovrebbe essere eliminato nei mesi successivi.

Ad ogni modo, è possibile ricevere il PIN per usare i servizi INPS in tre differenti modalità: avanzando richiesta online (PIN ordinario), mediante Contact Center (PIN ordinario), oppure presentandosi di persona presso uno sportello INPS fisico.

Per ottenere il PIN ordinario tramite Internet, collegati a questo sito Web, clicca sul pulsante Home collocato in basso e poi sul pulsante Entra in MyINPS, situato in cima alla pagina successiva. Ora, seleziona la scheda PIN, clicca sul link Richiedi e gestisci il tuo PIN e premi il pulsante Richiedi PIN, in modo da accedere al passaggio seguente, che consiste nell’indicare il tuo codice fiscale e la cittadinanza.

Inserite le informazioni richieste, clicca sul pulsante Avanti e procedi con la registrazione al portale specificando, all’interno del modulo che compare su schermo, i dati necessari: dati anagrafici, dati di residenza e dati di contatto. Quando hai finito, clicca sul pulsante Avanti, verifica che i dati inseriti siano corretti e clicca sul pulsante Conferma, per concludere la procedura e registrarti al portale.

A seguito di questo passaggio, dovresti ricevere i primi 8 caratteri del PIN ordinario, tramite SMS o email (in base al metodo di contatto selezionato in precedenza); la parte restante del codice ti sarà recapitata, come già detto, tramite posta ordinaria entro i successivi 7-15 giorni dalla richiesta.

Se preferisci richiedere il PIN ordinario tramite telefonata al Contact Center, contatta il numero verde gratuito 803.164 da rete fissa oppure il numero 06.164.164 (i costi variano in base all’operatore in uso), premi il tasto 1 per selezionare la lingua italiana e poi il tasto 2 per accedere ai servizi online INPS.

Dopo alcuni istanti, la voce guida dovrebbe chiederti il motivo della telefonata: provvedi a spiegarlo con una frase semplice e concisa (ad es. “ho bisogno del PIN d’accesso al sito INPS”) e attendi che un operatore umano gestisca la tua richiesta. Quest’ultimo ti chiederà di dettargli i tuoi dati personali, provvederà a confermare la tua identità e avvierà la registrazione al portale.

Anche in questo caso, i primi 8 caratteri del PIN ordinario ti verranno forniti tramite SMS/email, mentre quelli successivi ti verranno inviati per posta ordinaria entro i successivi 7-15 giorni. Il Contact Center INPS è attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 08:00 alle ore 20:00, e il sabato dalle ore 08:00 alle 14:00.

Come fare domanda NASpI online INPS

Una volta ottenuto il PIN ordinario, puoi trasformarlo in PIN dispositivo mediante una semplice procedura online: collegati a questo sito Web, effettua l’accesso usando il codice fiscale e il PIN ordinario ricevuto in precedenza e attieniti alle istruzioni visualizzate su schermo. In genere, il tutto si riduce a scaricare un apposito modulo in formato PDF, stamparlo, compilarlo in tutte le sue parti, firmarlo e, dopo averlo scansionato, caricarlo nuovamente sul portale.

Infine, se preferisci ricevere direttamente il PIN dispositivo, devi recarti presso la sede INPS a te più vicina, portando con te la tessera sanitaria e un documento d’identità valido. Giunto allo sportello, esponi la richiesta all’operatore, il quale si occuperà di verificare la tua identità e, controllati i documenti, ti consegnerà una busta sigillata contenente il PIN dispositivo, da usare per effettuare il primo login al portale.

Dopo essere entrato in possesso del PIN, sei finalmente pronto per effettuare la procedura di primo accesso al sito dell’INPS: collegati dunque a quest’ultimo, clicca sul pulsante Home e poi sulla voce Entra in MyINPS, fai clic sulla scheda PIN ed effettua il login usando il tuo codice fiscale e il PIN dispositivo ottenuto precedentemente.

In seguito, clicca sul pulsante Accedi per avviare la Procedura di modifica del PIN, terminata la quale ti verrà assegnato un nuovo codice d’accesso, da usare per gli accessi futuri. Dunque, fai clic sul pulsante Avanti per due volte consecutive, attendi che il nuovo PIN venga mostrato a schermo e, se lo desideri, stampalo usando l’apposito pulsante, oppure annotalo manualmente e conservalo in un posto sicuro. Veridica di aver memorizzato il codice: ne avrai bisogno per gli accessi futuri.

Una volta messo in sicurezza il codice, clicca sul pulsante Avanti, inserisci il PIN generato poco fa all’interno del campo di testo Nuovo PIN e completa la fase d’aggiornamento cliccando sul pulsante Avanti. Per ragioni di sicurezza, la stessa procedura verrà avviata automaticamente ogni 6 mesi.

Come fare domanda disoccupazione online

Come fare domanda disoccupazione online

Dopo aver effettuato l’accesso al sito dell’INPS, sei finalmente pronto a richiedere l’indennità di disoccupazione online! Per iniziare, clicca sulla barra di ricerca posta in alto, immetti la parola “naspi” al suo interno e clicca sul riquadro contrassegnato dalla tipologia Servizio, relativo alla Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego (NASpI): invio domanda.

Ora, dovresti trovarti al cospetto della tua anagrafica completa, pronta a essere utilizzata per la richiesta; in caso contrario, clicca sulla voce Invio domanda residente nella barra laterale di sinistra. Successivamente, conferma l’esattezza degli indirizzi di residenza e domicilio, contrassegnando le apposite caselle, clicca sul pulsante Avanti e verifica che le informazioni relative all’ultima posizione lavorativa siano esatte.

In caso affermativo, apponi il segno di spunta accanto alla voce e clicca sul pulsante Avanti; se, al contrario, dovessi riscontrare dati inesatti, apponi il segno di spunta accanto alla voce No, indica la nazionalità del tuo ex datore di lavoro e inserisci manualmente i dati di quest’ultimo, unitamente alle informazioni relative al rapporto di lavoro conclusosi, all’interno del modulo visualizzato in seguito.

Superato anche questo step, premi il pulsante Avanti, verifica la validità dei dati inseriti e clicca sul pulsante Compila domanda per avviare la fase di richiesta vera e propria, che consiste nel compilare una serie di moduli specifici. Al momento in cui ti scrivo questa guida, i moduli sono 6, organizzati in questo modo: dati personali, attuali prestazioni in essere (assegno di invalidità, malattia, indennità di mancato preavviso, ecc.); situazione lavorativa degli ultimi 12 mesi; modalità di pagamento con le quali ricevere l’assegno mensile; ultima qualifica ricoperta prima della cessazione del rapporto; e, infine, comunicazioni all’INPS e dichiarazione di veridicità dei dati.

Compilate tutte le schermate proposte, premi nuovamente sul pulsante Avanti, controlla che i dati immessi siano corretti e, se necessario, utilizza il campo di testo Note e/o il pulsante Allegati per inserire documenti aggiuntivi, utili a confermare ulteriormente la veridicità dei dati inseriti.

Come fare domanda disoccupazione online

A tal riguardo, voglio farti presente che le informazioni inserite all’interno dei moduli di richiesta hanno valore di autocertificazione e, per questo motivo, devono corrispondere a verità. Qualora sussistesse il dubbio di sospette dichiarazioni mendaci o fasulle, l’INPS potrebbe ricontattarti per ulteriori accertamenti; nel peggiore dei casi, potresti addirittura incorrere in sanzioni civili o penali.

Ad ogni modo, effettuate tutte le verifiche del caso, procedi con l’invio della richiesta, cliccando sul pulsante Conferma collocato in basso a destra: dopo alcuni istanti, dovresti visualizzare un pannello contenente la data della richiesta, il numero di protocollo e alcune altre informazioni utili. Per stampare la domanda e la ricevuta, puoi usare i pulsanti residenti in basso.

Tutte le comunicazioni inerenti lo stato e l’esito della domanda verranno recapitate tramite email e resteranno disponibili nell’area messaggi del profilo INPS. Al bisogno, puoi altresì visualizzare lo stato della domanda tramite il portale INPS, accedendo alla scheda del servizio NASpI e cliccando sulla voce Consultazione domande, residente nella barra laterale di sinistra.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.