Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come mettere musica su iPod senza iTunes

di

Nonostante l’avvento degli smartphone, ascolti ogni giorno le tue canzoni preferite sul tuo fido iPod: non riesci proprio a farne a meno e, anzi, ti capita sempre più spesso di scaricare nuovi brani sul PC, che poi vorresti caricare sul tuo player. Il problema, però, è che iTunes, l’applicazione sviluppata da Apple per sincronizzare i file musicali su iPod, iPhone e iPad, ha delle limitazioni e uno stile di gestione dei brani che proprio non ti vanno giù. Vai quindi alla ricerca di valide alternative a quest’ultimo e, facendo una ricerca su Google, sei finito qui, sul mio sito Web. Le cose stanno così, vero? Allora sono lieto di annunciarti che posso darti una mano a raggiungere il tuo obiettivo,

Esistono, infatti, tutta una serie di strumenti gratuiti (alcuni fruibili anche direttamente su iPod touch, tramite app) che consentono di spostare file audio o video dal computer all’iPod e viceversa. Tali software costituiscono una concreta e valida alternativa al classico e a volte complicato iTunes, sostituendo il media player della Apple nella gestione della libreria multimediale. Sono inoltre abbastanza semplici e intuitivi da imparare ad usare.

Allora? Ti va di approfondire l’argomento e di scoprire, in dettaglio, come mettere musica sull’iPod senza iTunes? Se la tua risposta è affermativa, mettiti subito bello comodo e prova le soluzioni che sto per elencarti di seguito. A me non resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e buon ascolto!

Indice

Informazioni preliminari

Informazioni preliminari iPod

Come ti ho anticipato più sopra, iTunes è un programma che può rivelarsi poco agevole per lo spostamento dei file. Tuttavia, affinché tu possa usufruire delle soluzioni alternative che sto per menzionarti, è necessario che iTunes sia stato precedentemente installato nel computer, per via di alcuni driver indispensabili a stabilire la comunicazione tra l’iPod e il PC. Se stai usando Windows e non disponi di iTunes, puoi installarlo leggendo il mio tutorial al riguardo. Se, invece, ti trovi su Mac, puoi saltare questo passaggio, in quanto iTunes è già preinstallato nel sistema (da macOS 10.15 Catalina è stato sostituito dall’applicazione Musica).

Detto questo, esistono diversi modi per mettere della musica nel proprio iPod senza appoggiarsi direttamente ad iTunes, la maggior parte dei quali sono gratuiti e di immediato utilizzo. A seconda delle tue esigenze, puoi provarli sia che tu utilizzi piattaforme Windows o macOS, oppure che tu preferisca utilizzare app per iPod touch, le quali includono la possibilità d’appoggiarsi a dei servizi di streaming adatti allo scopo. Ora seguimi attentamente e non distrarti: analizza con calma le varie possibilità, una a una, fino a che troverai quella più adatta a te.

Come mettere musica su iPod senza iTunes gratis

Musica su iPod senza iTunes gratis

In questo paragrafo ti proporrò i tool disponibili per Windows e per macOS, ossia le migliori soluzioni per mettere musica sul tuo iPod, gratis, senza l’utilizzo di iTunes.

iMazing (Windows/macOS)

iMazing per Windows

iMazing è un programma che permette di trasferire file musicali, ma anche messaggi e altri tipologie di dati, tra iPod touch, iPhone, iPad e il computer, consentendo inoltre di eseguire un backup per ciascuno dei dispositivi della “mela morsicata”.

La sua versione gratuita prevede un trasferimento massimo di 100 file, oltre i quali bisogna acquistare una licenza a vita (39,99 € per un computer, 44,99 € per due computer oppure 59,99 € per cinque computer), la quale consente di superare queste limitazioni e sbloccare ulteriori funzionalità.

Se avessi intenzione di sperimentare le potenzialità di iMazing e scaricarne la versione di prova, collegati alla sua pagina ufficiale, quindi clicca sul pulsante Scarica per PC o sul pulsante Scarica per Mac, a seconda della tipologia di computer che stai usando, per avviare il download del file d’installazione (.exe su Windows o .dmg su macOS).

Quando avrai scaricato il file d’installazione di iMazing, avvialo e, se usi Windows, clicca sui pulsanti e Avanti, poi apponi il segno di spunta accanto alla voce Accetto i termini del contratto di licenza, clicca per altre tre volte sul pulsante Avanti e, per concludere, premi sui pulsanti Installa e Fine.

iMazing per Mac

Se, invece, usi macOS, apri il pacchetto .dmg scaricato inizialmente, clicca sul pulsante Agree comparso a schermo e trascina l’icona di iMazing nella cartella Applicazioni del Mac, utilizzando la finestra che ti viene proposta. Al primo avvio, dovrai cliccare su Apri, per bypassare le restrizioni di macOS nei confronti delle applicazioni provenienti da sviluppatori non certificati.

A questo punto, dopo aver connesso il tuo iPod al computer, avvia iMazing dal menu Start (accessibile cliccando sull’icona della bandierina collocata nell’angolo in basso a sinistra dello schermo) o dal Launchpad di macOS (l’icona a forma di razzo situata nella barra Dock).

Nel caso fosse la prima volta che connetti l’iPod al computer in uso, dovresti visualizzare sullo schermo del tuo dispositivo un messaggio che richiede l’autorizzazione per l’abbinamento al computer: tocca sul pulsante Consenti, poi attendi il riconoscimento del dispositivo da parte del software. Se sull’iPod hai impostato un PIN di sblocco, dovrai inserire anche quello.

Una volta tornato al tuo computer, clicca sul pulsante Più tardi, per utilizzare la versione di prova di iMazing (oppure su Acquista licenza per attivare la versione a pagamento), quindi seleziona la voce Trasferimento veloce situata nella pulsantiera centrale del programma. Hai praticamente già finito: per far partire il trasferimento, trascina i file (o i file) da spostare nella finestra principale dell’applicazione e seleziona l’app più idonea su cui memorizzarli (Musica o un altro player audio, nel tuo caso), a seconda della compatibilità.

Tieni bene a mente che, con il suddetto metodo, puoi trasferire più file contemporaneamente, ma in una sola app alla volta. Una volta terminato, clicca sul pulsante Trasferisci, per autorizzare il trasferimento dei file, specificando qualche informazione aggiuntiva, aspettandoti infine il messaggio di conferma dell’avvenuto spostamento.

iExplorer (Windows/macOS)

iExplorer  per Windows

iExplorer è un programma originariamente progettato per “esplorare” la memoria interna di un iPod, iPhone o iPad tramite l’Esplora File di Windows o il Finder di macOS, dando l’opportunità di copiare facilmente sul computer i file contenuti in essa, così come può essere utilizzato per effettuare il passaggio opposto.

È possibile utilizzarlo tramite una versione gratuita di prova, la quale prevede diverse limitazioni, ad esempio l’impossibilità di non poter spostare più di 10 file musicali alla volta o più di 150 MB di dati complessivi. Per sbloccare tutte le funzioni è necessario acquistare una licenza d’uso (39,99 $ per un computer, 49,99 $ per due computer o 69,99 $ per cinque computer).

Per ottenere la versione di prova del programma, collegati al suo sito Internet ufficiale, clicca sul pulsante Download iExplorer e attendi che il pacchetto d’installazione (.exe su Windows e .dmg su macOS) venga scaricato del tutto.

Arrivato a questo punto, se stai utilizzando Windows, apri il file scaricato e, se richiesto, avvia l’installazione del framework .NET di Microsoft (un componente gratuito necessario al funzionamento del software), cliccando sul pulsante Accept. Dopodiché clicca sul bottone Installa e aspetta che il download e l’installazione di tutti i file di iExplorer vengano completati in automatico.

Se, invece, stai usando un Mac, apri il pacchetto .dmg scaricato prima e trascina l’icona del programma nella cartella Applicazioni di macOS. Al primo avvio, ricordati di bypassare le restrizioni di macOS per le applicazioni non certificate, premendo su Apri.

iExplorer per Mac

Una volta che avrai concluso i passaggi fondamentali per installare iExplorer, collega l’iPod al computer e lancia il programma: se richiesto, clicca sul bottone Ok e poi sul bottone Continue with Demo, collocato in basso a destra, per continuare a usare la versione gratuita.

Ora che hai avuto accesso alla finestra principale, clicca sul pulsante Files, collocato nella sezione centrale e, per poter copiare i tuoi file in sicurezza senza rischiare di modificare zone di memoria sconosciute, clicca sul bottone Documents folder che compare nel pannello seguente: per iniziare il trasferimento, non devi fare altro che trascinare i file di tua preferenza nella schermata del programma.

Attenzione: i file che verranno copiati nella suddetta cartella potranno essere visualizzati esplorando la memoria del tuo iPod dal computer, ma non solamente utilizzando il device stesso; quindi non potrai ascoltarli direttamente dall’app Musica del dispositivo.

Finder (macOS)

iPod Finder per macOS

Nel caso in cui utilizzassi macOS 10.15 Catalina o una versione successiva del sistema operativo Apple, iTunes non è più disponibile. Per poter gestire i file presenti sul tuo dispositivo, devi usare il Finder, cliccando sull’icona iPod dalla barra laterale di sinistra e selezionando la scheda File, in alto a destra.

Le procedure da seguire per il trasferimento dei file, poi sono del tutto simili a quelle per già illustrate per iTunes, disponibili in questo mio tutorial.

AirDrop (macOS)

iPod AirDrop macOS

AirDrop, se non ne avessi mai sentito parlare, è il canale preferenziale sviluppato da Apple per il trasferimento dei file tra la maggioranza dei dispositivi che produce, incluso l’iPod touch. Si utilizza tramite Bluetooth e Wi-Fi (quindi può essere utilizzato solo su modelli di iPod che supportano queste tecnologie), ed è disponibile su ogni Mac prodotto in seguito al 2012 e su ogni iPhone, iPad o iPod touch equipaggiato con iOS 7 o versioni successive.

Per poterlo utilizzare, attiva prima di tutto la ricezione dei file sul Mac: dalla barra dei menu di macOS, accedi al menu Vai > AirDrop, poi, se il Wi-Fi e il Bluetooth sono entrambi attivi, puoi utilizzare subito il servizio, altrimenti clicca sul pulsante mostrato a schermo per attivare ambedue le modalità di connessione.

Ora prendi il tuo iPod touch, vai nel menu Impostazioni > Generali > AirDrop di iOS e, nel caso in cui il Mac con cui vuoi connetterti non è associato ad alcun contatto in rubrica, premi l’opzione Tutti; in caso contrario, premi l’opzione Solo contatti. Ora, tornato al Mac, trascina i file da trasferire nell’iPod sulla foto relativa all’iPod (nella finestra di AirDrop).

Se dovessi avere qualche dubbio, ti invito a consultare la mia guida in merito a come funziona AirDrop, dove potrai approfondire nei minimi dettagli le particolarità di questa tecnologia.

Altre soluzioni per mettere musica su iPod senza iTunes

Soluzioni musica su iPod senza iTunes

Se non hai trovato ciò che cercavi tra le soluzioni che ti ho consigliato finora, puoi sempre provare a utilizzare queste altre risorse, altrettanto valide.

  • CopyTrans Manager (Windows) – è un software completamente gratuito che ti permette di spostare le tue tracce dal computer al tuo iPod (oppure il contrario), senza sincronizzarsi con iTunes. Consente la personalizzazione della libreria musicale e delle playlist, la scoperta dei duplicati in pochi clic e la compatibilità con Apple Music. Attualmente è disponibile solamente una versione compatibile con Windows.
  • MediaMonkey (Windows) – costituisce un’interessante alternativa a iTunes, presentandosi come un media player in grado di gestire un iPod in maniera davvero completa, accedendovi come se fosse una normale chiavetta USB. Consente di spostare agilmente file musicali, impostare sincronizzazione automatica e importare l’intera libreria iTunes, oltre che ascoltare i propri brani in streaming. Prevede una versione Gold (a partire da 24,95 $) con funzionalità di archiviazione, organizzazione e conversione avanzate rispetto alla versione gratuita.
  • iMusic (Windows/macOS) – si tratta di un altro programma che consente di trasferire musica, podcast, playlist e video tra i dispositivi della “mela morsicata” e il computer e viceversa. Include una libreria integrata, nonché la possibilità di scaricare canzoni da oltre 3000 siti di musica, di registrare audio a piacimento e impostare vari piani di backup. La versione di prova prevede il trasferimento al massimo di 10 tracce e il download al massimo di 10 file, dopodiché è necessario acquistare la versione a pagamento (a partire da 39,95 € all’anno).

App per scaricare musica su iPod senza iTunes

App per scaricare musica su iPod senza iTunes

Ti piacerebbe scaricare musica direttamente dal tuo iPod touch, senza passare per il computer? Allora da’ un’occhiata alle applicazioni elencate di seguito: scommetto che sapranno soddisfarti.

Servizi di streaming

Apple Music iPhone

Se una delle cose che più ti dà noia è il doverti appoggiare al computer per trasferire la musica che preferisci sul tuo iPod, puoi affidarti ai servizi di streaming musicale: come sicuramente già saprai, si tratta di servizi con cui è possibile accedere a cataloghi di milioni di brani, album e playlist tramite Internet (con la funzione di download offline disponibile con i piani a pagamento).

Apple Music, ad esempio, è il servizio di streaming musicale realizzato direttamente dall’azienda di Cupertino, incluso “di serie” nell’app Musica di iPod e macOS (o in iTunes, su Windows e sulle versioni meno recenti di macOS). Dopo un’iniziale prova gratuita di 3 mesi, prevede un abbonamento a 9,99 €/mese (o 14,99 € per il piano famiglia), comprensivo del servizio “Libreria musicale di iCloud”, per poter sincronizzare i propri brani preferiti su tutti i propri dispositivi (anche le canzoni non incluse nel catalogo di Apple Music). Grazie alle funzioni Per te, Scopri, Radio e Libreria, permette l’utilizzo dei brani desiderati; è attivabile tramite l’opzione presente nel menu Impostazioni > Musica di iPod. Puoi approfondirne le numerose funzioni leggendo il mio tutorial scritto in proposito.

Spotify è semplicemente il servizio di streaming musicale più rinomato al mondo, compatibile con la maggior parte dei dispositivi iOS, così come computer, tablet e perfino Apple TV. Prevede diversi piani di abbonamento: quello gratuito, che dà la possibilità di ascoltare tutti i brani a catalogo con delle interruzioni pubblicitarie, l’ascolto della musica in modalità shuffle su iPod e iPhone, una qualità streaming limitata a 160 kbps e nessuna possibilità di download offline. Ci sono poi le versioni a pagamento (Premium a 9,99 €/mese e Family a 14,99 €/mese, che danno accesso all’alta qualità e ad altre funzionalità avanzate. L’accesso ai contenuti, in ogni caso, inizia dal menu Naviga, tramite il quale si possono scoprire le tendenze del momento, le classifiche e le nuove uscite. Per ulteriori informazioni, prova a leggere la mia guida completa al riguardo.

Amazon Music rappresenta invece, a tutti gli effetti, il servizio di streaming audio dell’omonimo big dell’e-commerce concorrente a Apple, Spotify e così via. È fruibile tramite l’abbonamento Prime, noto servizio a pagamento di Amazon per le consegne gratuite, il quale permette l’accesso parziale al suo catalogo (2 milioni su 50 milioni di brani). Dopo un mese o più di prova gratis, costa 9,99 €/mese. L’utilizzo tramite iPod include inoltre la possibilità di effettuare download in locale delle tracce, fruibili nella sezione Musica dell’applicazione. Se sei interessato, puoi consultare il mio articolo scritto in merito.

Se, invece, vuoi scoprire altre app per ascoltare e scaricare musica gratis, dai un’occhiata al mio approfondimento dedicato.

Altre app per scaricare musica su iPod

Suonerie per iPhone

Ovviamente, le opzioni per poter mettere musica sul tuo iPod, senza iTunes, non si fermano qui: ci sono diverse altre app che permettono di farlo, come quelle per la ricerca di brani dalla Rete e quelle per le suonerie gratis: per saperne di più, ti invito a leggere i miei tutorial su come scaricare musica gratis su iPhone e sulle suonerie per iPhone, valide anche per gli iPod.

Attenzione: scaricare abusivamente da Internet brani musicali protetti da diritto d’autore è illegale, la guida che ti ho suggerito di consultare è stata scritta esclusivamente a scopo illustrativo. Tieni conto del fatto che non è assolutamente mia intenzione incentivare la pirateria e, pertanto, non mi assumo alcuna responsabilità su come tu possa usare le informazioni presenti nel post.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.