Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come ricaricare TIM Pay

di

Hai deciso di ricevere e attivare gratuitamente TIM Pay powered by HYPE, la carta prepagata di TIM offerta a tutti i clienti con contratto, fisso o mobile, e in possesso di un account MyTIM. Ottima decisione! La carta è arrivata, l’hai attivata e tutto è andato per il meglio. Peccato solo che adesso, quando è giunto il momento di usarla, non sai bene come ricaricala per effettuare i tuoi pagamenti.

Ho indovinato? Sì? Allora sei stato fortunato ad approdare su questo tutorial! Nelle prossime righe, infatti, ti spiegherò in maniera dettagliata come ricaricare TIM Pay attraverso tutte le modalità messe a disposizione da TIM. Devi sapere che ricaricare la tua carta è un’operazione semplice e che può essere svolta tramite più modalità, sia online che fisiche.

Come dici? Non vedi l’ora di saperne di più? Allora mettiti comodo e prenditi qualche minuto di tempo libero per leggere bene quello che ti sto per dire. Dopodiché scegli la modalità di ricarica che preferisci e, seguendo le istruzioni che trovi di seguito, mettila in pratica. Nel giro di poco tempo vedrai la cifra da te scelta accreditata sulla tua carta e potrai procedere con i tuoi acquisti tramite la carta TIM Pay.

Indice

Come ricaricare carta TIM Pay

Informazioni TIM Pay

Prima di procedere con l’analisi delle diverse modalità di ricarica a tua disposizione, è utile che tu abbia qualche informazione in più su TIM Pay, cioè sulla tua carta, sui pagamenti e sui suoi limiti di utilizzo. In questo modo potrai orientarti meglio quando effettuerai le tue ricariche, i bonifici e i pagamenti.

Ebbene, TIM Pay è una carta del circuito Mastercard realizzata in partnership con HYPE, il celebre conto di moneta elettronica di Banca Sella. Si configura come un portafoglio virtuale con la possibilità aggiuntiva di richiedere una carta fisica per effettuare pagamenti come con qualsiasi altra normale prepagata.

Maggiori informazioni su HYPEMaggiori informazioni su HYPE PlusMaggiori informazioni su HYPE Premium

Come ti ho accennato in precedenza, l’attivazione di TIM Pay è gratuita per tutti i clienti TIM in possesso di un numero fisso o mobile (anche minorenni, ma al di sopra dei 12 anni di età) e di un account MyTIM. Quest’ultimo, infatti, condivide le credenziali di accesso con l’app TIMpersonal, disponibile per Android e per iOS, che puoi utilizzare per gestire il tuo portafoglio virtuale e la tua carta (l’app è compatibile con dispositivi Android 5.0 e successivi, con iOS 10.3 e successivi, mentre il funzionamento non è garantito con smartphone dual SIM, tablet e iPad).

Sempre tramite l’app TIMpersonal potrai svolgere varie operazioni, come controllare il saldo e la lista dei movimenti, effettuare bonifici, inviare denaro agli amici, richiedere e bloccare la carta (oppure metterla in pausa completamente o bloccando solo alcuni tipi di pagamenti), fare ricariche telefoniche ed effettuare i pagamenti con Google Pay e Apple Pay.

Richiedendo l’attivazione di TIM Pay tramite app ed effettuando le ricariche della carta sempre tramite questo strumento, potrai godere di alcuni vantaggi, come credito telefonico e traffico Internet extra sul telefonino per 12 mesi (accedendo almeno una volta al mese all’app e compiendo un’azione tramite essa).

Il conto e la carta non hanno costi di gestione, quindi non ti verrà addebitata nessuna cifra per tutto il tempo in cui deciderai di utilizzarli.

Per quanto riguarda i pagamenti, potrai pagare online su tutti gli e-commerce e nei negozi fisici, tramite la modalità contactless. In alternativa potrai effettuare i pagamenti anche nei negozi abilitati alla funzione Paga con HYPE tramite smartphone. Se non sai di cosa si tratta e desideri più informazioni sul pagamento di HYPE tramite telefono, ti consiglio di leggere la mia guida sull’argomento.

Con la carta fisica, invece, potrai effettuare i pagamenti in qualsiasi negozio dotato di POS (anche abilitato al pagamento contactless), come avviene per la maggioranza delle carte prepagate. Inoltre potrai prelevare il tuo denaro da ogni sportello ATM, in maniera gratuita, sia in Italia che in Europa.

TIM Pay possiede, però, dei limiti di utilizzo. È possibile inviare e ricevere denaro per un totale di 500 euro al giorno, con un importo massimo di 250 euro per ricarica e un limite di due ricaricare nell’arco di 24 ore. Annualmente, invece, possono essere caricati sulla carta un massimo di 2.500 euro. Maggiori info qui.

Ora che conosci tutte le informazioni principali e, soprattutto, i limiti consentiti dalla tua carta puoi procedere risolvendo il tuo principale dubbio: come ricaricare TIM Pay. Di seguito trovi tutte le modalità a tua disposizione.

Come ricaricare TIM Pay con PayPal

Ricarica con PayPal

PayPal è un conto online che consente di ricevere e inviare pagamenti. Esso è associabile a una carta di pagamento oppure a un conto corrente e permette trasferimenti di denaro a terzi o a sé stessi senza rivelare coordinate bancarie o numero di carta.

Se iti stai chiedendo se puoi usarlo per ricaricare TIM Pay, devo informarti che la risposta è negativa: purtroppo non è previsto lo scambio di denaro direttamente dal conto PayPal alla propria carta TIM Pay. Anche associando la carta al proprio conto PayPal, infatti, non è possibile ricaricarla in quanto l’unico circuito accettato è Visa (e non Mastercard, a cui si appoggia la carta TIM).

L’unico modo consentito per associare i due portafogli virtuali è collegare la carta TIM Pay tramite IBAN, sfruttandola come un conto corrente. Per farlo puoi procedere in questo modo: recati sulla pagina ufficiale di PayPal e accedi, inserendo le tue credenziali, al tuo portafoglio virtuale.

Nella pagina riepilogativa cerca la voce Conti bancari e carte (in basso a destra) e clicca sul pulsante Collega una carta o un contro bancario. Ora inserisci il codice IBAN della tua carta e clicca sul pulsante Accetta e collega.

A questo punto, clicca nuovamente sul pulsante Accetta e poi su Richiedi gli accrediti. Verranno addebitate, e successivamente restituite, due piccole somme per confermare il conto corrente.

Ad operazione avvenuta (potrebbero volerci un paio di giorni), controlla la tua casella email: ci sarà un nuovo messaggio dall’assistenza PayPal nel quale verrà confermata l’autorizzazione del mandato di addebito. Ora, tornando sul sito di PayPal, potrai confermare definitivamente il conto cliccando sul pulsante Conferma conto bancario , inserendo gli importi esatti addebitati da PayPal sul conto e cliccando sul pulsante Conferma.

Ora che i due portafogli virtuali sono collegati, non ti resta che trasferire il denaro presente sul conto PayPal al nuovo conto corrente che hai inserito. Per farlo, dal menu in cima alla pagina, seleziona la voce Portafoglio e, nella nuova pagina che si è aperta, clicca sul pulsante Trasferisci denaro.

Una volta fatto ciò, si aprirà una nuova pagina dalla quale potrai decidere dove trasferire il tuo denaro. Seleziona, quindi, il conto corrente bancario, compila l’importo ed esegui la transazione (potrebbero volerci uno o due giorni lavorativi per il trasferimento dell’importo). Maggiori info qui.

Come ricaricare TIM Pay con Postepay

Postepay

TIM offre la possibilità di ricaricare la propria carta TIM Pay tramite una carta di pagamento dei circuiti Visa e Mastercard, purché dotate dei protocolli Verified by Visa o 3D Secure Code. È quindi possibile utilizzare qualsiasi carta che possegga queste caratteristiche, compresa la Postepay.

Di conseguenza, puoi trasferire il saldo presente nella Postepay all’interno della tua carta TIM. La procedura è abbastanza semplice: ti basta aprire l’app TIMpersonal sul tuo smartphone e accedere alla sezione TIM Pay della stessa.

A questo punto, devi selezionare la voce Ricarica TIM Pay e, se non lo hai ancora fatto, inserire la carta Postepay che vuoi utilizzare per la ricarica, compilando il modulo con tutti i dati richiesti (Nome del titolare, codice identificativo della carta, scadenza e CVC). Una volta che la carta sarà stata inserita, selezionala, stabilisci l’importo da trasferire e termina la transazione seguendo le indicazioni su schermo. L’accredito, in questo caso, sarà immediato.

Se la carta non dovesse funzionare, probabilmente, sarà necessario abilitarla ai protocolli di sicurezza richiesti da TIM Pay tramite registrazione. Per farlo puoi recarti sul sito di Poste Italiane e seguire la procedura guidata, andare personalmente in un ufficio postale oppure utilizzare un ATM Postamat.

Ti serviranno solamente la tua carta d’identità (se ti rechi in ufficio), la Postepay, il PIN e il tuo numero di cellulare sul quale far arrivare, di volta in volta, la OTP (One Time Password) da inserire al momento del pagamento. Se possiedi Postepay Evolution o Postepay nominative MasterCard, invece, il servizio è già abilitato.

Per completezza di informazione, ti comunico anche che possono essere associate a TIM Pay un massimo di 5 carte e ogni carta utilizzata deve essere intestata al titolare di TIM Pay. Non possono essere usate, quindi, carte di terzi per effettuare le ricariche.

Come ricaricare TIM Pay con bonifico

Ricaricare Bonifico

Un’altra modalità di ricarica messa a disposizione da TIM per la sua carta ricaricabile è il bonifico bancario SEPA. TIM Pay, infatti, è dotata di codice IBAN che consente di ricevere ed effettuare bonifici (eseguibili senza costi di commissione).

Per effettuare la ricarica tramite bonifico, non devi far altro che procedere tramite l’app o il sito di home banking del tuo istituto (se non sai come accedervi, potrebbe esserti utile la mia guida al riguardo) o recarti fisicamente allo sportello di una banca.

Ti basterà, dunque, compilare il bonifico con l’IBAN della carta TIM Pay e tutti gli altri dati richiesti (dati personali, dati del beneficiario, importo, data e causale). L’accredito seguirà i tempi previsti dalla banca di riferimento (normalmente uno o due giorni lavorativi).

Una valida alternativa al bonifico, che si avvale sempre di un circuito bancario, è la modalità di ricarica tramite gli sportelli abilitati al circuito “QuiMultibanca”. Dagli sportelli in questione ti basterà selezionare la voce Ricarica Prepagata e procedere seguendo la procedura guidata.

Come ricaricare TIM Pay con credito telefonico

Ricaricare con credito telefonico

Ti stai chiedendo se puoi ricaricare la tua carta TIM tramite il tuo credito telefonico? Mi dispiace informati che la risposta, in questo caso, è negativa.

Puoi effettuare, però, alcune operazioni che hanno a che fare con il credito. Sulla tua carta TIM Pay, ad esempio, puoi decidere di addebitare la tua offerta mobile o il servizio Ricarica Automatica. In questo modo non dovrai effettuare ricariche manuali del credito o utilizzare un altro conto corrente per le ricariche automatiche allo scadere dell’offerta.

Cosa succede, invece, se decidi di cambiare operatore mobile? Niente di drammatico. Potrai comunque continuare a utilizzare la tua carta ma perderai i vantaggi esclusivi per i clienti TIM, come i Giga in omaggio.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.