Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come sapere se una persona sta chattando su Facebook

di

Da quando tuo figlio si è iscritto a Facebook, non fa altro che chattare a qualsiasi ora del giorno e della notte con i suoi amici. Quando tu gli chiedi se stia effettivamente conversando con qualcuno, però, lui quasi sempre ti dice che non lo sta facendo. Tu però hai il sospetto che ti menta e, visto che vuoi vederci chiaro, hai deciso di cercare una soluzione su Internet che possa aiutarti a capire quando tuo figlio è effettivamente impegnato in chat. Dopo aver cercato come sapere se una persona sta chattando su Facebook su un motore di ricerca, sei quindi finito su questo tutorial.

Dato che sei qui, ho il dovere di aiutarti a capire quando tuo figlio (o un qualsiasi altro utente) potrebbe essere impegnato in una conversazione su Facebook Messenger, ma prima di addentrarci nel vivo della guida devo fare una doverosa precisazione: per questioni legate alla privacy, Facebook non permette di sapere con esattezza se una determinata persona sta effettivamente chattando oppure no. Ciò nonostante, il social network permette di sapere quando una persona è online, e questo è un’importantissimo indizio che puoi aiutarti a capire quando una persona sta (probabilmente) chattando con un altro utente. Fin qui tutto chiaro? Bene, allora direi di non perderci in ulteriori chiacchiere e andiamo avanti.

Nei prossimi paragrafi ti spiegherò come puoi sapere se una persona è online su Facebook e ti mostrerò anche come puoi capire se una persona con cui stai chattando sta effettivamente scrivendo un messaggio o se, almeno temporaneamente, ha abbandonato la conversazione. Sei pronto per iniziare? Mettiti dunque comodo, prenditi tutto il tempo necessario per leggere con attenzione le informazioni che trovi scritte qui sotto e vedrai che riuscirai a capire quando una persona sta (probabilmente) chattando su Facebook. Non mi resta che augurarti buona lettura!

Indice

Controllare lo stato online di un utente

Sapere se una persona è online su Facebook  è l’unica “arma” che hai a tua disposizione per sapere se una persona sta chattando su Facebook, o meglio… per presumere che stia facendo ciò. Per questa ragione ti invito a leggere con attenzione i prossimi paragrafi in cui ti spiego come controllare lo stato online di una persona, determinato dalla presenza di un pallino verde accanto al suo nome, sia che tu voglia far ciò dal tuo smartphone, dal tuo tablet o dal tuo computer.

Smartphone e tablet

Per sapere se una persona è online su Facebook tramite smartphone o tablet, avvia l’applicazione di Facebook Messenger per Android o iOS e, nella sua schermata iniziale, fai tap sulla scheda Attivi (N) per accedere all’elenco degli utenti che sono attivi in un dato momento. Come puoi notare, gli utenti che sono elencati nella sezione “Attivi” sono tutti contraddistinti dal pallino verde che indica il loro stato online. Facendo tap sul nome di uno di essi, inoltre, visualizzerai la scritta Attivo/a ora immediatamente sotto il nome del contatto selezionato.

Non riesci a visualizzare lo stato online di nessun utente? Molto probabilmente hai impostato il tuo account in modo tale da risultare non attivo su Messenger. Per visualizzare nuovamente quali utenti sono attivi, devi per forza di cose “mettere a nudo” il tuo account e permettere agli altri di capire quando anche tu sei online. Come puoi far ciò? Te lo spiego subito.

Se hai un dispositivo Android, avvia l’app di Messenger, pigia sul simbolo dell’elenco puntato (in basso) per accedere alle Impostazioni, nella schermata che si apre fai tap sulla scheda Attivi e imposta su ON l’interruttore situato accanto al tuo nome.

Se, invece, hai un dispositivo iOS e non riesci a visualizzare il pallino verde accanto al nome dei tuoi contatti, avvia la app di Messenger sul tuo iPhone o sul tuo iPad, pigia sulla voce Persone (il simbolo dell’elenco puntato situato in basso), fai tap sulla scheda Attivi e, per risultare nuovamente visibile ai tuoi contatti, sposta su ON la levetta dell’interruttore situata accanto al tuo nome.


Computer

Vuoi verificare se un utente è online su Facebook dal computer? Niente di più semplice! Collegati al sito Internet di Facebook, effettua il login inserendo le tue credenziali d’accesso e sul lato destro dello schermo dovresti visualizzare non solo gli utenti che sono attualmente attivi, e che sono contrassegnati dal “solito” pallino verde, ma anche coloro che erano attivi fino a qualche momento fa i quali sono contraddistinti dalla dicitura 1m (che significa attivo 1 minuto fa), 3h (che significa attivo 3 ore fa), etc. Ovviamente, gli utenti contrassegnati dal pallino verde e che pertanto risultano online, potrebbero essere impegnati in una chat con qualche altro utente di Facebook.

Se non riesci a visualizzare il menu laterale di destra contenente la lista di tutti i contatti attivi, molto probabilmente hai effettuato lo zoom della pagina e, in modo automatico, Facebook ha impostato un altro layout alla schermata che visualizzi. Anche in questo caso, però, puoi visualizzare i contatti che sono online sfruttando due soluzioni diverse: rimpicciolire la pagina Web aperta nel browser utilizzando la combinazione di tasti ctrl+0 (Windows) o cmd+0 (macOS) oppure cliccare sulla scheda Chat (N), che dovresti visualizzare in basso a destra dello schermo, e lasciare il layout così com’è.

Se decidi di optare per la seconda soluzione, clicca sul riquadro Chat (N) e, come per “magia”, appariranno tutti i contatti che sono attivi in un dato momento.

Nota: alcuni utenti potrebbero aver modificato alcune impostazioni del proprio account e potrebbero risultare “invisibili”, cioè non attivi. In tal caso, non è possibile sapere in alcun modo se e quando tali utenti sono online.

Sapere se una persona sta chattando su Facebook

Se stai chattando con un tuo amico, puoi sapere con esattezza se ti sta scrivendo un messaggio o meno. Questa informazione è particolarmente utile se, dopo diversi minuti, le risposte del tuo contatto tardano ad arrivare. Facebook Messenger (come molti altri servizi di messaggistica istantanea) offre una funzione che si attiva quando chi è dall’altra parte dello schermo richiama la tastiera per scriverti un messaggio.

La funzione in questione consiste nel visualizzare sullo schermo il simbolo (…) che indica proprio la digitazione del messaggio da parte dell’amico con cui stai chattando. Questa funzione è attiva di default e, per tale ragione, non è necessario recarsi nelle impostazioni di Facebook per attivarla. Eri a conoscenza di questo piccolo “trucchetto”?

App per vedere se una persona sta chattando su Messenger

Come ti ho già ripetuto più volte nel corso di questa guida, Facebook non consente, almeno ufficialmente, di sapere se un utente sta effettivamente chattando su Messenger oppure no. Per rispettare il diritto alla privacy dei propri utenti, il social network di Mark Zuckerberg non ha incluso una funzione che possa consentire di tracciare fino a questo punto l’attività di ogni singolo utente. Tuttavia, è possibile aggirare questo “muro” eretto da Facebook utilizzando alcune app pensate per il parental control.

Le app per il parental control, come facilmente intuibile dal loro nome, sono nate con lo scopo di permettere ai genitori di controllare le attività che i propri figli fanno online sui propri dispositivi. Forzando il funzionamento di questo genere di applicazioni, molte delle quali sono a pagamento, è possibile tracciare l’attività dei propri figli e degli altri componenti della propria famiglia: visualizzare gli SMS e le chat, consultare la cronologia Web, accedere all’elenco delle chiamate che sono state effettuate in entrata e in uscita e molto altro ancora.

Utilizzando le app per il parental control, quindi, puoi effettivamente scoprire se i tuoi figli (e potenzialmente anche altri utenti) stanno effettivamente chattando su Messenger oppure no. Ti piacerebbe sapere quali sono le migliori app per il controllo genitoriale? In tal caso dai un’occhiata alle soluzioni che trovi elencate nelle prossime righe.

  • Qustodio — questa è senza alcuna ombra di dubbio una delle migliori applicazioni per il parental control che è possibile installare su uno smartphone o su un tablet Android o iOS. Qustodio offre la possibilità di tracciare praticamente tutte le attività che il proprio figlio fa durante la giornata: dagli SMS inviati alle applicazioni utilizzate, dalle telefonate effettuate in entrata e in uscita alla cronologia Web. Come se ciò non bastasse, Qustodio permette persino di risalire all’esatta posizione geografica del dispositivo che è messo sotto controllo. Questa app può essere scaricata in modo gratuito ma, per accedere a tutte le funzioni che vi sono incluse (come il controllo dell’attività social), è necessario sottoscrivere un piano d’abbonamento che, nel momento in cui scrivo, è di 53,99 euro/anno. Ti piacerebbe avere maggiori info su come utilizzare al meglio Qustodio? Leggi l’approfondimento in cui ti spiego come spiare Android e troverai tutto ciò che ti serve.
  • Mobile Fence — questa è un’altra eccellente app disponibile su Android che puoi scaricare per vedere se una persona, in questo caso tuo figlio, sta chattando su Messenger. Mobile Fence, proprio come Qustodio, permette di monitorare gli SMS, le chat, le chiamate e la cronologia Web. Inoltre, permette di localizzare l’esatta posizione geografica del dispositivo messo sotto controllo, limitare da remoto le attività che vengono svolte dall’utente che sta utilizzando il terminale e impostare degli alert quando il device sotto controllo riceve messaggi contenenti una determinata parola impostata precedentemente dai genitori. Per utilizzare l’app è necessario sottoscrivere un abbonamento annuale che costa 28,80 dollari/anno. Prima di sottoscrivere l’abbonamento, ti consiglio di provare la trial dell’app che ha una durata di 30 giorni. Anche in questo caso, se vuoi avere maggiori info e dettagli sull’utilizzo dell’applicazione, non devi fare altro che leggere il mio tutorial in cui spiego come spiare un cellulare Android.

Attenzione: monitorare senza permesso le attività di altre persone costituisce una grave violazione della privacy e, in alcuni casi, potrebbe rappresentare un reato perseguibile penalmente. Le informazioni che ho riportato in questo articolo sono state scritte a puro scopo illustrativo e, pertanto, non mi assumo alcuna responsabilità circa l’uso che potresti farne.