Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come sbannare account PSN

di

Accendendo la tua PlayStation, hai notato la comparsa di un messaggio indicante la temporanea o definitiva sospensione del tuo account PSN a causa di violazioni delle linee di condotta del servizio? Beh, mi spiace dirtelo, ma con ogni probabilità il tuo account PSN è stato bannato da Sony. In genere, ciò avviene quando vengono vengono messi in atto comportamenti nocivi ai danni di altri utenti, comportamenti scorretti durante il gioco oppure altre tecniche scorrette tese a ottenere vantaggi a cui gli utenti, altrimenti, non dovrebbero avere diritto.

Come scoprirai nel corso di questa guida, sbannare account PSN non è una cosa immediata, e le probabilità di riuscirci sono strettamente connesse al tipo di violazione riscontrata. Tra le altre cose, la sospensione del proprio account non sempre è a titolo definitivo: se si tratta di un ban temporaneo, infatti, sarà possibile accedere nuovamente al profilo (e ai contenuti digitali ad esso associati, giochi inclusi) al termine del periodo di sospensione.

Se tu sei caduto vittima di un ban che ritieni immotivato, oppure vuoi informazioni concrete su come evitare che ciò accada, non devi fare altro che prenderti qualche minuto di tempo libero e leggere con attenzione tutto quanto ho da spiegarti sul tema: sono sicuro che, a lettura conclusa, avrai le idee ben chiare sul da (non) farsi. Detto ciò, non mi resta altro da fare, se non augurarti una buona lettura!

Indice

Informazioni preliminari

Come sbannare account PSN

Prima di entrare nel vivo di questa guida e di spiegarti, concretamente, come tentare di ottenere nuovamente accesso a un account PSN bannato, lascia che ti dia qualche informazione in più in merito alle motivazioni che potrebbero condurre Sony a limitare un account e alle conseguenze dirette che ciò comporta.

Detto in una sola frase, Sony si riserva il diritto di bannare utenti che infrangono palesemente i termini d’uso del servizio PlayStation Network. In caso di eventi di grave entità oppure di violazioni ripetute provenienti dalla stessa console (seppure da account differenti), Sony potrebbe decidere di bannare il numero di serie della console e di impedire a quest’ultima l’accesso al PSN, a prescindere dall’account usato.

Nello specifico, all’interno dei Termini di Servizio di PlayStation Network è specificato un preciso codice di condotta (capitolo 13), che obbliga ad avere un atteggiamento inclusivo, corretto, educato e rispettoso verso altri utenti, di non imbrogliare, di non effettuare operazioni sull’account che ne violino i termini e, in generale, di non fare nulla che possa danneggiare PSN, i suoi prodotti o la reputazione del servizio e del marchio PlayStation.

A titolo di esempio, di seguito ti indico una serie di comportamenti che dovrebbero essere evitati, per non incorrere nel ban dell’account oppure dell’intera console. La lista completa può essere recuperata al capitolo 13 dei Termini di Servizio di PlayStation Network che ti ho linkato poco fa

  • Non usare un linguaggio incitante all’odio, volgare, offensivo o discriminatorio per età, sesso, religione o altri aspetti strettamente collegati alla persona.
  • Evita atteggiamenti violenti, minacciosi, molesti o persecutori nei confronti di altri utenti.
  • Evita azioni e atteggiamenti illegali.
  • Non condividere immagine di carattere violento, erotico oppure pornografico con altri utenti.
  • Evita di impersonare qualcun altro oppure di ledere la privacy o la proprietà intellettuale di altri utenti.
  • Non imbrogliare, ingannando altri utenti oppure sfruttando bug, glitch, vulnerabilità o meccanismi non intenzionali presenti nei prodotti Sony oppure in PSN, al fine di ottenere vantaggi che altrimenti non ti spetterebbero.
  • Non condividere, noleggiare, vendere, concedere in sub-licenza oppure trasferire il tuo account ad altri.
  • Non acquistare o scambiare il tuo account con altri.
  • Non effettuare richieste di storno (ad es. su PayPal) in seguito ad acquisti mirati, senza godere legittimamente del diritto di rimborso.
  • Non usare tecniche di phishing o sistemi simili per ottenere l’accesso ad altri account.
  • Non inviare messaggi di spam di alcun tipo ad altri utenti.
  • Non inoltrare offerte o consigli per l’acquisto ad altri utenti, senza averne il consenso.
  • Non usare o associare l’account PSN o i suoi prodotti ad attività commerciali.

È importante non pensare di passarla liscia in caso di violazioni: come ti ho spiegato all’interno della mia guida su come bannare su PS4, gli utenti lesi dai comportamenti scorretti verso la propria persona, la propria esperienza di gioco o altro, possono segnalare a Sony i profili PSN potenzialmente colpevoli, fornendo qualsiasi tipo di prova a carico.

Inoltre, la stessa Sony si riserva il diritto di accedere alle informazioni e/o all’attività di ciascun profilo PSN, in qualsiasi momento, al fine di verificare la veridicità delle segnalazioni oppure di effettuare dei controlli in caso di attività valutata sospetta.

Qualora Sony decidesse — a seguito di una segnalazione di comportamento scorretto da parte di utenti o sistemi automatici (con relativa indagine d’approfondimento) — di sancire l’allontanamento dell’utente oppure della console dal PSN, il profilo in questione riceverà sempre un messaggio di posta elettronica presso la casella e-mail associata all’account PlayStation Network, contenente la notifica del ban, la natura dello stesso (se verso utente oppure console) e la durata (se provvisorio, con data di scadenza, oppure permanente e quindi definitivo).

Contestualmente, l’account PSN verrà sospeso e non potrà essere usato da Web, console, smartphone, tablet, computer o altri dispositivi; verrà inoltre inibito l’accesso ai giochi digitali acquistati tramite il profilo in questione, l’accesso ai contenuti digitali e a quelli creati dall’utente sul network.

Se dovessi tentare di accedere a PSN e dovessi ricevere un messaggio d’errore relativo alla sospensione dell’account, dunque, ti invito a consultare la tua casella di posta elettronica e a identificare, al suo interno, il messaggio di notifica di Sony; dai un’occhiata alla cartella Spam, se non trovi l’e-mail nella posta in arrivo.

Come sbannare un account PSN bloccato

Come sbannare un account PSN bloccato

Generalmente, i ban applicati da Sony su PSN, siano essi provvisori, permanenti, limitati all’account oppure estesi anche all’intera console, non possono essere contestati e vengono emessi a titolo definitivo: l’unica eccezione coinvolge il ban per debito dell’account.

In tal caso, è sufficiente saldare il debito e contattare Sony per richiedere la riattivazione del profilo PSN. Dunque, per iniziare, acquista una PSN Card di importo pari o superiore al debito da saldare: dovrai dettarne il codice, in futuro, all’operatore che gestirà la tua richiesta.

PlayStation Network PSN Card 5€ | Codice download per PS4 - Account it...
Vedi offerta su Amazon
PlayStation Network PSN Card 10€ | Codice download per PSN - Account i...
Vedi offerta su Amazon
PlayStation Network PSN Card 15€ | Codice download per PSN - Account i...
Vedi offerta su Amazon
PlayStation Network PSN Card 20€ | Codice download per PSN - Account i...
Vedi offerta su Amazon
PlayStation Network PSN Card 25€ | Codice download per PSN - Account i...
Vedi offerta su Amazon
PlayStation Network PSN Card 30€ | Codice download per PSN - Account i...
Vedi offerta su Amazon
PlayStation Network PSN Card 50€ | Codice download per PSN - Account i...
Vedi offerta su Amazon
PlayStation Network PSN Card 100€ | Codice download per PSN - Account ...
Vedi offerta su Amazon

Inoltre, assicurati di avere a disposizione le informazioni che ti elenco di seguito.

  • Il numero di serie della PlayStation, stampato sulla confezione di vendita oppure sulla parte posteriore della console.
  • I dati dell’account PSN.
  • Il gioco o servizio per il quale è necessario saldare il debito.
  • La data approssimativa della transazione di storno.

Per richiedere assistenza allo staff di Sony, componi il numero 02.36009081 e segui le istruzioni della voce automatica, per accedere all’area dedicata al tuo problema: nel momento in cui scrivo, devi premere il tasto 1, per ottenere assistenza per PlayStation Network e poi il tasto 2, per l’assistenza inerente sistemi e accessori.

Fatta la tua scelta, ti verrà chiesto se autorizzare la registrazione della telefonata, premendo il tasto 1, oppure negarla, schiacciando il tasto 2; ultimato questo passaggio, dovresti essere messo in contatto con un addetto all’assistenza, al quale potrai esporre la tua problematica.

Ti consiglio di ascoltare sempre le indicazioni della voce guida, onde evitare perdite di tempo, in quanto la combinazione di tasti da premere è frequentemente soggetta a variazioni. Se riscontri problemi nel metterti in contatto con Sony, dà un’occhiata alla mia guida su come contattare PSN: potrebbe tornarti utile.

Ad ogni modo, nel corso della telefonata, ti verrà chiesto di indicare le informazioni dell’account, la modalità di saldo del debito e, ovviamente, il codice della PS Card acquistata in precedenza (l’eventuale importo residuo sarà accreditato sul tuo portafoglio PlayStation).

Al termine della chiamata, sarà l’operatore a occuparsi di inoltrare la richiesta agli organi competenti; la riattivazione dell’account potrebbe impiegare diversi giorni, oppure settimane e ti sarà notificata tramite e-mail.

Se hai ricevuto una notifica di ban temporaneo o definitivo contro il tuo account PSN oppure la tua PlayStation per altri motivi, le probabilità di ottenere nuovamente l’accesso (oppure di vedere revocato il ban prima della sua scadenza) sono pressoché rarissime: se ritieni, però, di essere stato bannato per errore, puoi sempre provare a esporre il tuo problema a Sony, contattando l’azienda con le stesse modalità viste in precedenza. Ancora una volta: ricorda che non posso prometterti nulla!

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.