Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come schiarire foto scure

di

Sei un grande appassionato di fotografia, i tuoi scatti sono quasi sempre ottimi, ma ci sono alcune foto che, nonostante siano ben fatte, risultano un po’ troppo scure o, come si dice in gergo, sottoesposte. Fortunatamente puoi riuscire a salvare i tuoi scatti ricorrendo a delle soluzioni per il photo editing. A cosa mi riferisco? A programmi come Photoshop e GIMP, servizi online e app per smartphone e tablet utili allo scopo.

Se vuoi avere qualche informazione in più su come schiarire foto scure utilizzando queste soluzioni, non devi fare altro che continuare a leggere: in questa guida trovi spiegato per filo e per segno come procedere. Anche se, da quel che ho capito, non ti reputi un esperto in fatto di nuove tecnologie e fotoritocco, non hai motivo di preoccuparti: ci penserò io a guidarti passo-passo.

Allora, sei pronto per iniziare? Sì? Alla grande! Coraggio: mettiti bello comodo, prenditi tutto il tempo che ti occorre per concentrarti sulla lettura di questo tutorial e, soprattutto, cerca di mettere in pratica le “dritte” che ti darò. Non mi resta che augurarti buona lettura e buon divertimento!

Indice

Come schiarire delle foto scure da PC

Vediamo innanzitutto come schiarire delle foto scure da PC utilizzando alcuni software o servizi online adatti allo scopo: devi solo scegliere la soluzione che ti sembra più adeguata alle tue necessità.

Come schiarire una foto scura con Photoshop

Photoshop

Partiamo con il programma di fotoritocco più famoso al mondo: Photoshop. Qualora non lo avessi ancora installato sul PC, puoi ottenerne una versione di prova di 7 giorni seguendo questo mio tutorial.

Detto ciò, se hai intenzione di schiarire una foto scura con Photoshop, la prima cosa che devi fare è avviare il programma e importare in esso l’immagine da editare: per riuscirci, puoi ricorrere al menu File > Apri (in alto a sinistra) e selezionare l’immagine di tuo interesse o, più semplicemente, trascinarla nella finestra di Photoshop.

Dopo aver importato l’immagine da schiarire in Photoshop, devi innanzitutto duplicare il livello in cui è presente la stessa: apri, dunque, il menu Livello e seleziona la voce Duplica livello da quest’ultimo. Dopo aver eventualmente rinominato il livello, clicca sul pulsante OK, recati nel menu Immagine > Regolazioni > Ombre/Luci e, come per “magia”, la foto verrà esposta correttamente da Photoshop in modo del tutto automatico.

Comunque sia, sappi che puoi agire in modo “manuale” sulla foto, regolando le ombre e le luci dell’immagine. Tramite il riquadro comparso a schermo, infatti, puoi agire manualmente su ombre e luci spostando i cursori che si trovano in corrispondenza delle diciture Quantità e Fattore.

Apponendo il segno di spunta sulla casella Mostra altre opzioni, inoltre, hai la possibilità di regolare manualmente i parametri relativi al colore e ai mezzitoni mediante le apposite barre di regolazione. Quando sarai soddisfatto del risultato ottenuto, clicca sul pulsante OK presente nel riquadro Ombre/Luci.

Photoshop

Altrimenti, recati nel menu Immagine > Regolazioni > Esposizione e regola manualmente l’esposizione mediante il cursore posto accanto alla dicitura Esposizione. Terminate le modifiche desiderate, clicca sul pulsante OK presente nel riquadro tramite il quale hai agito.

Quando sei pronto per farlo, poi, provvedi a salvare l’immagine che hai editato: recati nel menu File > Salva con nome e decidi se salvarla nei documenti cloud o se salvarla nel tuo computer, cliccando su uno dei pulsanti appositi. Semplice, vero?

Come schiarire una foto scura con GIMP

GIMP

Un’altra soluzione utile per schiarire foto sottoesposte è GIMP, considerata la migliore alternativa gratuita e open source a Photoshop, disponibile per Windows, macOS e Linux. Prima di spiegarti come utilizzarlo a tale scopo, permettimi di guidarti nella sua installazione.

Per scaricare GIMP, recati su questa pagina, fai clic sul pulsante rosso Download x.xx.x e poi sul bottone Download GIMP x.xx.x directly.

A download completato, se utilizzi Windows, apri il file .exe che hai ottenuto e fai clic sui pulsanti OKInstalla e Fine, per concludere il setup. Se usi un Mac, invece, trascina GIMP nella cartella Applicazioni di macOS, fai clic destro sull’icona del programma e seleziona la voce Apri per due volte consecutive, per “bypassare” le restrizioni imposte da Apple verso i programmi non certificati (operazione che va fatta solo la prima volta che avvii il software).

Una volta installato e avviato GIMP, importa in esso l’immagine da editare. Recati, quindi, nel menu File > Apri (in alto a sinistra) e seleziona l’immagine di tuo interesse o, se preferisci, trascinala direttamente nella finestra del programma. Dopodiché duplica il livello dell’immagine, aprendo il menu Livello e selezionando la voce Duplica Livello.

A questo punto, apri il menu Colori, seleziona la voce Esposizione dal menu che si apre e, nel riquadro comparso a schermo, sposta verso destra i valori presenti nella barra di regolazione Exposure, fino a quando non raggiungi il risultato desiderato; dopodiché clicca sul bottone OK.

Un’altra cosa che puoi fare è recarti nel menu Colori > Luminosità e spostare il valore presente nella barra di regolazione Luminosità. Anche in questo caso, al termine delle modifiche, clicca sul pulsante OK per salvare il tutto.

GIMP

Quando sei soddisfatto del risultato ottenuto, recati nel menu File > Salva con nome e seleziona la posizione e il formato in cui esportare il file di output. Hai visto com’è stato semplice?

Come schiarire una foto scura online

Photopea

Vediamo, adesso, come schiarire una foto scura online con l’ausilio di un’applicazione Web: Photopea. Si tratta di una soluzione facile da utilizzare, compatibile con tutti i principali browser e, dato che è sviluppata in HTML5, utilizzabile senza installare plugin aggiuntivi. Inoltre, è gratuita, anche se ti segnalo la presenza di banner non invasivi nelle sue pagine, che è possibile eliminare sottoscrivendo un abbonamento da 9 dollari/mese.

Per avvalerti di questo servizio, recati sulla sua home page e, se necessario, traduci la sua interfaccia in italiano, selezionando la voce Italiano dal menu More > Language posto in alto. Successivamente, fai clic sulla voce Apri da computer e seleziona l’immagine da editare. Dopodiché duplica il livello della stessa, recandoti nel menu Livello > Duplica livello.

Recati, dunque, nel menu Immagine > Aggiustamenti > Luminosità/Contrasto e regola il livello di luminosità dell’immagine mediante l’apposita barra di regolazione (basta spostare il cursore verso destra, avendo cura di non esagerare troppo con la luminosità). Successivamente, clicca sul pulsante OK, per applicare le modifiche.

Photopea

Un’altra cosa che puoi fare è agire dal menu Immagine > Aggiustamenti > Esposizione: dopo esserti recato in quest’ultimo, serviti della barra di regolazione Esposizione per correggere l’esposizione dell’immagine e, quando sei soddisfatto del risultato, clicca sul pulsante OK.

In conclusione, salva l’immagine di output che hai ottenuto: recati nel menu File > Esporta come e scegli il formato in cui esportare l’immagine.

App per schiarire foto scure

Snapseed

Concludiamo questa guida con un elenco di app per schiarire foto scure. Sono sicuro che apprezzerai tantissimo queste altre soluzioni, specialmente se sei giunto su questa guida chiedendoti come schiarire foto scure su Android o come schiarire foto scure con iPhone.

  • Funzioni di fotoritocco di Android e iOS/iPadOS — sia Android che iOS/iPadOS integrano, rispettivamente nelle app Galleria e Foto, delle funzioni di editing di base che consentono di agire sull’esposizione e la luminosità dell’immagine.
  • Snapseed (Android/iOS/iPadOS) — app sviluppata da Google gratuita, semplice da utilizzare e ricca di strumenti di fotoritocco, compresi alcuni che permettono di agire sull’esposizione delle foto. Assolutamente da provare!
  • VSCO Cam (Android/iOS/iPadOS) — app divenuta famosa per i numerosi filtri e preset pronti all’uso. Include anche funzioni di photo editing “manuale” che permettono di andare a modificare parametri quali esposizione e luminosità. Prevede acquisti in-app per sbloccare vari filtri.
  • Adobe Photoshop Mix (Android/iOS/iPadOS) — in una lista di app per il fotoritocco non poteva mancare questa soluzione targata Adobe, che consente di lavorare su più livelli, scontornare i soggetti presenti nei propri scatti e, naturalmente, modificare anche la luminosità degli scatti.
  • Photoshop per iPad (iPadOS) — si tratta della trasposizione mobile di Photoshop che più si avvicina al programma per sistemi desktop, di cui ti ho parlato qualche riga più su. Comprende gran parte delle funzioni di Photoshop CC e in più alcune feature pensate per la tecnologia touch screen e gli accessori ufficiali per iPad, come la Apple Pencil. È gratis per i primi 30 giorni, poi costa 10,99 euro/mese.

Per maggiori informazioni circa l’uso di queste e altre app di fotoritocco, dai pure un’occhiata al tutorial che ho interamente dedicato all’argomento: penso che ti sarà utile.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.