Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come usare Google Classroom

di

La tua scuola ha deciso di orientarsi verso l’insegnamento a distanza e, tra gli strumenti previsti per raggiungere l’obiettivo, è presente Google Classroom, il portale offerto da “Big G” pensato per migliorare la didattica online, grazie a una serie di strumenti pensati per semplificare la condivisione dei contenuti tra studenti e la comunicazione tra gli stessi.

Se il tuo obiettivo è quello di capire come usare Google Classroom, così da adottare senza problemi l’approccio richiesto dall’istituto a cui appartieni, ti farà piacere sapere che ti trovi proprio nel posto giusto da cui iniziare: nel corso di questo tutorial, infatti, avrò cura di spiegarti come sfruttare le funzioni più utili del servizio, sia dal punto di vista di uno studente che da quello di un insegnante.

Dunque, senza esitare oltre, mettiti bello comodo e leggi con attenzione tutto quanto ho da spiegarti sull’argomento: sono sicuro che, al termine della lettura di questa guida, avrai acquisito le competenze necessarie per poter iniziare il tuo lavoro senza alcun intoppo. Detto ciò, non mi resta altro da fare, se non augurarti buona lettura e… buono studio!

Indice

Informazioni preliminari

Come usare Google Classroom

Prima di entrare nel vivo di questa guida e spiegarti come usare Google Classroom, lascia che ti dia qualche informazione in più sulle dinamiche alla base di questo servizio.

Google Classroom è una piattaforma gratuita sviluppata da Google, disponibile sotto forma di applicazione Web (quindi accessibile da qualsiasi browser per computer) e di app per smartphone e tablet che permette a docenti e studenti di condividere agevolmente materiale didattico di vario tipo, di assegnare/svolgere compiti online e di emettere/visualizzare le valutazioni ricevute in tempo reale.

Inizialmente, Classroom era un servizio esclusivo di G Suite for Education ed era disponibile per i soli docenti/studenti appartenenti a istituti iscritti al suddetto programma. Successivamente, il servizio è stato aperto a tutti, consentendo a qualsiasi utente in possesso di un account Gmail di creare corsi e lezioni, e di parteciparvi, seppur con alcune limitazioni: se un docente lavora per una scuola vera e propria e intende utilizzare Classroom per far lezione agli studenti della propria classe, è necessario che l’istituto in questione sia iscritto a G Suite for Education e che gli account Gmail di insegnanti e studenti siano associati allo stesso.

Altra caratteristica di Google Classroom è la sua integrazione con gli altri servizi Google: il materiale didattico, insieme con i compiti e le relative soluzioni, possono essere realizzati e distribuiti tramite Google Drive e le relative applicazioni (Documenti, Fogli, Presentazioni e Moduli Google), le scadenze e gli eventi vengono sincronizzati mediante Google Calendar, le comunicazioni avvengono via Gmail e, inoltre, ciascuna classe crea una cartella dedicata sullo spazio Google Drive di insegnanti e studenti.

In aggiunta a ciò, i partecipanti ai vari corsi, a prescindere dal loro ruolo, possono caricare file archiviati nella memoria di computer, smartphone e tablet, oltre che materiale già presente su Google Drive o in altre posizioni online.

Come usare Google Classroom studenti

Come usare Google Classroom studenti

Sei uno studente e intendi partecipare ai corsi online tenuti tramite Google Classroom? In tal caso, questo è il capitolo che fa al caso tuo, nel quale mi accingo a spiegarti come utilizzare questo strumento sia mediante il computer, sia da smartphone e tablet.

Per poter accedere a un corso, è indispensabile che il tuo insegnante ti abbia comunicato il codice d’accesso da inserire quando richiesto, oppure che abbia provveduto a invitarti tramite email (in tal caso, puoi accettare l’iscrizione al corso premendo il pulsante Iscriviti contenuto nell’email e ripetendo l’operazione nella schermata del browser che va ad aprirsi).

Ti ricordo inoltre che, qualora fossi uno studente appartenente a una scuola “reale” e volessi usare Google Classroom per partecipare a un corso tenuto da uno dei tuoi insegnanti, dovrai necessariamente usare l’account Gmail abilitato G Suite for Education che ti è stato fornito dal tuo istituto. Questa restrizione, invece, non vale per i corsi “esterni” a eventuali istituti scolastici/accademici.

Da PC

Come usare Google Classroom

Per iniziare a usare Google Classroom da computer come studente, collegati innanzitutto alla pagina iniziale del servizio, clicca sul pulsante Go To Classroom e, quando richiesto, effettua l’accesso con le credenziali dell’account Gmail mediante il quale usare il servizio. A login completato, clicca sul pulsante Continua per accedere alla pagina principale di Classroom, che contiene i corsi ai quali sei attualmente iscritto/per i quali hai accettato l’invito all’iscrizione ricevuto da un insegnante.

Per iscriverti a un nuovo corso, clicca sul pulsante (+) collocato in alto, seleziona la voce Iscriviti al corso e immetti il codice corso che ti è stato fornito dal docente all’interno del campo di testo visualizzato a schermo. In seguito, clicca sul pulsante Iscriviti e attendi qualche istante affinché la bacheca virtuale del corso venga caricata su schermo.

Come puoi vedere, il “corso virtuale” è suddiviso in tre sezioni fondamentali, accessibili mediante le apposite schede in alto: Stream, Lavori del corso e Persone.

Lo Stream è la “bacheca” del corso, ossia la pagina che ospita i contenuti pubblicati dal docente, in ordine temporale; se l’insegnante lo consente, puoi condividere a tua volta materiale con i partecipanti del corso, docenti inclusi, cliccando sul riquadro Condividi qualcosa con il corso… e utilizzando il modulo proposto per creare un post.

Nella scheda Lavori del corso, invece, sono presenti i compiti e/o le domande assegnate dal docente, unitamente alla relativa data di scadenza; per rispondere a un quesito o svolgere un compito, fai clic sul suo nome, poi sul pulsante Visualizza compito, quindi utilizza la schermata proposta per compilare l’elaborato come richiesto: mediante il pulsante Aggiungi o crea, puoi inviare la soluzione scegliendo un contenuto presente sul tuo spazio Google Drive, un link presente su Internet oppure un file archiviato nella memoria del computer; se lo ritieni opportuno, puoi altresì creare al volo un nuovo documento, su Google Drive, all’interno del quale indicare la risoluzione del problema.

Come usare Google Classroom

Se lo ritieni opportuno, puoi aggiungere un commento privato (visibile soltanto ai docenti) all’elaborato da te svolto, utilizzando il campo di testo presente nel riquadro Commenti privati. Quando hai finito, clicca sul pulsante Contrassegna come completato per inviare l’elaborato al docente del corso, che si occuperà poi di correggerlo e di fornirti la votazione ottenuta.

Per visualizzare la lista dei lavori consegnati, unitamente ai relativi dettagli, fai clic sulla voce Visualizza il lavoro collocata nella scheda Lavori del corso. Per tenere traccia delle scadenze dei compiti o per visitare la cartella online del corso (quella in cui risiede il materiale pubblicato dai docenti e, se previsto, dagli altri studenti), clicca invece sul pulsante Cartella Drive del corso.

Infine, cliccando sul pulsante ☰ che sta in alto a sinistra, puoi visualizzare il menu principale di Google Classroom, che contiene link rapidi ai corsi a cui sei iscritto, al calendario delle scadenze e ai compiti da fare; pigiando poi sulla voce Impostazioni, verrai condotto alla pagina delle tue impostazioni personali su Google Classroom, dalla quale potrai attivare/disattivare le notifiche relative a commenti, classi e corsi.

Da smartphone e tablet

Se preferisci usare il tuo smartphone o il tablet, ti farà piacere sapere che l’app di Google Classroom può essere scaricata gratuitamente sia sui dispositivi Android che su iPhone e iPad, dai rispettivi store.

Una volta effettuato il download dell’app più adatta al tuo dispositivo, avviala, premi il pulsante Inizia e, quando richiesto, inserisci le credenziali dell’account Google tramite il quale usare il servizio. Se sul device in uso sono già presenti altre app di “Big G”, ti verrà chiesto se effettuare l’accesso mediante il profilo già configurato in precedenza.

Ad ogni modo, a login ultimato, fai tap sul pulsante Continua per accedere alla schermata principale di Google Classroom, non dissimile rispetto a quella già vista per computer: per questo motivo, le istruzioni viste in precedenza sono parimenti valide.

Come usare Google Classroom docenti

Se sei un’insegnante e ti interessa avvalerti del servizio Google Classroom per facilitare l’insegnamento a distanza per i tuoi studenti, questo è proprio il capitolo che fa al caso tuo. Di seguito, infatti, sarà mia premura spiegarti come utilizzare lo strumento messo a disposizione da Google su computer, smartphone e tablet. Prima di continuare, tengo a ricordarti che, se intendi usare Classroom per una scuola, dovrai necessariamente impiegare un account Google abilitato al piano G Suite for Education fornito dall’istituto per cui lavori, oppure dovrai chiedere all’amministrazione della scuola di associare a G Suite for Education il tuo profilo Google personale.

Da PC

Come usare Google Classroom docenti

Sei solito usare il computer e vorresti capire come usare Google Classroom da PC? Non temere, non è affatto difficile. Tanto per cominciare, collegati alla pagina principale del servizio, clicca sul pulsante Go to Classroom e, quando richiesto, effettua l’accesso con il tuo account Google abilitato docente o con l’account G Suite for Education che ti è stato fornito dall’istituto per il quale lavori.

Ad accesso effettuato, clicca sul pulsante Continua, per accedere alla console di controllo di Google Classroom, nella quale sono in genere presenti i corsi di cui sei insegnante (oppure quelli che segui in prima persona). Se è la prima volta che utilizzi il servizio, la console dovrebbe essere vuota.

Per creare il tuo primo corso, fai clic sul pulsante (+) che sta in alto a destra, seleziona la voce Crea corso e, se non possiedi un account G Suite for Education e utilizzi Classroom in modo indipendente (dunque non sei insegnante in una scuola con studenti), apponi il segno di spunta accanto alla dicitura Ho letto e compreso l’avviso sopra riportato e dichiaro di non utilizzare Classroom presso una scuola con studenti e clicca sul pulsante Continua per procedere con la creazione del corso.

Ora, compila il modulo proposto con le informazioni richieste (nome del corsosezionemateriastanza) e clicca sul pulsante Crea, in modo da predisporre i nuovi strumenti per il corso virtuale. Dopo alcuni istanti, il corso virtuale dovrebbe essere pronto: per prima cosa, condividi con gli studenti il codice corso visualizzato in alto, subito sotto il nome del corso, in modo che questi ultimi possano accedere agevolmente all’area di studio. Se lo desideri, puoi personalizzare il tema e la foto di copertina della pagina, cliccando, rispettivamente, sulle voci Seleziona temaCarica foto che si trovano a destra.

Come usare Google Classroom da PC

L’area di controllo di un corso di Google Classroom si compone principalmente di quattro aree, accessibili tramite le schede poste in alto: Stream, cioè la sezione dedicata alla pubblicazione istantanea dei contenuti; Lavori del corso, cioè la sezione in cui sono disponibili i compiti, le domande e in generale i lavori destinati agli utenti; Persone, che contiene la lista di insegnanti e studenti appartenenti al corso, e Voti, che consente di gestire le valutazioni assegnate a ciascuno studente.

Per pubblicare un contenuto nell’area di discussione, recati nella scheda Stream, fai clic sul riquadro Condividi qualcosa con il corso e digita il testo di tuo interesse all’interno dell’apposito box. Mediante il menu a tendina posto in alto a destra, puoi specificare se rendere visibile il contenuto a tutti gli studenti o solo a una parte degli stessi, mentre tramite il pulsante Aggiungi puoi allegare al post un file da Google Drive, un link, un file presente sul computer o un video di YouTube. Quando hai finito, puoi procedere con la messa a disposizione del contenuto, cliccando sul pulsante Pubblica.

Come usare Google Classroom docenti

Per assegnare un compito agli studenti, clicca sulla scheda Lavori del corso, poi sul pulsante Crea che sta in alto a sinistra e seleziona la tipologia di lavoro da assegnare: compitocompito con quizdomandamateriale o vecchio post (riutilizza un post).

Fatta la tua scelta, compila il modulo che ti viene proposto con le informazioni richieste: il titolo del compito, le istruzioni per portarlo a termine e l’eventuale materiale da allegare (puoi servirti dei pulsanti Aggiungi o Crea). Se previsto, clicca sul titolo del quiz predefinito (ad es. Blank Quiz) e personalizzalo per renderlo conforme al compito che ti appresti ad assegnare.

Una volta realizzato il compito, utilizza la barra laterale di destra per scegliere il corso e gli studenti a cui assegnarlo, il numero di punti di validità, la scadenza entro la quale inviare le risposte, l’argomento (per la suddivisione dei contenuti in moduli) e, se lo ritieni opportuno, la griglia di valutazione.

Quando hai finito, clicca sul pulsante Assegna/Chiedi che sta in alto a destra, per pubblicare e assegnare il lavoro, oppure pigia sulla freccetta verso il basso, per salvare il lavoro come bozza oppure programmarlo a data futura.

I lavori pubblicati saranno sempre disponibili nella scheda Lavori del corso. Mediante la stessa, inoltre, è possibile accedere rapidamente alla Cartella Drive del corso, che contiene il materiale creato/allegato ai vari lavori.

Come usare Google Classroom docenti

Per aggiungere, rimuovere o disattivare studenti e/o altri insegnanti dal corso, puoi utilizzare la scheda Persone e il menu Azioni situato nella stessa; infine, per gestire il registro virtuale, fai clic sulla scheda Voti e utilizza la griglia proposta per assegnare le opportune valutazioni agli studenti.

Ricorda che, in qualsiasi momento, puoi modificare le impostazioni riguardanti il corso, cliccando sul pulsante a forma d’ingranaggio che sta in alto a destra. Mediante i menu e i pulsanti proposti, puoi quindi attivare o disattivare la pubblicazione di contenuti nello stream da parte degli utenti; personalizzare la visualizzazione delle notifiche; selezionare un sistema di calcolo del voto complessivo; scegliere se mostrare o meno quest’ultimo agli studenti e personalizzare le categorie delle valutazioni. Al termine delle modifiche, ricorda di cliccare sul pulsante Salva, per renderle effettive.

Infine, tramite il pulsante posto in alto a sinistra, puoi accedere alle pagine relative ai corsi attivi, al tuo calendario personale, alla lista dei compiti da correggere (voce Da fare) e alle impostazioni generali del profilo Google Classroom docente.

Da smartphone e tablet

Come usare Google Classroom

Se preferisci, puoi creare e gestire corsi virtuali anche da smartphone e tablet, avvalendoti dell’app Google Classroom disponibile per Android, iOS e iPadOS.

Dopo aver scaricato l’app dallo store di riferimento del tuo dispositivo, avviala, fai tap sul pulsante Inizia e, quando richiesto, effettua l’accesso con le credenziali del tuo account Google oppure di quello associato a G Suite per Education (indispensabile per poter effettuare “lezioni” a vere e proprie classi con studenti). Se possiedi un dispositivo Android oppure impieghi un iPhone/iPad sul quale sono state già configurate altre app Google, puoi effettuare rapidamente l’accesso mediante l’account configurato in precedenza.

A login effettuato, fai tap sul pulsante (+) che sta in basso a destra e, per creare il tuo primo corso, seleziona la voce Crea un corso dal pannello visualizzato a schermo. Per il resto, il funzionamento di Google Classroom per Android, iOS e iPadOS è pressoché identico a quanto già visto per computer, pertanto ti invito a dare un’occhiata alla sezione precedente di questo capitolo per saperne di più.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.