Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come vedere gli stati su WhatsApp senza essere visti

di

Ultimamente, hai notato che la persona per cui nutri particolare interesse ha iniziato a pubblicare numerosi stati su WhatsApp. Il desiderio, da parte tua, di scoprire il contenuto di tali messaggi è fortissimo, tuttavia sei ben consapevole del fatto che la persona in questione verrà immediatamente a sapere che tu hai guardato la sua foto o il suo video, e questo non ti va a genio.

Senza perderti d’animo, dunque, hai aperto Google e hai cercato informazioni su come vedere gli stati su WhatsApp senza essere visti, finendo su questa mia guida. Beh, cosa dirti? Oggi è proprio il tuo giorno fortunato! Nelle righe a seguire, infatti, intendo spiegarti per filo e per segno come far sì che ciò accada, il tutto nel giro di un paio di tap: la procedura, infatti, è naturalmente prevista da WhatsApp, pertanto non avrai bisogno di effettuare particolari modifiche sul tuo telefono.

Sì, hai capito bene! Puoi raggiungere il tuo obiettivo anche senza essere un massimo esperto di tecnologia. Dunque, cos’altro aspetti a cominciare? Ritagliati qualche minuto di tempo libero per te, mettiti bello comodo e leggi con molta attenzione tutto quanto ho da spiegarti sull’argomento: sono sicuro che, al termine della lettura, sarai perfettamente in grado di mettere in pratica il tutto, curiosando indisturbato tra gli stati che ti interessano di più. Buona lettura e buon divertimento!

Indice

Come vedere gli stati su WhatsApp senza essere visti su Android

WhatsApp Android conferme di lettura

Utilizzi uno smartphone Android e vorresti sapere come vedere gli stati su WhatsApp senza essere visti perché vuoi curiosare tra gli stati dei tuoi amici, senza però lasciar traccia della tua visita? Benissimo, allora questa è proprio la sezione più adatta a te.

Come ti ho già accennato nelle battute introduttive di questa guida, puoi raggiungere l’obiettivo che ti sei prefissato usando un trucchetto estremamente semplice e che, soprattutto, non richiede nessun intervento o modifica particolare all’app di messaggistica!

Tutto ciò che devi fare, all’atto pratico, è intervenire sulle impostazioni della privacy di WhatsApp e disattivare le cosiddette conferme di lettura, cioè la visualizzazione della “spunta blu” al momento della lettura dei messaggi da parte del destinatario.

Prima di andare avanti e procedere, però, lascia che ti dia un paio di doverose informazioni: innanzitutto, disattivando le conferme di lettura non potrai più vedere quando i contatti leggono i tuoi messaggi (fatta eccezione per i gruppi); in secondo luogo, così facendo potrai leggere gli stati WhatsApp senza essere scoperto, tuttavia non potrai più sapere chi visualizza i tuoi stati.

È tutto chiaro e intendi procedere comunque? OK, iniziamo subito. Per prima cosa, avvia l’app di WhatsApp richiamandola dal drawer del tuo dispositivo Android, accedi alla schermata Chat, che contiene tutte le chat attive, pigia sul pulsante (⋮) collocato in alto a destra (quello accanto alla lente d’ingrandimento, per capirci) e seleziona la voce Impostazioni nel menu che ti viene mostrato.

A questo punto, tocca le voci Account Privacy e, giunto alla schermata successiva, sposta su OFF la levetta situata accanto alla voce Conferme di lettura. A partire da questo momento, potrai visualizzare gli stati pubblicati dai tuoi contatti senza essere visto, tuttavia non avrai più modo di sapere chi ha letto i tuoi stati e, allo stesso tempo, dovrai rinunciare alla visualizzazione delle spunte blu.

Attenzione: se, dopo aver visualizzato lo stato di tuo interesse, vuoi tornare sui tuoi passi, provvedi ad annullare la modifica precedentemente apportata, recandoti nuovamente in Impostazioni > Account > Privacy e spostando nuovamente su ON la levetta menzionata in precedenza. Tuttavia, riattivando tale opzione, risulterà che hai visualizzato lo stato dell’utente che hai visto in precedenza.

Per informazioni aggiuntive su quest’argomento, ti consiglio di dare un’occhiata alla mia guida su come disattivare le spunte blu di WhatsApp.

Come vedere gli stati su WhatsApp senza essere visti su iOS

Vorresti sapere come vedere gli stati su WhatsApp senza essere visti su iPhone? In tal caso devi sapere che, esattamente come già visto per Android, puoi guardare “silenziosamente” gli stati pubblicati su WhatsApp dai tuoi contatti anche da iPhone.

Tutto ciò che devi fare, infatti, è agire sulle notifiche di lettura e, quindi, disattivare la visualizzazione delle spunte blu. Anche in questo caso, la modifica ha effetto immediato e porta con sé, come conseguenza, l’impossibilità di sapere chi ha letto i tuoi messaggi e/o visto i tuoi stati.

Per procedere, avvia innanzitutto l’app di WhatsApp richiamandola dalla schermata Home o dalla Libreria App di iOS, pigia sul pulsante Impostazioni collocato nell’angolo in basso a destra e, successivamente, tocca le voci Account Privacy per accedere a questa specifica sezione.

A questo punto, non devi fare altro che identificare la voce Conferme di lettura, spostare la relativa levetta su OFF e il gioco è fatto: come già detto in precedenza, la modifica ha effetto immediato.

Qualora volessi annullare la modifica, dopo aver visto lo stato, devi semplicemente ripetere l’intera procedura e riposizionare la levetta Conferme di lettura in posizione ON. In questo modo, però, riavviando questa funzionalità, la persona di cui hai visto lo stato verrà a sapere che hai visualizzato il suo contenuto multimediale.

Se hai bisogno di ulteriori istruzioni sui passaggi da effettuare per attivare nuovamente la spunta blu, puoi far riferimento al mio tutorial specifico sull’argomento.

Come vedere gli stati su WhatsApp senza essere visti su computer

Come vedere gli stati su WhatsApp senza essere visti su computer

Sei un utilizzatore abituale di WhatsApp per computer e/o di WhatsApp Web, dunque sei alla ricerca di un metodo per “spiare” gli stati pubblicati dai tuoi amici senza essere visto?

Purtroppo devo dirti fin da subito di non avere notizie molto buone al riguardo: al momento in cui ti sto scrivendo questa guida, le applicazioni di WhatsApp dedicate al PC non prevedono la possibilità di agire nelle impostazioni sulla privacy del proprio account, pertanto non risulta possibile disattivare le conferme di lettura utilizzando questo mezzo di comunicazione dal computer.

Tuttavia non disperare, perché non tutto è perduto: devi sapere, infatti, che le modifiche delle impostazioni sulla privacy applicate da smartphone o tablet vengono automaticamente replicate su WhatsApp per computer e WhatsApp Web.

Ciò significa, in pratica, che puoi tranquillamente visualizzare gli stati dei tuoi amici tramite entrambe le versioni di WhatsApp dedicate al computer, senza essere comunque “beccato” a curiosare, semplicemente disattivando le conferme di lettura dalle impostazioni sulla privacy, tramite il metodo per smartphone segnalato nei precedenti capitoli di questa mia guida. Sempre meglio di niente, no?

App per vedere gli stati di WhatsApp senza essere visti

Whatsapp

Ti domandi se esistono delle app per per vedere gli stati di WhatsApp senza essere visti? In tal caso devo assolutamente dissuaderti dal mettere in pratica questo tipo di soluzione.

Devi, infatti, assolutamente stare alla larga da eventuali app o client di WhatsApp di terze parti poiché facendone uso potresti compromettere gravemente la sicurezza del tuo account, esponendolo a potenziali rischi di violazione della tua privacy.

Inoltre, come spiegato nei capitoli precedenti, per vedere gli stati di WhatsApp in incognito non hai bisogno di una soluzione di terze parti, in quanto l’app di messaggistica permette di farlo in maniera nativa, attraverso la disattivazione delle conferme di lettura.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.