Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Disdetta Vodafone casa

di

Hai valutato tutti i pro e i contro della situazione, ci hai riflettuto su attentamente e, alla fine, hai deciso: farai la disdetta Vodafone casa. Tuttavia se adesso sei qui e stai leggendo queste righe, mi pare ben evidente il fatto che nonostante le tue intenzioni non ti sia ancora molto chiaro in che modo procedere. Mi sbaglio? No, appunto. Beh, per tua fortuna non hai però di che preoccuparti: posso darti una mano io!

Se dedichi qualche minuto del tuo prezioso tempo alla lettura di questa guida, possono spiegarti come attuare la disdetta della tua linea fissa Vodafone nel pieno rispetto delle condizioni contrattuali previste dal gestore ed evitando, quando possibile, il pagamento delle penali.

Andremo quindi a scoprire come procedere sia nel caso in cui tu voglia passare ad altro gestore, sia qualora fosse tua intenzione richiedere la cessazione completa dell’utenza. Vedremo anche quali operazioni compiere in caso di linea attivata da meno di 14 giorni. Allora? Posso sapere che ci fai ancora lì impalato? Trovi spiegato tutto qui sotto.

Indice

Disdetta Vodafone: costi e restituzione apparecchiature

Prima di entrare nel vivo del tutorial, andandoti a spiegare quali sono le azioni da compiere per richiedere la disdetta Vodafone casa, mi sembra doveroso parlare di eventuali costi da sostenere e di restituzione delle apparecchiature.

Per quanto riguarda il discorso costi da affrontare, in caso di passaggio ad altro gestore o di cessazione totale della linea è previsto il pagamento del costo di disattivazione pari a 28,00 euro. Non vi è alcun vincolo di permanenza e il contratto sottoscritto si rinnova in automatico ogni 24 mesi, salvo disattivazione e pagamento degli eventuali sconti e/o rinnovi gratuiti già fruiti per recesso anticipato.

In caso di recesso entro 14 giorni dall’attivazione (che deve essere avvenuta a distanza), invece, non occorre pagare assolutamente nulla. In questa circostanza, infatti, ci si può avvalere del diritto di recesso e, anzi, al cliente vengono rimborsati gli eventuali pagamenti effettuati a favore di Vodafone da quando l’azienda riceve la tua comunicazione, salvo diverso accordo tra le parti.

Per quel che concerne il discorso restituzione apparecchiature, se viene richiesta la disdetta Vodafone prima dei 24 mesi, la Vodafone Station e altri eventuali dispositivi (es. il Vodafone TV Box) forniti dall’azienda vanno recapitati a quest’ultima entro 30 giorni dall’avvenuta cessazione della linea. In caso contrario, saranno addebitate delle penali, che per quel che concerne il modem del gestore corrispondono a: 50,00 euro qualora il recesso sia esercitato dal tredicesimo al ventiquattresimo mese dalla sottoscrizione del contratto oppure a 70,00 euro qualora il recesso sia esercitato nei primi 12 mesi dalla sottoscrizione del contratto.

Le apparecchiature vanno restituite tramite corriere (DHL) all’indirizzo riportato di seguito. Devono trovarsi in buono stato di conservazione e devono essere spedite all’interno delle loro scatole originali (o in un’altra scatola da imballo), complete di tutte le parti e dei relativi accessori, avvolte in carta da pacco e sigillate con del nastro adesivo. Alla spedizione va altresì allegato un documento di trasporto. Per maggiori informazioni, consulta la mia guida specifica su come restituire la Vodafone Station.

Vodafone Italia S.p.A. c/o CTDI s.r.l. via Galileo Galilei 13/15 20090 Assago (MI)

Mie indicazioni a parte, tieni comunque presente che i costi di disattivazione, le penali e le modalità di restituzione degli apparati possono essere suscettibili a variazioni. Per restare sempre aggiornato a tal proposito e quindi anche per evitare spiacevoli brutte sorprese, consulta la sezione dedicata alla disdetta che si trova sul sito Web di Vodafone. Ti consiglio altresì di visitare la sezione relativa ai contratti e ai moduli che trovi sempre sul sito del gestore, nella sezione dedicata alla rete fissa.

Disdetta Vodafone casa: modulo

A questo punto, direi che possiamo passare all’azione e andare a scoprire come accedere al modulo per la disdetta della linea fissa Vodafone. Qui sotto, dunque, trovi spiegato come fare in caso di passaggio ad altro gestore, usufruendo del diritto di ripensamento entro 14 giorni dall’attivazione e in caso di cessazione totale della linea.

Passaggio ad altro gestore

Disdetta Vodafone casa

Se vuoi fare disdetta Vodafone casa perché è tua intenzione effettuare il passaggio ad altro gestore, magari perché hai trovato un’offerta più vantaggiosa di quella in essere, contatta direttamente il nuovo operatore con cui desideri sottoscrivere l’abbonamento voce e/o Internet e comunicagli la tua volontà di effettuare la migrazione della linea.

Nel fare ciò, ti verrà chiesto di fornire il codice di migrazione Vodafone. Se non sai di che cosa sto parlando, si tratta di un codice alfanumerico di 7-18 caratteri che identifica in maniera univoca le linee telefoniche e che consente di autorizzare a distanza operazioni come il passaggio a un altro operatore. Puoi ricavarlo tramite la fattura telefonica (si trova a inizio conto, nel box di riepilogo dei dati identificativi della linea, quali il numero di telefono e l’identificativo linea ADSL o fibra). Per maggiori dettagli, consulta la mia guida su come verificare il codice di migrazione.

Una volta comunicata la tua intenzione di passare da Vodafone a un altro gestore telefonico, ti toccherà aspettare i tempi tecnici per il trasferimento della linea al nuovo provider, che per legge corrispondono a un massimo di 10 giorni lavorativi, ma considera che potrebbero verificarsi delle variazioni in base alle quali il suddetto periodo potrebbe allungarsi (o accorciarsi, molto più raramente).

Nel mentre, il nuovo gestore dovrebbe consegnarti la documentazione relativa all’attivazione della nuova offerta che, a seconda delle indicazioni ricevute, potresti dover firmare e rispedire al mittente, a mezzo email oppure tramite posta tradizionale.

Come puoi notare tu stesso, i passaggi da compiere sono abbastanza semplici. Ad ogni modo, se ritieni di aver bisogno di maggiori informazioni puoi leggere la mia guida su come cambiare gestore telefonico mediante la quale ho provveduto a fornirti tutti i dettagli del caso.

Recesso entro 14 giorni

Modulo recesso Vodafone 14 giorni

Se il tuo abbonamento è in vigore da meno di due settimane, puoi fare la disdetta Vodafone casa esercitando il recesso entro 14 giorni, usufruendo del diritto previsto dalla legge e senza dover sostenere alcun costo. Per usufruire di tale opportunità, è tuttavia necessario che sussista una specifica condizione: il tuo contratto con Vodafone deve essere stato stipulato a distanza o comunque al di fuori dei locali commerciali dell’azienda (es. telefonicamente)

Se rispetti questi requisiti, puoi quindi procedere con la disdetta, compilando l’apposito modulo che puoi scaricare collegandoti a questa pagina del sito Vodafone e selezionando, a seconda di quanto in essere sulla tua utenza, il collegamento Modulo di recesso (ripensamento) per servizi ADSL e Fibra oppure quello Modulo di recesso (ripensamento) per servizi di telefonia fissa che trovi in basso.

Una volta avvenuto il download del modulo, stampalo e compilalo con i dati richiesti, dopodiché invialo tramite lettera raccomandata con ricevuta di ritorno all’indirizzo che trovi indicato di seguito.

Servizio Clienti Vodafone c/o Casella Postale 109 14100 Asti

In alternativa a come ti ho appena indicato, puoi decidere di inviare il modulo tramite PEC, al seguente indirizzo: disdette@vodafone.pec.it.

Puoi altresì richiedere di recedere dal contratto chiamando il servizio clienti Vodafone al numero 190, come ti ho spiegato in dettaglio nella mia guida su come parlare con un operatore Vodafone, oppure recandoti presso i negozi del gestore presenti sul territorio, che puoi individuare mediante questa mappa.

Cessazione totale della linea

Modulo online recesso Vodafone

Quello che ti interessa capire è come fare la disdetta Vodafone casa andando a effettuare la cessazione totale della linea? Anche in tal caso, puoi avvalerti di un apposito modulo, che però è disponibile in formato digitale.

Per accedere al modulo da stampare, recati su questa pagina del sito del gestore ed effettua il login al tuo account Vodafone, digitando i tuoi dati nei campi appositi presenti nel box Accedi al Fai da te che si trova a sinistra e facendo poi clic sul bottone Accedi. Se non possiedi ancora un account, puoi crearne uno al momento seguendo le indicazioni che ti ho fornito nella mia guida specifica su come registrarsi su Vodafone.

Ora che visualizzi il modulo digitale, assicurati che in corrispondenza della sezione I tuoi dati presente in alto siano riportati correttamente i dati relativi all’intestatario della linea di tuo interesse (altrimenti clicca sull’icona della matita per correggerli), dopodiché seleziona il numero dell’utenza di cui desideri richiedere la cessazione dal menu a tendina sottostante la voce Seleziona il numero associato al tuo account che vuoi inserire nella richiesta di recesso e fai clic sul pulsante Conferma.

Digita, dunque, un tuo recapito telefonico alternativo a cui Vodafone può contattarti nel campo apposito presente in basso e se vuoi fornisci anche le altre informazioni (cosa prevede il contratto da cui vuoi recedere, se ci sono state delle modifiche al contratto ecc.), dopodiché premi sul pulsante Prosegui e conferma la tua volontà di inoltrare la richiesta.

Dopo aver inviato il modulo a Vodafone, verrai ricontattato dal gestore (solitamente ciò avviene nel giro di qualche ora), il quale provvederà a guidarti nell’esecuzione delle operazioni necessarie al completamento della procedura di cessazione del tuo abbonamento.

Nel caso in cui Vodafone non dovesse ricontattarti o comunque in alternativa a come ti ho appena indicato, puoi far presente al gestore la tua intenzione di voler cessare la linea rivolgendoti al servizio clienti oppure recandoti in negozio.

Puoi altresì redarre una richiesta in cui indichi di voler cessare la tua linea di casa, con una copia del tuo documento di identità e il codice fiscale e spedire il tutto tramite PEC, al seguente indirizzo: disdette@vodafone.pec.it. Puoi inoltrare il tutto a Vodafone anche tramite lettera raccomandata con ricevuta di ritorno, all’indirizzo che trovi indicato qui sotto.

Servizio Clienti Vodafone c/o Casella Postale 109 14100 Asti

Riguardo le tempistiche, tieni presente che la richiesta viene preso in carico a 30 giorni dalla data di ricezione della stessa.

Disdetta Vodafone casa per decesso

Penna e foglio

Quando l’intestatario di un contratto telefonico viene a mancare, pur trattandosi di un momento particolare dove a tutto viene da pensare eccetto che a questi aspetti, è comunque necessario effettuare la disdetta della linea. Per cui, se stai consultando questa mia guida perché interessato a capire come fare disdetta Vodafone casa per decesso, ti comunico subito che diversamente da quel che si possa pensare non è una cosa difficile.

Può occuparsi della disdetta un erede, quindi qualsiasi persona che abbia rapporti familiari, di convivenza o di matrimonio con l’intestatario della linea.

Occorre redarre una richiesta in cui viene indicato che l’intestatario della linea è deceduto e che va cessata l’utenza. Alla richiesta va allegato il certificato di morte dell’intestatario dell’abbonamento Vodafone e una copia del documento di identità e del codice fiscale della persona defunta e di quella che presenta la disdetta.

Il tutto deve essere spedito tramite PEC, a questo indirizzo: disdette@vodafone.pec.it. In alternativa, si può consegnare la richiesta e la documentazione in negozio oppure è possibile inviare una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno, all’indirizzo riportato di seguito.

Servizio Clienti Vodafone c/o Casella Postale 109 14100 Asti

Per quel che concerne i tempi di lavorazione, solitamente la richiesta viene presta in carico a 30 giorni dalla sua data di ricezione.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.