Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

App per creare basi musicali

di

Vorresti aggiungere una musichetta di sottofondo personalizzata per quel bel video girato durante le vacanze estive ma non hai il computer a portata di mano e da mobile non sai proprio come fare? Ti piacerebbe realizzare un jingle per la festa che hai intenzione di organizzare e vorresti capire se c’è qualche risorsa apposita fruibile direttamente da smartphone o tablet? Allora direi proprio che sei capitato sulla guida giusta, al momento giusto. Con questo mio articolo di oggi intendo infatti illustrarti tutte quelle che a parer mio rappresentano le migliori app per creare basi musicali perché, credimi, ce ne sono veramente tante.

Che tu abbia un dispositivo Android oppure un device iOS non fa alcuna differenza, di applicazioni di questo tipo ne esistono per entrambe le piattaforme, sia gratis che a pagamento. Si tratta inoltre di risorse che possono essere utilizzate dai più esperti in tal ambito ma anche dai dilettanti e dai compositori musicali in erba. Insomma, come vedi di sicuro riuscirai a trovare al soluzione più adatta alle tue esigenze, qualsiasi esse siano.

Allora? Ti va di entrare nel vivo della questione e di mettere le chiacchiere da parte? Si? Grandioso! Suggerisco quindi di non perdere altro tempo prezioso e di iniziare immediatamente a concentrarci sul da farsi. Mettiti bello comodo, afferra il tuo smartphone oppure il tuo tablet e segui i consigli e le indicazioni che trovi qui di seguito. Sono sicuro che alla fine potrai dirti ben felice e soddisfatto. Buona lettura e buon divertimento.

Music Maker Jam (Android/iOS)

App per creare basi musicali

La prima tra le app per creare basi musicali che voglio consigliarti di provare è Music Maker Jam. Non ne hai mai sentito parlare? Strano, è una delle più famose della categoria. Comunque non c’è problema, possiamo rimediare immediatamente. Trattasi di un’applicazione tutta dedicata agli amanti della musica elettronica, dalla bella interfaccia utente ed abbastanza semplice da usare, sia da parte degli esperti del settore che non. Integra anche una sezione apposita mediante cui si possono condividere con altri utenti le composizioni create. È gratis (ma offre acquisti in-app per aggiungere ulteriori contenuti) ed è disponibile sia per Android che per iOS.

Per servirtene, provvedi innanzitutto a scaricare ed installare l’app sul tuo dispositivo dopodiché avviala e pigia sui bottoni Comincia subito e Salta per accedere a tutti gli strumenti disponibili. Tappando sull’opzione Esegui il log-in e seguendo le istruzioni proposte puoi anche creare un account gratuito tramite cui, come ti ho anticipato qualche riga più su, puoi condividere le tue creazioni musicali con gli utenti che utilizzando l’applicazione.

Nella schermata che successivamente ti verrà proposta, scegli due pacchetti di stile fra quelli disponibili, tappa sul pulsante Avanti e poi pigia sul pulsante Crea Musica e su quello Chiudi per cominciare a creare la tua base musicale.

Per riuscirci, provvedi innanzitutto a selezionare gli strumenti da usare parte di pacchetti di stile scelti in precedenza pigiando sui bottoni + (simbolo più) che trovi a destra dopodiché pigia il pulsante Play in basso a sinistra per iniziare l’ascolto. Utilizzando le barre di regolazione al centro dello schermo puoi anche modificare i livelli audio di ogni strumento musicale, mentre deselezionando le icone di singoli strumenti ed effetti che stanno in basso puoi escludere questi ultimi dalla riproduzione oltre che dalla composizione.

Utilizza po il menu posto sulla sinistra per personalizzare la tua creazione: pigiando sull’icona con la linea ondulata puoi regolare il volume e l’intensità dei suoni, pigiando sull’icona con il microfono puoi registrare composizioni e suoni, mentre tappando sul simbolo della nota musicale può modificare la tonalità dei vari suoni.

Quando sei soddisfatto del risultato ottenuto, pigia sull’opzione Salva progetto che puoi richiamare previo tap sul simbolo delle tre linee in orizzontale collocato in altro a destra per salvare le modifiche apportate.

Ti segnalo infine una delle funzionalità più interessanti di questa app: quella che permette di remixare i brani agitando semplicemente il dispositivo in uso. Per attivarla, pigia sul pulsante con le tre linee in orizzontale collocato in alto a sinistra e, dal menu che si apre, fai tap sull’opzione Scuoti per mixare/Shake for Shuffle dopodiché agita il tuo dispositivo per remixare il brano a cui stai lavorando.

Ninja Jam (Android/iOS)

App per creare basi musicali

Altra app appartenente alla categoria che voglio consigliarti di provare è Ninja Jam. È gratis (ma offre acquisti in-app) ed è disponibile sia per Android che per iOS. È un po’ più complessa da utilizzare rispetto alla risorsa di cui sopra ma nulla che sia fuori dalla portata dei più. Si basa su campioni pre-registrati che una volta selezionat e cercati possono essere modificati a piacere.

Per servirtene, effettuane subito il download sul tuo dispositivo dopodiché installa l’app ed avviala. Nella schermata visualizzata, seleziona quale tra gli album pack già pronti preferisci tra i vari disponibili, ascoltane un anteprima tappando sul grosso pulsante Play che trovi sulla sinistra e, se ti convince, pigia sul bottone Play Jam che sta in basso per servirtene.

A questo punto, puoi finalmente iniziare a scatenarti nella composizione della tua base musicale. Nella parte sinistra della schermata trovi i vari strumenti in uso che puoi attivare o disattivare secondo esigenza semplicemente pigiando sul relativo pulsante ed i relativi loops e che puoi sfruttare in modalità clip o drill pigiando sull’apposito bottone in basso a sinistra.

Sempre in basso, ci sono poi tutti i vari effetti che puoi applicare con opzioni al seguito, il contatore per il tempo ed il pulsante REC per avviare la registrazione della composizione, mentre tramite il pulsante BMP che sta in alto puoi regolare la velocità di riproduzione.

Walk Band – Studio Musicale (Android)

App per creare basi musicali

Altra risorsa sicuramente degna di essere inclusa in un articolo dedicato alle app per creare basi musicali è Walk Band – Studio Musicale. Si tratta di una risorsa gratuita fruibile solo su Android che consente di suonare piano, battere, tamburi e chitarra per comporre musica propria anche senza capirci assolutamente nulla di note e pentagramma. Ha un’interfaccia piuttosto gradevole e supporta anche tastiere MIDI collegate mediante presa USB.

Per servirtene, scarica, installa ed avvia l’app dopodiché seleziona lo strumento che vuoi utilizzare tra i vari disponibili (Tastiera, Chitarra, Drum Kit ecc.), tappa sul bottone Ok in basso a destra ed inizia a creare la tua base musicale suonando così come faresti nella realtà.

Nella parte in alto della schermata trovi invece i vari comandi disponibili. C’è il metronomo, il pulsante REC per registrare e salvare le tue creazioni, lo strumento completo da cui puoi selezionare la sezione su cui andare ad agire, il pulsante per modificare la modalità in uso, quello per abilitare e definire il tipo di etichette sulla note da usare, quello per cambiare la tipologia di strumento.

Sempre nella parte in alto della schermata, sulla destra, c’è poi un pulsante con tre linee in orizzontale tramite il quale puoi accedere ad ulteriori opzioni dell’app ed impostazioni dell’app ed alla lista delle registrazioni effettuate (che puoi eventualmente anche importare).

GarageBand (iOS)

App per creare basi musicali

Utilizzi un iPhone oppure un iPad e cerchi un’app per creare basi musicali alternativa a quanto ti ho già segnalato? Beh, allora dovresti proprio rivolgerti a GarageBand, la potente e rinomata applicazione targata Apple che può essere scaricata gratuitamente sui dispositivi dell’azienda stessa. Mette a disposizione degli utenti tantissimi strumenti d’ogni genere (batteria, chitarra, pianoforte ecc.) altamente personalizzabili offrendo altresì la possibilità  di utilizzare le Live Loops per creare musica in maniera semplicissima. Insomma, perché non provarla subito?

Per servirtene, scarica, installa ed avvia l’applicazione sul tuo dispositivo dopodiché pigia sul bottone + (simbolo più) in alto a destra e fai tap sulla scheda Live Loops se vuoi creare una base musicale così come farebbe un DJ oppure pigia sulla scheda Tracce e scegli uno degli strumenti disponibili (Tastiera, Percussioni, Archi, Basso, Chitarra, Etnici, Drummer etc.) per creare la tua base musicale suonando i singoli strumenti virtualmente.

Nella parte superiore della schermata che a questo punto ti verrà mostrata troverai tutti i vari comandi disponibili per apportare personalizzazioni alla tua composizione, per cambiare lo strumento in uso, per modificare il volume, per registrare suoni ecc.

Puoi anche registrare le tue creazioni musicali facendo tap sul pulsante REC (quello circolare di colore rosso) collocato sempre nella parte in alto della schermata dell’app. A registrazione conclusa, salva la composizione tappando sul bottone grigio in alto e pigiando poi su I miei brani. Nella sezione I miei brani, premi e continua a tenere premuto sull’anteprima della composizione finché non inizia a oscillare dopodiché tappa sull’icona della freccia collocata in alto sulla sinistra e seleziona Aggiungi a iCloud Drive per salvare il brano su iCloud Drive, appunto.

Volendo, puoi anche collegare uno strumento vero e proprio direttamente al tuo dispositivo e suonare da li tenendo però traccia di quanto fatto direttamente da GarageBand ed apportando tutte le modifiche del caso. Per fare ciò, seleziona l’opzione Amplificatore nella schermata principale dell’app e collega lo strumento musicale al dispositivo mediante l’apposito adattatore.

Altre app per creare basi musicali

App per creare basi musicali

Le app per creare basi musicali di cui i ho già parlato non ti hanno convinto in maniera particolare? Cerchi delle risorse alternative a quella di cui sopra? No problem. Qui di seguito trovi un ulteriore elenco di applicazioni adibite allo scopo che spero possa interessarti. Cerca dunque di individuare quella che ritieni possa esserti più utile e scaricala subito sul tuo dispositivo.

  • Caustic 3 (Android/iOS) – Si tratta di una delle app più “gettonate” per quel che concerne la creazione di basi musicali da mobile. Integra un ampio set di strumenti in grado di soddisfare un po’ tutti i gusti. Il download dal Play Store è gratis (ma offre acquisti in-app per sbloccare alcune funzioni extra), mentre da App Store è a pagamento e costa 10,99 euro.
  • Audio Evolution Mobile (Android/iOS) – Ottima app che funziona come una sorta di piccolo studio di registrazione. È perfetta per registrare in multitraccia strumenti esterni a un livello praticamente professionale. I suoni importati posso poi essere modificati con le varie opzioni e gli effetti e si possono usare per creare loop. Da Play Store il download costa 8,49 euro, mentre da App Store è gratis ma bisogna effettuare gli acquisti in-app per usare tutte le funzioni.
  • FL Studio Mobile (Android/iOS) – Controparte mobile del noto programma per computer tramite cui si possono creare incredibili progetti sfruttano il catalogo di suoni ed effetti incluso “di serie”. Tra sintonizzatori, controller MIDI, tastiere e molto altro è sicuramente uno degli strumenti più interessanti attualmente presenti sulla piazza per quel che concerne il versante smartphone e tablet. Su Play Store costa 17,99 euro, mentre su App Store il prezzo è pari a 14,99 euro.
  • Cross DJ (Android/iOS) – Cerchi un’app mediante cui poter mixare due brani tra loro come un vero DJ? L’hai trovata! Grazie a questa risorsa a costo zero è infatti possibile creare remix personalizzati aggiungendo filtri, attivando il mixagio automatico e molto altro ancora.
  • SoundCamp (Android) – Applicazione sviluppata da Samsung tutta basata, come facilmente intuibile, sulla tecnologia Samsung Audio che offre svariate strumenti tramite cui poter registrare, mixare ed editare fino a 8 tracce. È gratis ma si può installare solo sui terminali della nota azienda.
  • Drum Pads 24 – Music Maker (Android) – Buona app che consente di creare giri di bassi e ritmi usando una griglia di pulsanti da toccare e far suonare. Si possono dunque creare fantastiche basi musicali in maniera estremamente semplice. Gratis.
  • Korg Gadget (iOS) – Ottima app per produrre musica elettronica. Offre una raccolta di oltre 20 sintetizzatori tramite cui può essere riprodotto qualsiasi tipo di suono. Presenta inoltre un’interfaccia particolare che permette di concentrarsi su ciò che si sta facendo senza distrazioni. Costa 43,99 euro.
  • Beatwave (iOS) – Una tra le app più semplici ed intuitive in circolazione per creare basi musicali. Si presenta con una griglia di quadrati luminosi e dopo aver scelto il set iniziale di suoni, a seconda di come ci si muove, si possono suonare arpeggi, accordi e molto altro. Gratis (ma con acquisti in-app).