Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero
Salvatore Aranzulla Day
Evento di formazione SEO con Salvatore Aranzulla. Scopri il programma

Applicazioni per musica

di

Ami la musica e vorresti ascoltarla anche mentre sei in giro? Se sei un nostalgico dei vecchi lettori MP3 non tutto è perduto: in questo articolo voglio parlarti degli strumenti che puoi utilizzare per ascoltare la musica mentre sei fuori casa. Come saprai, gli smartphone hanno infatti ormai da tempo soppiantato tutti i lettori CD e MP3 e, grazie alla presenza di numerose applicazioni per la musica, avrai accesso a una vastissima libreria di brani da ascoltare anche in mobilità.

Di applicazioni per ascoltare la musica su smartphone ce ne sono veramente tante e non è facile scegliere. Se ora sei qui e stai leggendo queste righe, presumo che, prima di scaricare applicazioni a caso sul tuo smartphone, tu sia alla ricerca di consigli mirati. Quali sono le migliori applicazioni per la musica? Ve ne sono di gratuite o devo per forza pagare? Quali servizi offrono? Se sono queste le domande che ti stai ponendo, sappi che sarò lieto di rispondere a tutti i tuoi quesiti.

Nella guida di quest’oggi, infatti, il mio intento sarà quello di aiutarti a scegliere le applicazioni per musica da scaricare sul tuo smartphone, affinché tu possa trovare quella più adatta alle tue esigenze. Le applicazioni per musica, che ti consiglierò, ti permetteranno di ascoltare la musica sul tuo dispositivo mobile in streaming: tutto quello che ti serve è quindi una buona connessione a Internet sul tuo smartphone. Molte di queste app permetteranno di ascoltare musica anche offline, potrai così scaricare i brani sul tuo dispositivo per riprodurli anche in assenza di una connessione, evitando di prosciugare il tuo traffico dati. Questa premessa ti ha incuriosito e vorresti saperne di più? Che cosa aspetti? Prendi il tuo smartphone e prova assieme a me le applicazioni per la musica che ti consiglierò: sono sicuro che rimarrai più che soddisfatto!

Spotify (Android/iOS/Windows)

Tra le numerosissime applicazioni per musica, Spotify è senz’altro il servizio di streaming musicale più famoso e utilizzato. Tale fama deriva senz’altro dalla sua natura multipiattaforma. Spotify, infatti, non è soltanto disponibile per smartphone e tablet AndroidiOS e Windows Phone: l’applicazione è disponibile anche su Smart TV, console per videogiochi (PlayStation), Chromecast, Speaker Bluetooth ed è utilizzabile anche via Web usando il browser.

Spotify è un’applicazione per la musica molto completa di funzionalità e la sua principale caratteristica è la presenza di svariate playlist, sia create dalla community che dagli sviluppatori dell’app. Tra le altre caratteristiche di maggior risalto, ciò che sicuramente spicca è la presenza di validi algoritmi che, sulla base della musica ascoltata, sono in grado di proporre playlist giornaliere e settimanali (rispettivamente chiamate Daily Mix e Discover Weekly) di brani in linea con i nostri gusti musicali.

Spotify è scaricabile gratuitamente su tutti i dispositivi sopracitati, ma permette di ascoltare la musica solamente in modalità shuffle, cioè casuale: le possibilità di saltare i brani sono infatti limitate nella versione gratuita dell’applicazione.

In alternativa, puoi sottoscrivere un abbonamento a Spotify Premium (9,99 euro/mese) o a Spotify Premium For Family (14,99 euro/mese). I vantaggi della sottoscrizione all’abbonamento a Spotify Premium sono senz’altro la possibilità di saltare i brani illimitatamente, eliminare la pubblicità, ascoltare la musica a qualità maggiore e scaricare la musica in modalità offline. Spotify Premium for Family offre anche la possibilità di utilizzare lo stesso account da un numero massimo di 5 utenti simultaneamente.

Se vuoi saperne di più sul funzionamento di Spotify, puoi dare uno sguardo a un mio precedente articolo dove te ne parlo più nel dettaglio, spiegandoti tutto quello che c’è da sapere su quest’applicazione per lo streaming musicale.

Google Play Musica (Android/iOS)

Un altro servizio di streaming musicale frequentemente utilizzato è Google Play Musica. Il catalogo è molto ricco di brani musicali ed è possibile ascoltare musica, scaricando l’app su smartphone e tablet Android e su iPhone e iPad. Anche se meno famosa rispetto a Spotify, l’app Google Play Musica è senz’altro un’ottima scelta per l’ascolto della musica in streaming. La sua funzionalità più interessante ti permette di caricare la musica dal computer (tramite un apposito client); la ritroverai poi sincronizzata sul tuo dispositivo mobile.

Purtroppo però, a parte per l’ascolto della propria musica caricata tramite computer, Google Play Musica è un servizio di streaming musicale a pagamento. Certamente potrai provare l’app gratuitamente per qualche mese (genericamente 1 o 2, ma dipende dalla presenza o meno di promozioni), poi dovrai sottoscrivere un abbonamento al costo di 9,99 euro/mese (Abbonamento singolo) o di 14,99 euro/mese (Abbonamento Famiglia).

Google Play Musica ti permette inoltre l’acquisto di singoli brani o di album presenti nel catalogo e, sottoscrivendo l’abbonamento, è possibile scaricare la musica per ascoltarla in modalità offline. Oltre all’app per dispositivi mobili Android e iOS, Google Play Musica è disponibile anche tramite Web.

Deezer (Android/iOS/Windows Phone)

Poco conosciuta e forse anche molto sottovalutata è l’app per lo streaming musicale Deezer sviluppata da un team francese. L’applicazione è da tenere invece in considerazione: ha un’interfaccia utente molto giovanile e accattivante e offre la possibilità di ascoltare musica in streaming gratuitamente anche in modalità casuale.

Interessanti e molto validi sono i suoi algoritmi che propongono l’ascolto di musica in streaming sulla base dei precedenti brani ascoltati. Inoltre è possibile aiutare l’app nella selezione, votando positivamente o negativamente i brani proposti. In questo modo, l’algoritmo migliorerà sempre di più.

Tra le sue altre caratteristiche principali, che la rendono un’app dalle buone potenzialità, vi è senz’altro la presenza di numerose Playlist tematiche, create dagli sviluppatori dell’app. È chiara la volontà di ricalcare il successo di Spotify ma l’applicazione Deezer, sebbene sia accattivante, ha ancora strada da fare prima di superare il colosso della musica in streaming.

Deezer è disponibile gratuitamente con alcune limitazioni imposte dall’ascolto di musica in modalità casuale e dalla presenza di banner pubblicitari. In alternativa, per sfruttare a pieno le funzionalità dell’app, è possibile sottoscrivere un abbonamento a Deezer Premium+ (9,99 euro al mese) o a Deezer Family (14,99 euro al mese + 6 profili). I vantaggi dell’abbonamento sono dati anche dalla possibilità di scaricare la musica per l’ascolto offline e dalla possibilità di riprodurla su Chromecast. Se vuoi saperne di più sulle funzionalità di Deezer, ti consiglio la lettura di un mio precedente articolo, dedicato al funzionamento dell’applicazione.

Oltre all’app per dispositivi mobili Android, Windows Phone e iOS, Deezer è utilizzabile via browser web e tramite il client per Windows 10 e Mac.

Apple Music (iOS/Android)

Per gli amanti dell’ecosistema di prodotti Apple, oltre che della musica, vi è l’app Apple Music, servizio di streaming musicale di proprietà della società di Cupertino.

L’applicazione Apple Music per la musica in streaming è disponibile in maniera predefinita su iPhone e iPad, ma è possibile scaricarla anche su dispositivi con sistema operativo Android. Il suo punto di forza è sicuramente l’integrazione con tutto l’ecosistema di prodotti Apple e viene offerta anche l’integrazione con la propria libreria musicale di iCloud. In questo modo, utilizzando l’app Apple Music, potrai ascoltare la musica in streaming offerta dal catalogo e anche caricare i brani dal tuo computer, per poi ascoltarli sul tuo dispositivo.

Sebbene il catalogo di Apple Music non sia vastissimo e le sue funzionalità non siano complete come quelle di Spotify, la società di Cupertino investe sempre molto tempo e risorse per migliorare il suo servizio di streaming musicale, aggiornando anche di frequente le sue playlist musicali. L’applicazione per la musica in streaming Apple Music resta comunque molto utilizzata dai possessori di un dispositivo Apple ed è assolutamente in grado di fare un’agguerrita concorrenza a Spotify, specialmente grazie alla presenza di album di artisti famosi tramite esclusive temporali.

Apple Music è un servizio di streaming musicale che richiede la sottoscrizione di un abbonamento. Il prezzo è di 9,99 euro al mese per ottenere l’accesso alle funzionalità dell’app con un account singolo. In alternativa è disponibile anche l’abbonamento Famiglia al costo di 14,99 euro al mese. Per gli studenti universitari è invece riservata una speciale promozione grazie alla quale è possibile pagare l’abbonamento soltanto 4,99 euro al mese. Interessante inoltre la possibilità di provare gratuitamente il servizio con un periodo di prova della durata di ben tre mesi.

Altre applicazioni per la musica

  • SoundCloud (Android/iOS) – SoundClound è una nota piattaforma di condivisione musicale che, disponibile per Android e iOS, è nota per la presenza di numerosi remix di brani famosi. L’app è consigliata anche per via della possibilità di ascoltare canzoni di artisti emergenti.
  • Jamendo Music (Android/iOS) – Jamendo è un noto portale dedicato alla musica libera che può essere ascoltata e scaricata gratuitamente e legalmente. L’applicazione è disponibile per Android e iOS e include moltissimi album di artisti indipendenti, provenienti da tutto il mondo.
  • Youtube (Android/iOS) – Il noto portale di videosharing di Google disponibile per Android e iOS ha una sezione completamente dedicata ai video musicali che ti permetterà di ascoltare musica gratuitamente. Attenzione però, perché trattandosi di video musicali, lo streaming di video tramite Yotube chiaramente consuma molto più traffico dati rispetto alle altre app di streaming precedentemente citate.
  • Vevo (Android/iOS) – Vevo è uno tra i più noti portali di videosharing che, al pari di Youtube, ti permette di ascoltare musica in streaming gratuitamente. L’app è disponibile per Android e iOS e tra i suoi punti di forza vi è la presenza di videoclip degli artisti più famosi in esclusiva temporale, oltre che la possibilità di creare delle GIF partendo da un video, tramite la versione web del servizio.