Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

App per ascoltare musica gratis

di

Sei una di quelle persone che amano ascoltare le proprie playlist preferite all’infinito? Ti capisco, però scommetto che anche tu, di tanto in tanto, hai voglia di uscire dalla routine e di ascoltare qualche brano diverso da quelli che ascolti di solito… ho indovinato? Bene, allora lascia che ti consigli qualche app per ascoltare musica gratis da installare sul tuo smartphone (o sul tuo tablet) per avere “tonnellate” di nuova musica sempre a portata di dito!

Si tratta di applicazioni che funzionano tramite Internet – quindi occhio al consumo di dati se stai navigando sotto rete mobile – ma in alcuni casi permettono anche di archiviare le canzoni in locale e ascoltarle offline. Fra queste ci sono servizi di streaming musicali “puri”, app per ascoltare le Web radio di tutto il mondo e servizi di condivisione musicale attraverso i quali ascoltare (e scaricare) le opere di artisti provenienti da ogni angolo del globo.

Che altro aspetti? Individua le applicazioni che ti sembrano più adatte ai tuoi gusti, installale sul tuo telefonino e comincia subito a espandere i tuoi orizzonti musicali senza spendere un centesimo. C’è da fare qualche rinuncia rispetto ai servizi di streaming a pagamento che adesso vanno per la maggiore – questo è indubbio – però sono convinto che troverai ugualmente tantissimi contenuti interessanti. Buon divertimento!

Indice

App per ascoltare musica gratis Android

Esistono davvero moltissime app per ascoltare musica gratis su Android: eccone qualche esempio pratico che ti tornerà sicuramente utile!

Spotify

App per ascoltare musica gratis

Spotify è uno dei servizi di streaming musicali più famosi al mondo. Il suo piano di base, gratuito, supportato dalle pubblicità, consente di ascoltare musica in streaming sullo smartphone senza sottoscrivere abbonamenti a pagamento. Tuttavia presenta diverse limitazioni: funziona esclusivamente in modalità shuffle, quindi permette di ascoltare solo brani “random” affini a quello selezionato (se non per alcune playlist selezionate dal servizio) e consente di saltare al massimo 6 tracce all’ora. Inoltre, rispetto al piano Premium del servizio (che costa 9,99 €/mese nella versione base), non permette di scaricare le canzoni offline e non prevede la modalità di ascolto in alta qualità (il bitrate della musica riprodotta è di 96kbps).

Il funzionamento della app è estremamente intuitivo. Dopo aver creato un account gratuito (o essersi autenticati in Spotify tramite account Facebook) è possibile cercare il brano da ascoltare, o meglio, da utilizzare come base per la sessione di ascolto in modalità shuffle semplicemente pigiando sulla voce Ricerca presente nella barra laterale dell’applicazione (alla quale si accede pigiando sull’icona ☰ collocata in alto a sinistra).

Va ad aggiungersi anche la possibilità di ascoltare e scaricare podcast anche per il piano base, cosa che può risultare davvero interessante per molti sebbene non si tratti di musica. Da segnalare che per i nuovi utenti è disponibile un periodo di prova gratuito di Spotify Premium pari a 30 giorni, senza vincoli di rinnovo. Esiste poi la possibilità di condividere l’account con altre persone, col piano Family che include fino a 6 persone contemporaneamente a un prezzo di 15,99 € al mese. Supporta anche Chromecast di Google, Apple TV, Fire TV Stick e tanti altro device, come Smart TV e Amazon Echo. Se vuoi saperne di più leggi il mio tutorial dedicato a Spotify.

YouTube Music

YouTube Music

YouTube Music è la risposta di Google a Spotify. La sua versione di base, gratuita, permette di accedere a tutto il catalogo musicale di YouTube, ma con interruzioni pubblicitarie e senza la possibilità di ascoltare i brani in background (quindi mentre si usano altre app).

Per iscriverti non devi far altro che scaricare e installare l’app poi, una volta aperta, eseguire il login tramite le tue credenziali dell’account Google (nel caso tu ne possegga uno), oppure crearne uno tramite la procedura che ti offre l’app una volta pigiato il pulsante Accedi.

Per attivare la modalità di ascolto in background, la riproduzione dei video in modalità solo audio (per risparmiare Giga) e la funzione di download dei contenuti offline, occorre sottoscrivere un abbonamento da 9,99 €/mese (o 14,99 €/mese, se si sceglie il piano famiglia utilizzabile da 6 persone). In ogni caso c’è una prova gratuita iniziale di 1 mese senza obbligo di rinnovo.

Una volta attivato l’abbonamento, il download di brani, playlist e album è semplicissimo: basta pigiare sul pulsante ⋮ collocato accanto al titolo del contenuto di proprio interesse e selezionare la voce Scarica dal menu che si apre. Trovi maggiori dettagli nel mio tutorial dedicato al servizio.

Amazon Music

Amazon Music

Sei un abbonato al servizio Prime di Amazon? Allora sono convinto che troverai molto interessante l’app Amazon Music! Gli abbonati al servizio Amazon Prime possono usare l’app di streaming musicale Amazon Music per accedere a un catalogo composto da 2 milioni di brani, anche offline e senza interruzioni pubblicitarie.

Per chi non si “accontenta” è disponibile il servizio Amazon Music Unlimited che, tramite la medesima app, permette di accedere a un archivio composto da 75 milioni di brani ma, il costo di questo servizio, parte dai 9,99 € mensili ma è compreso un mese di prova gratuito per tutti i nuovi iscritti. I brani, così come le playlist e le radio tematiche, si possono ascoltare e salvare offline senza alcun limite.

Il servizio è disponibile anche da computer, Fire TV Stick, Amazon Echo e altri device: se vuoi saperne di più, leggi il mio tutorial su come funziona Amazon Music Unlimited.

TuneIn Radio

App per ascoltare musica gratis

Un’altra app per ascoltare musica gratis che ti consiglio vivamente di provare è TuneIn Radio che dà accesso a oltre 100.000 stazioni radio di tutto il mondo a costo zero. È disponibile anche in una versione Pro, dal costo di circa 10 € al mese e di 110 € l’anno, che permette di registrare quello che si ascolta e non presenta banner pubblicitari al suo interno oltre che accedere ad alcuni degli sport americani più famosi e alle loro dirette radio, ma per il semplice ascolto della musica basta e avanza quella free.

L’interfaccia della app è talmente intuitiva che non c’è bisogno di aggiungere molto: nella sezione Home è possibile “sfogliare” le stazioni radio in base al loro genere di appartenenza mentre, navigando tra le voci che si trovano nel menu in alto, è possibile andare a pescare stazioni di qualsiasi genere e di qualunque regione del mondo.

Esiste infatti la sezione dedicata alla radio locale, allo sport e molte altre fino ad arrivare alla divisione per lingua, dove una lista incredibilmente lunga di possibilità fa capolino. Questa opzione diventa davvero utile per tutti coloro che studiano lingue straniere e desiderano ascoltare contenuti per migliorare la loro conoscenza in tale settore.

Radio.it

App per ascoltare musica gratis

Nel caso in cui TuneIn Radio non dovesse soddisfarti, puoi ascoltare musica gratis dal tuo smartphone anche con Radio.it, un’altra applicazione dedicata alle radio online. Permette di ascoltare oltre 10.000 stazioni provenienti da tutto il mondo, supporta i podcast e consente di cercare brani o artisti in tempo reale in modo da ascoltarli “al volo” (ossia mentre le radio li trasmettono).

Al primo avvio, la app ti chiederà di creare un account gratuito per memorizzare le tue stazioni preferite: puoi accettare, cliccando su uno dei pulsanti presenti nella schermata che ti viene proposta (es. accedi con Facebook o Accedi con Google) oppure puoi utilizzare direttamente Radio.it senza registrarti, pigiando sul pulsante Continua senza registrarti.

Successivamente, selezionando la scheda Scopri dell’applicazione puoi “sfogliare” tutte le stazioni disponibili in base a vari criteri (genere musicale, stazioni locali, radio più ascoltate su Radio.it ecc.) oppure puoi cercare stazioni radio, brani e artisti usando l’icona della lente d’ingrandimento collocata in alto a destra.

Esiste poi un intero universo dedicato ai podcast, dove se ne possono trovare oltre 600.000 ai quali è possibile abbonarsi, ascoltarli live oppure scaricarli per portarli sempre con se e riprodurli nel momento più utile. Trattandosi di radio sono ovviamente presenti pubblicità impossibili da saltare, poiché non esiste un abbonamento premium e anche perché sono canali terzi non sotto il controllo dell’app stessa.

SoundCloud

soundcloud

SoundCloud è un famosissimo servizio musicale che permette ad artisti, DJ e appassionati di musica di condividere le proprie creazioni online. Ospita migliaia di brani originali e altrettanti remix di canzoni famose da ascoltare (e in alcuni casi scaricare) a costo zero.

Una volta scaricata richiede la creazione di un account che si può scegliere d’impostare tramite le credenziali di Google, Facebook o Apple. In alternativa è possibile andare a crearne uno nuovo inserendo la propria email, una password sicura, l’età, il genere, un nickname da visualizzare ed eventualmente una foto profilo.

Per il resto non c’è molto da spiegare: la schermata principale della app è composta da una selezione di playlist divise per genere e, dal menu un basso, si può passare alla sezione Stream dove ascoltare podcast e brani di artisti seguiti oppure cercare canzoni in base al loro titolo o all’artista che le esegue pigiando sull’icona della lente d’ingrandimento.

App per ascoltare musica gratis iPhone

Se stai cercando app per ascoltare musica gratis iOS, allora devi sapere che Spotify, YouTube Music, Amazon Music, TuneIn, Radio.it e SoundCloud sono disponibili anche su iPhone e iPad, quindi resta valido tutto quello già scritto finora. Vorrei però parlarti in maniera più specifica di Apple Music, che come facilmente intuibile è un servizio targato Apple ed è incluso “di serie” su tutti i device della “mela morsicata”. Trovi tutti i dettagli di seguito.

Apple Music

Apple music

Apple Music è il servizio di streaming musicale nativo di Apple, il quale è pensato per essere fruito dai suoi dispositivi ma che poi è sbarcato anche su Android tramite un’app dedicata. Essendo però integrato alla perfezione con iPhone, iPad e Mac ho deciso di scrivere un capitolo che lo trattasse separatamente e in modo specifico per gli utenti della mela morsicata.

Parto subito col dirti che Apple Music prevede un periodo di prova iniziale di 1 mese (che diventano 3 o 6 mesi se si acquista un dispositivo Apple idoneo), scaduto il quale per continuare a usare il servizio è necessario aderire a un piano a pagamento, che è disponibile in diversi formati che partono dai 4,99 € per il pacchetto Voice, il quale è fruibile solo da HomePod e altri dispositivi che possono avvantaggiarsi dei comandi vocali di Siri e dà accesso a 90 milioni di brani e 30.000 playlist, ma non include l’ascolto a qualità superiore (lossless) né l’audio spaziale Dolby Atmos.

Per avere tutte le funzioni bisogna sottoscrivere uno dei piani “standard”, come il piano individuale da 9,99 € al mese, o quello da 14,99 €/mese se si desidera l’accesso e la creazione di account simultanei da parte di più utenti (fino a 6), i quali potranno creare il proprio spazio musicale con playlist personalizzate.

Per utilizzare Apple Music sul tuo iPhone devi aprire l’app Musica contraddistinta dall’icona con la nota musicale e, successivamente, eseguire l’accesso col tuo ID Apple, nel caso ti venga richiesto. A questo punto hai di fronte la pagina Libreria che, nel caso tu non abbia ancora acquistato nulla, dovrebbe essere vuota.

Per passare all’ascolto dei brani tocca la voce Ascolta ora dal menu in basso e fai tap sul grande riquadro pubblicitario che si trova in mezzo allo schermo oppure scorri in basso per vedere le opzioni disponibili. Da qui puoi iscriverti ad Apple Music pigiando il pulsante Abbonati e, una volta completato, inizia a goderti i brani che ami direttamente dal tuo iPhone.

La sottoscrizione e la gestione dell’abbonamento è possibile farla attraverso iTunes oppure direttamente all’interno dell’app musica facendo tap sulla tua icona e poi selezionando la voce Impostazioni account. Se vuoi sapere di più su Apple Music, ti lascio alla mia guida dedicata.

App per ascoltare musica gratis su PC

radio ita pc

Stai cercando delle app per ascoltare musica gratis su PC? Nessun problema: tutti i servizi di streaming musicale citati poc’anzi, come Spotify, Amazon Music, Apple Music (tramite iTunes su Windows) e YouTube Music (via browser) sono fruibili senza problemi anche da computer.

Ad ogni modo, ti lascio ai miei articoli sui programmi per ascoltare musica e per scaricare musica dove troverai numerose soluzioni spero interessanti in tal senso.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.