Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Smart TV: come funziona

di

Sei stato in un centro commerciale e sei rimasto incantato dagli Smart TV? Vorresti acquistarne uno ma hai ancora dei dubbi circa la reale utilità delle funzioni che offrono? Non ti preoccupare, se vuoi posso aiutarti io a fare un po’ di luce sulla questione e capire meglio cosa sono gli Smart TV e come funzionano.

La tecnologia dei TV, devi sapere, è cambiata molto nel corso del tempo: se prima l’unico scopo del televisore era quello di far vedere ciò che le varie emittenti trasmettevano, oggi, proprio grazie agli Smart TV, si possono fare cose che soltanto una decina di anni fa erano pura fantascienza. Innanzitutto, lo Smart TV può collegarsi a Internet e consentire l’accesso a contenuti prelevati direttamente dalla Rete (e ciò ti fa comprendere già quanto il concetto di televisore sia cambiato nel corso del tempo). Poi alcuni di essi si comportano proprio come se fossero un prolungamento di smartphone, tablet o addirittura computer, consentendo l’utilizzo di applicazioni, la comunicazione attraverso i social network e la riproduzione di giochi.

Vuoi saperne di più? Bene, allora prenditi qualche minuto di tempo libero e leggi il mio articolo dedicato agli Smart TV. Vedremo, insieme, cosa rende gli Smart TV così particolari, analizzeremo in dettaglio le loro funzioni più importanti e cercheremo di capire se vale o meno la pena spendere qualche euro in più per il loro acquisto rispetto ai televisori non Smart. A me non resta che augurarti una buona lettura e buon divertimento!

Indice

Cos’è uno Smart TV

Smart TV: come funziona

Come ti ho accennato poco fa, uno Smart TV è un televisore che può connettersi a Internet; i primi Smart TV potevano farlo tramite cavo di rete ma, già da diversi anni, tutti quelli in circolazione sono dotati di scheda Wi-Fi e possono connettersi tranquillamente alle reti senza fili.

So che potrà sorprenderti, ma questi dispositivi sono dei veri e propri computer dotati di applicazioni di vario genere e sistemi operativi completi, come ad esempio Android TV (versione TV del celebre sistema operativo per smartphone e tablet). Se vorrai, dunque, acquistando uno Smart TV, potrai installare app come Netflix e YouTube e goderti tutti i loro contenuti, accedere alle foto e ai video che hai condiviso sulla tua rete Wi-Fi e, in alcuni casi, addirittura giocare o interfacciarti con il tuo cellulare.

Come scegliere uno Smart TV

Come dici? Sei rimasto colpito dalle potenzialità degli Smart TV e ora sei ancora più curioso di conoscere nel dettaglio le loro caratteristiche? Bene, allora lascia che ti dia alcune informazioni che potranno esserti utili per scegliere lo Smart TV più adatto a te.

Dimensioni e risoluzione

Anche se gli aspetti di uno Smart TV sono tanti, le prime cose che dovrai considerare, a fronte di un nuovo acquisto, sono sicuramente le dimensioni e la risoluzione.

  • Dimensioni – decidi dove vuoi posizionare il tuo nuovo Smart TV e considera la sua dimensione in base allo spazio che hai a disposizione. L’ampiezza dello schermo di uno Smart TV si misura in pollici (un numeretto accompagnato da due apici; ad esempio, 55″ si legge cinquantacinque pollici): più saranno, più lo schermo sarà grande. Un pollice corrisponde a circa due centimetri e mezzo; se stai già misurando lo spazio a tua disposizione, considera che molti metri da misura riportano anche le dimensioni in pollici: le troverai con la dicitura inchinches. Quasi tutti gli Smart TV moderni hanno una cornice (ossia un bordo che circonda lo schermo) piccolissima o alcuni non la hanno affatto; tuttavia, se stai progettando il tuo spazio al millimetro, tieni presente anche quella.
  • Risoluzione – ora che hai scelto la dimensione del tuo TV, passiamo alla sua risoluzione; questa parola indica quanti pixel può contenere lo schermo: in parole semplici, più alta è la risoluzione dello Smart TV migliore è la qualità dell’immagine. Attualmente in commercio troverai principalmente tre tipi di risoluzioni: HD Ready (1280×720 pixel, cioè 1280 pixel in verticale e 720 in orizzontale), Full HD FHD (1920×1080 pixel) e Ultra HD UHD che sono disponibili in 4K (3840×2160 pixel) oppure 8K (7680×4320 pixel). In generale, Gli Smart TV con la risoluzione Ultra HD sono i migliori, anche se però un po’ costosi. Tieni comunque presente che se hai una ADSL molto veloce, un abbonamento per lo streaming 4K (che sia NetflixTIMVision o altro) o un dispositivo di gioco in grado di riprodurre il 4K (come PlayStation 4 Pro, Xbox One X ad esempio), optare per questo tipo di Smart TV sarà un piacere per la vista. Mi sento invece di sconsigliarti la risoluzione HD Ready, che è abbondantemente superata e ha costi solo leggermente inferiori al Full HD. L’8K, all’opposto, è ancora troppo all’avanguardia e costosa come tecnologia per giustificare l’acquisto di un televisore di questo tipo (a meno che non si abbiano esigenze molto specifiche e un budget importante.

Tipo di pannello

Hai notato termini come OLED, LCD o Quantum Dot nella descrizione dei vari Smart TV e ti sei spaventato? Stai tranquillo: sono semplicemente le tecnologie con cui sono costruiti i pannelli dei vari televisori. Di seguito ti spiegherò in breve le caratteristiche di ognuna di esse.

  • Plasma – è una delle prime tecnologie usate per gli schermi “piatti”. Riscalda molto il televisore e consuma un bel po’ di energia. Ti sconsiglio di orientarti su questo acquisto: oggi sul mercato c’è di meglio a un ottimo prezzo.
  • LCD e LED – sono le due tecnologie più usate. Sono molto simili e differiscono soltanto per il tipo di retroilluminazione usata: gli LCD usano le lampade fluorescenti, i TV a LED sono degli LCD che sostituiscono dei LED a queste piccole lampade. Proprio per questo, gli schermi LED sono molto più sottili rispetto agli LCD e consumano meno energia.
  • OLED – è l’evoluzione della tecnologia LED, questi pannelli sono ottimizzati per il risparmio energetico: anziché “creare” il colore nero usando la retroilluminazione, gli OLED possono spegnere i pixel. In questo modo si ottengono dei neri ancora più neri ed il consumo di energia sarà minore.
  • Quantum Dot – è una tecnologia usata da alcuni produttori, ad esempio Samsung, per gli Smart TV di fascia media alta: utilizza dei piccoli cristalli per definire ancora meglio i colori. Quando questi cristalli vengono illuminati, riescono a ricreare più sfumature di colore rispetto ai pannelli tradizionali, avvicinandosi alla flessibilità degli OLED.
  • Display curvo – avrai notato che alcuni Smart TV hanno un pannello letteralmente “piegato”. Questo tipo di display fa sembrare lo Smart TV più grande (sfruttando qualche difetto della vista umana) e più coinvolgente. Fai però attenzione: per godere appieno di un display curvo bisogna posizionarsi esattamente al centro. Prima di optare per un acquisto del genere, provalo in qualche catena di elettronica.

Connettività a Internet

Gli Smart TV di prima generazione erano dotati solo di entrata per il cavo Ethernet; la maggior parte dei televisori in circolazione oggi, invece, è dotata di connettività Wi-Fi. Fai molta attenzione a questo dettaglio e scegli il dispositivo più adatto alle tue esigenze: se non vuoi troppi fili in giro per casa, ti consiglio di controllare la presenza di questo collegamento senza fili. Altrimenti, se vuoi ancora più prestazioni dalla tua rete, hai modo di tenere i fili ordinati e hai la possibilità di cablare un cavo ethernet o di usarne uno già pronto, puoi risparmiare qualche euro acquistando uno Smart TV senza Wi-Fi.

Altre caratteristiche

Esattamente come i computer e gli smartphone, ci sono diverse altre caratteristiche che potresti cercare in uno Smart TV. Di seguito ti elencherò quelle più importanti.

  • Slot CI+ (Common Interface Plus) – è l’entrata in cui è possibile inserire la CAM, cioè quel dispositivo che ti permette di leggere le smart card per accedere a servizi come Mediaset Premium. Fai attenzione, poiché in alcuni Smart TV economici questa interfaccia manca.
  • HDR – diversi televisori di fascia alta supportano questo tipo di tecnologia. Essa permette di visualizzare sullo schermo più sfumature di ombre e luci rispetto a televisori che non ne sono dotati.
  • Ingressi – prima di acquistare un nuovo Smart TV, pensa bene al tipo di dispositivi che vorrai collegarci e accertati di avere ingressi sufficienti. Ad esempio, per collegare un lettore Blu-Ray e contemporaneamente un TV Box hai bisogno di almeno 2 ingressi HDMI. Valuta inoltre la presenza di porte USB, che potrai usare per collegare dischi e chiavette USB. Infine, se vuoi dotare il tuo TV di un home theatre top di gamma o altri tipi di impianti audio, accertati che sia presente un’uscita audio ottica.
  • Consumo energetico – spesso i televisori rimangono accesi per molto, dunque averne uno a risparmio energetico aiuta a tenere bassa la bolletta dell’elettricità. Il consumo dei TV attualmente in commercio va dalla classe A+++ (la migliore) alla classe D (la peggiore).
  • DLNA, Miracast, Google Cast e AirPlay – se hai letto la mia guida su come collegare il cellulare alla TV, sai che per collegare il telefono al televisore in modalità senza fili e trasmettere contenuti, lo Smart TV deve supportare almeno uno dei protocolli Miracast, DLNA, Google Cast o AirPlay. Questi ultimi due protocolli sono integrati soltanto nei più moderni Smart TV, soprattutto in quelli di fascia alta. In caso contrario, puoi comunque associare rispettivamente un Chromecast o un Apple TV per rendere disponibili questi due protocolli sul tuo Smart TV.

Sistemi operativi per Smart TV

Come ti ho detto nel capitolo introduttivo, puoi considerare uno Smart TV come se fosse un computer. Sui televisori di nuova generazione è presente un sistema operativo pronto a svolgere i compiti necessari.

Non tutti gli Smart TV hanno lo stesso sistema operativo: dipende dalle scelte del produttore e dalla fascia di prezzo del televisore stesso. Per avere una vasta disponibilità di app e funzioni, bisogna scegliere un sistema operativo completo e, possibilmente, con ampia diffusione. Di seguito troverai una lista di quelli più interessanti disponibili attualmente nel mercato.

  • Android TV – il nome ti suona familiare? È esattamente come pensi: Google ha personalizzato Android anche per funzionare sui televisori! Android TV è un sistema operativo molto simile a quello presente su smartphone e tablet. Nonostante ciò, questo sistema è stato semplificato e reso più “comodo” per poter essere usato con il telecomando. Su Android TV è possibile installare le app Android e gli aggiornamenti tramite Google Play, il sistema è predisposto per l’uso dei comandi vocali e prevede la possibilità di controllare il televisore tramite smartphone o tablet Android. Inoltre, Android TV supporta pienamente il protocollo Google Cast: ciò significa che il televisore ha le stesse funzionalità e le stesse potenzialità del Chromecast (se non ne hai mai sentito parlare, ti consiglio di leggere la mia guida su come funziona Chromecast). Rispetto alle altre, Android TV è sicuramente la piattaforma per televisori più completa, flessibile e personalizzabile. Puoi trovare Android TV su molti televisori top di gamma (specialmente i Sony).
  • Samsung Smart Hub – troverai questo sistema operativo su alcuni Smart TV targati Samsung. Questa piattaforma è abbastanza completa, supporta moltissime app, viene aggiornato spesso ed è pienamente compatibile sia con gli smartphone Samsung sia con i prodotti Samsung orientati al mercato dell’home video (ad esempio i lettori Blu-Ray), oltre che con smartphone e tablet di tutte le principali marche.
  • Tizen – questo sistema operativo ha una storia molto lunga e complicata: è basato su Linux ed era pensato per gli smartphone, ma le cose non sono andate esattamente per il verso giusto. Dopo essere stato sviluppato da diverse aziende, Tizen è passato nelle mani di Samsung ed è ora presente su parte dei suoi televisori televisori (ma anche su alcuni smartwatch Samsung e sullo smartphone Z4). Tizen è una piattaforma completa che offre uno store molto ricco di app e la possibilità di sfruttare il protocollo Miracast.
  • LG webOS – dopo Android TV e i sistemi Samsung, WebOS è uno dei sistemi più completi per Smart TV LG. Ha a disposizione un grande store di app (che comprende nomi come YouTube, Netflix, Amazon Video, Infinity e altri), è molto pratico da usare tramite il telecomando e soprattutto è estremamente veloce.
  • Altri sistemi operativi – alcuni televisori sono dotati di un sistema operativo proprietario in grado di eseguire app e di impostare al meglio il proprio televisore.

Come usare uno Smart TV

Fin qui ti ho dato delle informazioni utili, ma ora è il momento di mettere le mani sul telecomando e capire come compiere alcune semplici operazioni (connessione a Internet, installazione delle app e accesso ai file sulla rete) su uno Smart TV. Per questa parte userò un televisore con sistema operativo proprietario LG controllato con il suo telecomando, ma stai tranquillo: i meccanismi sono simili anche sugli Smart TV di altre marche con altri sistemi operativi. Ti assicuro non avrai problemi a ripetere i procedimenti su un sistema operativo diverso.

Smart TV WiFi: come funziona

Collegare Smart TV in WiFi

Collegare lo Smart TV a Internet è davvero semplice. Per prima cosa, pigia sul tasto Impostazioni del telecomando (sui TV LG ha la forma d’ingranaggio). Poi, usando le frecce, portati sulla voce Tutte le impostazioni e pigia sul tasto OK del telecomando.

Scegli ora la voce relativa alla connessione di rete (es. Rete) dal pannello e seleziona l’opzione Connessione Wi-Fi. A questo punto, premi sul tasto Attiva, in modo da avviare la scansione delle reti disponibili nelle vicinanze. Ciò che devi fare è semplicemente selezionare la tua rete domestica e immettere la password per accedervi.

Dopo qualche secondo, sarai finalmente collegato a Internet e potrai accedere a tutti i contenuti smart supportati dal tuo televisore, tra cui le app e i file multimediali ospitati da computer, NAS e altri dispositivi connessi alla rete locale.

Smart TV: come funziona senza WiFi

Collegare Smart TV in LAN

Se il tuo Smart TV non dispone della funzionalità Wi-Fi oppure semplicemente non hai una rete wireless disponibile a cui connetterti, sappi che poi comunque usare il tuo televisore. Ti ricordo, però, che tutte le funzionalità Smart, come l’installazione di app o il loro funzionamento, la navigazione Web e tutti quegli strumenti che richiedono una connessione a Internet attiva non funzioneranno.

Per tale ragione, uno Smart TV senza connessione a Internet ti consentirà di accedere ai canali televisivi, in quanto il segnale viene ricevuto dall’antenna, e di eseguire alcune funzionalità locali, come la riproduzione di file su chiavetta USB.

In sostituzione del collegamento wireless, puoi comunque usare quello Ethernet, impiegando un cavo LAN. In linea generale, non devi effettuare nessuna particolare configurazione sullo Smart TV, se non semplicemente collegare un’estremità del cavo LAN nell’apposita porta d’ingresso dietro al pannello, mentre l’altra nella porta del modem/router.

Se quest’ultimo si trova vicino allo Smart TV, puoi effettuare una connessione diretta. Se si trova, invece, in un’altra stanza, puoi pensare di utilizzare dei Powerline, dispositivi che consentono di estendere il collegamento Internet da una stanza all’altra, sfruttando l’impianto elettrico domestico. Alcuni di questi dispositivi, addirittura, consentono anche di portare il segnale Wi-Fi nelle aree della casa dove non arriva quello del modem/router.

Smart TV: come usare internet

Come usare internet su Smart TV

Quando il tuo Smart TV è connesso a Internet, può svolgere diverse funzionalità. Ad esempio, se hai installato delle applicazioni (di cui ti parlerò nel prossimo capitolo) che ti consentono di vedere contenuti multimediali, come YouTube, Netflix o Prime Video, devi semplicemente avviare quest’ultime dalla schermata Home del televisore, che solitamente ospita tutte le applicazioni installate e le funzionalità predefinite dello Smart TV.

Puoi anche usare lo Smart TV per navigare sul Web, utilizzando l’app preinstallata per la navigazione a Internet: tutto ciò che devi fare è selezionare l’icona Browser dalla schermata Home, attendere il caricamento della schermata iniziale e usare la barra in alto per effettuare una ricerca sul Web o digitare l’URL del sito che vuoi visitare.

Un collegamento a Internet attivo è anche importante per tenere lo Smart TV e le app sempre aggiornate. Infatti, nel momento in cui avvii un’app, ti verrà segnalato un nuovo aggiornamento, se disponibile. Premendo sull’apposito tasto che ti compare a schermo, verrai indirizzato alla sua scheda sullo store digitale, tramite il quale potrai aggiornarla.

Anche gli aggiornamenti del sistema operativo del televisore ti vengono notificati ogni qualvolta sono disponibili, a patto che lo Smart TV sia sempre connesso a Internet. In questo caso, premendo sull’apposita notifica che ti verrà mostrata sullo schermo del TV, potrai accedere all’apposita sezione per eseguire l’aggiornamento di sistema che, nella maggior parte dei casi, richiedono il riavvio del TV.

Installare le app

Installare app su Smart TV LG

Come sottolineato nei capitoli precedenti, il supporto alle applicazioni è una delle caratteristiche più importanti degli Smart TV. Le applicazioni sono quelle che danno accesso a servizi come Netflix, Infinity ecc., permettono di comunicare sui social e consentono di accedere a informazioni di vario genere (es. le previsioni meteo o le ultime notizie).

Per accedere al menu con le app installate sul televisore, basta premere il tasto Home (solitamente contraddistinto dall’icona di una casetta) o il tasto Smart TV (che può avere varie “icone”, a seconda del modello). Per installare nuove app, invece, nella schermata principale dello Smart TV, devi raggiungere l’icona (o la scheda) relativa allo store virtuale. Ad esempio, LG Content Store è lo store ufficiale degli Smart TV LG con WebOS.

Per scaricare un’app, come Netflix o YouTube, non devi fare altro che seleziona l’icona di quella che vuoi installare, in modo da aprirne la scheda dettagliata. Puoi, in alternativa, usare l’apposito motore di ricerca per digitare il nome dell’app e verificare se presente nello store. Successivamente, devi soltanto premere sul tasto Installa, per avviare la procedura di download e installazione automatica dell’app.

A questo punto, per avviare l’applicazione appena installata, dalla schermata Home dello Smart TV, seleziona l’icona dell’app in questione e il gioco è fatto! Non sai quali app puoi scaricare per il tuo Smart TV? Troverai tante idee nel mio articolo dedicato alle app per Smart TV.

Smart TV: come funziona senza antenna

Se hai problemi di ricezione del segnale televisivo via antenna, puoi comunque guardare i tuoi canali TV preferiti con il tuo Smart TV. Come? Mediante l’utilizzo dell’IPTV. Se non conosci questa tecnologia, sappi che consiste nel guardare la televisione sfruttando il protocollo TCP/IP.

In altre parole, il contenuto dei canali televisivi viene diffuso su Internet e, tramite un’apposito client installato sullo Smart TV, si può essere visualizzato in tempo reale. Se volessi approfondire di più l’argomento IPTV, che puoi usare anche su altri dispositivi elettronici, come smartphone, tablet e computer, ti consiglio di leggere questa mia guida dedicata all’argomento.

Se, invece, vuoi avere maggiori dettagli sull’uso dell’IPTV sugli Smart TV, tutto quello che devi fare è installare un’apposita app. Te ne ho parlato nel dettaglio nella mia guida su come installare IPTV su Smart TV.

Accedere ai file in rete

Per accedere ai file in rete, sul tuo computer o sul tuo NAS dovrà essere installato e configurato un server DLNA. Non sai cosa è? Ti consiglio di leggere attentamente il mio articolo su come collegare smartphone alla TV: te l’ho spiegato nel dettaglio. Hai configurato il tuo server? Ottimo. Ora per vedere i file in rete dal tuo TV non dovrai far altro che pigiare diverse volte il tasto Sources del telecomando, fin quando non sarà selezionata l’icona Rete.

Attendi qualche secondo e vedrai comparire l’elenco dei file condivisi sulla tua rete, che potrai riprodurre o visualizzare direttamente dal tuo TV.

Su altri tipi di Smart TV, puoi raggiungere lo stesso risultato accendendo al menu principale del dispositivo (tasto Home) e richiamando il menu relativo ai file multimediali.

Quale Smart TV comprare

Ora che hai capito cosa sono e come funzionano gli Smart TV, è giunto il momento di pensare ad acquistarne uno. Se ti senti ancora indeciso e hai bisogno di un consiglio, puoi dare un’occhiata alla mia guida sui migliori TV da acquistare: qui troverai, oltre che tante altre informazioni che potranno aiutarti nella scelta, anche una selezione di Smart TV di buona qualità.

Trasformare il tuo TV in Smart TV

Mi stai dicendo che non te la senti di spendere tanti soldi per questo acquisto ma vorresti trasformare un televisore “semplice” (che costa di meno e che magari possiedi già) in uno “smart”? Non c’è problema: puoi usare un Chromecast, Apple TV, un adattatore Miracast o addirittura un TV Box. Sono tutti dispositivi che costano sicuramente meno di un nuovo Smart TV!

Non li conosci e non sai quale acquistare? Non c’è problema: segui la mia guida su come trasformare TV in Smart TV e troverai di certo la soluzione più adatta a te, con tanto di guida passo-passo su come installarla e configurarla.

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.