Questo sito contribuisce alla audience di Il Messaggero

Come trasformare TV in Smart TV

di

Perché acquistare un costosissimo Smart TV quando con una spesa nettamente inferiore è possibile portare tutte le principali funzioni Smart, dalla navigazione online alla riproduzione di contenuti in streaming, su qualsiasi televisore dotato di porta HDMI? Se ti stai facendo questa domanda e stai cercando un modo per far diventare Smart il televisore che hai in salotto – un ottimo TV di qualche anno fa, che funziona ancora bene ma non è provvisto di connessione a Internet – sappi che sei capitato nel posto giusto al momento giusto!

Nella guida di oggi scopriremo, insieme, come trasformare TV in Smart TV utilizzando alcuni dispositivi capaci di connettersi a Internet, ricevere flussi audio/video da smartphone, tablet, PC o da servizi online ed eseguire applicazioni. Ce ne sono per tutti i gusti e tutte le esigenze, con prezzi che vanno dai 40 agli oltre 100 euro. Tutto quello che devi fare è prestare attenzione a tutte le soluzioni che ti fornirò nei prossimi capitoli.

Come dici? Non vedi l’ora di cominciare a leggere questa mia guida? Allora cosa stai aspettando? Non perdiamo altro tempo prezioso e iniziamo immediatamente. Quello che devi fare è sederti bello comodo e leggere tutti i consigli che troverai continuando la lettura dei prossimi paragrafi. A me non resta che augurarti una buona lettura e, soprattutto, una buona visione!

Indice

Come trasformare TV in Smart TV

Se ti stai chiedendo come sia possibile trasformare un vecchio apparecchio TV in uno Smart, quello che devi fare è leggere tutte le soluzioni che ti proporrò nei prossimi capitoli. Sono sicuro che troverai il dispositivo che fa più al caso tuo per avere anche tu uno Smart TV in salotto.

Chromecast

Chromecast

Il primo dispositivo che voglio consigliarti è Chromecast: si tratta di un dongle HDMI, cioè una sorta di chiavetta da collegare alla porta HDMI del televisore, che permette di ricevere contenuti in streaming da Internet (es. YouTube, Spotify, Netflix) ed effettuare il mirroring dello schermo da smartphone, tablet e computer.

Offre un rapporto qualità/prezzo praticamente imbattibile e, per tale ragione, rappresenta una delle migliori soluzioni per portare la connessione Internet su televisori non-Smart. Infatti, oltre ad essere economico, risulta facile da usare ed è compatibile con una vastissima gamma di dispositivi. Sono disponibili due modelli di Chromecast.

  • Chromecast che costa 39 euro e permette di visualizzare i video fino a una risoluzione di 1080p.
  • Chromecast Ultra che costa 79 euro, supporta sia la risoluzione 4K che l’HDR e include una porta Ethernet per il collegamento cablato alla rete.

Chromecast si basa sulla tecnologia wireless Google Cast, che è compatibile con tutti i tablet e gli smartphone equipaggiati con Android 4.1 o superiori, con iPhone, iPad e con tutti i computer in grado di eseguire il browser Chrome.

La risoluzione dei video trasmessi tramite questo dispositivo, come già detto, può arrivare fino a 1080p (Full HD) con il modello base del dongle e fino a 4K con il modello Ultra. I lag, cioè i ritardi di trasmissione rispetto alla sorgente, sono minimi.

Per utilizzare Chromecast, basta collegare il dispositivo a una porta HDMI del televisore e alla presa della corrente (o anche solo a una porta USB del televisore se si utilizza il modello base del dongle). Dopodiché bisogna scaricare sul proprio smartphone o sul proprio tablet l’app per configurare il dispositivo, Google Home (Android/iOS/iPadOS), e seguire le indicazioni su schermo.

Dopo che il Chromecast sarà stato configurato, devi soltanto installare sullo smartphone o sul tablet un’app dotata del supporto a Google Cast, avviare la riproduzione del contenuto audio/video da inviare al televisore e pigiare sull’icona della trasmissione.

Sono davvero tantissime le app compatibili con questo sistema: YouTube, Netflix, Infinity, Spotify, Google Music, Plex e tantissime altre app meno “blasonate” che consentono di riprodurre contenuti in streaming o dalla rete locale (es. da NAS o hard disk di rete) sul televisore in maniera davvero semplicissima.

Come ti ho già anticipato, Chromecast può essere utilizzato anche per trasmettere in tempo reale quello che succede sullo schermo del computer, usando la funzionalità di trasmissione nel menu delle impostazioni del browser.

Se vuoi saperne di più su come installare e configurare Chromecast e come utilizzarlo al meglio dai tuoi dispositivi, ti consiglio di leggere il mio tutorial su come funziona Chromecast.

Fire Stick TV

Fire Stick TV

Tra i dongle che puoi impiegare per trasformare il tuo TV in uno Smart TV, posso consigliarti Fire Stick TV. Questo dispositivo di Amazon consente di accedere ai contenuti video on-demand di Prime Video, Netflix, YouTube, Infinity e di poter installare tantissime altre app da riprodurre sullo schermo del televisore, dato che è munito di Android.

Il suo costo non è eccessivo ed è disponibile in due modelli: quello base, che supporta una risoluzioni fino a 1080p, e quello più avanzato che supporta la risoluzione 4K.


Entrambi i dispositivi devono essere collegati alla porta HDMI del televisore e all’alimentazione. Inoltre, sono muniti di un telecomando con Alexa, l’assistente virtuale di Amazon. Se vuoi saperne di più su Fire Stick TV, ti consiglio di leggere questa mia guida dedicata all’argomento.

Adattatori Miracast

Come trasformare TV in Smart TV

Il tuo smartphone o tablet supporta la tecnologia Miracast? Allora puoi acquistare un adattatore, da collegare alla presa HDMI del tuo televisore, e ottenere la possibilità di trasmettere contenuti audio/video al TV (compreso il mirroring dello schermo). Sono generalmente economici, ma bisogna fare attenzione a quelli eccessivamente low-cost, in quanto possono offrire prestazioni scadenti.

Entrando più nello specifico, Miracast è una tecnologia promossa da Wi-Fi Alliance, che consente di trasmettere contenuti audio/video in modalità wireless e di effettuare il mirroring dello schermo di smartphone, tablet e computer usando la tecnologia Wi-Fi Direct (quindi non necessitando di una rete wireless di appoggio per funzionare).

Miracast supporta video con una risoluzione fino a 4K e i lag durante la trasmissione sono generalmente pochi, anche se dipende tutto dalla distanza che intercorre fra il dispositivo sorgente e quello di destinazione.

Il supporto a questa tecnologia dovrebbe essere garantito su tutti i dispositivi Android a partire dalla versione 4.4 o superiore e su molti terminali Windows di produzione recente. Purtroppo, però, bisogna verificare device per device, in quanto non tutti i produttori hanno deciso di adottarla. Sono, invece, esclusi dal supporto Miracast tutti dispositivi Apple che, al suo posto, utilizzano una tecnologia wireless proprietaria, denominata AirPlay.

Gli adattatori Miracast per i televisori possono essere estremamente economici (intorno ai 30 euro) o un po’ più costosi (magari prodotti da brand noti, come Microsoft). Te ne segnalo subito un paio fra i più interessanti, però mi raccomando: prima di acquistarne uno, verifica sempre il suo grado di affidabilità, leggendo i commenti di chi l’ha già acquistato.



TV Box Android

Come trasformare TV in Smart TV

Un’altra soluzione che puoi impiegare è quella che richiede l’utilizzo di TV Box Android. Si tratta di piccolissimi computer equipaggiati con Android, che possono avere la forma di una piccola scatola o addirittura di una chiavetta da collegare direttamente al televisore e si possono comandare tramite telecomando (spesso incluso nella confezione di vendita) o mouse e tastiera.

Ce ne sono anche di molto economici, ma bisogna stare attenti a non acquistare prodotti di qualità scadente. In genere, questi TV Box includono l’app Kodi: un media center estremamente versatile che, grazie ad appositi plugin scaricabili gratuitamente da Internet, consente di guardare film, serie TV, anime, documentari e tantissimi altri contenuti on-demand e sulla rete locale.

I TV Box Android possono includere porte USB, lettori di schede microSD e si possono collegare a Internet sia in Wi-Fi che tramite cavo Ethernet. Possono disporre del supporto a tecnologie wireless quali Bluetooth e DLNA e generalmente supportano sia i contenuti in Full HD che quelli in 4K (con alcune limitazioni legate a determinate tipologie di file).

Di TV Box ce ne sono davvero per tutti gusti e, soprattutto, per le tasche. Quelli più economici possono costare anche meno di 40 euro, ma ovviamente bisogna stare attenti alle “fregature”: molti TV Box economici, infatti, soffrono di problemi legati alla ricezione del Wi-Fi e al surriscaldamento.

Inoltre, la compatibilità con applicazioni come NOW TV, Premium Play e app simili non è sempre garantita al 100%, così come il supporto alla riproduzione in Full HD su Netflix , che per questioni di licenze è disponibile solo su determinati device.

Come facilmente intuibile, più si sale con il prezzo e meno rischi ci sono d’imbattersi in dispositivi di scarsa qualità. Arrivando al top del mercato, si possono acquistare anche dispositivi come l’NVIDIA Shield TV: un mix tra un TV Box Android e una console per videogiochi, che permette di guardare contenuti di qualsiasi genere (anche in 4K) e di giocare con un apposito controller. Qui sotto trovi i link per acquistare alcuni TV Box Android fra i più interessanti, in termini di rapporto qualità-prezzo.


NVIDIA SHIELD TV, Risoluzione HDR 4K, telecomando e controller incluso...
Vedi offerta su Amazon

NOW TV Smart Stick

NOW TV Smart Stick

NOW TV Smart Stick è una chiavetta HDMI realizzata da Roku, grazie alla quale è possibile accedere a tutti i contenuti di NOW TV, il servizio di streaming di Sky, e di Netflix. È estremamente compatta e facile da utilizzare: basta inserirla nella porta HDMI del televisore e alimentarla tramite la presa USB dello stesso TV o l’alimentatore in dotazione.

In pochi istanti, tramite una semplice connessione Wi-Fi, si ha accesso a tutto il catalogo di NOW TV, con film, serie TV e programmi on-demand (anche in qualità Full HD), più i migliori canali di Sky e gli eventi sportivi in diretta streaming.

È indicato soprattutto per chi vuole abbonarsi a Sky senza installare la parabola e senza avere alcun vincolo contrattuale. Inoltre, offre anche accesso a una vasta gamma di applicazioni aggiuntive, come YouTubeVimeo e la già menzionata Netflix, e permette di riprodurre i file multimediali dalla rete locale.

Inoltre, consente di proiettare sul televisore i contenuti selezionati nell’app di NOW TV per smartphone e tablet e di comandarne la riproduzione tramite quest’ultima (oltre che tramite il telecomando in dotazione).

Il costo del dispositivo è di 29 euro e include 3 mesi di visione gratuita del pacchetto Cinema o di quello che comprende Intrattenimento e Serie TV oppure 1 mese di Sport. Se vuoi saperne di più, consulta il mio post su come funziona NOW TV Smart Stick.

NOW TV Smart Stick con il primo mese di Sport incluso | Chiavetta stre...
Vedi offerta su Amazon


TIM Box

TIM Box

TIM Box è un dispositivo di TIM che consente di accedere ai contenuti in streaming on-demand della piattaforma TIMvision. Inoltre, è possibile installare app di terze parti dallo store virtuale, come Netflix o DAZN, e di collegare l’antenna TV per acquisire il segnale del digitale terrestre.

Dato che è munito di sistema operativo Android, tra le sue funzionalità vi è il supporto a Google Cast e all’assistente vocale di Google. Inoltre, la risoluzioni massima supportata è quella 4K.

Puoi ottenere TIM Box a noleggio, includendolo nel tuo abbonamento TIM a soli 3 euro/mese. Ti ho parlato nel dettaglio di questo dispositivo di TIM in questa mia guida dedicata all’argomento oppure consulta il sito Web ufficiale di TIM.

Apple TV

Come trasformare TV in Smart TV

Apple TV è un piccolo media center prodotto da Apple che consente di visualizzare contenuti in streaming da Internet o dalla rete locale. Devi sapere, infatti, che tramite Apple TV puoi riprodurre contenuti da Internet, utilizzando applicazioni come YouTube, Netflix, Prime Video, Apple TV+ e lo store per l’acquisto e noleggio di film gestito da Apple stessa, inviare contenuti in streaming da iPhone, iPad e Mac ed effettuare il mirroring dei medesimi dispositivi.

Sono disponibili due modelli di Apple TV. Il primo è quello di 4a generazione, che dispone di un telecomando touch, ha una dotazione hardware migliore dei precedenti modelli fuori produzione e soprattutto include un App Store dedicato come quello di iPad e iPhone, che permette di scaricare tantissime app e giochi (fra cui quelle per riprodurre contenuti multimediali dalla rete locale, come Plex)

L’altro è Apple TV 4K, che presenta tutte le caratteristiche di Apple TV di 4ª generazione, con l’aggiunta del supporto al 4K e alle tecnologie Dolby Vision e HDR10. Quest’ultimo modello è disponibile nelle varianti da 32 e 64 GB.


Apple TV 4K (32GB)
Vedi offerta su Amazon

Apple TV 4K (64GB)
Vedi offerta su Amazon

Entrambe le generazioni di Apple TV sfruttano la tecnologia AirPlay di Apple che supporta video fino a 4K (in base al modello) e assicura lag minimi. Necessita dell’appoggio di una rete Wi-Fi per funzionare.

Per inviare un video al televisore tramite AirPlay, basta avviarne la riproduzione sul proprio iPhone/iPad (che deve essere connesso alla stessa rete wireless di Apple TV), pigiare sull’icona della trasmissione e selezionare il nome della Apple TV dal menu che compare.

Per effettuare il mirroring, invece, bisogna richiamare il control center di iOS oppure usare l’icona della trasmissione presente nell’area di notifica del Mac. Per l’acquisto del dispositivo e maggiori info sul suo funzionamento consulta il sito Internet di Apple o consulta la mia guida su come funziona Apple TV.

Decoder DTT/SAT Smart

Come trasformare TV in Smart TV

Ormai sono sempre più diffusi i decoder satellitari e i decoder per il digitale terrestre dotati di funzioni Smart. Purtroppo non sono economici, ma in alcuni casi riescono ad offrire un rapporto qualità/prezzo davvero interessante.

Questo tipo di device associa le funzioni tipiche dei decoder DTT/SAT di fascia alta (visualizzazione dei canali in chiaro, supporto alla pay TV, visualizzazione di contenuti in HD ecc.) con il supporto a Internet e ai servizi interattivi di tutti i principali broadcaster italiani: RaiPlay, Mediaset Play, La7 On-Demand ecc.

Quasi tutti i decoder Smart hanno prezzi superiori ai 100 euro, garantiscono il supporto alla connessione Wi-Fi e includono anche delle porte USB per registrare/riprodurre contenuti multimediali. Molti sono anche in grado di riprodurre contenuti audio/video dalla rete locale.

Adesso te ne segnalo alcuni fra i più interessanti ma, per approfondire bene l’argomento e capire come individuare quello più adatto alle tue necessità, dai un’occhiata ai miei post su quale decoder HD comprare, quale decoder satellitare HD comprare e quale decoder DTT acquistare.



Trevi HE 3375 TS Decoder Digitale Terrestre HD DVBT/T2/HEVC 10 Bit, Co...
Vedi offerta su Amazon

Humax Digimax Easy HDR-1000T Ricevitore e Recorder On-demand, Nero
Vedi offerta su Amazon

Lettori Blu-Ray Smart

Come trasformare TV in Smart TV

In commercio ci sono molti lettori Blu-Ray Smart, che sono capaci di connettersi a Internet e riprodurre contenuti in streaming, anche dalla rete locale. I loro prezzi non sono esorbitanti, quindi si possono prendere in considerazione se si ha bisogno di un lettore Blu-Ray/DVD.

Di lettori Blu-Ray ce ne sono un po’ per tutte le tasche: sia Wi-Fi che con supporto solo Ethernet, sia “tradizionali” che con supporto ai Blu-Ray 4K. Se vuoi saperne di più, da’ un’occhiata alla mia guida all’acquisto sui lettori Blu-Ray.

Qui sotto, invece, trovi i link per acquistare alcuni dei lettori Blu-Ray Smart che attualmente offrono il miglior rapporto tra qualità e prezzo.



Sony BDP-S6700 Lettore Blu-Ray Full HD con Upscaling 4K HDR, USB, HDMI...
Vedi offerta su Amazon

Raspberry Pi

Come trasformare TV in Smart TV

In conclusione, voglio segnalarti il Raspberry Pi. Non sai cos’è? Te lo spiego immediatamente: si tratta di un piccolo single-board computer, cioè di un computer i cui componenti sono implementati su una singola scheda elettronica, che offre un alto livello di personalizzazione.

È estremamente economico, la versione base costa meno di 40 euro, e include tutto quello che serve per trasformare un TV in uno Smart TV, oltre che per fare altre milioni di cose interessanti! È munito, infatti, di porte USB ed Ethernet, slot per le MicroSD, processore ARM, una porta HDMI e delle interfacce Wi-Fi e Bluetooth.

Il Raspberry Pi è destinato principalmente agli appassionati di informatica. Devi sapere, infatti, che bisogna avere delle competenze in informatica per configurarlo al meglio come media center, ma sul Web puoi trovare numerose guide, accessibili anche a coloro che non sono grandi esperti della materia.

I suoi maggiori punti di forza sono la personalizzazione e il prezzo: si può espandere e modificare come meglio si crede e viene venduto a prezzi molto abbordabili. È un’alternativa molto “stimolante” ai TV Box di cui abbiamo parlato prima, ma ti consiglio di prenderlo in considerazione solo se ami “smanettare” con i computer.

Ti lascio i link alla versione base del dispositivo e a un kit che comprende tutto quello che serve per farlo funzionare: dissipatore, case, scheda microSD ecc. (che normalmente andrebbero acquistati separatamente).


LABISTS Raspberry Pi 4 Model B 4GB RAM Starter Kit, RPi Barebone con M...
Vedi offerta su Amazon

Salvatore Aranzulla

Autore

Salvatore Aranzulla

Salvatore Aranzulla è il blogger e divulgatore informatico più letto in Italia. Noto per aver scoperto delle vulnerabilità nei siti di Google e Microsoft. Collabora con riviste di informatica e cura la rubrica tecnologica del quotidiano Il Messaggero. È il fondatore di Aranzulla.it, uno dei trenta siti più visitati d'Italia, nel quale risponde con semplicità a migliaia di dubbi di tipo informatico. Ha pubblicato per Mondadori e Mondadori Informatica.